Jump to content
Sam

Eurofighter Typhoon - discussione ufficiale

Recommended Posts

Prima della firma definitiva del contratto la corte dei conti del Kuwait vuole dei chiarimenti in merito all'accordo per la vedita dei 28 Typhoon da parte di Finmeccanica.

Evidentemente le notizie pubblicizzate nei mesi scorsi riguardavano un pre-accordo di vendita, tutt'altro che definito.

Tireranno sul prezzo del pacchetto costituito da aerei+addestramento piloti+costruzione hangar+supporto logistico?

La storia non è ancora finita, intanto Finmeccanica ha fatto salire un po' il titolo in borsa.

 

http://www.defensenews.com/story/defense/air-space/strike/2016/02/04/united-arab-emirates-eurofighter-kuwait/79815334/

http://www.analisidifesa.it/2016/02/il-kuwait-vuole-chiarimenti-sui-costi-per-acquisire-i-typhoon/

Share this post


Link to post
Share on other sites

In viaggio verso la Nellis AFB ..... con scalo al Portsmouth International Airport di Pease ..... che è anche una base della Air National Guard .....

 

 

 

 

Uno dei KC-767A atterra con qualcosa che penzola .....

 

 

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

è la sonda per il rifornimento quella penzola? Se si incastrava da qualche parte era un disastro...

Share this post


Link to post
Share on other sites

è la sonda per il rifornimento quella penzola? Se si incastrava da qualche parte era un disastro...

 

Non credo...da quel che so, sono costruite in modo da sganciarsi se vengono 'tirate' oltre una certa forza. Nel momento in cui il pilota è consapevole che la sonda non è rientrata ed ha isolato quel tratto del sistema carburante, grossi rischi o problemi non ci sono...almeno penso.

 

Dalla descrizione del video si evince che la pilota aveva notato il mancato rientro e attivato la procedura di emergenza. Ha fatto un passaggio di controllo sull'aeroporto, dopodichè l'hanno autorizzata ad atterrare...se ci fossero stati rischi grossi si sarebbero regolati diversamente...

Edited by ShadowRider

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottima notizia... Speriamo che dopo i primi spiccioli arrivi il contratto!

 

Non ho capito bene una cosa: Se li costruisce Finmeccanica, i proventi rimangono completamente in Italia o vengono comunque redistribuiti tra i paese membri del consorzio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Li assemblano in italia, ma i singoli componenti vengono prodotti nei vari paesi del consorzio.

Quando si è parlato del valore complessivo del contratto si era detto che una grossa percentuale restava in Italia proprio perchè assemblaggio e supporto erano assegnati all'Italia (oltre alla componentistica di sua competenza), ma il resto come normale va agli altri.

Share this post


Link to post
Share on other sites

diciamo che la nazione che promuove il prodotto ha un piccolo bonus

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il bonus in questo caso non sarebbe limitato alla linea di produzione italiana, ma al pacchetto di supporto ventennale (circa 4 miliardi degli 8 totali del contratto).

Ma sembra che BAE si sia messa di mezzo con un’offerta sottocosto non richiesta, che è contraria a quanto stabilito tra le aziende partner del programma su quali sarebbero i Paesi in cui cercare di ottenere cotratti, con buona pace anche di quel parac..o del Primo Ministro Cameron.

 

http://www.defense-aerospace.com/articles-view/feature/5/171662/italy%E2%80%99s-eurofighter-sale-to-kuwait-stumbles-on-logistics-package.html

 

Se fosse vero quanto scritto da De Briganti sopra, (non è che lo sia sempre, ma è evidente che Defense Aerospace è ben introdotto in Finmeccanica) è chiaro che ora siano l'azienda e il governo italiani restii a firmare un contratto monco di una sostanziosa quota che BAE vuole scippare con un'entrata a gamba tesa.

Edited by Scagnetti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il bonus in questo caso non sarebbe limitato alla linea di produzione italiana, ma al pacchetto di supporto ventennale (circa 4 miliardi degli 8 totali del contratto).

Ma sembra che BAE si sia messa di mezzo con un’offerta sottocosto non richiesta, che è contraria a quanto stabilito tra le aziende partner del programma su quali sarebbero i Paesi in cui cercare di ottenere cotratti, con buona pace anche di quel parac..o del Primo Ministro Cameron.

 

http://www.defense-aerospace.com/articles-view/feature/5/171662/italy%E2%80%99s-eurofighter-sale-to-kuwait-stumbles-on-logistics-package.html

 

Se fosse vero quanto scritto da De Briganti sopra, (non è che lo sia sempre, ma è evidente che Defense Aerospace è ben introdotto in Finmeccanica) è chiaro che ora siano l'azienda e il governo italiani restii a firmare un contratto monco di una sostanziosa quota che BAE vuole scippare con un'entrata a gamba tesa.

sembra strano che due partner si facciano dispetti di questo genere. Forse BAE considera il Golfo Persico una sua area di caccia (non ricordo qual era la spartizione delle aree commerciali dei singoli partner di Eurofighter e non so dove andare a cercarle) e ha presentato l'offerta non richiesta dei 20 anni di manutenzione per far figurare male Finmeccanica. Che mancanza di spirito sportivo, potevano fargli una telefonata prima.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Assumendo che sia vera l'offerta di BAE (cosa tutt'altro che certa, specie per me che di De Briganti diffido assai dopo le sue evoluzioni anti F-35, che l'hanno portato a scrivere pirlate troppo spesso), mi meraviglio semmai di come Eurofighter non abbia giocato sulle possibilità di BAE per l'aspetto del supporto logistico.

 

A noi da italiani ovviamente rode se guadagnamo di meno, ma se il supporto lo dava BAE, sfruttando il sistema e l'infrastruttura già attivata in Arabia Saudita, il contratto lo si chiudeva mesi fà. Ci stà che al cliente girino i cinque minuti a pagare di più (e neanche poco) quando sa che i suoi alleati regionali pagheranno meno per lo stesso servizio, magari per l'appunto facendo in cooperativa e sfruttando le strutture saudite (un'idea che circola già da parecchio).

 

A noi piace il meccanismo del mercato "diviso" in "zone d'influenza", ma è, lasciatemelo dire, un'idiozia. In India capitanati dai tedeschi che c'entravano come i cavoli a merenda, e in Kuwait con Finmeccanica pur sapendo che Arabia Saudita, Oman e magari nel prossimo futuro Bahrain si appoggeranno al Regno Unito con cui hanno rapporti ultra-decennali e ricercando sinergie logistiche fra loro, da cui il Kuwait si trova più o meno escluso a causa meramente dei meccanismi interni a Eurofighter.

 

Se la guardo con l'occhio del Kuwait, lo vedo bene perchè esito a firmare...

Edited by Liger30

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho voglia di cercare link comunque la definizione dei possibili mercati di esportazione tra le aziende partner del proigramma mi pare fosse definita.

 

E se il dirigente Finmeccanica interpellato in forma anonima da quel volpone di de Briganti ha affermato che le negoziazioni col Kuwait erano "territorio italiano" non lo smentiamo certo - è stato più volte affermato anche in questa stessa discussione.

 

Anche perché eravamo arrivati quasi all firma definitiva.

 

Firma che secondo me ci sarà in ogni caso.

 

BAE è stata quanto meno intempestiva. A questo punto potrebbe inviare una proposta di supporto non per Eurofighter o Hornet, ma per Super Hornet.

 

Cmq sì la credibilità di NETMA è a questo punto sotto i piedi a quanto possiamo leggere, e forse il consorzio è a un punto morto, senza alcuna ragione di esistere.

 

Ma BAE si assuma le sue responsabilità.

Edited by Scagnetti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che il Kuwait sia zona dove la penetrazione Eurofighter è a guida italiana lo sappiamo, non c'è dubbio su quello.

 

I dubbi sono semmai sui meccanismi scelti all'interno del consorzio. Il più delle volte, e questo caso non fa eccezione, sono meccanismi senza senso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posto qui visto che se n'era parlato nella pagina precedente.

La Turchia si farà dare una mano da BAE per fare il suo caccia e si presume che il motore sarà l'EJ-200...

Certo che se Erdogan continua con le sue derive autoritarie non è che mettersi nelle mani di un'industria occidentale dia solo certezze allo sviluppo, ma d'altra parte Tejas docet.

 

http://www.portaledifesa.it/index~phppag,3_id,1198.html

Share this post


Link to post
Share on other sites

EJ230

La ragion d'essere di questo motore era soprattutto nell'ugello 3D.

Bisogna vedere se è nelle specifiche o se si è magari più interessati a un incremento della spinta/miglioramento del MTBF (EJ2X0).

Tutto può essere, ma al momento è già tanto se sappiamo che l'aereo sarà bimotore e che la classe di spinta richiesta è nell'ordine delle 20000 libbre con AB.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intanto alla Red Flag i nostri Ef2000 debuttano in configurazione Swing role..

http://www.miltechmag.com/2016/03/italian-eurofighter-typhoons-join-red.html

Scusate la mia ignoranza... ma come mai, nelle ultime foto postate su questa pagina che hai linkato, si vede un Typhoon utilizzare il parafreno? Non ricordo di aver visto spesso foto analoghe...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate la mia ignoranza... ma come mai, nelle ultime foto postate su questa pagina che hai linkato, si vede un Typhoon utilizzare il parafreno? Non ricordo di aver visto spesso foto analoghe.

In tutta sincerità..non lo so.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sembra accadere spesso , ma accade .

Su google digita le parole chiave : typhoon drag chute e vai su -> immagini .

 

Sembra che ad usarlo sia soprattutto la RAF .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sembra accadere spesso , ma accade .

Su google digita le parole chiave : typhoon drag chute e vai su -> immagini .

 

Sembra che ad usarlo sia soprattutto la RAF .

Ciao, grazie per la risposta. Si, sapevo che esisteva, ma francamente non l'avevo mai visto usare dai nostri Typhoon. Peraltro, essendo stato personalmente dentro la base di Nellis qualche anno fa, mi sono stupito dell'uso del drag chute in quanto la pista è bella lunghetta... (mi pare oltre i 3km)

Pensavo vi fosse qualche esigenza particolare...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Magari stavano simulando l'impiego da una base aerea più piccola e austera e l'uso del paracadute è per dimostrare che ce la si cava su piste (più) corte, come da requisiti originari di progetto (anche se la distanza d'atterraggio originariamente richiesta, molto ambiziosa, è sempre stata ecceduta). Non vedo altri motivi validi per usarlo, altrimenti.

Edited by Liger30

Share this post


Link to post
Share on other sites

Magari stavano simulando l'impiego da una base aerea più piccola e austera e l'uso del paracadute è per dimostrare che ce la si cava su piste (più) corte, come da requisiti originari di progetto (anche se la distanza d'atterraggio originariamente richiesta, molto ambiziosa, è sempre stata ecceduta). Non vedo altri motivi validi per usarlo, altrimenti.

Grazie mille! ;)

P.S.: ora vi rompo ancora... guardando meglio le ultime due foto ho notato due bombe a guida laser agganciate ai piloni... forse c'entra qualcosa col parafreno?

Edited by BASE#1075

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...