Jump to content

F-35 Lightning II - Discussione Ufficiale


Recommended Posts

  • Replies 8.5k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Tra le altre cose uno degli step del Block 4 introduce le SDB II battezzate GBU 53/B StormBreaker https://www.janes.com/article/81956/stormbreaker-enters-operational-test-phase Poco interess

Forse può essere interessante soffermarsi su qualche aspetto della struttura dell’F-35 e sulla sua evoluzione a partire dal primo prototipo, per arrivare ai velivoli di serie, che hanno recepito quant

In realtà, anche se a prima vista non sembra, il tettuccio dell’F-35 è in un pezzo singolo... Il montante è un supporto che fa da appoggio all’interno, ma non divide il plexiglass in due, pe

Posted Images

Scusate, ma se compriamo gli f-35 che sono monoposto, e mandiamo in pensione i tornado, e di eurofighter biposto ne compriamo una dozzina e gli amx-t li mandiamo a casa...i navigatori che fine fanno?

Gli AMX T e gli EF-2000 biposto non hanno pilota e navigatore, ma allievo e istruttore...e comunque non sono certo un parcheggio in cui mettere i navigatori del Tornado.

Visti i tempi sicuramente biblici della sostituzione dei Tornado non vedo comunque grossi problemi: non si tratterà certo di mettere a terra di punto in bianco decine di navigatori, ma semplicemente di assegnare ad altro incarico quei pochi che rimarranno dopo aver smesso di formarne di nuovi.

Link to post
Share on other sites

oltre tutto i navigatori sono piloto brevettati pure loro , sarebbero felici di avere un aereo tutto per loro .

 

è lo stesso che hanno pensato i WIZZO dei tomcat ,quando sono saliti sul super hornet .

 

chiaro che gli stati maggiori e ( il ministro delle finanze :asd: ) sarebbero ancora più contenti

Link to post
Share on other sites
oltre tutto i navigatori sono piloto brevettati pure loro , sarebbero felici di avere un aereo tutto per loro .

 

è lo stesso che hanno pensato i WIZZO dei tomcat ,quando sono saliti sul super hornet .

 

chiaro che gli stati maggiori e ( il ministro delle finanze :asd: ) sarebbero ancora più contenti

Se ti riferisci ai navigatori dei Tornado non è così;avendo fatto il concorso(e per inciso da un paio d'anni non ci sono concorsi per navigatori)ti posso dire che i navigatori prendevano il brevetto da navigatore,praticamente inutilizzabile in campo lavorativo,così come il requisito della vista non era i 10/10 del pilota ma gli 8/10,minimo previsto per entrare in accademia.GLi unici navigatori piloti erano quelli iniziali dell'ADV,che erano infatti piloti ex 104 convertiti;in seguito,anche per via di diversi ricorsi,furono introdotti anche sulla linea ADV i navigatori di carriera.La cosa più probabile è che con la radiazione del Tornado vengano assegnati a compiti di comando (come Cocciolone)ma non verranno convertiti a piloti.

Link to post
Share on other sites

beh col F-22 i piloti si addestrano con simulatore e poi volano da soli si farà lo stesso col F-35

 

i biposto come il Tifone non sono di ''moda'' ormai neppure per l' addestramento

Link to post
Share on other sites

Un recente articolo che riassume gli ultimi sviluppi della vicenda e che aggiunge alcune informazioni sulle capacità multimissione fornite dalla piattaforma e dall'avionica e sulle prestazioni del velivolo, con il capo collaudatore Jon Beesley che si sofferma su velocità, accelerazione, manovrabilità e maneggevolezza, anche in confronto al fratello maggiore F-22 da lui stesso provato.

 

http://www.livescience.com/technology/0811...ghter-jets.html

Link to post
Share on other sites
Un recente articolo che riassume gli ultimi sviluppi della vicenda e che aggiunge alcune informazioni sulle capacità multimissione fornite dalla piattaforma e dall'avionica e sulle prestazioni del velivolo, con il capo collaudatore Jon Beesley che si sofferma su velocità, accelerazione, manovrabilità e maneggevolezza, anche in confronto al fratello maggiore F-22 da lui stesso provato.

 

http://www.livescience.com/technology/0811...ghter-jets.html

Davvero interessante :adorazione: .Nonostante ciò ci sarà sempre qualcuno che si ostina a considerarlo una versione odierna dell'A7 con post-bruciatore..

Edited by super64des
Link to post
Share on other sites
While both Wheeler and Sprey are respected academics, other attacks on the Joint Strike Fighter (JSF) program have come from less reputable sources. In the Australian media, the JSF was assailed by allegations that the fighters were "clubbed like baby seals" during a table top war-game held in Hawaii by the U.S. Pacific Command. Later, when the source of the report was revealed to be an erroneous backup slide for a RAND Corporation presentation, RAND not only disavowed the slide in question, but also issued a strong denial that the report was ever designed to be a detailed simulation of the capabilities of any warplane- much less the F-35. However, the damage to the public perception remains.

 

Major General Charles Davis, USAF, the Program Executive Officer of the JSF program, explained that critics of the F-35 simply do not understand the fundamental requirements and technologies behind the aircraft, nor have these critics been briefed about the true capabilities of the new warplane. The F-35 is "not designed for an air-show in Paris," Davis said referring to the thrust vectoring Russian Su-35 aircraft which regularly performs spectacular routines at air-shows around the world. Davis said that while the F-35 was not designed as a pure air superiority machine, the program has a requirement to defeat any threat aircraft today- or any projected threat aircraft in the future

 

davvero significativi questi passaggi dell'articolo...specie quello riferito allo studio RAND

Link to post
Share on other sites

Importanti e positive novità sulla linea produttiva dell'F-35 a Cameri!

 

La costruzione per gli impianti di assemblaggio finale (il cd FACO) a Cameri dovrebbe ricevere il via libera da parte del Governo entro la fine dell'anno.

Se così sarà i lavori di costruzione inizieranno già l'anno prossimo e si darà vita ad un impianto di 60.000 mq dove lavoreranno 500 persone, con lo scopo di assemblare F-35 al ritmo di 2 esemplari per mese. Con ogni probabilità vi verranno assemblati anche gli F-35 olandesi.

 

La maggior parte della fusoliera, sistemi e avionica verrà fornita dalle società partner del programma ad Alenia che si occuperà invece della costruzione delle ali, ma sarà unicamente l'azienda italiana a dirigere l'assemblaggio finale (sotto la supervisione di Lockheed-Martin) e perfino il segretissimo rivestimento radar assarbente verrà applicato da personale italiano (ciò si traduce in un enorme bagaglio di know-how).

 

La produzione è stimata almeno fino al 2022, dopodichè Cameri diventerà il centro per la manutenzione degli F-35 operati da tutte le forze aeree Europee (un gran risultato questo per la nostra industria aeronautica). Cameri sarà anche il centro europeo per le fasi di flight-test e consegna dei velivoli.

 

Il Col Fabio Giunchi (responsabile italiano per il programma JSF) ha fatto sapere che nonostante la scelta di non partecipare alla fesi di test e sviluppo, l'Italia rimane fortemente convinta sull'opportunità di investire nel programma. I fondi per dare seguito alle opzioni dovranno essere liberati entro il 2011, visto che i primi velivoli verranno consegnati nel 2014. Se ormai è certo che la Marina riceverà 22 F-35B, è ancora da stabilire quale sarà il mix di velivoli in configurazione CTOL A ed in configurazione STOVL B che l'AMI sceglierà fra i suoi 109 velivoli opzionati. La produzione italiana verrà comunque predisposta per consegnare prima le versioni B ad entrambe gli operatori (Aeronautica e Marina), solo in un secondo momento l'AMI riceverà gli esemplari standard A.

 

Ecco l'articolo originale

Italy details planned JSF final assembly and check-out facility

 

Italy has released details of its planned final assembly and check-out (FACO) facility for the Lockheed Martin F-35 Joint Strike Fighter, with its government and parliament expected to approve the required investment before year-end.

 

To be built at the Italian air force's Cameri air base and to employ 500 people, the 60,000m² (646,000ft²)FACO will be run by Alenia Aeronautica under Lockheed's control. If approved, work will begin next year, with the site to have fixed assembly stations capable of completing two aircraft a month.

 

Major sections of the F-35's airframe, systems and avionics will arrive at the site from partner companies, with Alenia Aeronautica to produce the aircraft's wings. Italian personnel will apply low radar cross-section coatings at Cameri, which will also host flight-test and delivery activities.

 

Production will run until around 2022, with the Netherlands' F-35s also likely to be assembled in Italy. The FACO is also planned to become a long-term maintenance, repair, overhaul and upgrade facility for European operators of the JSF.

 

Rome remains firmly committed to the JSF programme, despite a recent decision to not participate in its initial operational test and evaluation phase, say officials within the Italian defence ministry and Lockheed. Italy must allocate funds in 2011 to acquire long-lead items for its first F-35s, with a full contract due the following year and deliveries to start in 2014.

 

"Although the Italian navy will receive a maximum of 22 aircraft and the air force has still to define the correct mix between STOVL [short take-off and vertical landing] and CTOL [conventional take-off and landing] within the 109 nominal allocated aircraft, the current per-year production will be adjusted to deliver initially the STOVL version to both services and later CTOL for the air force," says air force Col Fabio Giunchi, Italy's national programme deputy at the JSF Joint Programme Offi

Edited by paperinik
Link to post
Share on other sites

Segnalo l'interessante editoriale di RID di questo mese su questo argomento, Nativi esprime preoccupazioni sul fatto che quanto raggiunto possa essere sciupato all'ultimo a causa dei tagli economici.

Stasera, quando ho il tempo di leggerlo bene, posto un sunto ;)

Link to post
Share on other sites

Avverto che la prossima volta, oltre a prendere provvedimenti nei confronti di chi inizia il flame, lo farò anche nei confronti di chi lo continua ad alimentare, un messaggio da dover levare basta e avanza, 18 son fin troppi, quindi limitatevi ad avvertire i moderatori e STOP.

Edited by Little_Bird
Link to post
Share on other sites

Torniamo in topic...

 

Il primo F-35B è a terra per montare il motore con la nuova turbina che si suppone sia esente dai problemi di vibrazione alla massima potenza con la ventola connessa al motore.

Tornerà in volo a breve, ma le prime prove di decolli e atteraggi STOVL sono posticipate a giugno 2009...

 

http://www.flightglobal.com/articles/2008/...engine-fix.html

Link to post
Share on other sites

Correggetemi se sbaglio ma il motore montato inizialmente sul BF-1 pare abbia dei problemi nella transizione da CTOL a STOVL. Stanno costruendo un nuovo motore che andrà poi montato sul prototipo. Poi bisognerà rifare il grosso delle prove e, finalmente, l'aereo potrà volare in configurazione STOVL.

Da qui il ritardo.

Nulla di grave comunque, è il primo prototipo costruito ed è quasi inevitabile che salti fuori qualche problema.

Link to post
Share on other sites
Correggetemi se sbaglio ma il motore montato inizialmente sul BF-1 pare abbia dei problemi nella transizione da CTOL a STOVL. Stanno costruendo un nuovo motore che andrà poi montato sul prototipo. Poi bisognerà rifare il grosso delle prove e, finalmente, l'aereo potrà volare in configurazione STOVL.

Da qui il ritardo.

Nulla di grave comunque, è il primo prototipo costruito ed è quasi inevitabile che salti fuori qualche problema.

Il problema e' noto da tempo, cioe' dalle prove al banco, quando ci si rese conto che con la ventola collegata e in condizioni limite era possibile indurre delle vibrazioni sulla tubina di bassa pressione (quella che aziona anche il lift fan) tali da portare alla rottura delle palette.

Durante le prove al banco hanno sfasciato un motore in questo modo.

Per questo fin dall'inizio si sapeva che l'F-35B (a parte qualche collaudo a terra e a bassa potenza) non avrebbe fatto prove (di volo) STOVL con il motore inzialmente montato e queste prove si sarebbero dovute fare all'inizio del 2009...

Quello indicato nell'articolo e' quindi un ulteriore ritardo...

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

ho letto con attenzione in questo forum tutti gli interventi e non posso esimermi da intervenire avendo letto alcune considerazioni di tipo tecnico ed altre di tipo economico che non corrispondono alla realtà dei fatti fotografata ai primi di dicembre 2008.

Di fatto si è conclusa a novembre la prima fase di analisi di un gruppo di lavoro Interforze che ha stilato una relazione a tutti i propri Stati Maggiori e i dati che circolano liberamente non essendo classificati..hanno portato ad un generale raffreddamento sulla macchina JSF

cito alcuni brevi riscontri

costo -

le macchine costeranno dai 208 milioni di dollari in giù e questo a prezzi 2008, cosa vuol dire in giù..che più ne compri e più risparmi se l'AM ne comprasse 100 li pagherebbe 105 milioni di dollari (sempre che tutti gli altri confermino gli ordinativi)

ciò crea sconcerto come si può pianificare un acquisto con un prezzo così ballerino e con l'obbligo per tutti i paesi di comprare le quantità stabilite nella fase di industrializzazione ? già qualche paese ha chiesto chiarimenti al riguardo e ciò è l'anticamera del ritiro dal novero degli acquirenti...

prestazioni -

le prime indicazioni danno esiti sconcertanti..la macchina in test è lenta e pesante con un carico alare elevato che pone grosse difficoltà nella manovrabilità, peraltro si spera molto nel nuovo motore F136 ma il suo sviluppo costa molto in termini temporali ed economici e aggiunge costo a costi

utilizzo -

la macchina dovrebbe essere un vero multi ruolo ( caccia, first strike, combat patrol, interdiction strike, appoggio tattico) ma tutte queste specializzazioni da dover espletare hanno portato a compromessi tecnici che fanno si di avere una macchina mediamente buona ma non eccellente...mi diceva un relatore come l'aspirina buona per tutto ma che non è la soluzione ottimale per certi mali

costo aggiuntivi -

la macchina sarebbe venduta no "full optional" e ogni paese dovrebbe accollarsi ulteriori costi di softwerizzazione in relazione all'utilizzo....da stabilire in funzione del numero

tecnologie -

è ufficiale le macchine di esportazione non avranno le tecnologie stealth e di capacità operative delle macchine USA, per non rischiare che alcune segrete manufactorig cadano in mano ostili

conclusioni-

ad oggi si rischia di comprare una macchina dai costi enormi....circa 300 milioni di Euro c/uno che fa la metà del lavoro di un F16 ed 1/4 di quello di un F18, rischiando di pagare noi i costi di sviluppo di un mezzo che è ritagliato per le esigenze di superpotenza degli USA, e che non avrebbe senso utilizzare contro i Taleban...dove bastano gli A10 ( ed avercerli)

gli Australiani si tireranno fuori..perchè dicono che che senso ha pagare un mezzo per quello che non fa o anzi che fa ma quello degli alleati...

sulla capacità bellica poi si parla di sole 2 bombe LGb per lo CTOL e 4 per lo STOL...ma mi pare che ci sono altri aerei che costano meno che hanno capacità superiori....

noi Italiani resteremo alla finestra ma la sensazione generale, e particolare che il JSF sia una colossale operazione commerciale dell'industri aerea statunitense che ha sbandierato per certi alcuni target ( e qui la stampa specializzata ha pubblicato ampi reportage sui pregi di una macchina che nemmeno volava...) insomma il tutto assomiglia ad una operazione tipo - i prodotti tossici finanziari - che hanno fatto fallire tante banche e che sempre da certe menti furono partoriti -

io spero che il Presidente Obama, in costanza di una crisi seria ed importante, prenda delle decisioni fondamentali anche sul JSF in relazione ai soldi da mettere in bilancio

peccato si rischia come per il B-2 (21 aerei costruiti)

L'F22 che vola solo con l'Usaf per non parlare dell'Osprey

io credo che l'industria aeronautica statunitense sia in crisi vera di progetti, e profili di missione, confusa dagli indirizzi che la politica in questi anni non ha saputo dare tra il ruolo di superpotenza e quella di potenza impegnata ad esportare democrazia con conflitti asimmetrici a bassa tecnologia

speriamo che lo Stato Maggiore ben coadiuvato dla Ministeri della Economia ripeta scelte vincenti come lo fu quella del C-130J che se stavamo ad aspettare l'A400 ( altro futuro dinosauro che secondo me mai sarà un successo) dovevamo affittare i MD80/82 della defunta Alitalia

UAVPREDATOR

Link to post
Share on other sites
le prime indicazioni danno esiti sconcertanti..la macchina in test è lenta e pesante con un carico alare elevato che pone grosse difficoltà nella manovrabilità, peraltro si spera molto nel nuovo motore F136 ma il suo sviluppo costa molto in termini temporali ed economici e aggiunge costo a costi

 

E’ meglio che non sperino nel motore alternativo...perchè avrà le stesse identiche prestazioni di quello attuale, visto che ne è prevista la completa intercambiabilità (teoricamente si smonta un motore e si rimonta quell’altro sullo stesso aereo...mah...).

Comunque, l'F-135 è sempre un motore che al banco è arrivato a sfiorare le 20 tonnellate di spinta...

Quanto al discorso lentezza, spero tu ti riferisca all’accelerazione e non ala velocità dimostrata nei test, perchè l’aereo non è mai stato spinto al massimo...Sarebbe come dire che un’auto è lenta, senza esser mai andati oltre la terza...

Ingraniamo la quinta e vediamo...

In ogni caso, è noto fin dalle specifiche che l’aereo andrà a mach 1.6 e questo significa andare più veloci della maggior parte degli aerei attuali in configurazione combat.

 

Inoltre, considerare prestazioni, carichi alari e rapporti spinta/peso sulla macchina di test, conta fino a un certo punto, visto che l’aereo che vola è precedente all’ultima riprogettazione e ha qualche centinaio di chili di apparecchiature di prova.

Il carico alare elevato è un vecchio tedioso argomento e francamente non capico dove sia la difficoltà ad accettare che un conto è fare le divisioni considerando 4-5 tonnellate di carburante, e un conto è farle con 8 tonnellate.

Le stesse 8 tonnellate che trasformano il raggio d’azione dichiarato in qualcosa di più sensato ripetto a quello di qualunque velivolo precedente, che tra piloni, pod, bombe, serbatoi e missili ha un’automia reale che è lontana anni luce da quella teorica.

Due Bombe o 4-6 missili è quello che tipicamente trasporta un cacciabobardiere di questa classe, solo che nessun caccia precedente è in grado di portarlo altrettanto lontano o di farlo senza pesanti penalizzazioni.

 

Che l’aereo non sia il non plus ultra in niente poi lo si sapeva fin dall’inizio; il punto è che nemmeno l’EF-2000 è il non plus ultra in niente...A dirlo sono le specifiche su cui è stato realizzato e...il calendario.

Pensare che basti un meteor e un AESA per trasformarlo in un F-22 è pura utopia, come anche pensare che basti qualche LGB a trasformarlo nel bombardiere del 21 secolo.

In ogni caso si tratta di accontentarsi (come caccia lo si fa ben volentieri, direi...).

Tutto stà a capire se ne vale la pena, da cui le decine di pagine di questa discussione, che non si esauriscono nè con le mie, nè con le tue parole.

 

Discorso diverso sulla versione povera per l’esportazione, per le integrazioni di tutte le capacità, per il costo o per il trattamento da serie B di molti utenti finali (noi inclusi, ma forse ce lo meritiamo visto che manco i soldi per un prototipo cacciamo fuori...).

E’ ovvio che se il velivolo perde parte dell’intrinseco vantaggio di essere di 5°generazione, si ottiene qualcosa che potrebbe non garantire un evidente passo avanti rispetto a velivoli meno rivoluzionari, meno costosi e meno vincolati dalle esigenze stealth.

 

Comunque ci andrei anche cauto con i giudizi italiani:

Storicamente l’aeronautica è sempre stata poco propensa ad accettare le novità, a cominciare dai tettucci aperti nella seconda guerra mondiale, proseguendo con gli AMX per sostituire dei G-91Y e continuando con gli EF-2000 per i quali sembrava fosse un’eresia a fargli fare l’aria suolo.

 

E’ vero che dell'F-35 se ne sono cantate le lodi con troppo anticipo, ma è anche vero che con altrettanto anticipo lo si è denigrato mostrando a volte sconfortante superficialità...

Di mio preferisco basarmi su informazioni certe e finora se ne sono viste ben poche.

 

Quanto all’A-400, mi sono già espresso: l’Italia ha fatto ciò che doveva fare, ma cerchiamo di non confondere la sciagurata gestione di un programma con la qualità di un progetto, perchè altrimenti gli aerei nuovi è meglio smettere di progettarli fin da subito, e andare avanti all’infinito a mettere tacconi a quelli vecchi.

Non sono però gli aerei ad essere sbagliati, ma è il modo di gestire i progetti che stà diventando una tragedia infinita (e in America la cosa sta diventando preoccupante per quantità di soldi buttata nel cesso con programmi che poi vengono cancellati).

Se oggi dovessimo però fare tabula rasa di tutti i progetti che hanno dei problemi, semplicemente l’occidente non avrebbe nulla da proporre per il futuro e questa è una sciagura ben più grande del carico alare dell’F-35...

C’è qualcuno che se ne accorto, o preferiamo infilare la testa sotto la sabbia e continuare per altri 20 anni a fare i conti su quanto costa un A-400 rispetto a un C-130?

Link to post
Share on other sites

rispondo da pilota....della velocità di 1,6 mach (a che quota poi ci si riferisce ? non so che farmene) a me serve un mezzo che abbia prontezza alla manetta per tirarmi fuori dai guai...pure il 339 arriva a velocità supersoniche basta metterlo in picchiata e l'AMX non è da meno quindi non è sulla velocità che si deve ragionare ma sull'agilità la manegevolezza, la spinta a disposizione ed il carico utile

il Tornado a quota di 120 piedi raggiunge a carico operativo gli 1,6 mach ma non ci si può andare per bombardare è buona solo per il profilo di pre target, non esiste arma che può essere lanciata a velocità supersonica, neanche i missili se non li superi appena lanciati e ti ritornano addosso.....quindi certe superlative prestazioni sono inutili

chi è del mestiere se fosse ascoltato dai politici e dagli industriali....si eviterebbero "uccelli senza becco", non denigro il mezzo o il progresso se così lo possiamo considerare, ma buttare i soldi si per far ricchi qualche texano o californiano

la supremazia USA sugli aerei è finita con l'F16 un aereo veramente innovativo e sta continuando con l'F18 clone dell'YF17 scartato al concorso

l'F22 è un rebus e vorrei vederli super sofisticati come sono rischierati che so a Herat..ma quanti ne volerebbero che hanno bisogno di un hangar climatizzato e deumidificato....sul B2 ho già detto e allora perchè volano ancora con il B52, loro te lo posso assicurare invidiano il nostro EFA, e pure il Tornado mentre l a USNAVY aspetta più soldi per l'F18 E o super Hornet malgrado consumi come un 747

comunque che la vena ingegneristica sugli aerei si sia esaurita è possibile pure con la musica per me tutto si è fermato agli anni 70'....oggi solo elettronica, e stealth se te li danno, ma le cellule di oggi mi sembrano tutte ugualilar test è chiaro che un F16 block 50 o un F18 E sono almeno per i prossimi 10 anni aerei superiori al JSF e ci sarebbero molto utili oggi con un risparmio tale che potremmo comprarci pure un Awacs e qualche maritme patrol

sbaglio ?

UAVPREDATOR

Link to post
Share on other sites
rispondo da pilota....della velocità di 1,6 mach (a che quota poi ci si riferisce ? non so che farmene) a me serve un mezzo che abbia prontezza alla manetta per tirarmi fuori dai guai...pure il 339 arriva a velocità supersoniche basta metterlo in picchiata e l'AMX non è da meno quindi non è sulla velocità che si deve ragionare ma sull'agilità la manegevolezza, la spinta a disposizione ed il carico utile

il Tornado a quota di 120 piedi raggiunge a carico operativo gli 1,6 mach ma non ci si può andare per bombardare è buona solo per il profilo di pre target, non esiste arma che può essere lanciata a velocità supersonica, neanche i missili se non li superi appena lanciati e ti ritornano addosso.....quindi certe superlative prestazioni sono inutili

chi è del mestiere se fosse ascoltato dai politici e dagli industriali....si eviterebbero "uccelli senza becco", non denigro il mezzo o il progresso se così lo possiamo considerare, ma buttare i soldi si per far ricchi qualche texano o californiano

la supremazia USA sugli aerei è finita con l'F16 un aereo veramente innovativo e sta continuando con l'F18 clone dell'YF17 scartato al concorso

l'F22 è un rebus e vorrei vederli super sofisticati come sono rischierati che so a Herat..ma quanti ne volerebbero che hanno bisogno di un hangar climatizzato e deumidificato....sul B2 ho già detto e allora perchè volano ancora con il B52, loro te lo posso assicurare invidiano il nostro EFA, e pure il Tornado mentre l a USNAVY aspetta più soldi per l'F18 E o super Hornet malgrado consumi come un 747

comunque che la vena ingegneristica sugli aerei si sia esaurita è possibile pure con la musica per me tutto si è fermato agli anni 70'....oggi solo elettronica, e stealth se te li danno, ma le cellule di oggi mi sembrano tutte ugualilar test è chiaro che un F16 block 50 o un F18 E sono almeno per i prossimi 10 anni aerei superiori al JSF e ci sarebbero molto utili oggi con un risparmio tale che potremmo comprarci pure un Awacs e qualche maritme patrol

sbaglio ?

UAVPREDATOR

Esco da un lunghissimo lurking, dovuto a una continua mancanza di tempo, in cui rientrerò subito dopo le festività per mettere qualche puntino sulle i.

Parlando da uno che "è del mestiere":

  • se il 339 lo provi a portare vicino al transonico potrai vedere la tua ala destra passare alla tua sinistra: non è una bella cosa;
  • il tornado, in bbq e configurazione operativa, può raggiungere i .96;
  • la maggior parte dei sistemi d'arma permette lanci supersonici, anzi: i missili AA -soprattutto i prodotti russi-, lanciati High o Super, allungano la loro tail wez... altro che farsi superare dal lanciatore!;
  • negli States, impegnati nello sviluppo dell'F35, ci sono numerosi militari di Marina e Aeronautica, ingegneri, piloti e specialisti, tecnici e operativi che operano a 360°, dalla suite di GE ai motori;
  • la pianificazione tecnica operativa si fa nell'arco di decenni: non cosa serve oggi ma cosa servirà tra 20 anni.

Tutto questo, come diceva qualcuno, per la precisione.

Link to post
Share on other sites
per me tutto si è fermato agli anni 70'

 

Questa è da incorniciare e fa capire come sono giudizi come questo ad essersi farmati agli anni 70, perchè frutto di una visione figlia del sempre più alto, sempre più veloce e sempre più manovrabile che deve forzatamente avere un inizio e soprattutto una fine. Citi F-16 ed F-18 e non ti accorgi che con questi aerei si è cominciato a cambiare direzione proprio nel campo delle prestazioni...

L'F-35, va anche oltre, perchè punta alle prestazioni reali e non a quelle da scheda tecnica che temo non sai nemmeno leggere (l'esempio del 339 supersonico, del Tornado che carico di bombe arriva a mach 1.6 a 120 piedi dal suolo e dei missili che sono superati dall'aereo ne sono un esempio...).

 

Come ti è stato già fatto già notare questo post è pieno di sconfortanti "imprecisioni" con la C maiuscola, di conseguenza non capisco di cosa vai parlando con tanta sicurezza...

Se non ti rendi conto dei vantaggi di avere un aereo stealth con 8 tonnellate di carburante e oltre 2 di armi all'interno e lo liquidi dicendo, come hai fatto altrove, che un EF-2000 con LGB fa praticamente la stessa cosa e metti il post precedente a corollario del tutto, mi chiedo dove vuoi arrivare e soprattutto se vale la pena seguirti nei tuoi ragionamenti...

Link to post
Share on other sites

il 339 non perde le ali in regime transonico se no quelli di Pratica non ci sarebbero più...

il Tornado è stato sperimentato a 1,6 a bassa quota e dopo una leggera picchiata e non si è disintegrato

negli Usa dovevano andare in molti ma i 12 che ci sono stanno tornando e non per le ferie ma perchè l'uscita dal programma di sviluppo non ci permetterà di mettere bocca, resta un gruppo con funzioni di osservatori 4/6 tecnici ancora da stabilire

è vero che ci sono missili che possono essere lanciati oltre il regime transonico, ma io mi riferivo in genere ad armi aria superfice e pure sul Raptor per il lancio a velocità oltre mach 1 hanno avuto problemi ma è un problema di turbolenza e compressione dell'aria non perchè il missile va più piano...

UAVPREDATOR

Link to post
Share on other sites

La notizia del primo lancio di una SDB da un F-22 supersonico è contenuta qui.

 

Non ho mai sentito parlare di un Tornado a M 1.6 in condizioni operative, è la prima volta. Trattandosi di velocità in un test sperimentale invece, mi fa compiacere ancora di più della macchina.

Link to post
Share on other sites
  • fabio-22raptor featured, unfeatured, pinned, unpinned, featured and unfeatured this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...