Sukhoi Su-25 Frogfoot


Su-25 Frogfoot

Il prototipo del SU-25 Frogfoot volò per la prima volta il 22 febbraio del 1975, con la sigla di progetto T8-1. Si trattava di un velivolo abbastanza semplice, bimotore, monoposto, ala alta e singola deriva, più simile a un addestratore che a un aereo d'attacco.
Gli analisti del Pentagono inizialmente gli assegnarono la denominazione RAM-J.
Il programma costituiva una risposta all'A-10 Thunderbolt americano, e intendeva ottenere un aereo robusto, in grado di assicurare l'appoggio tattico alle proprie forze terrestri ed il contrasto anticarro, dotato di blindatura e di sistemi ridondanti per resistere al fuoco antiaereo.

Il SU-25 è entrato in servizio con le forze aeree sovietiche nel 1980, quando un gruppo di velivoli di pre-serie fu inviato in Afghanistan per partecipare alle operazioni militari contro la guerriglia, ed è stato sviluppato in varie versioni, monoposto e biposto.
Il Frogfoot – al contrario dell'A-10 – ha conosciuto un discreto successo di esportazione, ed è stato costruito in quasi 1.000 esemplari per una quindicina di nazioni nel mondo.
Buona parte di essi sono ancora in servizio.
La produzione è cessata nei primi anni '90, e nel 1992 fu presentata la versione aggiornata SU-25TM rinominata SU-39, realizzata solo come biposto, che non ebbe seguito.

Il Frogfoot, che i sovietici chiamano “Grach” (una specie di corvo) si è fatto apprezzare per la sua robustezza e la versatilità di impiego.
Le parti vitali dell'aereo sono protette da una corazzatura in titanio che in alcuni punti supera i due centimetri di spessore, il velivolo dispone di numerosi punti d'attacco ai quali possono essere agganciati svariati tipi di armamenti, compresi missili controcarro e bombe a guida laser, che può impiegare autonomamente grazie a una suite avionica che comprende sistema di navigazione e attacco, telecamera e designatore laser.

Il Frogfoot è stato impiegato operativamente sia in Afghanistan negli anni '80 che in Cecenia negli anni '90. Si dimostrò estremamente vulnerabile ai missili antiaerei spalleggiabili tipo Redeye e Stinger, tanto da costringere i progettisti a introdurre una serie di miglioramenti su tutti gli esemplari in servizio e in produzione, compreso l'inserimento di una protezione aggiuntiva ai motori, grazie alla quale la distruzione di uno di essi non comprometteva il funzionamento dell'altro.


vai al forum di aereimilitari.org

Aggiornato al Giugno 2005

By aereimilitariorg

^Top