Vai al contenuto

Gianni065

Collaboratori
  • Numero messaggi

    5.265
  • Registrato

  • Ultima Visita

  • Vittorie

    19

Gianni065 ha vinto l'ultimo giorno in 27 Dicembre 2015

Gianni065 ha il contenuto che piace di più!

Reputazione

53 Buona

Che riguarda Gianni065

  • Rango
    TOP GUN

Contact Methods

  • Sito Web
    http://www.crono911.org

Profile Information

  • Sesso
    Maschio

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

1.635 lo hanno visualizzato
  1. Gianni065

    SERVE DAVVERO IL NUCLEARE IN ITALIA?

    Non è esattamente così. Quel conteggio delle basi, piuttosto diffuso in Internet, comprende installazioni dove non c'è nemmeno l'ombra di un militare americano (il fatto che una base italiana sia inserita nel dispositivo NATO non ne fa automaticamente una base americana), spacci, mense, alloggi e altre strutture logistiche che sono semplici dipendenze delle infrastrutture in cui sono inserite. Le basi vere e proprie in Italia sono meno delle dita di una sola mano. Basti pensare che dei settemila militari americani presenti in Italia, oltre 6500 sono dislocati in due soli basi. Il resto sono alloggi, spacci, uffici di collegamento ecc... Per saperne di più: http://www.defense.gov/pubs/pdfs/2009Baseline.pdf E ovviamente non si sono "basi segrete". Oggi è praticamente impossibile mantenere segreta una qualsiasi base (almeno nei paesi occidentali democratici). Quanto alle bombe nucleari, non esistono dati ufficiali relativi all'esatto numero delle eventuali bombe nucleari americane dislocate in Europa, nè sulla loro effettiva posizione, giacché è una precisa scelta americana (che va avanti da decenni) di non confermare nè smentire mai la presenza o l'assenza di armi nucleari. Ciò fa parte di una logica di deterrenza ma anche di sana precauzione. I numeri che girano in Internet sono stime, spesso proposte da enti e organizzazioni pacifiste. Essenzialmente esse si basano sul numero di "santabarbara" progettate o comunque idonee a custodire armi nucleari (tipicamente le bombe B61). Gli studi più apprezzabili sono quelli che prendono in considerazione i siti più moderni ed effettivamente vigilati e calcolano che una media del 10% di essi siano effettivamente occupati da una testata nucleare. Ciò porterebbe a una stima di 100-200 testate in TUTTA EUROPA. Qui una recente stima della FAS: http://www.fas.org/blog/ssp/2011/01/natonukes.php Si tratta, in ogni caso, di stime non ufficiali. Teoricamente potrebbe darsi il caso che le bombe siano molto meno di quanto stimato e che nessuna di esse sia realmente operativa (nel senso che le bombe sono incomplete, in quanto i dispositivi di attivazione / innesco sono assenti). Quindi è più corretto dire che gli USA mantengono in Europa alcune decine di siti attrezzati per la custodia di bombe B61, un certo numero delle quali è probabilmente effettivamente stoccato in qualcuno dei predetti siti, in condizioni operative non conosciute. Qualsiasi altra affermazione non è fondata su dati verificati o verificabili. Faccio questa precisazione solo per rispetto dei fatti. ====== Per quanto riguarda le armi nucleari, ormai questo tipo di ordigni non ha più alcun senso pratico. I media si infiammano per qualche decina di vittime collaterali, figuriamoci se è immaginabile l'utilizzo di un'arma atomica in un qualsiasi contesto che sia diverso dalla ritorsione a un attacco nucleare militare (evenienza di fatto seppellita dalla storia). Inghilterra e Francia se ne dotarono in un contesto di guerra fredda, per l'esigenza di avere un deterrente autonomo impiegabile a prescindere dalla volontà americana di impiegare le proprie armi atomiche per respingere un attacco dell'URSS. Ma quei tempi sono passati e il mantenimento di un arsenale nucleare (peraltro sempre più scarno) da parte di quei due paesi ne è solo un retaggio. Non c'è quindi alcuna ragione per immaginare o auspicare che l'Italia acquisisca una capacità nucleare militare autonoma. ====== Energia nucleare. Gli incidenti capitano, la Legge di Murphy è implacabile e anche se capitano a centrali vecchie e/o in presenza di eventi di portata straordinaria, l'impatto che essi hanno sull'opinione pubblica è devastante. Credo che il capitolo dell'energia nucleare in Italia possa considerarsi chiuso definitivamente. Il Governo ha cambiato idea non per ragioni tecniche, ma per l'evidente orientamento della gran parte della popolazione. Per i prossimi 15-20 anni sarà ben difficile riportare il nucleare in agenda, e per quel tempo avremo già fatto altre scelte (auspico) o avremo già pagato il prezzo dell'inerzia. ;-)
  2. Gianni065

    F-35 Lightning II - Discussione Ufficiale

    Infatti, è meglio essere cauti quando si parla di attacchi aerei contro una formazione navale. Se si tratta di attacchi isolati e scoordinati, un gruppo navale protetto dagli Harrier può respingerli. Se l'attacco è portato da un numero considerevole di aerei, le cose possono prendere una piega diversa. Per garantire una protezione aerea 24/h è necessario organizzare le missioni di difesa aerea secondo schemi che tengano conto della necessità di assicurare la manutenzione dei velivoli, e considerato che i velivoli disponibili non sono poi tanti, è ragionevole ipotizzare che solo due caccia per turno possano essere in volo, più uno o due caccia pronti al decollo. Gli inglesi alle Falkland se la videro piuttosto brutta, con i loro Harrier contro i Mirage e gli Skyhawk argentini, alcune navi andarono perdute e altre si salvarono miracolosamente, nonostante il fatto che i velivoli argentini dovettero operare al limite della loro autonomia e i loro comandi scelsero una strategia penosa (gli attacchi erano effettuati da pochi velivoli e non erano coordinati). In questo caso gioca a nostro favore il pessimo livello di operatività dei mezzi aerei libici (gran parte di essi sono inefficienti e i piloti spesso sono mercenari di dubbia preparazione) e quindi la minaccia non è particolarmente grave, tuttavia non c'è da dormire troppo tranquilli. Se si dovesse arrivare a un intervento militare sarebbe meglio pianificare un attacco preventivo o comunque operare nell'ambito di una no-fly zone imposta dai caccia delle portaerei americane.
  3. Gianni065

    Fucili d'assalto

    Io credo che le esperienze personali vadano bene per esprimere un'opinione o per raccontare una circostanza, ma non è corretto richiamarle per imporre le proprie convinzioni in una discussione. A parte il fatto che sulle armi leggere anche i più grossi esperti mondiali hanno opinioni diverse tra loro, è sempre buona regola argomentare il proprio punto di vista e far riferimento a dati condivisi o sufficientemente attendibili (il che pone fuori gioco Wikipedia e soprattutto quella italiana). Confesso di non aver capito molto bene quale sia la ragione per cui questa discussione sta stonando, ma voglio ben sperare di non dover assistere a un litigio sull'utilità del bipede... sarebbe davvero il colmo. Ovviamente il bipede è utile nel tiro di precisione. Nel tiro a raffica è utile solo se l'arma è abbastanza pesante da non "scalciare" o se lo stesso bipede è abbastanza pesante da tenere l'arma sufficientemente allineata mentre spara. Dato che nei fucili d'assalto il peso è un fattore essenziale, possiamo concludere che non è opportuno montare un bipede se lo scopo è quello di utilizzarlo per sparare a raffica. Se invece lo scopo è quello di consentire un tiro più stabile e preciso sulle distanze medie, un bipede leggero ci può anche stare ma un soldato addestrato non ha difficoltà a trovare una buona posizione con appoggio anche se non dispone di un bipede. Si ci si riflette un attimo, si arriva alla conclusione che il bipede è veramente utile nelle armi destinate a sparare raffiche prolungate o a sparare con precisione sulle lunghe distanze: e quindi mitragliatrici e fucili da sniper. Nei fucili d'assalto non offre vantaggi significativi e questa è la ragione per cui in genere ne sono sprovvisti (ma un bipede amovibile si può montare praticamente ovunque, se uno proprio ci tiene). Certo che se devi stare per ore in una buca con il fucile puntato verso un varco da controllare, un bipede è comodo, ok... ma anche con un sacchetto di sabbia si risolve. Quanto all'AK.47, si tratta di un'arma concepita per la produzione su larga scala e a basso costo, con un meccanismo di funzionamento che non richiede particolare cura negli accoppiamenti e nelle tolleranze. Ne beneficiano anche la manutenzione e l'affidabilità, al prezzo di una precisione certamente non esaltante. La cartuccia poco potente (per via del bossolo più corto rispetto al 7.62 NATO) si traduce anche in una buona controllabilità nel tiro a raffica. Queste caratteristiche si apprezzano sempre, sono senza tempo, e questo spiega la longevità dell'arma.
  4. Gianni065

    Che fine fanno gli aerei dismessi?

    Hai provato a vedere qui? http://www.classicaircraft.co.uk/lockheed_f104_starfighter.htm Ne vendono anche di interi per qualche migliaio di sterline, forse risparmi qualcosa e in ogni caso c'è abbondanza di parti di rispetto originali. In bocca al lupo.
  5. Gianni065

    RE 2005 - Sagittario

    Uppo questa discussione perché in un altro topic chiuso di recente (sui velivoli supersonici dell'AMI) ho letto che qualcuno ha menzionato la circostanza che il RE 2005, in picchiata, avrebbe raggiunto valori velocistici prossimi al Mach. Come è spiegato nelle fonti riportate all'inizio di questo topic, si tratta di una leggenda lontana dal vero, che ha le sue origini nella scarsa affidabilità della strumentazione dell'epoca. Peraltro, anche gli analoghi racconti che vedono per protagonisti altri aerei ad elica, come il P-38, sono inattendibili. Nonostante vari piloti si siano vantati di aver raggiunto e persino superato il Mach lanciandosi in picchiata con i P-38 e i P-47, la Lockheed ha chiaramente puntualizzato che la massima velocità teoricamente raggiungibile da un P-38 era di "appena" 845 km/h, oltre la quale il velivolo si sarebbe inevitabilmente disintegrato. Una cronistoria interessante di questi tentativi e dei presunti successi è riportata a questo link.
  6. Gianni065

    Caso Battisti

    L'Italia non è certo paese che abbia velleità di spedizioni punitive in altre nazioni, ed è ben difficile che una singola vicenda giudiziaria possa compromettere i rapporti commerciali con il Brasile (e questo varrebbe per qualsiasi paese che si trovasse al posto dell'Italia). Ci sarebbero poi alcune riflessioni da fare. L'estradizione, in mancanza di precisi impegni reciproci, non è un diritto garantito e bisogna mettere in conto la possibilità che venga negata. Del resto, se Battisti ha deciso di riparare in Brasile lo ha fatto, probabilmente, perché sapeva che di lì sarebbe stato ben difficile essere estradato in Italia. Ma avrebbe anche potuto optare per altri paesi dove la giustizia italiana non avrebbe avuto nemmeno la più flebile speranza di arrivare. Tra l'altro la Francia ha ospitato per decenni in condizione di sostanziale impunità un bel po' dei nostri terroristi, e non ricordo che la cosa abbia creato tensioni e ritorsioni nè a livello politico nè commerciale. Ma soprattutto, non so fino a che punto l'Italia possa fare la voce grossa. L'Italia ha ospitato e ospita parecchia gente cui ha concesso asilo politico, e spesso si tratta di criminali e/o comunque persone che nei loro paesi sono considerate criminali. Abu Omar era fuggito dall'Egitto per non affrontare le sue responsabilità in quanto membro di un'organizzazione terroristica che si era macchiata di gravi fatti di sangue e ha trovato piena ospitalità in Italia, prima che la CIA se lo venisse a prendere. E come non ricordare quelle sentenze di qualche anno fa quando qualche giudice italiano ha sentenziato che reclutare "combattenti" da spedire in Afghanistan e in Iraq (contro le nostre truppe) era lecito? E ancora, dimentichiamo il caso dei sequestratori dell'Achille Lauro e del loro capo, intercettati dagli americani e liberati dagli italiani? E che dire di quei casi in cui abbiamo fatto il diavolo a quattro affinchè cittadini italiani resisi responsabili di gravi crimini all'estero, fossero trasferiti in Italia per scontare qui la pena, e poi li abbiamo accolti con mazzi di fiori e rimessi in libertà? (mi riferisco al caso Silvia Baraldini). Quindi va benissimo auspicare che Battisti sconti la pena cui è stato condannato, per quanto mi riguarda lo lascerei marcire in prigione a vita, ma non meravigliamoci più di tanto dello scherzetto giocato dal Brasile, visto che noi ne abbiamo fatti di peggiori. ;-)
  7. Gianni065

    SERVE DAVVERO IL NUCLEARE IN ITALIA?

    Stemperiamo i toni. E' abbastanza frequente pensare che all'estero siano più seri e diligenti di noi per cui non è il caso di lasciarsi prendere dal fervor patrio per questo genere di affermazioni. In realtà ogni nazione ha i suoi lati positivi e negativi e le sue contraddizioni, però è vero che altrove ci tengono molto a nascondere i propri difetti e non li mettono in piazza come facciamo noi. Tra l'altro, è vero che lo stereotipo vuole che l'italiano sia superficiale e opportunista, ma è anche vero che questo principio - se fosse valido - varrebbe solo quando a farne le spese sono gli altri. Quando si tratta della propria incolumità (circolazione stradale a parte), gli italiani sono molto diligenti, come testimoniano gli inviabili e invidiati livelli di sicurezza raggiunti in moltissimi settori (l'aviazione civile e militare sono un esempio). Credo proprio che specialisti e dirigenti che lavorino in una centrale nucleare sarebbero molto attenti a far andare ogni cosa per il verso giusto e controllerebbero con estrema attenzione ogni singolo aspetto dell'attività.
  8. Gianni065

    IDAS, ovvero l' antiaereo sottomarino

    Potenzialmente un sistema antiaereo a cambiamento d'ambiente può complicare tantissimo la vita ai velivoli ASW, che hanno sempre goduto - come qualcuno ha giustamente fatto notare - di una comoda invulnerabilità rispetto alla preda. La gran parte degli elicotteri e aerei ASW ha caratteristiche e modalità operative molto "rilassate" che ne fanno un bersaglio relativamente facile per un missile che sbuchi all'improvviso dalla superficie del mare. Se questi missili dovessero trovare maggiore diffusione, quasi certamente bisognerebbe tenerne conto sia a livello progettuale che di pianificazione operativa e ciò comporterebbe notevolissimi costi per gli utenti di velivoli ed elicotteri ASW. Ci vorrebbero macchine più agili e veloci, sensori e armi che consentano di attaccare il sottomarino da distanze di sicurezza (ammesso di conoscerne la posizione), adeguati "gadget" difensivi (contromisure attive e passive). In certi contesti, basterebbe spendere quindi una manciata di soldi per montare qualche missile sui propri sottomarini, per costringere il potenziale avversario a spendere fior di quattrini allo scopo di compensare l'iniziativa. E già questa sarebbe una vittoria, in termini squisitamente economici. Poi ci sono altri fattori da considerare. Ad esempio quello psicologico: a volte un'arma serve a poco dal punto di vista operativo (pensiamo a certi lanciarazzi portatili controcarro, ad esempio, ma anche a qualche sistema spalleggiabile antiaereo) però il sol fatto di averlo aiuta molto il morale dei combattenti, che non si sentono del tutto inermi nei confronti di una determinata minaccia. E ancora, a volte un sottomarino non può immergersi. Può essere che le batterie siano scariche e deve per forza navigare a quota snorkel per ricaricare, oppure si trova in uno specchio d'acqua costiero dove la profondità è abbastanza scarsa, e in quel caso sarebbe estremamente vulnerabile nei confronti di un attacco aereo. Anche nel caso in cui sia stato ormai individuato con certezza e il nemico stia usando ormai i sonar attivi che non gli danno alcuna possibilità di nascondersi, quella di lanciare un missile antiaereo può essere una soluzione per guadagnare tempo e - soprattutto - miglia preziose. Credo che l'importanza di questo tipo di armi dipenda molto da quanto si preveda effettivamente di trovarsi impelagati in battaglie tra sottomarini e mezzi ASW, eventualità che al momento credo sia molto lontana per quasi tutte le nazioni dotate di mezzi subacquei (con pochissime eccezioni).
  9. Gianni065

    Auguri!

    Auguri a tutti, sia per un Natale spensierato che per un 2011 ricco di momenti felici.
  10. Gianni065

    Attacco Nucleare

    Beh, scartando l'opzione cinese (la Cina è ancora molto indietro nel campo degli SLBM e non aveva capacità in questo settore a tutto il periodo della Guerra Fredda) non è che ci siano molti ragionamenti da fare. Solo gli USA possono lanciare un attacco massiccio di SLBM contro la Russia, e viceversa (anche se la flotta SSBN russa è al momento in condizioni lontane dai fasti del passato). Nessun senso avrebbe lanciare un attacco limitato (la ritorsione sarebbe comunque totale, tanto vale sparare subito tutto ciò di cui si dispone) e di sicuro Francia o Inghilterra non attaccherebbero mai per primi (sarebbero annientati) così come non lo farebbe la Cina (le cui capacità nucleari sono assolutamente insufficienti a condurre un first-strike). Pertanto, un lancio di SLBM contro la Russia provocherebbe immediatamente una risposta ritorsiva contro gli USA, e viceversa, senza alcuna necessità di indagare più di tanto sull'identità del boomer. In ogni caso, posizioni e santuari dei boomer sono note ai servizi segreti, con un certa approssimazione ovviamente. L'uscita dai porti, le rotte comunemente seguite, le aree di stazionamento, le impronte sonar... ci sono vari elementi in base ai quali un attaccante potrebbe essere correttamente individuato. Tutto questo ha un valore squisitamente teorico e accademico, naturalmente. Quanto all'allarme nucleare, credo che oggi nessuna nazione abbia un piano di allarme per la popolazione, quelle erano cose tipiche dei periodi più bui della Guerra Fredda, peraltro più indirizzate all'arrivo di bombardieri atomici che non di testate balistiche. Un lancio multiplo ICBM - SLBM, infatti, comporterebbe tempi di preavviso minimi per la popolazione (non scordiamoci che ci vuole del tempo affinché dal momento dell'avvistamento e corretta qualificazione dell'attacco, l'informazione sia passata a chi materialmente dovrebbe garantire la diffusione dell'allarme). In passato esisteva un controllo centralizzato che permetteva di diramare rapidamente messaggi urgenti attraverso la radio e la televisione, oggi non c'è nulla del genere.
  11. Gianni065

    Afghanistan - Topic ufficiale

    Io penso che non si può far nulla per costringere un popolo ad avere un sistema di stato e di governo diverso da quello più congeniale alla propria cultura e visione sociale. Certo, quando un regime è inviso alla popolazione ma quest'ultima non ha la forza di rovesciarlo, una spallata dall'esterno può servire allo scopo e risolvere la situazione. In Iraq e in Afghanistan abbiamo dato questa spallata. Adesso spetta a quelle genti trovare una via per costruire una società civile, ma se continueranno a preferire un governo teocratico basato sugli insegnamenti del Corano, sarà ben difficile evitare che prima o poi i Talebani tornino al potere. Possiamo fornire supporto logistico, addestramento, potremo anche dare appoggio militare quando serve (parlo di paesi occidentali) ma il controllo del paese va lasciato al suo popolo e sarà questo ad autodeterminarsi, per il meglio o per il peggio. Il problema è un altro, ed è quello di evitare che l'Afghanistan torni ad essere un santuario del terrorismo integralista islamico e di tutti i jihadisti in giro per il mondo. E' questo il risultato che si vorrebbe costruire, garantendo la sussistenza di un governo più o meno democratico e civile. Purtroppo in 10 anni di guerra non ci si è riusciti, speriamo che effettivamente per il 2011 l'obiettivo sia raggiunto. Se così non fosse, però, bisogna avere il senso pratico di dire: "ce ne andiamo, ma se qui le cose dovessero tornare come un tempo, ci mettiamo 10 minuti a tornare e a rifare piazza pulita". Una minaccia del genere probabilmente risolverebbe la questione, ma saremmo in grado (politicamente) di metterla in pratica, all'occorrenza?
  12. Gianni065

    USA verso vendita record armi a Arabia Saudita

    Stai scherzando, spero. Ancorché facciano tanta vetrina, le forze armate dell'Arabia Saudita sono pur sempre un'entità che conta sì e no 250.000 uomini di cui meno della metà effettivamente impiegabili in operazioni terrestri. L'utilizzo di mercenari è molto elevato. Buona parte delle unità terrestri hanno l'organico ridotto a meno della metà rispetto a quello previsto. Le forze saudite non avrebbero mai potuto invadere l'Iraq e non impensieriscono certo l'Iran, nemmeno con queste nuove "iniezioni" di materiali. Quando l'Iraq invase il Kuwait, i sauditi tremarono al pensiero che al prossimo turno sarebbe toccato a loro, e chiesero agli USA di sistemare la situazione.
  13. Gianni065

    Type 99

    Il carro è entrato in servizio una decina di anni fa ed è un mezzo che si inserisce in una linea evolutiva costante, quindi è interessato da frequenti miglioramenti e modifiche. Immagino parliamo della versione più recente. Sulla carta potrebbe anche essere eletto il miglior carro del mondo, viste le prestazioni e le caratteristiche. Bisogna poi vedere quali promesse sono effettivamente mantenute e in che modo. Il motore è un 1500 HP derivato da propulsori tedeschi, e dovrebbe essere affidabile (il condizionale è d'obbligo perché spesso le realizzazioni cinesi non sono allo stesso livello qualitativo di quelle da cui sono derivate o copiate) che spinge un carro che non arriva alle 60 tonnellate e ciò garantisce prestazioni davvero notevoli. Ora, un buon carro armato è il risultato di una serie di fattori che lo mette in grado di piazzare un colpo letale su un carro nemico prima che avvenga il contrario. L'affermazione pare banale, ma in concreto significa che l'armamento principale, il sistema di stabilizzazione, il sistema di controllo del tiro, le sospensioni e l'ergonomia sono tutte rotelle dello stesso ingranaggio, per cui se ogni rotella funziona decentemente l'intero ingranaggio funziona bene ed è efficiente ed efficace. Il carro cinese ha tutte le rotelle (ne ha anche più degli altri) specialmente nell'ultima versione con torretta ingrandita (l'ergonomia è sempre stato un grosso problema dei carri orientali, tagliati per carristi dall'altezza media molto inferiore rispetto a quella degli occidentali) ma bisogna vedere se queste rotelle funzionano tutte bene e si integrano bene, e questo purtroppo non è dato saperlo. In passato i carri cinesi non hanno ottenuto molto gradimento da parte dei clienti che li hanno acquistati e hanno manifestato molti problemi, ma l'industria cinese ha fatto passi da gigante negli ultimi dieci anni. Certo è che questi carri costano tra i 2 e i 3 milioni di dollari al pezzo (ai cinesi) e non siamo poi lontani dal prezzo di un Leopard 2 ultima versione, per cui... ;-)
  14. Gianni065

    F/A-18 Hornet/Super Hornet - discussione ufficiale

    Per trovare rapidamente la risposta a questo tipo di domande, Google può essere di grande utilità. In particolare ci fornisce i link alla pagina della Wikipedia inglese e al sito del produttore, che ci danno le risposte che cerchiamo (evitate la Wikipedia italiana, molto inaffidabile nella gran parte dei casi): http://en.wikipedia.org/wiki/Boeing_F/A-18E/F_Super_Hornet http://www.boeing.com/defense-space/military/fa18ef/index.htm Questo lo dico non per pedanteria, ma perché un appassionato di aviazione (o comunque di cose militari) grazie al Web ha oggi a disposizione una mole di informazioni e di dati assolutamente indisponibili fino a una manciata di anni orsono (quando avevo un po' di anni in meno, uniche fonti disponibili erano quelle cartacee, ed erano poche e molto costose) ed è consigliabile che impari a sfruttare le risorse messe a disposizione dal Web. :-)
  15. Gianni065

    Panavia Tornado F 3 ( Adv ) vs Grumman F 14 Tomcat

    La RAF per una serie di ragioni che non è il caso di ripercorrere qui, all'epoca della progettazione del Tornado riteneva che la guerra aerea si vincesse distruggendo l'aviazione nemica sulle proprie basi, un concetto sicuramente valido a patto di avere sufficienti risorse per metterlo in pratica e purché non sia il nemico a sferrare il primo colpo... Il risultato di questa dottrina fu che la RAF non sviluppo' più dei caccia / intercettori degni di questo nome e fu costretta a comprare i Phantom americani per mantenere in piedi una linea di difesa aerea credibile, tenuto conto che l'URSS e il Patto di Varsavia non sembravano esattamente il tipo di avversario che puoi mettere al tappeto con un attacco preventivo alle basi aeree... Il gap tecnologico si ripropose quando arrivò il momento di sostituire i Phantom, anche in considerazione del fatto che i sovietici avevano messo a punto una linea di bombardieri supersonici (e in particolare il Backfire) in grado di colpire le isole britanniche sino a quel momento ritenute fuori portata (tranne che per i plurimotori a turboelica Bear, che non erano però una gran minaccia). Il Tornado ADV rappresentò la soluzione, e si trattò di una soluzione "tagliata" sulle esigenze inglese. L'ADV non doveva decollare su scramble, il concetto era quello di pattugliare costantemente i cieli inglesi in maniera da poter intercettare e abbattere i bombardieri supersonici in avvicinamento. Per questo tipo di missione, la suite elettronica dell'ADV, la sua autonomia e la sua comodità per l'equipaggio nei lunghi voli di pattugliamento erano ideali, e la comunanza di parti con la linea IDS contribuiva a tenere relativamente bassi i costi. L'ADV è stata quindi una soluzione di ripiego, efficace per le esigenze della RAF. Il Tomcat è tutt'altra storia. E' un caccia da superiorità aerea progettato specificamente per quella missione, e pertanto all'epoca era in grado di rivaleggiare nel dogfight puro con qualsiasi altro potenziale avversario. Inoltre era dotato di un sistema d'arma che gli consentiva anche di assolvere alla funzione di proteggere le portaerei nei confronti dei bombardieri sovietici armati di missili a lungo raggio. Quest'ultima missione - e solo questa - è simile a quella assegnata dalla RAF agli ADV, ma i Tomcat erano perfettamente in grado anche di assolvere alla missione di superiorità aerea, per la quale invece gli ADV erano ben poco prestanti. Io non me la sentirei quindi di fare un raffronto tra due macchine così diverse (un bombardiere adattato l'uno, un caccia da superiorità aerea pura l'altro).
×