Jump to content

albys

Membri
  • Posts

    291
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by albys

  1. albys

    Eurotank

    non ho trovato nulla relativo a questo argomento con la funzione ricerca....è un po' che ci stavo pensando...in campo aeronautico e navale le nazioni europee da molto tempo hanno realizzato programmi in comune anche di notevoli dimensioni come tutti sappiamo...invece nel campo terrestre invece sussiste una certa autarchia....eppure dal mio punto di vista ci sarebbe la necessità di un nuovo mezzo corazzato. insomma i vari carri occidentali sono figli di progetti degli anni 80', hanno una certa età e si va vanti solo con aggiornamenti vari..quasi tutte le nazioni stanno riducendo il numero dei carri in servizio, tuttavia nessuno ne vuole fare a meno anche in questi periodi caraterizzati da missione di peacekeeping, in cui sono meglio visti veicoli ruotati...però abbiamo visto che tali mezzi, anche se notevolmente sviluppati dal punto di vista della protezione antimina, rimangono vulnerabili e poi sono sempre attaccabili da armi più pesanti come RPG o addirittura missili anticarro. inoltre alcune nazioni come il canada hanno riconosciuto la valadità del carro armato anche in tale contesti, come in afghanistan. ecco che quindi sarebbe il momento di sviluppare un nuovo mezzo, magari (e qui vado un po' di fantasia) riducendo il peso utilizzando materiali nuovi (restando tra le 40/45t) che però siano più resistenti di quelli attuali e che abbiano sistemi di protezione attiva, tipo quello proposto da otomelara.. inoltre con un peso ridotto sarebbe più facile trasportarli e utilizzarli anche nel peacekeeping, missioni che comunque necessitano di fuoco di supporto.. insomma tirando le somme direi che si partisse con un progetto nel giro di 1/2, vedendo i tempi abbastanza lunghi dei programmi multinazionali europei, si potrebbe avere un mezzo per il decennio dal 2020 in poi, contando che se non si partisse a quella data i carri occidentali avrebbero più o meno 40 anni
  2. visto che stiamo andando verso la fine dell'anno, volevo sapere se ci sono novità sull'avvio di qualche programma..ad esempio non dovevano essere approvati 2 rifornitori di squadra??? anche il programma sulle nuove LHD/LPD è fermo al palo???
  3. dopo l'attaco di ieri, a quanti mezzi danneggiati/distrutti siamo arrivati da quando il lince è stato schierato in afghanistan??? almeno 20/25 secondo me
  4. non c'è da stupirsi sapendo chi è il proprietario del Times: il sig. rupert murdoch...che oltre all'offensiva contro berlusconi, anche in america, tramite fox, sta conducendo un attacco mai visto contro un presidente eletto
  5. si infatti io ho parlato di gestione....col petrolio e il gas potrebbero permettersi per ipotesi anche una nave tipo garibaldi per dire... adesso la marina algerina è composta da queste unità http://en.wikipedia.org/wiki/Algerian_Navy sembra proprio una marina costiera...passare alle FREEM è come passare dal cinquantino alla YAMAHA di rossi...lo puoi fare ma occhio a non schiantarti poi è scontato che a noi non ce ne frega niente e basta che paghino
  6. a me pare comunque strano che una marina minore come quella algerina possa gestire 6 FREEM, non una come il marocco..
  7. bello il numero di settembre di RID.....riguardo al prowler, non sapevo che fosse usato in afghanistan per far detonare gli IED dall'alto.....se ne sentirà la mancaza di questo formidabile aereo
  8. no visto che è un operazione in ambito NATO, pensavo che avessimo sempre dei ritorni in ambito NATO, tipo trasporti
  9. tipo trasporti scontati di materiali/truppe in afghanistan??
  10. L'india ha appena pagato un'altra tranche di 102 milioni di $ alla russia (oltre ai 680 già spesi) per la trasformazione della portaerei KIEV...i lavori dureranno altri 14-18 mesi, sempre che i sistemi della nave funzionino....ma dico una marina che ha ambizioni come quella indiana non poteva rivolgersi per esempio alla francia per la realizzazione di portaerei con catapulta?
  11. ma più che altro la domanda che mi sorge spontanea è: lo facciamo a gratis o ci pagano???
  12. altre gabole per la royal navy....sembra infatti che il programma relativo ai type 45, oltre ad avere accumulato 2 anni di ritardo sulla realizzazione, abbia un altro piccolo problemino: il sistema SAMPSON/ASTER non è ancora stato testato, quindi la FOC si avrà solo nel 2011...ciò si tradurrà in un ulteriore aggiornamento dei vecchi type 42 con ulteriori costi aggiuntivi....
  13. ma comunque secondo me si sono persi anni preziosi anche per via della guerra in iraq...se ci fosse stato un solo teatro operativo tutte le truppe si sarebbero concentrate li con indubbi vantaggi...
  14. anche su RID di settembre nativi dice che da gennaio gli AMX daranno il cambio ai tornado
  15. si tra l'altro disponiamo del miglior mezzo semovente...perchè non testarlo sul campo??? gli olandesi lo fanno già...comunque anche i tank non sarebbero male, i leo2 dei canadesi e olandesi si sono comportati molto bene....
  16. ascolta non sono pensieri miei, ma riferisco quello che mi hanno detto due medici, che ne sanno certamente più di me e di te ( a meno che non sia anche tu un medico)
  17. l'inter offre 9 milioni per 4 anni ad eto'o...lui ne vorrebbe 10 per 5..si farà 9,5 per 4+opzione
  18. allora parlando con il mio medico di famiglia e con un'altra mia amica che studia medicina mi hanno confermato che l'influenza si sta diffondendo soprattutto in gran bretagna per 2 motivi principali: -a londra negli ultimi giorni, ma in generale d'estate, fa fresco....18/20 gradi..la gente sta quindi in luoghi chiusi e non aperti come in italia....il virus quindi si diffonde più velocemente...in italia, complice le temperature alte, il virus attualmente non riesce a diffondersi perchè semplicemente non resiste al caldo...se guardate i paesi attualmente più colpiti son inghilterra appunto, stati uniti( compilice la vicinanza col messico e anche per via di un estate fredda) e australia(è inverno)...la spagna, che comunque ha avuto casi per via dei contatti frequenti col sud america, ha registrato 1000 casi contro i 12000 inglesi - il sistema sanitario inglese, soprattutto quello dei medici di famiglia, fa acqua...pensate che nei week-end arrivano medici da altri paesi vicini, tipo olanda, francia danimarca, perchè hanno carenza di personale..in italia, tanto vituperata per casi di malasanità, esiste un'efficace rete di allarme molto efficace creata hai tempi dell'aids, che ha funzionato anche con la sars e l'aviaria.. sulla pericolistà della malattia invece mi hanno detto che attualmente preoccupa come un'influenza stagionale, anzi forse meno....il problema è che comunque durante l'influenza invernale su circa 6 milioni di contagiati, muiono 8/10000 persone all'anno per complicanze collegate al virus...se calcoliamo che oltre a questo virus quello dell'influenza normale, ecco che i numeri possano essere elevati....per quanto riguarda il vaccino, purtroppo i tempi non son quelli dei film..
  19. da quel che ho letto su RID questo nuovo veicolo dovrebbe entrare in servizio inizialmente come ambulanza
  20. penso che quel finanziamento riguardasse i 2 nuovi rifornitori AOR in sostituzione del vesuvio e stromboli e non 2 LPD.....
  21. http://www.difesanews.it/archives/eurofigh...tificazione-qrf Superano il test dell’Alleanza Atlantica gli Eurofighter della base aerea di Grosseto, i primi ad effettuare con successo la valutazione operativa della NATO e oramai pronti ad effettuare rischieramenti all’estero per operazioni di peace keeping e di peace making. Un team di valutatori dell’Alleanza Atlantica, nell’ambito dell’esercitazione “Operation Discrete Jury”, ha infatti “promosso” a pieni voti il 4° Stormo Caccia di Grosseto dell’Aeronautica Militare quale NATO Quick Response Force. Il 4° Stormo diventa così il primo reparto di volo, dotato di velivoli Eurofighter, ad ottenere questa importante certificazione NATO. Nell’arco dei dieci giorni di durata della valutazione, un team composto da ufficiali e sottufficiali provenienti da Paesi facenti parte della NATO e da Paesi partner della stessa, hanno valutato molteplici attività dello Stormo quali le operazioni di volo, la manutenzione, il pronto soccorso, il supporto logistico, le telecomunicazioni, sopravvivenza delle forze etc. Una significativa parte del personale dello Stormo ha poi sostenuto anche esercitazioni pratiche di tiro con armi portatili, test teorici e pratici per valutare lo stato di reale preparazione del personale stesso su procedure, regole d’ingaggio e quant’altro necessario in caso di impegno futuro del dipendente IX gruppo di volo in scenari di crisi reale. Si è trattata in sintesi di una valutazione globale che ha interessato il Reparto nel suo complesso: dall’azione di comando, alla gestione logistica di uomini e mezzi in uno scenario di crisi simulato e appositamente creato dal team valutativo. Il 4° Stormo, insieme al 5° Stormo di Cervia, al 36° Stormo di Gioia del Colle e al 37° Stormo di Trapani, è uno dei reparti che concorrono al servizio di sorveglianza dello spazio aereo italiano assicurandone così la difesa 365 giorni all’anno, 24 ore su 24. Il 4° Stormo è inoltre il Reparto che ha anche il compito, con il dipendente XX gruppo, di assicurare la transizione dei piloti destinati alla linea Eurofighter. Giovanni Bertolone, Amministratore Delegato di Alenia Aeronautica, ha così commentato: “Siamo particolarmente soddisfatti per questo importante riconoscimento, sia all’Aeronautica Militare ed in particolare a tutto il personale della base di Grosseto, sia alle capacità operative dell’Eurofighter Tyhoon, che lo conferma come il più avanzato velivolo da difesa aerea di nuova generazione e perfettamente rispondente agli stretti requisiti NATO”. Si tratta di un risultato di grande valenza per l’Eurofighter Typhoon, il velivolo da difesa aerea progettato, sviluppato e prodotto da un consorzio quadrinazionale composto da UK, Germania, Spagna e Italia e che vede la partecipazione di Alenia Aeronautica con una quota industriale del 21%. Alenia è responsabile della costruzione dell’ala sinistra, della progettazione e costruzione della fusoliera posteriore insieme a BAE Systems, della progettazione ed integrazione di alcuni sistemi di bordo, quali armamento e navigazione, nonché dell’integrazione di tutto il sistema propulsivo. La società italiana è inoltre responsabile dell’assemblaggio finale di tutti i velivoli per l’Aeronautica Militare. direi bene, no????
  22. si i problemi riguardano soprattutto la ridondanza dei sistemi...cioè questa nave è armata come una FREEM però pesa 1/7
  23. secondo bisognerebbe inserire di più l'insegnamentoi dell'economia e della finanza...siamo indietro molto su queste materie a livello di insegnamento di scuola superiore a livello generale ( ovviamente non negli istituti tecnico-commerciali)
  24. oggi il colonello si vedeva col gotha di confindustria....presenti tra gli altri ENEL, ENI, Impregilo e FINMECCANICA...dite che riusciamo a vendergli qualcosa??? es. -M-346 o F-2000 ( se no magari i francotti gli propinano il Rafale!!!) - motovedette o pattugliatori - Lince per il pattugliamento della frontiera sud
×
×
  • Create New...