Jump to content

eagle spotters

Membri
  • Content Count

    268
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by eagle spotters

  1. eagle spotters

    Marina Militare Italiana - Discussione Ufficiale

    SH-3D entrati in servizio nella MMI a partire dal 1969... Diciamo che, sulla carrozzina o con le stampelle qualcosa, la manciata di esemplari ancora operativi, avrebbero potuto fare, sempre ricordando le abissali differenze in termini di capacità di trasporto, velocità, autonomia, nonché avionica all weather, tutte a vantaggio dell'AW-101.
  2. eagle spotters

    Portaerei Cavour - discussione ufficiale

    Complimenti alla MMI e ai suoi marinai. Finalmente !
  3. eagle spotters

    Marina Militare Italiana - Discussione Ufficiale

    Di rilievo il fatto che il CSMM affermi che la futura MMI sarà costituita dalla portaerei Cavour e da 4 caccia AAW ! Siccome (anche nello stesso documento) si dice che i DlP saranno declassati a "fregatone" dal 2016, questa è l'ufficializzazione che la quinta coppia di FREMM rappresenterà la futura coppia di caccia AAW da affiancare ai Doria ? Inoltre: - fregate classe "Bergamini" (nel documento non si dice in che numeri, ma essendo 8 già in servizio/costruzione/ordinate e ipotizzando la 9^ e la 10^ come AAW....) - nuovi UPAD - la nuova LHD che sostituirà San Marco e San Giorgio (affiancandosi a San Giusto e Giuseppe Garibaldi) - la nuova LSS che sostituirà Vesuvio e Stromboli (affiancandosi all'Etna). Nella programmazione pluriennale 2005 si prevedeva: - 1 CV - 1 LPH - 3 LHD (da 8.000 t) - 12/13 tra fregate e caccia - 12 unità di seconda linea - 10 cacciamine - 2/3 AOR - 4/5 SSK Oggi prevediamo: - 1 CV - 1 LPH - 2 LHD (1 da 20.000 t e 1 da 8.000 t) - 4 caccia AAW - 8 fregate FREMM - 4 fregate UPAD/C - 8 fregate UPAD/L - ? cacciamine - 2 AOR - 6 (auspicati) SSK Limitandoci al confronto sulle unità di prima e seconda linea, pur a fronte di un sostanziale mantenimento nel numero previsto (dalle 24/25 alle ipotizzate attuali 24), notevole è l'incremento prestazionale delle singole unità. La MMI spinge anche per mantenere a 6 il numero di SSK: tutto però dipenderà da un eventuale secondo e successivo finanziamento straordinario (dove inserire la LHA sostitutiva del Garibaldi, la seconda LSS, le ultime 4 UPAD/L, la terza coppia di SSK...) I cacciamine sono veramente una incognita: dalla ipotesi della loro sparizione (per incorporamento...) nei pattugliatori, pare ora che stiano tornando in auge, nel doppio ruolo MCH/OPV, con dimensioni contenute e velocità accresciuta.
  4. eagle spotters

    FREMM - discussione ufficiale

    Troppa grazia... badiamo ai contenuti
  5. eagle spotters

    FREMM - discussione ufficiale

    La fregata Bergamini, prima unità classe FREMM per la MMI, è stata ufficialmente consegnata il 29 maggio 2013: http://www.orizzontesn.it/page.php?id_page=13
  6. eagle spotters

    Ultime dall'India

    Fonte: India today Italians are coming Sandeep Unnithan June 5, 2008 Last year, when Paolo Girasole, a senior executive with Italian arms major Finmeccanica, was given the option of a foreign posting, he instantly picked India. The slow-moving decision-making process would need getting used to but the world's second-largest defence market marked an exciting business opportunity. Reason enough for Italian arms major Finmeccanica to pack its coffee, olive oil and pasta and head for New Delhi. From one-off suppliers of torpedoes, radars and naval guns to India, Italy is the arriviste in the Indian defence market, quietly becoming one of India's largest potential military equipment suppliers. Earlier this year, the Indian Navy signed a ¤200 million (Rs 1,300 crore) contract with Italian shipbuilder Fincantieri for a new fleet tanker. The tanker to be built in Italy and delivered by 2010 will greatly increase the naval fleet's endurance at sea. Finmeccanica's helicopter division, Augusta Westland, is the frontrunner in a multi-million contract to supply 12 AW-101 VVIP helicopters worth around Rs 110 crore each for use by the President and prime minister. Four of these are for the use by the Special Protection Group. In a replay of the Marine One contest for the US presidential helicopter last year, field evaluations conducted by the Indian Air Force (IAF), the triple-engined Italian helicopter trumped its only competitor, the US Sikorsky S-92. The contract to be signed later this year for the flying offices equipped with advanced communication aids and self-protection devices could well be the greatest Italian export to India since the iconic Vespa scooter in the 1960s. The Italian story rides mostly on the 'two Fins'-state-owned Finmeccanica which supplies electronics, radars, artillery and aircraft, and Fincantieri that makes ships. Co-located in a single building in downtown Delhi's Nehru Place and co-incidentally headed by two engineers who attended the Italian naval academy together, the firms with turnovers of ¤12.5 and ¤2.5 billion (Rs 81,250 crore and Rs 16,250 crore) respectively are frontrunners in practically every significant defence contract. "India is the number one export priority for us," says Massimo de Benedictis, country representative, Fincantieri. For good reason. Current European Union (EU) arms embargoes against China make India, with $45 billion (Rs 1.89 lakh crore) earmarked for defence acquisitions over the next five years, an attractive alternative. Fincantieri's FREMM stealth frigate is a contender for a seven-warship order worth Rs 30,000 crore. The shipbuilder is also vying to sell six advanced offshore patrol vessels to the navy and coast guard. If the 38,000-tonne Indigenous Aircraft Carrier being built at the Cochin Shipyard Limited looks like a bigger version of Italy's new carrier, the Cavour, it is because it was designed with assistance from Fincantieri which is also integrating the ship's propulsion system. Italy has emerged as an attractive shipbuilding destination due to rapid delivery schedules, high technology and competitive costs. While accepting a new oceanographic survey vessel from Fincantieri in December 2007, Science and Technology Minister Kapil Sibal joked how it had taken his ministry three years to get the financing for a ship which took the yard just 18 months to build. The navy will get its new Italian tanker in just two years, while it took Garden Reach Shipyard 12 years to build the navy's last tanker- the INS Aditya. The induction of the AW-101 will give Italy a toe-hold into the burgeoning defence aerospace market. Augusta Westland's NH-90 is a frontrunner to supply 16 Anti-Submarine Warfare (ASW) choppers for the navy, 324 light utility choppers for the air force and army, 13 ATR turbo-prop maritime patrol aircraft to the navy and coast guard and two C-27J Spartan medium transport aircraft for the Border Security Force. The company owns 40 per cent of Eurofighter which is a contender in the $10 billion (Rs 40,000 crore) contract to supply 126 fighter aircraft to the air force. The entry of the Italians is not incidental. Ever since the nations decided to enhance bilateral cooperation in defence production in 2002 and inked a memorandum of understanding on defence industrial cooperation the following year, defence ties have been on a steady trot. The joint working group on defence, headed by the defence secretaries, held its seventh meeting last March. One reason for the Italian connection is the recent policy of diversifying India's arms suppliers. Over 70 per cent of the Indian military machine is of Soviet and Russian origin with the navy almost entirely dependent on Russian weaponry for its warships, submarines and aircraft. A troublesome relationship, particularly over the acquisition of spares has left the armed forces keen on alternate sources. "Overall it is best to diversify the supplier base and enter into technological collaboration with the best in different fields because we always face the risk of resumption of sanctions," says Brigadier Gurmeet Kanwal, director, Centre for Land Warfare Studies. India's Defence Procurement Procedure, floated in 2005, calls for open tenders for procuring all major arms systems, transfer of technology and offsets of 30 per cent (suppliers have to procure 30 per cent of the value of their contracts from Indian industry). "While Italy has expertise in the production of high-tech weapon systems, India brings in the great asset of manpower," says a defence official. This allows Italian majors to acquire stakes in private and public sector Indian defence industry and even setting up shop. This hasn't happened because the cap of 26 per cent Foreign Direct Investment (FDI) is not attractive enough for the Italian majors. The Government says it is only a matter of time before FDI is hiked to 49 per cent. And when that happens, the Italians would have truly arrived. In evidenza le seguenti considerazioni: Italy on the go - With an EU-imposed arms embargo against China, India is the largest potential arms market. - The Italians are front-runners in a number of aerospace and naval programmes. - Rapid delivery schedules, high technology and competitive costs make them attractive for tie-ups. VERY INTERSTING !
  7. eagle spotters

    Tomahawk per la Spagna: e noi ?

    (Washington, June 3, 2008) -- The Defense Security Cooperation Agency notified Congress of a possible Foreign Military Sale to Spain of Block IV TOMAHAWK Land Attack Missiles as well as associated equipment and services. The total value, if all options are exercised, could be as high as $156 million. The Government of Spain has requested a possible sale of 20 RGM-109E Block IV Surface Ship Vertical Launched TOMAHAWK Land Attack Missiles, 5 Tactical TOMAHAWK weapon control systems hardware and software, canisters, containers, test sets and support equipment, spare and repair parts, personnel training and training equipment, operational flight test and communications equipment, technical assistance, and other related elements of logistics support. The estimated cost is $156 million. This sale will enhance the Spanish Navy's ability to engage in coalition warfare with the U.S. Navy. The weapons will be carried on the Spanish Navy F-100 Class Frigates. The missiles will be conventionally armed. Spain continues to invest in advanced weapons systems to maintain its operational effectiveness within the North Atlantic Treaty Organization. The weapon's long range and high degree of accuracy will enable Spain to take action while minimizing collateral damage and to reduce the exposure of Spanish forces to hostile fire. The sale of this equipment and support will not alter the basic military balance in the region. Implementation of this sale will not require the assignment of any additional U.S. Government personnel or contractor representatives to Spain. Source : US Defense Security Cooperation Agency Bene, la Spagna ha acquistato 20 Tomahawk e 5 sistemi di lancio per le proprie F-100, verso il costo complessivo di 156 milioni di dollari. La Francia ha già ordinato i suoi 100 Scalp Naval per FREMM e sommergibili. La Gran Bretagna ha già in dotazione i Tomahawk. La Grecia ha espresso già il suo interesse ad armare le probabili FREMM con lo Scalp Naval. L'Italia, dopo aver acquistato 200 Storm Shadow, possibile che non riesca ad avviare un programma per l'acquisizione di una cinquantina di armi da destinare a FREMM, Doria e U-212 ?
  8. eagle spotters

    Marina Militare Italiana - Discussione Ufficiale

    Estratto dal discorso del CSMM del 22.6.2009 a Taranto: http://www.marina.difesa.it/csm/discorsi/2009/0622.asp "...Il processo evolutivo dei prossimi 30 anni è già tracciato, secondo uno sviluppo, tipicamente “evolutivo”, che tra le navi maggiori prevede 10 FREMM. Nel settore subacqueo sarà necessario mantenere l’attuale forza di sei battelli prevedendo nel medio-lungo termine la sostituzione dei Sauro 4^ serie con una terza serie di battelli tipo U-212. In campo aereo sarà fondamentale realizzare il programma di acquisizione dei 22 JSF per sostituire gli AV-8B, portare a compimento i due programmi elicotteristici degli EH-101 ed EH-90. Una impostazione di transizione interessa il settore del pattugliamento marittimo, con l’acquisizione dei nuovi ATR-72 in sostituzione degli Atlantic. Sempre in una logica “transizionale”consideriamo la forza da sbarco e le forze speciali, reparti strategici che richiedono un costante ammodernamento di mezzi, capacità di comando e controllo e strutture addestrative ed una spiccata sinergia con l’ambiente interforze e la necessaria interoperabilità a livello nazionale ed internazionale. La relativa componente navale prevede tre nuove LPD per sostituire a tempo debito quelle in servizio, una ulteriore nave anfibia come seconda unità maggiore in luogo dei due incrociatori radiati negli ultimi anni (Vittorio Veneto e Andrea Doria) la cui carenza sarà colmata, nell’interim, dal Garibaldi che, trasferito al Cavour il compito di portaerei, vedrà il proprio ruolo modificato in LHA o LPH." Direi alcune conferme importanti: - 10 FREMM - 6 sommergibili, con una terza coppia di post U212A - 22 JSF - seconda unità maggiore, quale quarta unità anfibia, in sostituzione del Garibaldi Niente di nuovo ma conforta sapere che la MMI, anche in periodo di recessione, mira ancora a mantenere la programmazione 2005 anzi, per i sommergibili, si ripristina l'obiettivo delle 6 unità. Non si fa cenno, invece, all'avvenuto tentativo - ad aprile - di finanziamento straordinario per 2 unità LPD da circa 20.000 t, confermando l'obiettivo della sostituzione, a tempo debito, delle 3 LPD attuali.
  9. eagle spotters

    Portaerei Cavour - discussione ufficiale

    Infatti la data citata sulla foto dice "9.11.2007"...
  10. eagle spotters

    Portaerei Cavour - discussione ufficiale

    Ma sono foto "fresche" ??? Quell'autobotte sul ponte è in posizione identica alle foto diffuse nel 2007..... E' rimasta lì da quella volta ?
  11. eagle spotters

    Eurofighter Typhoon - discussione ufficiale

    Da notizie di stampa si apprende che il Ministro La Russa ha incontrato ieri l'omonimo Rumeno. Oggetto delle discussioni: Eurofighter...
  12. eagle spotters

    FREMM - discussione ufficiale

    Su PD di Maggio un interessante, anche se molto annacquato, articolo sui CMS italiani, dal SADOC ad oggi. Per quanto riguarda le FREMM si dice che il CMS deriva da quello del Cavour, a suo volta derivazione "autarchica" del CMS delle Orizzonte, sviluppato congiuntamente con i francesi, quindi merge tra i SADOC 2 italiani ed i SENIT 8 d'oltralpe. Il CMS per le FREMM, rispetto all'originario della Cavour, avrà delle significative estensioni per quelle che vengono definite fregate multiruolo, con particolare riferimento alle capacità ASW (integrazione del sonar VDS) ed alla capacità contro-costa (integrazione del 127 / Vulcano). E' previsto che il CMS sia pronto per la fine del 2009, con inizio dei test nel 2010. Una domanda: la mancanza del 127 mm sulle Orizzonte è da imputarsi anche alla mancanza del relativo software nel CMS ? Può essere che, per risparmiare su questa voce (hardware + software) la MMI attenda che sia pronto il software ora in sviluppo per le FREMM ? Se così fosse, in occasione del primo MLU la MMI, con una spesa relativamente modesta, potrebbe spostare i 127/54 attualmente sui DlP reimbarcandoli sui Doria (il primo MLU dei Doria dovrebbe temporalmente coincidere con il ritiro dalla linea dei DlP...), provvedendo all'update del relativo CMS semplicemente aggiungendo i moduli software già sviluppati per le FREMM e che, almeno logica vorrebbe, dovrebbero essere facilmente esportabili nel CMS dei Doria, comunque alla base del CMS delle FREMM. Il risultato sarebbe una minima capacità contro-costa Vulcano base (70 km) che, pur non essendo la massima possibile con il 127/64 mm, credo che risulterebbe comunque costo/efficace e permetterebbe di mantenere almeno 4 armi da 127 in squadra.
  13. eagle spotters

    CVN "Charles de Gaulle" - discussione ufficiale

    Ma la conclusione del discorso è questa: la Cavour è ad oggi, e lo sarà ancor di più da Giugno 2009 - dopo la consegna della bandiera di combattimento - la più grande portaerei operativa d'Europa! Viva la MMI ! Viva l'Italia !
  14. "Siamo ridotti che anche averne TRE sarebbe un lusso?" Ma dobbiamo ricordare, in ogni caso, da dove veniamo: ricordo che attualmente l'AMI ha un unico G-222 ELINT in servizio e da 10 anni almeno è così. Quindi significa che ne duplicheremmo le capacità, in termini numerici ma, in termini qualitativi, credo che l'incremento sarà esponenziale... Ricordo anche che, nel documento di programmazione pluriennale del 2005, si parlava dell'acquisizione proprio 2/3 velivoli ELINT. Nulla vieta quindi che, nei prossimi anni, si possa riaprire il discorso del terzo velivolo anche in considerazione della durata del programma, come dichiarato dal relatore ieri al Senato: "Il relatore TORRI (LNP) illustra il programma in titolo, rilevando che esso prevede l'acquisizione di due piattaforme aeree con il compito di raccogliere informazioni mediante l'intercettazione e l'analisi di segnali emessi tra persone ovvero tra macchine, attraverso una serie di sensori dedicati installati a bordo. In tal modo, le Forze armate potranno beneficiare di strumenti tecnologici d'avanguardia che potrebbero risultare decisivi sia in relazione alla difesa del territorio nazionale, sia in ordine al supporto alle forze italiane impiegate all'estero ed ai loro alleati. Il programma, prosegue l'oratore, comprenderà altresì l'approvvigionamento, certificazione e testing della piattaforma prescelta, e metterà le Forze armate al pari di quelle degli altri paesi già dotati di apparecchi similari. Per quanto attiene agli oneri finanziari, il relatore rileva che il programma sarà finalizzato in sette anni, a partire dal 2009, e che è stimato un costo totale di circa 280 M€." Da qui al 2016 le cose potranno anche cambiare...
  15. Ecco la risposta, oggi al Senato è stato presentato il programma per il parere della Commissione Difesa: Programma pluriennale di A/R n. SMD 03/2009, relativo all'acquisizione di due velivoli con capacità SIGINT - multi sensore e multi missione JAMMS - Joint Airborne Multisensor Multimission System -------------------------------------------------------------------------------- Riferimenti normativi documento Regolamento SenatoReg. Senato, art. 139-bis Legge OrdinariaL. 4 ottobre 1988, n.436, art. 1, co. 1, lettera b) Iniziativa Presentato da: Ministro della difesa (Governo Berlusconi-IV), il 10 marzo 2009; annunciato nella seduta n. 173 del 17 marzo 2009 Assegnazioni Assegnato alla 4ª Commissione permanente (Difesa) in sede consultiva il 17 marzo 2009; annuncio nella seduta pom. n. 173 del 17 marzo 2009; scadenza termine il 16 aprile 2009.
  16. eagle spotters

    FREMM - discussione ufficiale

    Ok, ma il mio riferimento era ai lancia-siluri trinati da 324 mm installati sulle precedenti fregate e caccia della MMI (Lupo, Audace, DlP, ecc.). Per le Maestrale, vero che avevano anche i tls da 533 mm, ma anche vero che sono stati sbarcati da parecchio tempo.
  17. eagle spotters

    FREMM - discussione ufficiale

    e, inoltre, tutte le attività di ricarica sono svolte all'interno della struttura della nave, non - come prima - sul ponte, una novità non da poco.
  18. eagle spotters

    FREMM - discussione ufficiale

    Nell'articolo si sono "dimenticati" un'altra "piccola" differenza con le "loro" FREMM: SAAM-ESD + Aster 30. Colgo l'occasione per segnalare un altro aspetto che, mi pare, non sia mai stato fino ad oggi molto dibattuto: i sistemi lancia-siluri delle FREMM (come quelli dei Doria) non saranno i soliti sistemi trinati brandeggiabili retaggio della 2^ G.M. (anche se debitamente aggiornati nel tempo), bensì un nuovo sistema che prevede 1 (o 2?) tubi lanciasiluro su ogni fiancata (perpendicolari alle fiancate) dotati però di un sistema di caricamento automatico (o semi-automatico ?) dell'italiana Calzoni con, pare, una capacità complessiva di 19 siluri MU-90. Chi ne sa di più ?
  19. eagle spotters

    Il rinnovo della flotta nel periodo 2010-2020

    Rileggo ora più accuratamente il requisito MMI per le LCS da 2.000 t: "The littoral is of growing importance for Naval forces, since asymmetric threat remains dramatically relevant. The Italian Navy intends to face the challenge with the acquisition of new ships specifically designed to operate in the “brown waters” but also capable of being deployed far from Italian coastlines. The operational requirement for these units for homeland security and sea control/maritime interdiction is currently under development. The key requirements/criteria will be manoeuvrability and high speed for the platform as well as modularity and integration for the weapon systems with low life-cycle cost of critical importance. The new tentative design already shows some key features: top speed of 30 knots, displacement of approx 2000 tons, surface effect hull to enhance the performances of a Diesel propulsion plant, a flight deck of generous proportions. As far as the Combat System is concerned, extreme modularity will enable the ship to fulfil the typical tasks of mine warfare, anti-submarine warfare, anti-surface ship role in the alternative, simply by changing the equipments; a basic capability of self-defence will be embedded in all configurations. Great importance will be given to Command&Control systems, to provide effective integration by exchanging data with the Coast Guard, other Services and national agencies, as well as with foreign Navies. The ship will be able to carry out search and rescue as well as environment protection missions." Ma qui si parla di unità che, per compiti, andranno a sostituire le Cassiopea ed i Sirio, con però una capacità modulare che permetterà un loro impiego anche combat. Quindi queste LCS (2.000 t) saranno finanziate da altri ministeri, non dalla MMI. E questo è già un buon argomento per prevederne la possibile realizzazione (almeno 4+2). Parrebbe invece che le OPV (2.700 t o 3.000 t ?) saranno invece le fregate leggere di seconda linea che andranno a sostituire le Minerva e le Soldati, con spesa tutta a carico della MMI (ma 12 unità con inizio consegne al 2020 - o 2022 al termine del programma FREMM ? - non dovrebbero essere così problematiche).
  20. eagle spotters

    Il rinnovo della flotta nel periodo 2010-2020

    Alcune notizie interessanti, anche se non tutte novità: - il Cavour verrà consegnato FOC nel 2010 - a Cavour consegnato il Peppino diverrà LHA, IN ATTESA DELLA SOSTITUZIONE DI NUOVA UNITA' LHA - si conferma che la MMI vuole 10 FREMM - si conferma che il 127/64 sarà installato solo sulle 6 FREMM GP - i cacciamine saranno sostituiti, a partire dal 2020, con ALMENO 10 nuove unità, di tipologia in corso di definizione (in valutazione anche unità SES) - le unità di seconda linea saranno 12 da 3.000 t, con velocità di almeno 30 nodi: però qui non si capisce bene la loro articolazione in quanto, successivamente, si fa riferimento ai seguenti programmi specifici: 1) LCS da 2.000 t per brown water 2) OPV da 2.700 t per blu water - si confermano le 3 nuove LHD, con consegna della prima nel 2018: una prima novità è costituita dal fatto che si comincia già ad ipotizzare una elevazione del dislocamento, ora indicato in 16-17.000 t. Il rendering illustrato è sempre quello di Fincantieri, con gli stessi dati di riferimento. Interessante il fatto che le unità disporranno di sistemi di difesa attiva e passiva contro la guerra assimmetrica ed attacchi di siluri, nonchè elevate capacità C4I - si confermano le 2 LSS, con consegna dal 2015: d'interesse il fatto che si ipotizza il doppio scafo, le dimensioni molto maggiori dell'Etna e la capacità di trasporto e supporto di personale mezzi, oltre ai liquidi ed alla capacità di ospitare comandi complessi. Spicca in negativo la notizia secondo cui i Teseo hanno una gittata "superiore a 55 km"! (inchiniamoci all'ufficialità...)
  21. eagle spotters

    LF57

    Notizie di stampa degli anni '90 riportavano che l'EI ne avrebbe acquistate 20.000 esemplari, per poi tenerle accantonate nei magazzini, tranne le note LF57 in dotazione al GRACO. Solamente dalla metà degli '90 vennero riutilizzate, ufficialmente per l'assegnazione a carristi, motociclisti, ecc.
  22. eagle spotters

    Iveco VTLM Lince - discussione ufficiale

    Nuovo successo per la IVECO con il Lince. L'Austria ha deciso l'acquisto di 150 Lince in 7 diversi allestimenti.
  23. eagle spotters

    FREMM - discussione ufficiale

    Confermo che le TAG Avio sono prodotte a Brindisi. Oltre ad assembleare e "marinizzare" i vari componenti, la Avio, di suo, realizza alcune specifiche componenti.
  24. eagle spotters

    FREMM - discussione ufficiale

    Bel colpo enrr ! Ecco spiegato il motivo di tanto assenteismo da parte di Fincantieri... Ma noi dei guadagni comunque li avremo: - partecipiano alla costruzione (e/o ai ricavi) degli Aster 30 con MBDA - abbiamo buone probabilità che il 127 sia OTO - è quasi scontato che le 6 FREMM greche avranno i "soliti" MU-90 e SLAT (51% WASS) - il sistema di guerra elettronica SIGEN è al 50% Elettronica - e chissà quanti "piccoli" altri sistemi ed apparati vari ... e senza spendere in marketing !
  25. RID ha riportato la notizia che ad Ottobre, nel corso di una conferenza internazionale svoltasi a Genova in materia di OPV, la MMI ha ufficialmente divulgato le prime notizie relative agli studi in corso per la definizione di 12 nuove unità di seconda linea / OPV che andranno a sostituire, dal 2020 circa, le attuali 8 Minerva + 4 Cassiopea. Queste le caratteristiche di massima: - lunghezza 105-115 m (i piani pubblicati evidenziavano 112 metri) - larghezza 14-16 m - dislocamento circa 2.000 t (2.500 t a p.c.) - equipaggio 80, possibilità di alloggio per 120 persone - propulsione CODAD, su 2 assi, 2 eliche, 4 motori diesel - velocità massima 30 nodi (fino a mare forza 5) - autonomia 20 giorni - armamento 1 76/62 mm Davide - 1 elicottero categoria NH-90 - hangar con capacità di riarmamento e rifornimento - 2 RHIB - scafo in acciaio, sovrastrutture in lege leggera o altri materiali innovativi - forte connotazione stealth - possibilità di modificare l'armamento e le dotazioni base con moduli "plug and play" specifici per lotta ASW, Asuw e cacciamine. Da un primo esame delle caratteristiche diffuse, a fronte delle dimensioni citate pare esiguo il dislocamento indicato, ritenendo molto probabile uno slittamento verso le 2.700/2.800 t (analogo alle nuove unità in progettazione per la RN) o addirittura superiori (vedi nuovi OPV olandesi). La velocità massima indicata in 30 nodi sembra irrealistica, anche considerando i nuovi V1716 della Isotta Fraschini ora disponibili con taratura a 2,8 Mw, contro i 2,2 Mw previsti per le FREMM. Sempre che non si punti su diesel ancora più potenti (e grossi). Spiace rilevare come, tra tutti gli OPV in realizzazione / progettazione, questo italiano sia ancora il più "affollato" di equipaggio (90): la RN ad esempio ne prevede 45, gli olandesi 80. Credo che su questo aspetto si possa fare (e si debba, vista la situazione finanziaria) molto meglio, scendendo ad almeno 60 unità. Non se ne è fatto cenno ma probabilmente l'unità disporrà almeno di n. 2 cannoncini da 25 mm per la guerra asimmetrica. Su questo punto continuo ad essere perplesso sulla scelta della MMI di aver adottato il complesso OTO a controllo locale, quando - ora - la stessa OTO offre un ottimo complesso (suggellato da continui ordinativi esteri) asservito al CMS dell'unità, IL MARLIN, che potrebbe essere anche equipaggiato con missili A-A della categoria del MISTRAL. Inoltre, credo che, pur volendo risparmiare al massimo, un pensiero si debba comunque fare alla presenza di almeno 1 lancia-razzi difensivo SCLAR-H ed 1 lanciatore di inganni antisom SLAT. Nulla si è detto in materia di sistemi elettronici. Tuttavia, è di questi giorni la notizia dell'avvenuto finanziamento di 900 milioni di Euro da parte del MSE per diversi programmi di ricera in ambito aerospaziale ed elettronica. Tra questi si fa riferimento anche a nuovi sistemi radar navali e terrestri. Vien subito da pensare al KRONOS, in corso di realizzazione sia in versione navale che terrestre. Credo che le nuove unità debbano essere dotate del radar 3D KRONOS NV per tanti motivi: - nel 2020 la tecnologia "attiva" sarà matura - le unità comparabili (olandesi in primis) comunque dispongono di sistemi similari - queste nuove unità avranno pochi punti di contatto con le attuali corvette e molti con le fregate... Per concludere, continuerò a definire queste unità come "i nuovi OPV della MMI". Questo solamente per evitare che qualche politico e pacifinto nostrano ostacoli la loro acquisizione, ben sapendo che stiamo parlando di unità che: - dimensionalmente saranno a metà strada tra le Lupo/Soldati e le Maestrale - avranno capacità marine e di pattugliamento assimilabili agli attuali nostri cacciatorpedinieri - avranno (probabilmente) una suite elettronica tale da consentire il loro inserimento in qualsiasi gruppo navale NATO/occidentale, a similitudine di qualsiasi attuale fregata - avranno una stealthness probabilmente superiore alle nostre attuali e future migliori realizzazioni (Doria/FREMM). Pertanto, pur trattandosi di fregate leggere (ma leggere solamente nel numero di sistemi d'arma) le continuerò a chiamare OPV...
×