Jump to content

F-35 Lightning II - Discussione Ufficiale


Recommended Posts

121 EFA + 109 F-35 (contratto firmato + desiderata AMI) = 230 se la matematica non è una opinione.

Hai ragione, avevo sbagliato a scrivere, 230 aerei ad accumulare polvere e ruggine nei piazzali, non 210. Chiedo scusa.... Magari però una ventina riusciamo anche a farli volare, quindi sono 210 quelli "di cartapesta" (o, usando le parole di Churchill, per "l'insalata mista").

Chissà perchè ma suona terribilmente simile al programma di sviluppo dell'EF-2000 (in cui lo sviluppo a spirale prevede il radar AESA, già pronto come detto prima).

Comunque 4 missili ci starebbero anche, ma 6 non è scontato (e di fatti il CEO della Lockheed parla di "up to six"). Uau, fantastico, riusciamo a tirare giù mezzo Flanker con i due missili BVR (se vuoi ti posto il link a conferma di ciò), e poi ci restano i due missili a corto raggio per farci piccionare in un combattimento within visual range.

Scusa Rick ma qui di cosa stiamo parlando?Mi sembra che sono mesi se non 1 anno e mezzo abbondante che è chiaro che la linea EFA non salirà sopra gli 80- 90 esemplari,anche ottenendo la T3 buona parte finirà o in vendita o in naftalina così come i 131 F35(via mettiamoci pure quelli della MM già che ci siamo) non sono realizzabili.Io non ne ho mai fatto una questione di numeri;ribadisco che 80 EFA ed 80 F35A sono un mix accettabile(diciamo il minimo anche considerato l'attrition rate)che i "B" l'AM se li deve scordare,ma ribadisco che se c'è una componente su cui investire è l'F35 e non l'EFA.

La similitudine con l'EFA non ci sta proprio;quando Eurofighter dice che qualcosa è "già pronto" non è molto affidabile.Un esempio?l'EFA "SAREBBE"dovuto già entrare in servizio con l'HMS ma guarda caso pesa ancora 10Kg e deve essere sottoposto ad una seria cura dimagrante(comportante dindi..)per permettere al pilota di eiettarsi;e stiamo parlando di un HMS non un HMD come quello dell'F35...

Link to post
Share on other sites
  • Replies 8.5k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Tra le altre cose uno degli step del Block 4 introduce le SDB II battezzate GBU 53/B StormBreaker https://www.janes.com/article/81956/stormbreaker-enters-operational-test-phase Poco interess

Forse può essere interessante soffermarsi su qualche aspetto della struttura dell’F-35 e sulla sua evoluzione a partire dal primo prototipo, per arrivare ai velivoli di serie, che hanno recepito quant

In realtà, anche se a prima vista non sembra, il tettuccio dell’F-35 è in un pezzo singolo... Il montante è un supporto che fa da appoggio all’interno, ma non divide il plexiglass in due, pe

Posted Images

Spitfire, la mia era una provocazione, un "se fossimo all'inizio degli anni '90".

 

O meglio, una soluzione sarebbe logica e chiara a mio avviso. Se davvero si volesse costruire qualche cosa di positivo dal modello europeo, sarebbe sufficiente se ognuno ridimensionerebbe il proprio ego ( F D ed UK in primis) e ognuno si concentrasse in un campo specifico. L'Italia sarebbe all'avanguardia nel settore training, UK e Francia negli aerei combat, Germania per il settore trasporto ( magari in Joint doppia) ecc ecc. con partecipazioni e collaborazioni reciproche, ma comunque con Leaderschip definite e consolidate. Ci sarebbe lavoro per tutti, ben ripartito e soprattutto ( forse) ad andatura lineare e costante.

Allora forse si potrebbe riparlarne, ora come ora penso proprio di no.

 

Semplicemente, non è possibile. Le aziende europee non sono abbastanza grosse per gestire con sufficiente economia e contenimento dei costi la realizzazione in solitaria di un aereo da combattimento. C'è riuscita la Dassault, ma sfruttando parte delle esperienze dell'EFA e a costi assurdi, e c'è riuscita la SAAB, ma col grave limite di attingere a piene mani alla componentistica americana e, anche qui, con costi a dir poco pazzeschi (si parla di circa 1000 euro pagati da ciascuno svedese per lo sviluppo del Gripen).

Perchè non sono abbastanza grosse? Semplicemente perchè non lo sono i paesi che hanno dietro e questo, purtroppo, è una cosa che non puoi cambiare fino a che non avremo una vera UE.

 

O consorzio o si rinuncia all'aerospazio in Europa e ci limitiamo a farci propinare gli aerei costruiti da altri e con altri requisiti.

I tempi in cui un singolo paese è in grado di progettarsi per conto suo un aereo sono belli che finiti in Europa.

 

Permettetemi una considerazione: immaginiamo di vivere in una vera UE. In una aeronautica europea composta da Typhoon (caccia - HI), Gripen (c/s - LOW) e Rafale (aereo imbarcato), che spazio avrebbe mai avuto l'F35? E secondo voi con i soldi spesi nel programma F-35, non saremmo riusciti a sviluppare e standardizzare molto di più questi tre aerei (pensate solo al ben più performante EJ-200 sul Gripen), con ritorni industriali e know-how acquisito molto maggiori rispetto alle briciole che raccatteremo dal programma F-35 (dove gli americani i loro segreti se li tengono e se li terranno ben stretti)?

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Flaggy

Eh si, infatti progettare e integrare un lanciatore per missili (a medio raggio e non a corto come hai scritto tu...) in un aereo predisposto è esattamente come sviluppare, testare e integrare un radar AESA in un velivolo che dietro il radome ha un'altra roba...

Chissà, forse gli aerei li progettano i puffi e allora tutto è possibile.

 

Hai ragione, che stupido che sono. Infatti l'EFA con il radar AESA ha già volato. L'F-35 con 6 missili a/a invece dov'è? "Sviluppare, testare, integrare....": già fatto Flaggy.

E i lanciatori invece? Stanno nelle parole del CEO della Loockhed e in qualche foglio di carta sepolto negli uffici americani.

 

eurofighter_caesarradar_2.jpg

 

L'F-35 non usa i piloni esterni perchè sennò viene squalificato...

L'F-35 non ha i piloni esterni perchè non sopravvive senza la stealthness. Oppure forse questo super hulk dei cieli è invincibile anche se dichiara al mondo la propria presenza?

 

------------------------------------------

 

JSF-vs-Su-30MK-2A.jpg

 

In close in air combat terms the JSF qualifies as 'double inferior' against the later model Sukhois, since the Sukhois have an advantage in both thrust/weight ratio and in wing loading (interested visitors refer R.L. Shaw's Fighter Combat), and with its canard and thrust vectoring capability will generally be able to gain a firing solution quicker. Because the JSF is designed within the kinematic performance class of the F/A-18 and F-16, it is right in the middle of the performance envelope of aircraft the Sukhoi was designed to kill.

 

Ecco qua, Flaggy. Versione imbarcata a parte (CV nel grafico), il JSF è comunque inferiore sia nel rapporto spinta/peso che nel carico alare.

 

Su-30MK-BVR-2.jpg

 

Questo invece a proposito del BVR. Notare che sia l'IRST sia il sistema che ti avvisa del radar nemico non, ripeto non, sono correlati con la stealthness (ed era infatti grazie a tali sistemi che il pilota dell'EF-2000 si vantava di aver usato per sopravvivere ad uno scontro con un F-22 in una esercitazione avvenuta nel 2005).

 

Il tutto lo trovate in un lunghissimo articolo QUA, nell'ultimo paragrafo (Su-30 vs RAAF Alternatives)

 

Ah, ecco la conclusione:

 

On publicly available data the JSF is likely to be detected and engaged by an N011M ESA equipped Su-30 inside the 10 to 20 nautical miles head on range envelope, unless the JSF can get the first shot off and successfully kill the Sukhoi. If the Sukhoi can close with the JSF, all bets are off on the JSF's ability to survive the close in engagement.

EDIT prima che mi dici che il JSF porta più carburante, e che quindi dire il 50% del carburante totale non è corretto, ecc. ecc.

SU-30: Fuel Capacity 20,725 lb (9,400 kg) FONTE - FONTE 2

F-35: Fuel capacity 18.500 lb (qua faccio a meno di metterti le fonti, penso siano dati che conosci)

Edited by Rick86
Link to post
Share on other sites
Hai ragione, che stupido che sono. Infatti l'EFA con il radar AESA ha già volato.

Per fortuna che, dopo aver perfettamente compreso il senso delle mie parole, ci sei tu ad informarmi sugli sviluppi tecnici dell'aviazione mondiale... :rolleyes:

 

Il tutto lo trovate in un lunghissimo articolo QUA, nell'ultimo paragrafo (Su-30 vs RAAF Alternatives)

 

Ancora...

Eh si... tutte le volte che guardo il su SU-30 penso che sia un caccia magnifico... con le ventole dei motori che ti fanno ciao ciao dentro alle prese d'aria, i suoi bei pannelli inchiodati mezzi storti ai longheroni, quei fantasmagorici 12 missili aria aria messi a prender aria sotto la pancia, il magnifico rivestimento dei motori, così bello caldo che manco la vernice resiste, ma che vanno benissimo per cucinarci sopra le uova alla coque al rientro dalle missioni.

 

Certo, ha la visibilità elettromagnetica di una betoniera sotto il sole d'agosto, però vuoi mettere quando fa il cobra per evitare gli AIM-120 (che sono missili meno scarsotti di quanto certi vecchi disegni vorrebbero far credere)...

Fortunatamente, per affrontare questo invincibile caccia che da 30 anni minaccia la nostra sopravvivenza, c'è un formidabile velivolo progettato negli anni ottanta, quando notoriamente ancora gli ingegneri sapevano come fare gli aerei...

 

EDIT prima che mi dici che il JSF porta più carburante, e che quindi dire il 50% del carburante totale non è corretto, ecc. ecc.

SU-30: Fuel Capacity 20,725 lb (9,400 kg) FONTE - FONTE 2

F-35: Fuel capacity 18.500 lb (qua faccio a meno di metterti le fonti, penso siano dati che conosci)

 

Il SU-30 è una "libellula" lunga 22 metri e che a vuoto pesa 18 tonnellate: è normale che abbia più carburante, ma nell'F-35 in proporzione ce ne sta di più e questo bisogna considerarlo per interpretare correttamente i grafici da te postati.

 

Nonostante i tuoi reiterati assalti a testa bassa, vedo che non sei capace di sostenere quello in cui credi per partito preso se non ripetendo ciò che leggi in qualche altro forum o su Air Power Australia (che qualcuno qui ha letto e segnalato prima di te, ben consapevole che non fosse la Bibbia...).

 

In questo di forum non fai altro che dire le stesse cose da mesi, usando la frase "l'F-35 è un bombardiere" al posto della punteggiatura e venendo regolarmente smentito ogni volta che provi a motivare con parole tue...

Non parliamo poi del tuo maldestro tentativo di far chiudere questa discussione sull'F-35, ottenendo solo che venisse chiusa quella nella sezione bombardieri...

 

Considerato che la cosa sia eccessiva, ti consiglierei di terminare questa crociata che comincia a diventare un po'noiosa per tutti.

Meglio se riusciamo a parlare seriamente di questo aereo senza andare in loop su argomenti che sanno di déjà vu...

 

EDIT: tolta qualche parola di troppo che avevo scritto...

Edited by Flaggy
Link to post
Share on other sites

Penso che sia il caso di smetterla di andare sul personale, se ci sono dati su cui basarsi è bene parlarne, ma quando si ragiona a partito preso e neanche si considerano le argomentazioni portate dall'altro la discussione non ha senso di esistere.

Link to post
Share on other sites

Secondo me tutto quello che scivete circa l'f-35 in confronto ad altri aerei non ha senso in questo momento visto che stanno volando solo i prototipi e che i dati reali su questo aereo non sono ancoranoti.

Quando voleranno con l'AMI o la MMI allora potremo sapere cosa ne pensano i piloti e come vola. Intanto le analisi fatte al computer da qualche "cervellone" analista per me non valgono un fico secco.

Link to post
Share on other sites
Perchè ad aumentare le ore sei sempre in tempo a costruire velivoli no!

 

Condivido a pieno Dominus quando indica in queste parole la sintesi di tutto il discorso.

 

Giusto per confortare la tesi per cui è meglio che gli aerei ce li prendiamo ora perchè dopo sarà troppo tardi, ecco che mi è balzata all'occhio questa stupenda notizia:

 

Italy to extend Lockheed Martin F-16 lease deal

 

Italy's defence ministry is negotiating an 18-month extension to a lease contract for about half of its F-16ADF fighters, say Lockheed Martin officials.

The Italian air force operates 31 F-16A/Bs from the 34 aircraft delivered under a five-year deal with a five-year option signed in March 2001. The current agreement provides for an expected total of 45,000 flight hours, 33,000 of which have been flown by aircraft assigned to the service's 5th Wing at Cervia and 37th Wing at Trapani-Birgi, Sicily. Three aircraft have been lost in accidents.

 

An 18-month extension to the lease agreement could be signed by January 2009, and would allow the 37th Wing to retain about 15 F-16s until late 2012, maintaining Italy's air defence fleet above the minimum threshold required pending the full availability of its Eurofighters.

 

Per quelli poco confidenti con l'inglese in sintesi si dice che l'Italia sarà costretta a rinegoziare, per almeno 15 esemplari, la scadenza del leasing dei modernissimi F-16 ADF, estendendola di altri 18 mesi (3 anni): ciò vuol dire che FINO AL 2012!!!! Ciò consentirà all'AMI di garantire l'apparato di difesa aerea a prescindere dai ritardi legati all'EF-2000. QUESTI SI' CHE SONO GLI SPRECHI CHE IN FUTURO L'AERONAUTICA DOVRA' ACCURATAMENTE EVITARE, QUESTI SI' CHE SONO I SOLDI DEL CONTRIBUENTE SPUTTANATI....ALTRO CHE LA PARTECIPAZIONE AL PROGRAMMA DEL LIGHTINGII O L'ACQUISTO DI QUALCHE F-35B!!!!!

 

Bene signori, tagliamo pure gli F-35, tagliamo pure gli EF-2000, tagliamo tutto, perchè tanto oggi non abbiamo i fondi per farli volare...ma se in un futuro avremo i fondi per finanziare le ore di vole e non ci saranno gli aerei voglio vedere quale bella italica soluzione troveremo!!! Ah, no giusto ci sono! Prenderemo in leasing qualche F-35 Block 10 dismessi nel deserto da parte dell'USAF.

 

Sempre questo benedetto uovo oggi, anzichè la gallina domani.

Edited by paperinik
Link to post
Share on other sites
Bene signori, tagliamo pure gli F-35, tagliamo pure gli EF-2000, tagliamo tutto, perchè tanto oggi non abbiamo i fondi per farli volare...ma se in un futuro avremo i fondi per finanziare le ore di vole e non ci saranno gli aerei voglio vedere quale bella italica soluzione troveremo!!! Ah, no giusto ci sono! Prenderemo in leasing qualche F-35 Block 10 dismessi nel deserto da parte dell'USAF.

 

Ma mi spieghi dove sono le necessità italiche per avere circa 90-100 Eurofighter e 109+20 F-35 A/B?

Visto che continui a dire che servono tanti aerei almeno prova a giustificarmelo.

Edited by Little_Bird
Link to post
Share on other sites
Condivido a pieno Dominus quando indica in queste parole la sintesi di tutto il discorso.

 

Giusto per confortare la tesi per cui è meglio che gli aerei ce li prendiamo ora perchè dopo sarà troppo tardi, ecco che mi è balzata all'occhio questa stupenda notizia:

 

 

 

Per quelli poco confidenti con l'inglese in sintesi si dice che l'Italia sarà costretta a rinegoziare, per almeno 15 esemplari, la scadenza del leasing dei modernissimi F-16 ADF, estendendola di altri 18 mesi (3 anni): ciò vuol dire che FINO AL 2012!!!! Ciò consentirà all'AMI di garantire l'apparato di difesa aerea a prescindere dai ritardi legati all'EF-2000. QUESTI SI' CHE SONO GLI SPRECHI CHE IN FUTURO L'AERONAUTICA DOVRA' ACCURATAMENTE EVITARE, QUESTI SI' CHE SONO I SOLDI DEL CONTRIBUENTE SPUTTANATI....ALTRO CHE LA PARTECIPAZIONE AL PROGRAMMA DEL LIGHTINGII O L'ACQUISTO DI QUALCHE F-35B!!!!!

 

Bene signori, tagliamo pure gli F-35, tagliamo pure gli EF-2000, tagliamo tutto, perchè tanto oggi non abbiamo i fondi per farli volare...ma se in un futuro avremo i fondi per finanziare le ore di vole e non ci saranno gli aerei voglio vedere quale bella italica soluzione troveremo!!! Ah, no giusto ci sono! Prenderemo in leasing qualche F-35 Block 10 dismessi nel deserto da parte dell'USAF.

 

Sempre questo benedetto uovo oggi, anzichè la gallina domani.

Sono d'accordo in linea di massima con te; a parte "L'ACQUISTO DI QUALCHE F35B" che rientra tra gli sprechi,perchè all'AM di un velivolo STOVL non se ne fa niente se non entrare in competizione con il GRUPAER.Riguardo il prolungamento del leasing non so che dire..certo è un'altra italica soluzione(attenzione però si tratta di un solo gruppo di volo x 3 anni)ma credo che un motivo ci sarà,probabilmente l'ennesimo ritardo della linea EFA o la mancanza di dindi per la formazione del personale.

Link to post
Share on other sites
Ma mi spieghi dove sono le necessità italiche per avere circa 90-100 Eurofighter e 109+20 F-35 A/B?

Visto che continui a dire che servono tanti aerei almeno prova a giustificarmelo.

 

Tagliare intendo dire puntare su una monolinea...come te lo devo dire?! Io non ho mai detto che dobbiamo acquistare 230 aerei....trovami il post in cui lo scrivo e te ne renderò pubblicamente atto. Io sostengo che non possiamo affidare le nostre capacità aeree ad una singola macchina. PUNTO.Ridurre di un 15/20% il numero di esemplari totali sarebbe, in mia opionione, una scelta ottima. Tanto più che poi in missione i nostri politici hanno difficoltà ideologiche a mandare più di 8 aerei per volta (perfino dirante la prima Guerra del Golfo, quando inviammo 8 Tornado IDS a fronte di centinaia di aerei messi a disposizione dagli stati Europei)...

 

Sono d'accordo in linea di massima con te; a parte "L'ACQUISTO DI QUALCHE F35B" che rientra tra gli sprechi,perchè all'AM di un velivolo STOVL non se ne fa niente se non entrare in competizione con il GRUPAER.

 

Ma infatti non troverai nessuna mia frase in cui avallo l'acquisto della versione B per l'AMI....ma certamente reputo meno sperpero di danaro pubblico l'acquisto di 20 macchine B (che sono più costose delle A) che non il leasing di F-16 polverosi assemblati 25/30 anni fa (c'è perfino un block10 fra i Falcon consegnati all'AMI!!!).

 

Anzi, non ho qui problemi a dire che trovo inutile l'acquisto della versione B, che oltre ad essere più costosa costingerà l'AMI a un addestramento ad hoc per il suo personale di volo e di terra.

Edited by paperinik
Link to post
Share on other sites
Per quelli poco confidenti con l'inglese in sintesi si dice che l'Italia sarà costretta a rinegoziare, per almeno 15 esemplari, la scadenza del leasing dei modernissimi F-16 ADF, estendendola di altri 18 mesi (3 anni): ciò vuol dire che FINO AL 2012!!!! Ciò consentirà all'AMI di garantire l'apparato di difesa aerea a prescindere dai ritardi legati all'EF-2000. QUESTI SI' CHE SONO GLI SPRECHI CHE IN FUTURO L'AERONAUTICA DOVRA' ACCURATAMENTE EVITARE, QUESTI SI' CHE SONO I SOLDI DEL CONTRIBUENTE SPUTTANATI....ALTRO CHE LA PARTECIPAZIONE AL PROGRAMMA DEL LIGHTINGII O L'ACQUISTO DI QUALCHE F-35B!!!!!

 

Riguardo questo, andrei cauto a dare la colpa di tutto ciò al Typhoon e i suoi ritardi.

Tra i quattro paesi partecipanti al progetto, l'unico che va avanti con i leasing siamo noi, tutto questo perchè le grandi alte sfere dell'Aeronautica non sono state capaci di farsi approvare negli a fine anni '80 l'acquisto per un bel pò di F-16.

E pensare che quasi ci vantavamo di avere nel 2000 l'F-104 ancora in linea, ridicoli.

 

Tagliare intendo dire puntare su una monolinea...come te lo devo dire?! Io non ho mai detto che dobbiamo acquistare 230 aerei....trovami il post in cui lo scrivo e te ne renderò pubblicamente atto. Io sostengo che non possiamo affidare le nostre capacità aeree ad una singola macchina. PUNTO.Ridurre di un 15/20% il numero di esemplari totali sarebbe, in mia opionione, una scelta ottima. Tanto più che poi in missione i nostri politici hanno difficoltà ideologiche a mandare più di 8 aerei per volta (perfino dirante la prima Guerra del Golfo, quando inviammo 8 Tornado IDS a fronte di centinaia di aerei messi a disposizione dagli stati Europei)...

 

Ripeto, oggi non sono così esaurito di dire "molliamo tutto e usciamo dal programma dell'F-35", alla monolinea ci si doveva pensare negli anni '90, non ora, ma è comunque un ipotesi che rimane, soprattutto se i fondi per la difesa nei prossimi anni invece di salire continueranno a calare.

 

Il mio ragionamento, tra l'altro, è anche abbastanza semplice.

Primo, personalmente (e magari mi sbaglio), ritengo che con circa 160 erei (tra F-35 e Eurofighter) l'Italia possa assolvere a tutti i futuri compiti, tranne la III Guerra Mondiale, ma li ne servirebbero circa il triplo di aerei per avere un minimo di sicurezza.

Ora dando per fisso il valore di 160 aeri totali (o 170, insomma, li intorno) partiamo da quello che già abbiamo:

 

- 75 Eurofighter (che vi piaccia o no) già ordinati e in via di consegna.

 

- tranche3 dell'Eurofighter a cui non si può rinunciare, per i motivi che in queste ultime due pagine avrò detto un pò di volte.

con i fondi che si prevedono di stanziare probabilmente si porterà il totale di Eurofighter ad un numero che oscillerà intorno alle 100 macchine (90, 105, 85, giù di li, dipende da quanto costerà un Eurofighter singolo e questo oggi nessuno lo sa)

 

- rimane da coprire un buco di 60-70 macchine, cioè di F-35, da dividersi tra AMI e MM.

(se poi in futuro [alias 2020+] i bilanci della difesa verranno alzati intorno all'1,5%, allora sarò ben felice di vedere ordini per un numero maggiore di F-35, ma manca ancora troppo tempo]

 

Ecco il mio pensiero restando coi piedi per terra, che tra l'altro avevo già scritto in precedenza, ed è per questo che dico che si deve diminuire i numeri dell'F35 e non dell'Eurofighter, perchè quelli dell'Eurofighter non si possono tagliare, se tagli la tranche3 si pagano le penali, ovvero si spendono un mucchio di quattrini e non si risparmia niente per l'F-35, e staremo sempre da capo a 12.

 

Ricordo che le linee di montaggio dell'F-35 molto probabilmente rimarranno aperte per decenni (sulla falsariga dell'F-16), quindi tra un bel pò di anni, soldi permettendo, non ci sarà nessun problema per rinfoltire le fila dell'Aeronautica.

Edited by Little_Bird
Link to post
Share on other sites
...

Ecco il mio pensiero restando coi piedi per terra, che tra l'altro avevo già scritto in precedenza, ed è per questo che dico che si deve diminuire i numeri dell'F35 e non dell'Eurofighter, perchè quelli dell'Eurofighter non si possono tagliare, se tagli la tranche3 si pagano le penali, ovvero si spendono un mucchio di quattrini e non si risparmia niente per l'F-35, e staremo sempre da capo a 12.

 

Ricordo che le linee di montaggio dell'F-35 molto probabilmente rimarranno aperte per decenni (sulla falsariga dell'F-16), quindi tra un bel pò di anni, soldi permettendo, non ci sarà nessun problema per rinfoltire le fila dell'Aeronautica.

 

Per quel che mi è riuscito a capire di tutto il discorso fino a qui, questa mi sembra una sintesi realistica e di buon senso.

Link to post
Share on other sites

Scusa ma seriamente cosa pensi possa fare l'AMI con massimo 40 F-35 (60-70 - aerei grupaer), dovendo togliere da questi quelli in riserva, quelli per l'addestramento avanzato/conversione operativa?

Manco uno stormo operativo!

A questo punto tanto vale prendere tutti B e dare alla MMI tutte le capacità di strike, lascinado l'AMI ad occuparsi della difesa aerea con mezzi di seconda fascia.

Link to post
Share on other sites
Scusa ma seriamente cosa pensi possa fare l'AMI con massimo 40 F-35 (60-70 - aerei grupaer), dovendo togliere da questi quelli in riserva, quelli per l'addestramento avanzato/conversione operativa?

Manco uno stormo operativo!

A questo punto tanto vale prendere tutti B e dare alla MMI tutte le capacità di strike, lascinado l'AMI ad occuparsi della difesa aerea con mezzi di seconda fascia.

 

E' anche vero che, come ricordava Paperinik più sopra, fino ad ora il dispiegamento di aerei in missioni operative all'estero da parte nostra, fino ad oggi, non ha comportato grandi schieramenti. L'ipotizzata riduzione di numero non consentirebbe l'acquisto (e l'addestramento in tal senso) di EFA con capacità swing-role da affiancare inizialmente agli F-35, lasciando a questi ultimi le missioni nelle zone più protette?

Link to post
Share on other sites

E quà ti volevo :D

 

Se hai 60-70 aerei, soldi per mantenerli tutti in efficienza, soldi per far addestrare tutti i piloti, soldi per rischierarli, puoi facilmente dispiegare all'estero una air task force formata da 15 F-35 (che per l'Italia sono anche un lusso visti i precedenti), o su basi terrestri, o dalla Cavour, più un altro distaccamento di 4-6 F-35 per medio-lunghi periodi, su basi terresti ovviamente.

 

Senza contare le capacità multiruolo dell'Eurofighter in futuro, che in contesti tipo l'A-stan odierno cistarebbero benissimo.

 

Però, ritornando al fatto che tu mi dici che 60-70 velivoli sono pochi e tutto quello che hai detto, per questo io sono un sostenitore della monolinea, perchè più di 160 aerei noi non celi possiamo permettere (almeno con i soliti bilanci italici), e avere 160 aerei di due linee diverse è una pazzia, ma i giochi ormai sono fatti.

 

Quindi se oggi siamo seri, ci teniamo la nostra pazzia (figlia degli errori passati) aspettando tempi migliori e nel caso ordinare altri F-35 (in futuro e bilanci permettendo), se siamo scellerati ne compreremo di più "oggi" con tutte le conseguenze del caso (che avrò ripetuto e dimostrato 50 volte e non sto quì a riscriverle).

Link to post
Share on other sites

Allora tu dici che 160 aerei non ce li possiamo permettere, ma con 100+ EFA non conviene prendere gli F35.

A questo punto mettiamo di ritrovarci con 150 EFA aggiornati: la stessa identica situazione propostasi a fine anni '80 con gli AS e gli ASA, aggiornare un aereo vecchio (25 anni dal primo volo) e trovarci con gravi lacune negli anni successivi.

Mi sembra che l'opportunità che ci si pone davanti sia quella di ovviare agli errori del passato e riproporli ciclicamente, quindi meglio cercare di sbolognarci anche tutti gli EFA per comprare F-35 che puntare su una monolinea che paralizzerebbe le capacità della nostra AMI per i prossimi 40 anni!.

 

Un piccolo appunto su i tuoi calcoli: con 40 velivoli puoi avere tutti i soldi che vuoi, ma una disponibilità continuativa di 15 aerei da mandare in missione non stà nè in cielo nè in terra, visto che quelli sarebbero praticamente tutti gli aerei di prima linea disponibili con quei numeri.

Link to post
Share on other sites
Un piccolo appunto su i tuoi calcoli: con 40 velivoli puoi avere tutti i soldi che vuoi, ma una disponibilità continuativa di 15 aerei da mandare in missione non stà nè in cielo nè in terra, visto che quelli sarebbero praticamente tutti gli aerei di prima linea disponibili con quei numeri.

 

15 aerei su 60/70, non 40.

O dalla portaerei, o da una base terrestre, iniziamo a pensare come "forza globale" e non "ognuno col suo orticello".

 

A questo punto mettiamo di ritrovarci con 150 EFA aggiornati: la stessa identica situazione propostasi a fine anni '80 con gli AS e gli ASA, aggiornare un aereo vecchio (25 anni dal primo volo) e trovarci con gravi lacune negli anni successivi.

 

Vacci piano! Ora paragonare l'Eurofighter all'F-104 è una bestemmia! Anche con le dovute proporzioni temporali!

Per quanto l'Eurofighter non sia stealth, e senza radar Aesa, ricordo che è oggi il secondo aereo più tecnologico e moderno che vola e che sia operativo, con ampi margini di sviluppo, e probabilmente lo sarà per molto tempo.

Forse tra 10 anni non sarà il secondo, ma il terzo, ma ora per farlo passare per un F-104... suvvia non scherziamo!

 

ps. "l'amato" La Russa su La7 ha appena detto che "invece di 10 aerei oggi ce ne possiamo far bastare 5", grazie al cielo.

 

Edit

 

Allora tu dici che 160 aerei non ce li possiamo permettere, ma con 100+ EFA non conviene prendere gli F35.

 

No, non dico questo, ricominciamo.

Dico che più di 160 (numero più, numero meno) aerei oltre a non poterli comprare non li possiamo sostenere, e avendo pochi margini di movimento nel programma Eurofighter e non potendo uscire dal programma di sviluppo F-35, l'unica cosa è tagliare proprio l'F-35, ed acquistarne meno di quanti preventivati.

Edited by Little_Bird
Link to post
Share on other sites

Facciamo un pochetto di storia.

 

F-104: primo volo 7 febbraio 1954

EF-2000:primo volo (DA1): 27 marzo 1994

 

Entrata in servizio: 1958

Entrata in servizio: 2004

 

Ritirato: fine 2004 (alla veneranda età di 50 anni)

 

Non dico altro, mi limito a quotare Lino

Vacci piano! Ora paragonare l'Eurofighter all'F-104 è una bestemmia!

 

60 F-35B tra MMI e AMI (ovvero 4 gruppi) vorrebbe dire avere sempre la disponibilità di proiettare un gruppo di 15 aerei, da base terrestre o da portaerei. Inoltre, per brevi periodi, è possibile dispiegare sia il gruppo imbarcato sia uno dei tre gruppi da base terrestre.

Ciò naturalmente presuppone efficenza ed elevata disponibilità, ma è esattamente questo l'obiettivo a cui puntiamo io e Lino.

 

Naturalmente fino a qua nell'ipotesi di doverci limitare ad inviare assetti al seguito di operazioni internazionali. In caso di operazioni nazionali o a guida nazionale, la scelta cadrebbe ovviamente sull'EF2000 affiancato dagli F-35B della Cavour e, al massimo, da 6 - 8 F-35B basati a terra per operazioni particolari.

 

E non venite a dirmi che gli EFA non vanno bene perchè non sono capaci di decollare da piste non preparate che se no mi metto ad ululare

Edited by Rick86
Link to post
Share on other sites

L' unica cosa che si può paragonare tra lo spillone e il tifone è che uno ha avuto mezzo secolo di "brillante" carriera e l' altro penso che percorrerrà la stessa strada per entrare nel cuore degli appassionati di aviazione! :okok:

Link to post
Share on other sites
  • fabio-22raptor featured, unfeatured, pinned, unpinned, featured and unfeatured this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...