Jump to content

A400M - discussione ufficiale


Recommended Posts

Gli USA potrebbero andare avanti tranquillamente per altri 50 anni con l'Hercules visto che stanno ordinando ancora altri Globemaster che possono sostenere le richieste più pesanti.

Per contro l'Italia dovrebbe decidersi a dotarsi di una, sia pur limitata, capacità di trasporto pesante anche a costo di tagliare in altri settori (su tutti EFA e JSF).

In ogni caso meno male che siamo usciti da questo programma, se non avessimo preso i Juliet a quest'ora staremmo ancora a tirare avanti con i C-130H presi come Gap Filler e assolutamente insufficenti per i nostri bisogni.

Link to comment
Share on other sites

veramente c'è un pò di insoddisfazione per la minor capacità del C-130 rispetto alle esigenze odierne : i veliconi net-centrici di oggi vengono progettati sulla base di un aereo che ha volato per la prima volta nel 1954 !

il C-17 costa quanto 12 nostri C-27 e non atterra ovunque: è necessario sostituire prima o poi il C-130 con qualcos'altro e dubito che sarà un convertiplano .

 

 

non invidio L' A400M ai franco tedeschi tanto possiamo sempre comprarlo come sostituto del C-130 a fine vita utile (Tremonti permettendo e sperando che la 46° non voli di più di quanto già non faccia )

 

ps. c' era già una discussione sul A400M continuiamo di là? riuniamo ?

Edited by cama81
Link to comment
Share on other sites

veramente c'è un pò di insoddisfazione per la minor capacità del C-130 rispetto alle esigenze odierne : i veliconi net-centrici di oggi vengono progettati sulla base di un aereo che ha volato per la prima volta nel 1954 !

il C-17 costa quanto 12 nostri C-27 e non atterra ovunque: è necessario sostituire prima o poi il C-130 con qualcos'altro e dubito che sarà un convertiplano .

non invidio L' A400M ai franco tedeschi tanto possiamo sempre comprarlo come sostituto del C-130 a fine vita utile (Tremonti permettendo e sperando che la 46° non voli di più di quanto già non faccia )

 

ps. c' era già una discussione sul A400M continuiamo di là? riuniamo ?

 

Atterra dove atterrano gli Hercules, anche sulle piste del deserto! E' stato progettato proprio per operare su piste piuttosto corte e semi-preparate. Guarda un po' l'ala con annessi e connessi. ;)

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder
veramente c'è un pò di insoddisfazione per la minor capacità del C-130 rispetto alle esigenze odierne : i veliconi net-centrici di oggi vengono progettati sulla base di un aereo che ha volato per la prima volta nel 1954 !

il C-17 costa quanto 12 nostri C-27 e non atterra ovunque: è necessario sostituire prima o poi il C-130 con qualcos'altro e dubito che sarà un convertiplano .

non invidio L' A400M ai franco tedeschi tanto possiamo sempre comprarlo come sostituto del C-130 a fine vita utile (Tremonti permettendo e sperando che la 46° non voli di più di quanto già non faccia )

 

ps. c' era già una discussione sul A400M continuiamo di là? riuniamo ?

 

 

Il C130 dovrebbe venire sostituito da un tilt rotor, a quanto ho letto mi pare su globalsecuirity o defense-update. Non credo passerà un Airbus, guarda quanto casino sta succedendo per il sostituto del KC135...

 

 

 

jhl-image41.jpg

Edited by intruder
Link to comment
Share on other sites

casino a parte il tabù del buy american è stato rotto.

per i tanker vedrai che faranno una due linee boeing e airbus ma non manderanno via airbus

 

vero che si progetta un tilt rotor per sostituire il C-130 però visto i problemi che affliggono l' osprey penso che ripiegheranno su velivoli tradizionali relegando i convertiplani a impieghi più di nicchia .

(a parità di carico e di volume i costi sono triplicati rispetto ad un EH-101 a questo punto se è la velocità che cerco , scelgo un aereo che atterri in piste cortissime e semipreparate )

Link to comment
Share on other sites

Guest iscandar
speriamo che le nostre FF.AA. possano sul serio permettersi quei c-17 che vorrebbero...ma ci pensate? dei C-17!!!!

a sto punto facevamo anche uno sforzino per i Galaxy :asd:

e poi atterrano solo su 4/5 piste in italia

Link to comment
Share on other sites

L'AM ha in dotazione i C-130J...

 

E' evidente che in termini di tangenza, autonomia e capacità di carico l'A400 è superiore al C-130J....

In realtà l'Italia ha -a mio modo di vedere- ben valutato le sue scelte in materia di trasporto aereo militare!

 

Di fatto le nostre esigenze operative non sono tali da giustificare una flotta di C-17 (o di A400): la 46ma BA svolge il suo compito in modo egregio e la versione allungata del C-130J soddisfa in pieno le abituali missioni di trasporto AMI, senza contare che nei casi in cui si renderà necessario un trasporto particolare (ad esempio i Mangusta sul teatro di guerra, piuttosto che qualche mezzo militare) potremmo fare ricorso ai Globemaster III della NATO (dei quali abbiamo acquistato già un gran numero di ore di volo, nel programma SAC). .

 

Se poi avessimo preso parte al programma di casa Airbus la 46ma BA avrebbe smesso praticamente di operare poichè con tutta probabilità i vecchi C-130H avrebbero raggiunto il loro limite massimo di utilizzabilità, e magari saremmo stati costretti a ricorrere ad una soluzione costosa e poco efficiente in stile F-16ADF, prendendo in leasing qualche impolverato C-130H americano: realizzando così uno spreco insensato di fondi. Ricordiamoci che l'A400 ha fatto solo il suo primo roll-out e dunque la consegna del primo esemplare è tutt'altro che imminente! Ora occorrerà attendere tutto il periodo di prove (particolarmente pesanti per questo tipo di aereo destinato ad operare su piste semipreaprate) e di test in volo che, se procederà senza intoppi, non durerà meno di 18/24 mesi....Che avrebbe dovuto fare l'AMI nel mentre??!?!?!?!?

 

Ultimo, ma non meno importante. Il C-130J si sposa in modo ottimale con il C-27J (anzi è più corretto il contrario). I due aerei godono della stessa avionica, delle stesse procedure di volo e degli stessi sistemi di controllo a bordo: ciò abbatte drasticamente il costo addestrativo del personale e permette di ridurne la composizione (potendo il personale di volo operare praticamente indistintamente su uno o l'altro velivolo). L'AMI sta facendo un grande sforzo per tagliare tutti i costi inutili e la scelta di puntara -ancora- sull'Hercules paga in questo senso.

 

Inoltre il C-130 si sta rivelando prezioso come aerorifornitore grazie ai kit acquistati recentemente (che lo trasformano in KC-130J)...soprattutto alla luce dei ritardi nella consegna del KC-767. Se non avessimo avuto i C-130J avremmo avuto anche questa ulteriore lacuna.

 

Riguardo a convertiplani....lasciate perdere: vedrete per quanto tempo ancora gli USA terranno in servizio gli Hercs. Almeno altri 30/40 anni!!! Anche dall'altra parte dell'oceano i problemi finanziari si fanno sentire, e prima di pensare al sostituto del C-130 (che nelle forze aeree americane svolge una miriade di ruoli e compiti) ci sarà da mettere mano ai KC-135 e ai KC-10 (che comunque sono stimati volare per altri 20/30 anni).

Edited by paperinik
Link to comment
Share on other sites

e poi atterrano solo su 4/5 piste in italia

 

ma no!

possono atterrare anche in aperta Pianura Padana:

 

c17.jpg

 

e sul Cavour:

 

C17Landing.jpg

 

la versione per le Frecce Tricolori:

 

480px-C-17_6.jpg

 

e la versione UAV:

 

top_view.jpg

 

 

 

cmq quoto quel che ha detto pap

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

I problemi ai motori erano facilmente immaginabili...anche se a dire il vero sembra che la sfiga perseguiti il TP400... :rolleyes:

Quando si decise per le turboeliche veloci, rinunciando alla grandissima offerta di potenti turbofan commerciali, si pensò ai benefici della scelta (notevoli capacità tattiche e STOVL, semplificazione degli ipersostentatori, bassi consumi), ma meno agli svantaggi...il più grosso dei quali era che il motore...non esisteva e bisognava progettarlo e metterlo a punto...Cosa non certo semplice...

La scelta infelice di partire dal core dello Snecma M-88 del Rafale portò a perdere ulteriore tempo per ricominciare da capo. Poi i problemi aerodinamici che si risolsero ricorrendo a eliche con 2 sensi di rotazione (e conseguenti problemi logistici e manutentivi a gestire 2 riduttori diversi).

Ora altri problemi...di dentizione...

Io però penso sia stata una scelta coraggiosa e, visti i prezzi del petrolio, anche lungimirante...

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...
  • 1 month later...

Pare che i problemi che hanno afflitto il propulsore dell'A400 stiano venendo risolti rapidamente.

 

Il TP400-D6 (questa è la denominazione ufficiale del motore turboelica) ha finalmente raggiunto la sua potenza massima in un volo test. Ovviamente la gondola motore non era montata sull'A400 ma su un C-130 appositamente modificato.

 

I passi successivi saranno tesi a verificare la resistenza delle eliche allo stress, alla stabilità del motore e all'utilizzo con venti traversi.

 

http://www.flightglobal.com/articles/2008/...full-power.html

Link to comment
Share on other sites

riporto un trafiletto apparso sul corriere della sera di oggi...in un'intervista l'AD dell'EADS ha chiesto ai governi di non chiedere più penali per eventuali ritardi di consegna dei veivoli, pena la cancellazione del programma..in pratica questo tizio diceva che il progetto è nato male, che ci sono stati parecchi errori ma qualsiasi altro ostacolo sarebbe vitale per il proseguimento...ormai sono proprio alla frutta...fortunatamente siamo usciti in fretta da queste sabbie mobili

Link to comment
Share on other sites

riporto un trafiletto apparso sul corriere della sera di oggi...in un'intervista l'AD dell'EADS ha chiesto ai governi di non chiedere più penali per eventuali ritardi di consegna dei veivoli, pena la cancellazione del programma..in pratica questo tizio diceva che il progetto è nato male, che ci sono stati parecchi errori ma qualsiasi altro ostacolo sarebbe vitale per il proseguimento...ormai sono proprio alla frutta...fortunatamente siamo usciti in fretta da queste sabbie mobili

 

Ma era una interpretazione del giornalista o era un virgolettato?! Sarebbero dichiarazioni decisamente imbarazzanti da parte dell'AD di EADS.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...