Jump to content

Gianni065

Collaboratori
  • Content Count

    5,265
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    20

Gianni065 last won the day on December 7 2020

Gianni065 had the most liked content!

Community Reputation

55 Buona

About Gianni065

  • Rank
    TOP GUN

Contact Methods

  • Sito Web
    http://www.crono911.org

Profile Information

  • Sesso
    Maschio

Recent Profile Visitors

2,624 profile views
  1. Non è esattamente così. Quel conteggio delle basi, piuttosto diffuso in Internet, comprende installazioni dove non c'è nemmeno l'ombra di un militare americano (il fatto che una base italiana sia inserita nel dispositivo NATO non ne fa automaticamente una base americana), spacci, mense, alloggi e altre strutture logistiche che sono semplici dipendenze delle infrastrutture in cui sono inserite. Le basi vere e proprie in Italia sono meno delle dita di una sola mano. Basti pensare che dei settemila militari americani presenti in Italia, oltre 6500 sono dislocati in due soli basi. Il resto sono
  2. Infatti, è meglio essere cauti quando si parla di attacchi aerei contro una formazione navale. Se si tratta di attacchi isolati e scoordinati, un gruppo navale protetto dagli Harrier può respingerli. Se l'attacco è portato da un numero considerevole di aerei, le cose possono prendere una piega diversa. Per garantire una protezione aerea 24/h è necessario organizzare le missioni di difesa aerea secondo schemi che tengano conto della necessità di assicurare la manutenzione dei velivoli, e considerato che i velivoli disponibili non sono poi tanti, è ragionevole ipotizzare che solo due caccia pe
  3. Io credo che le esperienze personali vadano bene per esprimere un'opinione o per raccontare una circostanza, ma non è corretto richiamarle per imporre le proprie convinzioni in una discussione. A parte il fatto che sulle armi leggere anche i più grossi esperti mondiali hanno opinioni diverse tra loro, è sempre buona regola argomentare il proprio punto di vista e far riferimento a dati condivisi o sufficientemente attendibili (il che pone fuori gioco Wikipedia e soprattutto quella italiana). Confesso di non aver capito molto bene quale sia la ragione per cui questa discussione sta stonand
  4. Hai provato a vedere qui? http://www.classicaircraft.co.uk/lockheed_f104_starfighter.htm Ne vendono anche di interi per qualche migliaio di sterline, forse risparmi qualcosa e in ogni caso c'è abbondanza di parti di rispetto originali. In bocca al lupo.
  5. Uppo questa discussione perché in un altro topic chiuso di recente (sui velivoli supersonici dell'AMI) ho letto che qualcuno ha menzionato la circostanza che il RE 2005, in picchiata, avrebbe raggiunto valori velocistici prossimi al Mach. Come è spiegato nelle fonti riportate all'inizio di questo topic, si tratta di una leggenda lontana dal vero, che ha le sue origini nella scarsa affidabilità della strumentazione dell'epoca. Peraltro, anche gli analoghi racconti che vedono per protagonisti altri aerei ad elica, come il P-38, sono inattendibili. Nonostante vari piloti si siano vantati di
  6. L'Italia non è certo paese che abbia velleità di spedizioni punitive in altre nazioni, ed è ben difficile che una singola vicenda giudiziaria possa compromettere i rapporti commerciali con il Brasile (e questo varrebbe per qualsiasi paese che si trovasse al posto dell'Italia). Ci sarebbero poi alcune riflessioni da fare. L'estradizione, in mancanza di precisi impegni reciproci, non è un diritto garantito e bisogna mettere in conto la possibilità che venga negata. Del resto, se Battisti ha deciso di riparare in Brasile lo ha fatto, probabilmente, perché sapeva che di lì sarebbe stato ben d
  7. Stemperiamo i toni. E' abbastanza frequente pensare che all'estero siano più seri e diligenti di noi per cui non è il caso di lasciarsi prendere dal fervor patrio per questo genere di affermazioni. In realtà ogni nazione ha i suoi lati positivi e negativi e le sue contraddizioni, però è vero che altrove ci tengono molto a nascondere i propri difetti e non li mettono in piazza come facciamo noi. Tra l'altro, è vero che lo stereotipo vuole che l'italiano sia superficiale e opportunista, ma è anche vero che questo principio - se fosse valido - varrebbe solo quando a farne le spese sono gli altr
  8. Potenzialmente un sistema antiaereo a cambiamento d'ambiente può complicare tantissimo la vita ai velivoli ASW, che hanno sempre goduto - come qualcuno ha giustamente fatto notare - di una comoda invulnerabilità rispetto alla preda. La gran parte degli elicotteri e aerei ASW ha caratteristiche e modalità operative molto "rilassate" che ne fanno un bersaglio relativamente facile per un missile che sbuchi all'improvviso dalla superficie del mare. Se questi missili dovessero trovare maggiore diffusione, quasi certamente bisognerebbe tenerne conto sia a livello progettuale che di pianificazione o
  9. Gianni065

    Auguri!

    Auguri a tutti, sia per un Natale spensierato che per un 2011 ricco di momenti felici.
  10. Beh, scartando l'opzione cinese (la Cina è ancora molto indietro nel campo degli SLBM e non aveva capacità in questo settore a tutto il periodo della Guerra Fredda) non è che ci siano molti ragionamenti da fare. Solo gli USA possono lanciare un attacco massiccio di SLBM contro la Russia, e viceversa (anche se la flotta SSBN russa è al momento in condizioni lontane dai fasti del passato). Nessun senso avrebbe lanciare un attacco limitato (la ritorsione sarebbe comunque totale, tanto vale sparare subito tutto ciò di cui si dispone) e di sicuro Francia o Inghilterra non attaccherebbero mai pe
  11. Io penso che non si può far nulla per costringere un popolo ad avere un sistema di stato e di governo diverso da quello più congeniale alla propria cultura e visione sociale. Certo, quando un regime è inviso alla popolazione ma quest'ultima non ha la forza di rovesciarlo, una spallata dall'esterno può servire allo scopo e risolvere la situazione. In Iraq e in Afghanistan abbiamo dato questa spallata. Adesso spetta a quelle genti trovare una via per costruire una società civile, ma se continueranno a preferire un governo teocratico basato sugli insegnamenti del Corano, sarà ben difficile e
  12. Stai scherzando, spero. Ancorché facciano tanta vetrina, le forze armate dell'Arabia Saudita sono pur sempre un'entità che conta sì e no 250.000 uomini di cui meno della metà effettivamente impiegabili in operazioni terrestri. L'utilizzo di mercenari è molto elevato. Buona parte delle unità terrestri hanno l'organico ridotto a meno della metà rispetto a quello previsto. Le forze saudite non avrebbero mai potuto invadere l'Iraq e non impensieriscono certo l'Iran, nemmeno con queste nuove "iniezioni" di materiali. Quando l'Iraq invase il Kuwait, i sauditi tremarono al pensiero che al prossim
  13. Gianni065

    Type 99

    Il carro è entrato in servizio una decina di anni fa ed è un mezzo che si inserisce in una linea evolutiva costante, quindi è interessato da frequenti miglioramenti e modifiche. Immagino parliamo della versione più recente. Sulla carta potrebbe anche essere eletto il miglior carro del mondo, viste le prestazioni e le caratteristiche. Bisogna poi vedere quali promesse sono effettivamente mantenute e in che modo. Il motore è un 1500 HP derivato da propulsori tedeschi, e dovrebbe essere affidabile (il condizionale è d'obbligo perché spesso le realizzazioni cinesi non sono allo stesso livel
  14. Per trovare rapidamente la risposta a questo tipo di domande, Google può essere di grande utilità. In particolare ci fornisce i link alla pagina della Wikipedia inglese e al sito del produttore, che ci danno le risposte che cerchiamo (evitate la Wikipedia italiana, molto inaffidabile nella gran parte dei casi): http://en.wikipedia.org/wiki/Boeing_F/A-18E/F_Super_Hornet http://www.boeing.com/defense-space/military/fa18ef/index.htm Questo lo dico non per pedanteria, ma perché un appassionato di aviazione (o comunque di cose militari) grazie al Web ha oggi a disposizione una mole di i
  15. La RAF per una serie di ragioni che non è il caso di ripercorrere qui, all'epoca della progettazione del Tornado riteneva che la guerra aerea si vincesse distruggendo l'aviazione nemica sulle proprie basi, un concetto sicuramente valido a patto di avere sufficienti risorse per metterlo in pratica e purché non sia il nemico a sferrare il primo colpo... Il risultato di questa dottrina fu che la RAF non sviluppo' più dei caccia / intercettori degni di questo nome e fu costretta a comprare i Phantom americani per mantenere in piedi una linea di difesa aerea credibile, tenuto conto che l'URSS e i
×
×
  • Create New...