Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
Berkut

AWACS e AEW

Messaggi consigliati

hai presente quel 707 con un radome enorme sopra...

Si. Ma quel'è il suo utilizzo? Cioè a che cosa serve? In ogni caso sono esteticamente belissimi :wub:

dvic207.jpg

 

 

 

CIAO!!! :okok:

Modificato da Berkut

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quando stai seduto sulla spiaggia, e vedi la linea dell'orizzonte, ti accorgi che una nave sparisce dietro quella linea.

 

Questo avviene perchè la terra è rotonda.

 

Le onde radar si comportano come un occhio: non possono vedere sotto la linea dell'orizzonte.

 

Senza tirar fuori calcoli matematici e geografici, occhio e croce possiamo dire che un oggetto che si trovi a una quota di circa 100 metri non può essere visto da un radar (che si trovi a livello del mare) oltre una distanza di circa 40 km.

 

Se l'oggetto è invece a una quota di 300 metri, l'orizzonte radar è di 70 km.

 

Se l'oggetto vola a 1000 metri, l'orizzonte radar è di 130 km.

 

Un buon radar di difesa aerea ha una portata che può superare i 500 km, quelli di allarme lontano possono arrivare anche a migliaia di chilometri, ma sono completamente ciechi nei confronti di un aereo che, sfruttando l'orizzonte radar, si muova a bassissime quote (sotto i mille metri) mantendosi a una certa distanza dalle stazioni radar di avvistamento.

 

L'unica soluzione è quella di sollevare il radar, in maniera tale che possa vedere oltre l'orizzonte.

 

Se solleviamo il radar a 6000 metri di quota, un bersaglio che vola a 100 metri di quota può essere visto da 360 km, anzichè 40 km.

Se il radar è a 9000 metri di quota, lo vediamo da oltre 430 km.

 

Questo significa due cose: innanzitutto il bersaglio non può più sfruttare i buchi creati dall'orizzonte radar.

 

In secondo luogo, anche se non ci sono buchi perchè disponiamo di una rete radar capillare, in ogni caso il tempo di preavviso aumenta.

Un bersaglio che vola a 100 metri a 1000 km/h, avvistato a 40 km di distanza, dà un tempo di preavviso di appena 2 minuti e mezzo.

A oltre 400 km di distanza, il tempo sale a mezz'ora, più che sufficiente per organizzare un'intercettazione.

 

Ecco quindi l'idea di creare degli aerei con un radar di scoperta potente.

 

Questi aerei si chiamano AEW.

 

L'E-3 Sentry AWACS è un aereo AEW, ma la sigla AWACS sottolinea che l'aereo, oltre ad avere un potente radar di avvistamento (funzione AEW) ha anche una serie di strumenti e apparati che gli consentono di assumere il comando e il controllo dello spazio aereo, in maniera tale da poter gestire la difesa aerea, le missioni dei velivoli di attacco, ecc...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
L'E-3 Sentry AWACS è un aereo AEW, ma la sigla AWACS sottolinea che l'aereo, oltre ad avere un potente radar di avvistamento (funzione AEW) ha anche una serie di strumenti e apparati che gli consentono di assumere il comando e il controllo dello spazio aereo, in maniera tale da poter gestire la difesa aerea, le missioni dei velivoli di attacco, ecc...

in poche parole una stazione di comando volante

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

non dv aggiungere nient'altro.. hanno già detto tutto.. si cmq è una radar vaolante...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

gianni, avevi già parlato da qualche parte sull' AWACS russo Mainstay dicendo che però si rilevò un mezzo fallimento

perchè?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'A-50/IL-76 Mainstay soffre di un'avionica che non è assolutamente all'altezza di quella occidentale.

 

Sull'avionica i sovietici (ed i russi) hanno limiti molto seri, e se questi limiti bene o male possono essere più o meno nascosti in un caccia ad alte prestazioni, quando analizziamo un aereo AWACS, in cui l'avionica è tutto, emergono impietosi.

 

Un esempio per tutti: il Mainstay può controllare fino a un massimo di 10 caccia amici in volo.

Al contrario, un E-3 Awacs non ha alcun limite: ne può gestire anche centinaia.

 

Questo fa sì che il Mainstay è poco più di un radar volante, mentre un E-3 è un vero e proprio centro di gestione dello spazio aereo.

 

Un E-3 prende il controllo dell'area di cielo in cui è assegnato, e coordina tutte le attività che vi si svolgono: dall'intercettazione al controllo delle missioni aria-terra.

Non ha bisogno di niente e di nessuno.

 

Il Mainstay, invece, non è autonomo: esso è soltanto un elemento della difesa aerea, solo un radar posto ad alta quota, i cui dati devono necessariamente passare attraverso un centro di comando e controllo posto a terra, ed è quest'ultimo a gestire la battaglia aerea.

 

Questo significa che se il nemico riesce a jammare il collegamento tra aereo e controllo a terra, il Mainstay diventa assolutamente inutile.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

sapete spiegarmi che tipo di cose sarebberò gli AWACS... sono aerei? una mini torre? boh...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sembra che sia in avanzata fase di sviluppo un missile AA a gittata "molto lunga" almeno intorno a 300km, quindi con capacità almeno teoriche di minacciare anche gli aerei AWACS volanti "nelle retrovie" noto sootto varie sigle.

Secondo voi non sarebbe meglio comnciare a pensare di 2fare a meno" degli AWACS ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Sembra che sia in avanzata fase di sviluppo un missile AA a gittata "molto lunga" almeno intorno a 300km, quindi con capacità almeno teoriche di minacciare anche gli aerei AWACS volanti "nelle retrovie" noto sootto varie sigle.

Secondo voi non sarebbe meglio comnciare a pensare di 2fare a meno" degli AWACS ?

 

 

E con cosa suggerisci di sostituirli, coi telepati dei romanzi di fantascienza anni 50?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

secondo me con i microprocessoriesistenti adesso,ed ancora di più conquelli prodotti nel prossimo futuro, sarebbe d'uopo far diventare "mini-AWACS" molti dei singoli aerei impegnati nelle missioni,come già accade-almeno in una certa misura- con il raptor.

In Russia i missili anti-AWACS sembra siano inavanzata fase di progettazione,e secondo alcune fonti potrebbero costituire unaminaccia estremamente seria

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il futuro sarà quello.

Gli Awacs sarànno dei velivoli piuttosto piccoli e senza pilota ( Uav ) dove tutte le operazioni svolte dagli odierni 12 tecnici a bordo dell' E3A verranno fatte a terra.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

curiosità, quando èstato costruito il primo AWACS? presumo che teoricamente l'idea sia stata concepita molto tempo fa,ma che il primo prototipo funzionante risalga agli anni '60-'70

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Gli Awacs sarànno dei velivoli piuttosto piccoli e senza pilota ( Uav ) dove tutte le operazioni svolte dagli odierni 12 tecnici a bordo dell' E3A verranno fatte a terra.

 

é il modus operandi degli aerei radar privi della capacità di comando e controllo il problema è quello che sottolinea gianno065 nel suo post:

Questo significa che se il nemico riesce a jammare il collegamento tra aereo e controllo a terra, il Mainstay diventa assolutamente inutile.

 

tra l' altro un conto è trasmettere le immagini di una telecamera via satellite un altro è trasmettere tutti i dati sul campo di battaglia una moderna guerra aerea sono migliaia e migliaia di terabyte

 

si fa prima a mettere tutto su un aereo ottenendo un comando mobile.

 

un pò di links in merito

http://www.globalsecurity.org/military/sys...3-upgrades2.htm

Modificato da cama81

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Alla domanda di Alpino non saprei rispondere, ma ho ritrovato questo topic per chiedervi se l'italia abbia già deciso di destinare i quattrini all'acquisto futuro di G550 CAEW oppure stanno attendendo per la valutazione di altri velivoli (e l'accumulo di un minimo di fondi).

Mi pare d'aver capito in altre discussioni, che il sogno proibito sia l'AEW con piattaforma costituita dal 737, la soluzione di ripiego sia il G500 Phalcon, una via di mezzo più dignitosa il G550 8che nond ovrebbe essere male).

Ma risparmio per risparmio, non sarebbe maledettamente furbo convincere l'ATR a sviluppare un AEW oltre che il già noto ASW e MP su base -72?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Pur non essendo un esperto come Voi "mostri sacri" del Forum , il motivo potrebbe essere da un lato la dimensione ridotta dell'ATR42 che non permetterebbe di imbarcare molti operatori e nemmeno molti strumenti, dall'altro il fatto che un AWACS consuma una quantità di energia elettrica, fra radar, computer, sistemi di raffreddamento dell'elettronica (più un computer è potente, più scalda!) la cui produzione, a bordo di un bimotore leggero come quello, potrebbe essere insostenibile, almeno se la si deve spillare dai due motori.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Però io intendevo l'ATR72 che è un pò più capiente dell'altro e le cui dimensioni si avvicinano molto ai G550 e G500 anche se in fin dei conti resta uno scricciolo in confronto al wedgetail della boeing.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Visto quanto ti costa un awacs riguardo a sistemi ed integrazione mi sembra alquanto stupido andare a risparmiare sulla piattaforma, che è solo una minima frazione del costo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lo spazio non è un grandissimo problema.

Oggi con la miniaturizzazione dei sistemi eletronici, è possibile ridurre di molto gli ingombri.

Lo dimostrano le versioni da sorveglianza marittima del consorzio atr, in cui hanno installato ottimi sistemi in uno spazio relativamente limitato.

Per un Awacs, penso sia la stessa cosa.

Già con la sostituzione dei monitor a tubo catodico con quelli Lcd avvenuta alcuni anni fa sugli E3 della Nato, si è arrivati a risparmiare dello spazio e del peso importante.

E' un semplice esempio, ma può farci capire la dimensione del problema.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi una curiosità, visto che un AWACS è un radar molto potente che vede a molti km di distanza (detto molto terra terra)

 

Un AWACS può individuare un aereo Stealth ?

Modificato da Damy

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi una curiosità, visto che un AWACS è un radar molto potente che vede a molti km di distanza (detto molto terra terra)

 

Un AWACS può individuare un aereo Stealth ?

 

Un velivolo stealth è stealth a 400 km come a 40 km. Il radar in volo si troverebbe con lo stesso problema del radar a terra. Certo controlleresti un'area di volo maggiore (discorso spiegato nei precedenti post) potendo attendere che lo stealth, magari per solo per qualche istante, si riveli (apertura dei portelli stiva, virata stretta....ecc.).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

×