Jump to content
Sign in to follow this  
Andrew

Come evolve la dotazione di velivoli delle portaerei US Navy

Recommended Posts

Ho fatto una rapida ricerca, ma non ho trovato una discussione specifica sull'argomento; se mi è sfuggita, chiedo venia.

 

In realtà la mia discussione verte principalmente sull'F/A-18E Super Hornet, che sostituisce l'F-14 Tomcat. So che l'Hornet non è mai stato particolarmente ben visto sulle portaerei, soprattutto quando ha iniziato a rubare la scena agli F-14, cui gli equipaggi erano davvero affezionati. Una critica comune all'Hornet è che, volendo essere una macchina multiruolo per coprire un po' tutte le esigenze, non eccelle in nessuna. In particolare, le sue performances come sostituto del tomcat (e qui parlo del Super Hornet), probabilmente non sono all'altezza del suo predecessore, anche se sicuramente le migliorie avioniche rispetto al vecchio gattone giocheranno un ruolo determinante.

 

Gradualmente i gruppi di volo di caccia e attacco si stanno quindi orientando su una standardizzazione verso l'Hornet e il Super Hornet, e in futuro sull'F-35C (McNamara, che ai tempi cercò di imporre a tutti il "suo" F-111, sarebbe contento!).

 

Si tratta di un bene o di un male? I vantaggi logistici e di riduzione costi compensano la ridotta specializzazione nei ruoli, in particolare la perdita di alcune caratteristiche di punta come il raggio d'azione nelle missioni d'attacco o le performances nelle missioni di intercettazione? Le portaerei sono altrettanto al sicuro con il Super Hornet quanto lo erano con il Tomcat? Possibile che la UsNavy (al di la della sopracitata questione costi) non sia interessata a dotarsi di un caccia "puro" con caratteristiche di vera 5° generazione che possa competere con l'F-22 dell'USAF? Voi come vedete la situazione?

Share this post


Link to post
Share on other sites

ne abbiamo già parlato sul forum in varie sezioni, ma l'argomento mi tenta troppo per tacere...

 

la marina americana si è data alla politica "econima e standardizzazione sono cose belle e buone" di conseguenza ha mandato a puttane numerosissimi assetti da combattimento che magari oggi sono meno rilevanti non essendoci un nemico degno di questo nome ma che in linea generale sono importantissimi e quindi si, oggi i carrier group sono meno difesi e prestanti (sopratutto nella difesa della flotta e nel combattimento aereo) dei carrier group di epoca reganiana.

la scelta migliore sarebbe stata quella di affiancare lo F-35 ad un caccia degno di questo nome, fosse stato un F-14 modernizzato (opzione economica e dalle buone prospettive) o una caccia di quinta generazione (una sorta di sea raptor per intenderci), e non quella di introdurre un Horent più grosso che andrà pure bene in attacco ma in combattimento aereo non vale quanto un caccia disegnato espressamente per questo e sopratutto non è in grado di competere con la famiglia Flanker e paradossalmente va anche più lento dei bombardieri che dovrebbe abbatere, ossia i Tu-22M :rotfl: .

inoltre si sono persi gli asetti ASW (esclusi gli MH-60 che però sono elicotteri) e quelli di Signit e pattugliamento, nonchè di rifornimento in volo (se si escludono le vergognose soluzioni buddy-buddy) con la quasi radiazione della flotta di S-3 e quella di bombardamento quasi pesante con l'eliminazione degli A-6 (che paradossalmente venivano meglio sostituiti dai Tomcat che dagli Hornet) e per un quadro ancora più roseo come non parlare della mancaza di una componente da ricognizione tattica (i bei tempi dei pod D-TARPS o addirittura dei Vigliante sono orami passati).

l'unica soluzione giusta di questo nefasto periodo, che io paragonerei quasi al periodo pre-forrestal, è stata quella di creare una versione da guerra elettronica del Super Hornet, che ripeto, è un ottimo aereo multiruolo, ma non può sostenere la difesa della flotta da minacce con la emme maiuscola come potrebbe essere una agguerrita cina del domani o un paese dotato di uno squadron di Beakfire o di moderni caccia-bombardieri con missili anti-nave...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non dimentichiamoci però che, per assurdo ma neanche tanto, avere un multiruolo al posto di tanti specializzati procura anche benefici diversi da quelli puramente economici.

facciamo un esempio.

Ai bei tempi andati un cvw, con le dovute variazioni dovute alle effettive esigenze operative del momento, era composto (vado a memoria, scusate se sbaglio qualcosa) da all'incirca:

2 squadrons F-14 (24)

2 squadrons A-7 (24)

1 squadron A-6 (12)

1 squadron EA-6B (6)

1 squadron S-3 (4 o 6, non ricordo)

1 squadron E-2C (2)

1 squadron sea king (4)

 

oggi invece la composizione (sempre con la dovute variabilità operativa) è di all'incirca:

4 squadrons F-18 (48)

1 squadron EA-6B (6) in via di sostituzione con gli E-18G

1 squadron S-3 in via di radiazione

1 squadron E-2C (2)

1 squadron SH-60

 

ora, è chiaro che trovarsi a bordo una sessantina di F-18 nelle varie versioni al posto di una sessantina di aerei assortiti fra F-14, A-7, A-6, EA-6 e S-3 significa anche poter standardizzare molto più le varie parti di ricambio, poter semplificare l'addestramento dei reparti di manutenzione, ma anche quello dei piloti.

Significa inoltre anche che, potenzialmente, avrò sempre a disposizione una cinquantina di caccia al posto dei 24 F-14 dei tempi andati, o, viceversa, avrò a disposizione una cinquantina di aerei d'attacco al posto dei 36 tra A-7 e A-6...

Quali vantaggi questo comporti per l'operatività generale del cvw e di conseguenza del gruppo navale, mi sembra intuitivo...

 

 

è un ottimo aereo multiruolo, ma non può sostenere la difesa della flotta da minacce con la emme maiuscola come potrebbe essere una agguerrita cina del domani o un paese dotato di uno squadron di Beakfire o di moderni caccia-bombardieri con missili anti-nave...

 

Ecco, questo è un altro tipo di argomento.

Ad oggi, tuttavia, con la scomparsa del pericolo sovietico, il problema "attacco aereo" è molto ridimensionato.

E' pure vero che il problema missili antinave, viceversa, si è ampliato con l'aumentata disponibilità di questa tipologia di armamenti anche da parte di stati che una volta non avevano i mezzi e/o le tecnologie, ma qui entriamo nel discorso già affrontato in altri threads...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema è che, con un solo tipo di aereo, rischi una "tragedia operativa" simile a quella capitata all'USAF con gli F15. Pensa un po' se alla Navy gli mettono "a terra" (anche se stanno sull'acqua... :asd:) tutti gli F18!

 

Il problema è parziale, in quanto esistono due versioni dell'aereo, l'Hornet ed il Super Hornet, che poco o niente hanno in comune. Però i Super Hornet sono troppo pochi per sostituire, eventualmente, tutti gli Hornet, mentre questi ultimi (caccia piuttosto amati dai loro piloti ed anche dalla Marina USA grazie alla loro multi-funzionalità) sono un po' troppo limitati in prestazioni e carico bellico per venire incontro a tutte le esigenze della US Navy.

 

Per questo io non sono tanto favorevole alle linee monotipo. Rischiano infatti di non avere un sostituto in caso di emergenza e... di non essere ne carne ne pesce. E visto che la US Navy non è la Marina Italiana o l'Aviazione Olandese (con rispetto parlando), avere due linee di volo (tipica filosofia Hi-Lo mix americana) da combattimento è per lei un obbligo.

 

Poi il discorso di Vorthex sulle capacità AA del CAW non sono sbagliate. Non bisogna credere che le guerre future saranno solo LIC (dove un bombardiere va più che bene). Una guerra convenzionale ad alta intensità può essere sempre dietro l'angolo (Iran, Cina) ed i Super Hornet (6 AIM120 trasportati con un max di 10!!!!), pur agendo di concerto con E2, caccia ed incrociatori AEGIS e quant'altro, potrebbero avere qualche problemino. Contro caccia della classe Su27 (ma anche MiG29) dovrebbero sperare di ammazzarne quanti più possibile in BVR con AIM120 ed SM2 degli AEGIS, per arrivare al dogfight in condizioni di superiorità numerica di almeno 6:1 (meglio 8:1) o rischiano di prendere grosse batoste, anche se sicuramente vincerebbero lo scontro. Dalla loro hanno l'integrazione in una perfetta (o quasi) macchina da guerra (la US Navy, che ultimamente però ha gravi carenze quanto a professionalità), con ottime capacità di data-fusion e consapevolezza della situazione.

 

Quindi, visti i costi di sviluppo del Super Hornet (ed i suoi problemini) sarebbe stato forse più saggio non chiudere la linea di montaggio dell'F14D (che era anche compatibile con gli AIM120) negli anni novanta (dalla quale uscirono 37 velivoli di nuova produzione + 18 upgradati - primo volo nel 1990). Si avrebbe avuto un ottimo caccia (ma anche un ottimo bombardiere) che non risentiva in maniera così evidente dei problemi (costi) di manutenzione dei modelli A e B (e comunque, con la metà dei soldi del programma F18 Super Hornet si sarebbe potuto studiare una configurazione dell'F14D più facilmente manutenibile).

 

Anche il discorso su un ipotetico Sea Raptor (ne parlavo giusto con Vorthex su MSN) non è sbagliato, anche se magari un po' troppo costoso.

 

Comunque resta il fatto che con gli F14D o con i Sea Raptor affiancati dagli Hornet prima e dagli F35 poi, si sarebbero avuti in ogni caso 48 caccia e 48 bombardieri, ma con capacità operative ben superiori (e maggiori opzioni per il CAG) dell'accoppiata Hornet/Super Hornet (macchine che a me piacciono tantissimo).

 

A proposito, sapete quanti F35C dovrebbero essere imbarcati sulle Nimitz? 10! :thumbdown:

FONTE: Tom Clancy - Fortezze Dei Mari (c'è anche un'intervista all'Ammiraglio Mullen, odierno JCS ed allora comandante del George Washington CVBG, crociera operativa del 1998).

 

Fortunatamente la US Navy sembra aver fatto un mezzo passo indietro nella radiazione degli S3 (ma dovrebbe ridurne gli organici da 8 a 4 :thumbdown::thumbdown: ).

 

E' questo il vero problema dei CAW, la linea supporto. Mancano aerocisterne (usano i pochi F18E che sono entrati in servizio come tanker :ph34r: ), dimezzate le piattaforme per il Sea Control (e non servivano solo alla caccia ai sub nemici), eliminate le piattaforme SIGINT... non possono lasciare tutto agli MH60 (poi anche sta moda di dare il mission symbol M ad ogni nuova macchina è tutta rumsfeldiana :thumbdown: ).

 

Dice bene Vorthex quando sottolinea che l'unica cosa buona fatta di recente è il Growler.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Marvin condivido ampiamente....:D

Mi lascia qualche dubbio la tua ipotesi di tenere in servizio il Tomcat. Sinceramente con il programma JSF alle porte e con l'attuale scenario geo-politico tenere ancora in servizio il Tomcat o dotarsi della sua versione più avanzata, la D, sarebbe stato una scelta poco opportuna (chi scrive è un innamorato del Tomcat). Tuttavia il Tomcat era stato concepito per svolgere -meglio di chiunque altro- il compito di intercettore a lungo raggio , tale esigenza è però venuta meno, e per quanto l'accoppiata Tomcat+LANTIRN funzionasse splendidamente non era ragione sufficiente per mantenere imbarcato l'F-14. Le valutazioni economiche hanno fatto il resto...si trattava pur sempre di un aereo con quasi 3 decadi di servizio sulle ali. La dispendiosa manutenzione e i continui programmu di aggiornamenti per tenerlo in servizio non valevano più la candela...

Il Super-Hornet (anche a me piace molto) è un'ottima macchina multiruolo e -come hai sottolineato tu- si integra perfettamente nel complesso offensivo della USN, e -anche se può sembrare un dato secondario- gli permette invece di sopperire a tutte le possibili mancanze che potrebbe evidenziare in specifici ruoli.

 

...però non sempre quanto scritto da Tom Clancy corrisponde a realtà. E' uno scrittore che più di chiunque è all'interno delle vicende militari, ma proprio perchè scrittore si può permettere spesso qualche distonia dalla realtà. A me risulta che gli F-35 piano piano sostituiranno i vecchi F-18C inquadrati negli squadron per l'attacco al suolo: quindi un numero di esemplari che si attesterà a circa 24 (2 squadron). Ovviamente la sostituzione sarà graduale, quindi nella fase iniziale, in cui solo uno squadron dei due previsti avrà ricevuto il LightningII, imbarcati ci saranno verosimilmente 12 F-35....che non si discosta molto dai 10 di Clancy, no?! ;):P

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se la Navy riesce a procurare tutti i 480 F35C pianificati allora dovrebbe riuscire a schierare almeno 2 squadrons da 12 per ognuno dei 12 CAW (288 aerei), più altri 6-8 squadrons (72-96 aerei) operativi, più le riserve. Dubito che possa sostituire tutti gli Hornet e Super Hornet con questi numeri, a meno di una forte contrazione della componente offensiva dei CAW (3 squadrons da 12, per 432 aerei in totale). Cosa che riduce al minimo le riserve e non permette la costituzione di altri reparti operativi.

Edited by Marvin

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando tempo fa lo dissi io che la US Navy non aveva sostituito il Tomcat con un aereo degno di rimpiazzarlo mi ha dato addosso mezzo forum, dicendo che il Super Hornet oggi come oggi andava più che bene, mo ve state a rimagnà tutto! :P:D

 

Scherzi a parte, il Super Hornet credo che oggi vada più che bene, perchè bisogna ricordarsi che se prima la difesa aerea della flotta spettava prima ai Tomcat, poi ai sistemi antiaerei delle navi, oggi è il contrario.

 

E poi il Super Hornet è un grande aereo (almeno per me), un vero multiruolo, ovvero ciò che serve oggi agli Stati Uniti.

 

Il Raptor navalizzato sarebbe stata una follia, la US Navy andava in bancarotta.

 

per quanto riguarda le piattaforme specializzate, sempre sul libro Fortezze dei Mari Clancy accenava a una singola piattaforma polifunzionale che le sostituisse tutte, si sa più niente? E' un programma bello che morto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

la piattaforma multifunzionale è il Super Hornet... difesa aera, superiorità aerea, attacco, rifornimento e guerra elettronica

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quelle su F14D e Sea Raptor sono idee, immpressioni, e tuttavia non si può dire che l'F18 Super Hornet sia un bidone con le ali. Diciamo che alla Navy FORSE poteva andare meglio, ma SICURAMENTE poteva andare molto peggio.

 

Si qualche tempo fa ci doveva essere un Commons Support Aircraft in grado di fare sia da AEW, sia da ASW, sia da tanker, sia da COD, sia da ELINT (sia il caffè :asd:)

 

http://www.aerospaceweb.org/question/planes/csa/csa-lm1.jpg

 

Tuttavia non ne sento parlare da un pezzo. E' probabile che non se ne faccia niente e che i vecchi modelli vengano sostituiti o da loro stessi (E2 Hawkeye) o da un mix di MH60 e MV22 (che interessano anche la Royal Navy, vista la geniale idea strategica di risparmiare sulle catapulte e costruire delle super-carrier STOVL! :thumbdown::thumbdown: ).

 

EDIT

 

Fossi io a decidere, sostituirei i Tanker/COD, gli ASW e gli ELINT con una variante rinnovata del C2 Greyhound (in modo da avere una piattaforma comune con gli E2) da affiancare a MV22 ed MH60.

Edited by Marvin

Share this post


Link to post
Share on other sites
ne abbiamo già parlato sul forum in varie sezioni, ma l'argomento mi tenta troppo per tacere...

 

 

Su pro e contro nella sostituzione dell'F-14 da parte dell'F-18 Se ne è parlato in http://www.aereimilitari.org/forum/index.p...mp;#entry101298

 

Per quanto riguarda COD, tanker e S3 ASW non dovevano essere sostituiti da versioni dell'Osprey? L'ho già chiesto tempo fa ma nessuno mi rispose :rolleyes:

Edited by lender

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fossi io a decidere, sostituirei i Tanker/COD, gli ASW e gli ELINT con una variante rinnovata del C2 Greyhound (in modo da avere una piattaforma comune con gli E2) da affiancare a MV22 ed MH60.

 

Già, penso anch'io sia la scelta migliore ;)

 

la piattaforma multifunzionale è il Super Hornet... difesa aera, superiorità aerea, attacco, rifornimento e guerra elettronica

 

Mi riferivo a quello a cui poi ha accennato Marvin, non al Super Hornet!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se la Navy riesce a procurare tutti i 480 F35C pianificati allora dovrebbe riuscire a schierare almeno 2 squadrons da 12 per ognuno dei 12 CAW (288 aerei), più altri 6-8 squadrons (72-96 aerei) operativi, più le riserve. Dubito che possa sostituire tutti gli Hornet e Super Hornet con questi numeri, a meno di una forte contrazione della componente offensiva dei CAW (3 squadrons da 12, per 432 aerei in totale). Cosa che riduce al minimo le riserve e non permette la costituzione di altri reparti operativi.

 

Perchè dovrebbe sostituire il Super-Hornet? Quello che intendevo dire nel post precedente è che gli F-35 sostituiranno gli F-18C Hornet. Al limite solo le ultime consegne del LightningII eventualmente rimpiazzeranno gli F-18E/F più datati, quelli entrati in servizio nel 1998. L'F-35C rimpiazzerà ovviamente pure gli Hornet imbarcati dei Marines, ricordo infatti che dei 4 squadron d'attacco imbarcati 3 sono della USN e 1 del USMC. Per cui le capacità offensive del CVW rimarranno invariate, anzi verranno potenziate.

 

Quindi l'ipotetico Carrier Air Wing del futuro (una decina d'anni) dovrebbe essere così composto:

-2 Squadron di F/A-18E/F Superhornet - 24 unità (compiti di intercezione AA, difesa aerea e rifornimento buddy-to-buddy)

-2 Squadron (1 del USMC) di F-35C LightningII - 24 unità (per compiti di attacco al suolo e navale; il supporto ravvicinato verrà svolto dagli F-35B che sostituiranno gli HarrierII dei Marines imbarcati attualmente sulle LHA)

-1 Squadron di E/A-18 Growler - 6 unità (compiti di guerra elettronica)

-1 Squadron di E-2D Hawkeye - 4 unità (compiti AEW)

-1 Squadron di C-2A Greyhound - 4 unità (compiti di trasporto logistico)

-1 Squadron di HH-60 ed SH-60/MH-60 Seahwaks - 6/8 unità (compiti di trasporto e SAR/CSAR, antitisubmarine ed attacco navale)

 

Il Viking S-3 è in phase-out e probabilmente verrà radiato entro il 2008, ciò lascierà aperto il margine per introdurre un velivolo destinato alla vigilanza aerea e al rifornimento in volo (circa 12 velivoli). In tutta sincerità non so quale siano i candidati.

Riguardo ai V-22 Osprey al momento non è previsto il loro inquadramento nel CAW della portaerei, rimangono quindi destinati alle LHA.

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai ragione Paperinik, ho ricontrollato, e dovrebbe essere complementare al Super Hornet, non sostituirlo.

 

Chiedo venia. :adorazione:

 

 

Quanto all'MV22, ecco come gli inglesi ipotizzano la variante AEW:

 

http://sistemadearmas.sites.uol.com.br/nav...izambv22aew.jpg

http://navy-matters.beedall.com/images/v22-jsf.jpg

http://navy-matters.beedall.com/images/osrey-aew.jpg

 

E non solo... guardate cos'ho trovato...

 

http://navy-matters.beedall.com/images/osprey-aar.jpg :ph34r:

Edited by Marvin

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dato che l’argomento riguarda l’evoluzione della dotazione velivoli delle portaerei americane, vi passo i seguenti dati, non sempre facilmente reperibili, utili per un confronto col passato.

 

1945, portaerei Essex: 44 hellcat, 36 corsair, 24 helldiver, 18 avenger.

 

Anni ’60, Bon Homme Richard (Essex modificata): 2 squadroni F8E Crusader, 2 squadroni A4 Skyhawk, 1 squadrone A1 Skyraider, 1 distaccamento fotoricognitori RF8, 1 distacc. allarme aereo E1B Tracer, 1 distacc.ECM EA1F Skyraider, 1 squadrone SAR UH2A Seasprite.

 

Anni ‘60, Forrestal: 1 squadrone caccia ognitempo F3 Demon/F4 phantom, 1 squadrone caccia F11 Tiger/ F8 Crusader, 1 squadrone attacco A3D Skywarrior/ A5 Vigilante, 2 squadroni attacco leggero A4 Skyhawk, 1 squadrone attacco leggero A1 skyraider, 1 sezione ricognitori RF8, distaccamenti radar E1B Tracer ed ECM Skyraider.

 

1965-1975: Enterprise: 2 squadroni caccia F4/F14, 4 squadroni attacco legg. A4/A7, 1 squadrone attacco A6, 1 reparto ASW, 1 reparto EA6B, 1 reparto E2, 1 rep.fotoricognitori, vari elicotteri.

 

Anni ‘80, Forrestal: 20 F14 Tomcat, 24 A7 Corsair, 9 A6 Intruder, 10 S3 Viking, 6 EA6B Prowler, 4 E2 Hawkeye, 4 KA6, 2 C1 Trader, 8 elicotteri.

 

Anni ‘80, Nimitz: 24 F14 Tomcat, 24 A7 Corsair, 10 A6 Intruder, 10 S3 Viking, 4 EA6B Prowler, 4 E2 Hawkeye, 4 KA6, 1 C2 e 6-8 SH3.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rimane il fatto che probabilmente alla fine il JSF in qualche sua versione avanzata riuscirà a sostituire anche i Super Hornet, le tempistiche lo impongono visto che per trent'anni non ci sarà niente di nuovo all'orizzonte oltreoceano, daltronde negli anni '80 chi avrebbe mai detto che il calabrone sarebbe diventato un mezzo da superiorità aerea?

Share this post


Link to post
Share on other sites

il fatto è che con il tramonto dell'URSS non esistono più marine in grado di minacciare realmente la US Navy in pieno oceano, e quindi la necessità di "supercaccia" come il Tomcat (originariamente progettato per abbattere i Tu-22 e i loro missili) è venuta meno. Molto importante è la proiezione di potenza dal mare in conflitti di bassa-media intensità, perciò probabilmente l'accoppiata Super hornet (nelle varie versioni) e F-35 è un mix adeguato per gli scenari dell'immediato futuro... tuttavia se gli statunitensi sono bravi in qualcosa, è nel saper via via adattarsi all'evoluzione della minaccia in tempi relativamente brevi... se tra 20 anni la Cina disporrà di gruppi di portaerei con una dotazione aerea /missilistica paragonabile alla minaccia sovietica degli anni 70, la Navy dirotterà le sue risorse verso una nuova generazione di "supercaccia"

Share this post


Link to post
Share on other sites

una domanda, magari non è il posto giusto però può andare:

ma l' us navy non ha un reparto "storico" dove tiene un aereo per ogni modello che è stato in servizio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Voglio essere volutamente riduttivo:

 

Oggi in un aeroplano da guerra, la differenza la fa la dotazione avionica.

 

La filosofia costruttiva moderna è di realizzare un aereo-piattaforma dove "riempirlo" di sottosistemi a seconda delle esigenze, così che riesca ad essere un multiruolo completo. Non ha più senso realizzare aeromobili dedicati a una specifica missione, ormai la tecnologia permette ad un'unica famiglia di aeromobili di poter coprire tutti i ruoli necessari.

L'F35 rientra perfettamente in questa concezione: da una piattaforma si stanno creando 3 modelli distinti (versioni A, B, C) ed ogni paese potrà personalizzarli come meglio crede.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma l' us navy non ha un reparto "storico" dove tiene un aereo per ogni modello che è stato in servizio?

 

veramente negli USA è pieno di National Museums che hanno come unico tema gli aerei, di qualsiasi era e tipologia (caccia, bombardieri, uav, ucav)

ci sono anche quelli a cielo aperto come quello della Uss Midway (CV-41) assieme a tutti i caccia che ha avuto a bordo. (Hornet, Corsair, Prowler ecc.)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per l'esattezza il Museum of Naval Aviation si trova a NAS Pensacola,Florida.

Consiglio a tutti di andare a vederlo perchè veramente ci sono praticamente tutti gli aerei che hanno militato nella US Navy.

Altri musei "galleggianti" sono quelli della USS Intrepid a New York e della USS Lexington a Corpus Christi.

Mi risulta ve ne sia anche un'altra in North o South Carolina.

 

La domanda s Sabre credo fosse se esiste un reparto che mantiene ancora in condizioni di volo almeno un'esemplare degli aerei ritirati dal servizio.

La risposta è no,e oggi ad esempio in USA non v è neanche un F-14 volante(per citare l'ultimo tipo ritirato dal servizio).

 

Tornando all'argomento principale del topic vi volevo riferire del fatto che qua,circolo piloti jet US Navy,vi è qualche dubbio riguardo all'F-35C in quanto monomotore.

Nel senso che molti piloti dicono:"l'F-35 sarà si un bellissimo,fighissimo e potentissimo aereo però magari preferisco avere i 2 motori dell'F/A-18(Hornet o Super Hornet che sia) sotto il c##o che avere un solo motore che se mi pianta in asso in mezzo al mare ci rimango fregato..."

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per l'esattezza il Museum of Naval Aviation si trova a NAS Pensacola,Florida.

Consiglio a tutti di andare a vederlo perchè veramente ci sono praticamente tutti gli aerei che hanno militato nella US Navy.

Altri musei "galleggianti" sono quelli della USS Intrepid a New York e della USS Lexington a Corpus Christi.

Mi risulta ve ne sia anche un'altra in North o South Carolina.

 

La domanda s Sabre credo fosse se esiste un reparto che mantiene ancora in condizioni di volo almeno un'esemplare degli aerei ritirati dal servizio.

La risposta è no,e oggi ad esempio in USA non v è neanche un F-14 volante(per citare l'ultimo tipo ritirato dal servizio).

 

Tornando all'argomento principale del topic vi volevo riferire del fatto che qua,circolo piloti jet US Navy,vi è qualche dubbio riguardo all'F-35C in quanto monomotore.

Nel senso che molti piloti dicono:"l'F-35 sarà si un bellissimo,fighissimo e potentissimo aereo però magari preferisco avere i 2 motori dell'F/A-18(Hornet o Super Hornet che sia) sotto il c##o che avere un solo motore che se mi pianta in asso in mezzo al mare ci rimango fregato..."

 

come disse un pilota di F-16 a uno di F-18,il secondo motore serve per portarti nel luogo dove precipiterai...

credo che l'affidabilità nell'F-35 venga migliorata rispetto agli standard degli aerei odierni per cui non si dovrebbero avere problemi di questo tipo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder
Quelle su F14D e Sea Raptor sono idee, immpressioni, e tuttavia non si può dire che l'F18 Super Hornet sia un bidone con le ali. Diciamo che alla Navy FORSE poteva andare meglio, ma SICURAMENTE poteva andare molto peggio.

 

Si qualche tempo fa ci doveva essere un Commons Support Aircraft in grado di fare sia da AEW, sia da ASW, sia da tanker, sia da COD, sia da ELINT (sia il caffè :asd:)

 

http://www.aerospaceweb.org/question/planes/csa/csa-lm1.jpg

 

Tuttavia non ne sento parlare da un pezzo. E' probabile che non se ne faccia niente e che i vecchi modelli vengano sostituiti o da loro stessi (E2 Hawkeye) o da un mix di MH60 e MV22 (che interessano anche la Royal Navy, vista la geniale idea strategica di risparmiare sulle catapulte e costruire delle super-carrier STOVL! :thumbdown::thumbdown: ).

 

EDIT

 

Fossi io a decidere, sostituirei i Tanker/COD, gli ASW e gli ELINT con una variante rinnovata del C2 Greyhound (in modo da avere una piattaforma comune con gli E2) da affiancare a MV22 ed MH60.

 

Usare un derivato C2 per fare il tanker non mi sembra una buona idea, per rifornire un F18 costringerebbe il caccia a volare vicino allo stallo mentre il tanker dovrebbe volare alla velocità massima, cosa che con C135/F22 non accade. Anni fa l'USAF voleva una versione imbarcata del DC9 (sì, avete letto bene, del DC9), poi ripiegò su un modello similare Fokker, non ricordo quale, ma sempre un bireattore coi motori in coda... erano perfettamente compatibili con una CVN, anche se avrebbero potuto, probabilmente, essere parcati solo sul ponte (del resto una ventina di aerei stanno sempre sul ponte, per avere spazio per eseguire la manutenzione sottocoperta), ma era il problema minore. Il programma deve avere avuto dei problemi perché non se ne è più sentito parlare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

il fokker F-28......una domanda ,ma il C-2A Greyhound e ancora in servizio???

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

Nella versione C2AR dovrebbe rimanere in servizio almeno fino al 2015. R sta per reprocured.

 

C-2A_E-2C_DN-SD-07-09196.JPEG

Edited by intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...