Jump to content
Sign in to follow this  
Starfighter

MEADS PAC-3

Recommended Posts

Ho letto che il sistema MEADS basato sul missile PAC-3 patriot sarà il sostituto per i missili nike che sono prossimi al pensionamento.

 

Qualcuno mi può informare sul programma? e darmi le caratteristiche del missile?

Share this post


Link to post
Share on other sites

E’ previsto che il nuovo sistema entri in servizio nel 2012 in Germania ed in Italia, e nel 2014 in USA.

Il MEADS utilizzerà un radar di sorveglianza in banda UHF prodotto dalla Lockheed, un radar di controllo del tiro AESA e il missile Patriot PAC-3 e sarà in grado di abbattere aerei, missili da crociera e missili balistici tattici.

 

Stabilire ora quanti ne acquisterà l'Italia è davvero difficile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Solo di difesa. Qualcuno può spiegarmi come si integrerà con il SAMP/IT???

Share this post


Link to post
Share on other sites
Solo di difesa. Qualcuno può spiegarmi come si integrerà con il SAMP/IT???

Secondo me, semplicemente, non si integrerà... Uno all'Esercito con prevalenti compiti di difesa dei contingenti rischierati, ed uno all'Aeronautica con compiti di difesa sia dei rischieramenti, sia di particolari eventi in patria (es. G8, ecc...).

 

Siamo riusciti ad essere ancora pù megalomani dei Francesi: loro 12 batterie di SAMP-F divise a metà tra aeronautica ed esercito, noi 6 di SAMP-IT all'esercito e (?) di MEADS all'aeronautica. :thumbdown:

 

Mi sbaglierò, ma ho sempre pensato che potevamo "accontentarci" di 12 batterie di SAMP-IT, analogamente a come fanno i Francesi.

 

Il MEADS garantirà una protezione ATBM superiore? Bene, ma questo in cosa si traduce?

 

1) Nei rischieramenti all'estero: le eventuali basi di rischieramento dell'AMI saranno più protette di quelle dell'Esercito rispetto a questo tipo di minaccia?

E' un concetto un po' bizzarro, spero di sbagliarmi... :unsure:

 

2) In patria: avremo una certa capacità ATBM, in ogni caso limitata a zone molto ristrette del territorio nazionale (copriamo Roma?).

 

Mah... Secondo me, le priorità sarebbero altre, ma ormai ce il MEADS ce lo teniamo!

 

Gianni!! Ci vorrebbe un post chiarificatore (ho visto che ne hai già parlato di MEADS e SAMP-IT, ma non so cosa ne pensi della questione "inutilità MEADS).

 

EDIT: di aster 45 se ne parla ancora? Non poteva essere una soluzione accettabile al posto del MEADS? Interessa alla MMI?

 

-----------

 

Chi non sapesse di cosa stiamo parlando può dare un'occhiata a questo vecchio articolo... :)

Edited by Captor

Share this post


Link to post
Share on other sites

Roma è la capitale,è la sede del governo ecc. ;):D

Share this post


Link to post
Share on other sites

certo ma milano e il centro finanziario comunque qua ce la storia del meads e a quanto ho capito dovrebbe coprirci anche da missili iraniani

http://www.peacelink.net/disarmo/2007/01/msg00021.html

 

(e pacifista non so se sia attendibile)

 

avremmo piu batterie dei francesi 15 contro 12!!!!

Edited by davidecosenza

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di Aster 45 se ne parla poco ma se ne parla, visto che ne parla Jane's.

Diciamo che quando gli Aster dell'attuale generazione avranno raggiunto un certo grado di maturità operativa, sarà il momento per entrare con versioni potenziate (Block II o Aster 45).

 

Il MEADS era visto come un sistema internazionale destinato a sostituire i Patriot e i Nike Hercules con prestazioni molto elevate nei confronti dei missili balistici tattici e con aspirazioni a poter ingaggiare anche bersagli di fascia più alta.

 

Il SAMP è nato come sistema prevalentemente antiaereo con l'occhio alla sostituzione delle batterie Hawk.

 

E' indubbio che nel tempo le prestazioni dell'ASTER vanno proiettandosi verso livelli più alti, mentre il MEADS si è abbassato di tono.... e quindi i due sistemi hanno un'area di sovrapposizione che minaccia di farsi sempre più ampia.

 

Probabilmente ciò è stato causato un po' dagli americani che spingevano per altri sistemi con piena capacità antimissile e un po' dai francesi che spingevano per dare al SAMP la possibilità di competere commercialmente con il MEADS.

 

Credo anch'io che l'Italia non abbia necessità di questa esuberanza di sistemi (a dire il vero credo che non serva nessuno dei due, visto che c'è ancora da coprire adeguatamente le fasce più basse della difesa antiaerea, ben più importanti nelle previsioni di impiego delle forze nazionali) ma ormai è difficile tirarsi indietro senza scontentare troppa gente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Credo anch'io che l'Italia non abbia necessità di questa esuberanza di sistemi (a dire il vero credo che non serva nessuno dei due, visto che c'è ancora da coprire adeguatamente le fasce più basse della difesa antiaerea, ben più importanti nelle previsioni di impiego delle forze nazionali) ma ormai è difficile tirarsi indietro senza scontentare troppa gente.

 

Gianni: mi fa piacere che la pensi come me.

 

Davide: riguardo le fasce basse ci sarebbe da iniziare a pensare alla sostituzione delle batterie Spada e Skyguard, rispettivamente di AMI ed EI, basate sul missile Aspide.

 

(In Germania si programma di integrare il MEADS con l'IRIS-T).

 

:)

Edited by Captor

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sottoscrivo quanto detto da Captor.

 

Parlare ora è facile ma vabbè, l'ideale per me, per la difesa aerea basata a terra per il medio-lungo periodo, sarebbe stato così:

 

Aeronautica:

- Samp/T in due gruppi con tre batterie ognuno (totale sei batterie), un gruppo nel centro-nord italia e uno al sud, in grado di coprire tutto il versante orientale e sud-orientale (certo con sei batterie non è facile fare ciò, ma almeno coprire le aree più sensibili è fattibile in questi settori), con oggi l'Aster30 block1, e domani anche con il block2.

- Iris-T SL per sostituire gli Spada 1:1, quindi (se ricordo bene), sette batterie in totale.

- FIM-92 Stinger da dare in carico al 16^ Stormo RPF, e da utilizzaro in caso di necessità.

 

Questo per la difesa del territorio Italiano, sia da aerei e anche da missili (pure IBCM in futuro con il block2 dell'Aster).

Capacità di rischieramento all'Estero limitate alle unità Stinger.

 

Esercito:

- Samp/T, come per l'Aeronautica, due gruppi con sei batterie in totale, sia con missili Aster30 block1 che block2.

- Iris-T SL, anche quì per sostituire gli Spada, sei (o anche quattro) batterie da suddividere in due gruppi (o uno), caratterizzati da alta mobilità per schieramenti all'estero in caso di necessità.

- FIM-92 Stinger per coprire la zona più bassa, totale sei batterie di cui due con i lanciatori montati su chassic Lince.

 

Come per l'Aeronautica, tranne che tutte le unità sono caratterizzazite per l'alta mobilità strategica, tutti i sistemi sono organizzati per accompagnare le truppe all'estero se necessario.

 

Marina Militare:

- FIM-92 Stinger per il Rgt. San Marco, niente di diverso da ora diciamo.

- OPZIONALE: tre batterie Iris-T SL da posizionare nelle tre stazioni navali maggiori (Augusta, Taranto e Spezia) per la loro difesa aerea.

 

Quindi sistemi uguali per tutte e tre le FF.AA. (la MM l'Aster30 lo usa sulle navi), ma caratterizzati da impieghi differenti, in modo da coprire tutte le possbili necessità, ad un minor costo possibile.

 

Aeronautica: difesa aerea del territorio italiano contro ogni genere di vettore (Samp/T), difesa degli aeroporti più importanti (Iris-T SL), difesa a bassissima quota nei rischieramenti all'estero (Stinger).

Esercito: difesa completa (bassa, media e alta quota, e contro tutti i vettori) nei rischieramenti all'estero.

Marina: difesa a media quota per le sue stazioni più importanti (Iris-T SL), e a bassissima quota per il S. Marco (Stinger).

 

In ultimo, formazione del personale e logistica comune per tutti e tre i sistemi (Samp/T, Iris-T SL e Stinger), in modo da fare economia nelle spese di gestione ed evitare inutili doppioni.

 

ps. Tra l'altro ci sarebbe grande comunanza logistica per la poca varietà di missili antiaerei impiegati, che considerando tutti i settori, e tutte le FF.AA., si ridurebbero a quattro diversi tipi (Aster, Iris-T, Stinger, Meteor).

Edited by Little_Bird

Share this post


Link to post
Share on other sites

Finalmente si ha qualche notizia: Meads

 

Aggiornamento:

Con il completamento dei test di accettazione, i moduli trasmettitori e riceventi del radar AESA (Active Electronically Scanned Array) per il controllo di fuoco del MEADS (Medium Extended Air Defence System) vengono ora posti in produzione di serie. Per la fine del 2009 saranno consegnati circa 40.000 moduli da parte dell’industria produttrice EADS, la prima in Europa a produrre in massa questa tipologia di radar, che nel programma è sotto responsabilità di LFK GmbH/MBDA Deutschland.

Nel quadro del contratto del valore di 120 milioni di euro per la progettazione e sviluppo del MEADS, EADS consegnerà i moduli T/R in un periodo di soli quattro anni. Tali moduli sono elementi chiave nella tecnologia AESA, grazie ai quali è possibile spazzare l’area di interesse senza movimentazione meccanica dell’antenna radar ma utilizzando la scansione elettronica per il controllo del fascio prodotto. I vantaggi ottenibili sono ingombri minori, un’aumentata velocità di scansione, portata maggiore, possibilità di tracciare e ingaggiare contemporaneamente una vasta quantità di bersagli, maggiore resistenza a contromisure elettroniche e possibilità di svolgere compiti di guerra elettronica. Il radar a disposizione del MEADS sarà in questo modo il più potente nella sua categoria.

 

Il MEADS è un programma trinazionale di Germania, Italia e Stati Uniti volto a fornire un assetto di difesa aerea in grado di operare contro aerei, missili da crociera, missili balistici tattici. Sostituirà i sistemi Patriot negli Stati Uniti, i sistemi Nike Hercules in Italia e integrerà i sistemi Patriot in Germania.

La fase di progettazione e sviluppo del sistema, del valore totale di 3.5 miliardi di dollari, è stata avviata nel 2005.

La consegna dei quattro prototipi di radar per il controllo di fuoco è attesa tra il 2012 e il 2014.

Edited by Paladin

Share this post


Link to post
Share on other sites

Durante la manifestazione aerea di apertura della stagione da parte delle Frecce Tricolori, il 1° maggio a Rivolto, il Gen. Corsini ha affermato che:

1) Rivolto è stata scelta quale base "Polo missilistico nazionale"

2) entro poche settimane comincerà ad affluire a Rivolto il primo nucleo aggiuntivo di un centinaio di uomini

3) la base sarà destinata ad accogliere il nuovo sistema missilistico sviluppato congiuntamente da USA, D e I...

4) si sta valutando il possibile leasing di alcune batterie di Patriot da USA o D, quale gap-filler.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma l'AMI cosa si è messa in testa? Ha già due grossissimi programmi per le mani, si imbarca nel MEADS e vuole addirittura i

Patriot in leasing?

Mannaggia non vorrei che camporini in accoppiata col nuovo governo possa far danno...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il danno è già stato fatto in passato (programma F35 e MEADS), ora ci toccano solo le conseguenze.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma l'AMI cosa si è messa in testa? Ha già due grossissimi programmi per le mani, si imbarca nel MEADS e vuole addirittura i

Patriot in leasing?

Mannaggia non vorrei che camporini in accoppiata col nuovo governo possa far danno...

AM se non fà almeno un paio di leasing ASSURDI a decennio non è contenta

:rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:

 

...almeno li facesse per gli AWACS o qualche piccino E-2 :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le forze armate si lamentano della carenza di fondi, eppure continuano a buttare denaro in numerosissimi, dispendiosi, poco convincenti, programmi di riequipaggiamento, con i loro bravi duplicati! Dettati da una assoluta mancanza di programmazione di lungo termine, unita, spesso, a faciloneria e incompetenza. Non si può sempre dare la colpa alla politica: il politico di turno non distingue una mina anticarro da una falciatrice. Ma chi propone una Centauro con cannone da 120? Chi ha favorito il Sidam, il leasing dei Tornado ADV e poi degli F16, il mantenimento fino allo sfinimento degli F104, il Mangusta senza il cannone… Ne conoscete altri? Basta ricordare un po’…Ne trovate a volontà!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sante parole Gianvito. Ma unificare la difesa anti aerea no è?

Samp/t con Aster-30 modificato per svolgere il compito ATBM.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...