Jump to content

Eurofighter Typhoon - discussione ufficiale


Sam
 Share

Recommended Posts

Nel caso fosse andato in porto il contratto con l'india, chi sarebbe stato il prime contractor?

 

La trattativa è stata condotta sin dall'inizio da Cassidian-Deutschland (ex EADS) e in caso di firma del contratto, sempre Cassidian-Deutschland ne avrebbe curato i dettagli sia con il governo indiano che con le aziende locali.

 

Negli ultimi mesi della campagna di presentazione del velivolo, British Aerospace tentò di affiancare Cassidian (forse intuendo che l'approccio tedesco fosse poco incisivo?), ma questa rifiutò il supporto. D'altra parte il Prime Contractor ottiene la fetta più cospicua del contratto, e probabilmente i tedeschi temevano di dovere spartire la torta.

Link to comment
Share on other sites

La trattativa è stata condotta sin dall'inizio da Cassidian-Deutschland (ex EADS) e in caso di firma del contratto, sempre Cassidian-Deutschland ne avrebbe curato i dettagli sia con il governo indiano che con le aziende locali.

 

Negli ultimi mesi della campagna di presentazione del velivolo, British Aerospace tentò di affiancare Cassidian (forse intuendo che l'approccio tedesco fosse poco incisivo?), ma questa rifiutò il supporto. D'altra parte il Prime Contractor ottiene la fetta più cospicua del contratto, e probabilmente i tedeschi temevano di dovere spartire la torta.

 

A questo punto mi sembra lecito porre una domanda .... non sarà che queste interferenze fra partners (sia pure volte all'ottenimento di un felice esito della competizione in atto) possano avere fatto più male che bene ?

Link to comment
Share on other sites

L'essere il prime contractor dipende dal peso politico/industriale che ha l'azienda in un determinato paese in cui si vuole vendere il prodotto.

Mi meraviglia assai il fatto che i tedeschi fossero prime contractor in India, visti i secolari legami tra UK e il paese asiatico

Link to comment
Share on other sites

Comunque lea vendita in India era portata avanti dai tedeschi, non ho mai compreso il perchè di quella scelta.

Sicuramente gli inglesi e probabilmente anche noi italiani eravamo messi meglio come "peso politico".

 

Durante la valutazione svizzera era stata più volte evidenziata la pesantezza del consorzio che, durante la sua ormai abbastanza lunga esistenza, ha avuto anche gravi "incidenti" finanziari e giudiziari. Il consorzio è, giuridicamente, una "Società a garanzia limitata" (GmbH) tedesca con sede a Monaco di Baviera. E come tale bisogna tenerne conto. Appare chiaro però che il Regno Unito, soprattutto fra i Paesi del Golfo, ha un'influenza e un potere contrattuale che, anche per motivi storici, la Germania non ha e non può avere. A parte i costi dell'apparecchio (sulla carta), la Germania nella competizione svizzera è partita già "sconfitta", senza reazioni circa i dubbi sulle manchevolezze della strumentazione (radar superato), senza comunicati (richiesti dalla stampa) dopo una seria panne durante le prove, senza risposte circa due risultati inferiori all' F-18. Si diceva che è rimasta (la Germania rappresentante del Consorzio) in competizione solo per "motivi politici". E, alla fine, senza comunicati finali... che ci sono stati invece da parte della Francia e di Dassault. Ora, mi pare, non si possono vincere competizioni con questi sistemi. Per l' India ricordiamoci poi che la Francia, con la sua industria aeronautica, è ben presente da decenni nel Paese. Che poi la IAF acquisti davvero nuovi aerei...mah, ormai si può anche dubitare.

Link to comment
Share on other sites

Che poi la IAF acquisti davvero nuovi aerei...mah, ormai si può anche dubitare.

 

Non riesco ad afferrare il senso di quest'ultima affermazione .... in quanto le forze aeree indiane sono attualmente impegnate in numerosi programmi di acquisto di nuovi aerei da combattimento ....

Link to comment
Share on other sites

A questo punto mi sembra lecito porre una domanda .... non sarà che queste interferenze fra partners (sia pure volte all'ottenimento di un felice esito della competizione in atto) possano avere fatto più male che bene ?

 

Le beghe interne al consorzio non credo che inficino le trattative.

 

Credo che la sconfitta di Eurofighter in India sia dipesa dal fatto che il "sistema Dassault / governo francese" abbia fornito al governo indiano un pacchetto complessivo superiore:

- supporto politico-diplomatico-militare (durante le crisi con i vicini),

- scambio di informazioni su tecnologia nucleare civile e militare,

- un aeroplano che soddisfa i requisiti militari del bando ed un prezzo inferiore (lower bid).

 

Invece il "sistema Cassidian-D / governo tedesco" probabilmente non ha saputo garantire gli aspetti riguardanti la parte extra velivolo. Teniamo in conto che la Francia mantiene da diversi anni rapporti privilegiati con il governo indiano e già da diversi decenni offre supporto militare-diplomatico e di intelligence. Il sistema francese quindi offre delle certezze che il sistema tedesco non offre.

 

 

Alenia per quali paesi è prime contractor?

 

Alenia è Prime Contractor verso diversi paesi balcanici: Romania, Bulgaria, forse la Serbia. Inoltre ha condotto la gara in Brasile.

 

 

Durante la valutazione svizzera era stata più volte evidenziata la pesantezza del consorzio che, durante la sua ormai abbastanza lunga esistenza, ha avuto anche gravi "incidenti" finanziari e giudiziari. Il consorzio è, giuridicamente, una "Società a garanzia limitata" (GmbH) tedesca con sede a Monaco di Baviera. E come tale bisogna tenerne conto. Appare chiaro però che il Regno Unito, soprattutto fra i Paesi del Golfo, ha un'influenza e un potere contrattuale che, anche per motivi storici, la Germania non ha e non può avere. A parte i costi dell'apparecchio (sulla carta), la Germania nella competizione svizzera è partita già "sconfitta", senza reazioni circa i dubbi sulle manchevolezze della strumentazione (radar superato), senza comunicati (richiesti dalla stampa) dopo una seria panne durante le prove, senza risposte circa due risultati inferiori all' F-18. Si diceva che è rimasta (la Germania rappresentante del Consorzio) in competizione solo per "motivi politici". E, alla fine, senza comunicati finali... che ci sono stati invece da parte della Francia e di Dassault. Ora, mi pare, non si possono vincere competizioni con questi sistemi. Per l' India ricordiamoci poi che la Francia, con la sua industria aeronautica, è ben presente da decenni nel Paese. Che poi la IAF acquisti davvero nuovi aerei...mah, ormai si può anche dubitare.

 

L'interfaccia alla gara svizzera è stata Cassidian-D, non Eurofighter GmbH. L'inadeguatezza della presentazione è da imputare solo a Cassidian, che ha impostato la presentazione a proprio piacimento.

Però se ne deduce che se il velivolo fosse presentato alla stessa gara da 2 aziende diverse (supponiamo BAe e Cassidian-D), la presentazione sarebbe molto diversa per entrambe, con esiti non scontati. In questo senso British Aerospace è molto più preparata delle altre aziende del consorzio.

 

Link to comment
Share on other sites

Condivido quanto sopra. Sempre per la Svizzera è apparso evidente alla stampa e all'opinione pubblica più interessata che, invece di un aereo (le Forze aeree richiedevano un "aereo da combattimento"), le proposte tedesche erano incentrate piuttosto su un grosso "accordo industriale" con le industrie della Confederazione e con la ditta di Stato RUAG in particolare. Insomma, accordi fra partner già con un interscambio commerciale colossale. Si chiedeva poi, visto che non si trattava di un aereo di nuovissima concezione, la presentazione di qualcosa di completo e di "definitivo". L' impressione è che si aveva a che fare invece con una specie di "cantiere". L' Efa è poi partito subito con l'appellativo di aereo "caro" al punto che, giocando sul nome, era definito "Teurofighter" (Teuer = caro). L'entità ufficiale dell'offerta (non resa pubblica) sembra fosse invece inferiore a quella di Dassault per il suo Rafale.

Edited by mo-mo
Link to comment
Share on other sites

Condivido quanto sopra. Sempre per la Svizzera è apparso evidente alla stampa e all'opinione pubblica più interessata che, invece di un aereo (le Forze aeree richiedevano un "aereo da combattimento"), le proposte tedesche erano incentrate piuttosto su un grosso "accordo industriale" con le industrie della Confederazione e con la ditta di Stato RUAG in particolare. Insomma, accordi fra partner già con un interscambio commerciale colossale. Si chiedeva poi, visto che non si trattava di un aereo di nuovissima concezione, la presentazione di qualcosa di completo e di "definitivo". L' impressione è che si aveva a che fare invece con una specie di "cantiere". L' Efa è poi partito subito con l'appellativo di aereo "caro" al punto che, giocando sul nome, era definito "Teurofighter" (Teuer = caro). L'entità ufficiale dell'offerta (non resa pubblica) sembra fosse invece inferiore a quella di Dassault per il suo Rafale.

 

Credo che il progetto EF-2000 sia volutamente nato come un cantiere permanente. Gli ultimi anni hanno dimostrato che i velivoli possono avere una vita operativa molto lunga, 40 anni e più: nascono in certi periodi storici per ricoprire certi ruoli per poi evolvere nel corso degli anni ed adattarsi a scenari completamente diversi. Credo quindi che a livello di di requisito sia stata volutamente lasciata aperta la possibilità di modificare e di fare evolvere il progetto nelle direzioni richieste dai nuovi scenari operativi dei vari utilizzatori (le varie tranche, block, drop, ecc.). Quindi probabilmente anche il contratto commerciale è concepito per agganciare l'aviazione cliente e coinvolgerla per il futuro in una serie di upgrade e di integrazioni su misura a fronte di ampie compensazioni industriali. Questa è una scelta dei paesi fondatori che hanno certe esigenze, ma chi, come l'Aeronautica Svizzera, desidera un prodotto "fatto e finito", sicuramente cerca altro.

 

Quanto ai costi, in termini assoluti l'EF-2000 è sicuramente un aeroplano costoso, che però, a differenza di altri velivoli, ha dimostrato una sicurezza in volo elevatissima, mai raggiunta prima da alcun velivolo di questa categoria. Il maggior costo del velivolo dipende dal valore aggiunto della sicurezza, che deve essere ben valutato.

Se mi si permette un paragone, è un po' come quando si compera un'automobile: si può sempre spendere poco, ma se l'auto poi presenta problemi, alla fine ne valeva la pena? Ognuno valuta le varie opzioni ovviamente in base alla risorse economiche a disposizione, ma il valore assoluto da solo è un poco fuorviante.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Ma sì, si possono dire tante cose ma, a proposito della valutazione svizzera, non è che il consorzio abbia presentato, come prodotto, di più degli altri due concorrenti. La scelta è stata (logicamente) di tipo finanziario. Ma anche se non ci fossero stati gli attuali, voluti limiti di spesa (come sarebbe stato invece negli anni 80) la scelta sarebbe caduta quasi sicuramente sul Rafale, preferito dalle Forze aeree e vincitore della valutazione. Un dettaglio non da poco: il consorzio ha presentato il nettamente migliore programma di compensazione industriale. Il minimo era stabilito nel 100% del valore del contratto... In realtà ha presentato compensazioni per 8 miliardi di franchi cioè oltre 2,5 volte di quanto richiesto. Eppure questa maxi compensazione, importante in termini di punteggio nel contesto della valutazione, non è riuscita a compensare il distacco del Typhoon rispetto al Rafale. Ma oramai sono cose passate, le scelte svizzere fatte e la "vendibilità" degli aerei in questione sempre bassa. Discorsi che abbiamo fatto più volte, poi ognuno si tenga le sue preferenze e le sue emozioni.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Dal "Daily Report" dell'AFA del 24 Gennaio 2013 ....

 

 

bhf5g7_th.jpg

 

Typhoons in the Desert:

 

Royal Air Force Typhoon fighters deployed to the United States for two months of exercises and training, announced the British air arm on Wednesday.

 

This deployment will include the British fighters' debut next month at a Red Flag aerial combat training exercise at Nellis AFB, Nev., states the RAF's Jan. 23 release.

 

The Typhoons will initially spend several weeks developing tactics with F-22s at JB Langley-Eustis, Va., at Exercise Western Zephyr, reported the Bermuda Sun.

 

"It is a big opportunity to test the capability of the aircraft and the pilots against the very best and develop tactics," said Wing Cdr. Richard Wells, leader of 11 Squadron, according to the newspaper's Jan. 23 report.

 

The squadron's Typhoons are on this deployment, the unit is based at RAF Coningsby.

 

The Typhoons will then fly to Nellis for Red Flag 13-3, according to the RAF release.

 

"This has been over six months in the planning and is the first time the RAF has deployed Typhoon to such a prestigious exercise," said Squadron Leader Andy Chisholm, 11 Squadron's executive officer.

Link to comment
Share on other sites

Avevo già segnalato, alcuni giorni fa, la notizia dell'offerta al Perù da parte della Spagna di un congruo numero di "Eurofighter Tranche 1" ....

 

Ora "Flightglobal.com" la conferma .... fornendo dettagli sull'attuale stato della Fuerza Aérea del Perù ....

 

http://www.flightglobal.com/news/articles/spain-offers-eurofighters-to-peru-381843/

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

  • In questo sito

http://www.eurofighter.aero/eurofighter/switzerland/it/eurofighter/zuverlaessigkeit/weapons.html

 

postato sul topic 'aerei per la svizzera' una messe di dati sul Tifone, ovviamente da prendere con riserva, trattandosi di sito pubblicitario..... ma alcune cose risultano davvero interessanti.

 

  • capacità supercruise mantenuta a lungo senza uso di postcombustori, velocità media di circa Mach 1,5
    • regolari intervalli di cura e manutenzione di una certa entità devono essere previsti soltanto dopo 400 ore di volo (ogni due anni circa),
    • il 50% di tutti gli errori di sistema che si presentano è risolvibile nel giro di 45 minuti,
    • la concezione costruttiva dell’Eurofighter volta a una manutenzione ottimizzata consente un funzionamento con meno di nove ore/uomo di manutenzione per ogni ora di volo; l’Eurofighter è quindi molto più vantaggioso di tutti i modelli di velivoli da sostituire (per i quali si devono prevedere tra le quaranta e le cento ore/uomo di manutenzione),
    • terminato il volo, l’Eurofighter può essere reso nuovamente pronto all’uso da due persone nel giro di 15 minuti,
    • il propulsore può essere sostituito da quattro persone in soli 45 minuti.
    • Funzioni standard: seguire la rotta impostata, portarsi a un’altezza e a una rotta prestabilite, eseguire automaticamente un avvicinamento strumentale
    • sistema autopilota con funzione Auto Throttle
    • attacco autonomo con missili guidati sulla base di soluzioni di attacco proposte dal sistema
    • esecuzione in autonomia di una Combat Air Patrol (CAP)
Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Consegnato alla Luftwaffe il 100° Eurofighter ....

 

2wgccc7.jpg

 

Here, flying, is the Luftwaffe's 100th Eurofighter.

It is assigned to the country's Boelke Fighter Bomber Wing 31 based in Noervenich.

The service received its first Eurofighter from Cassidian at the beginning of 2003.

 

Fonte .... Flight International

 

Anche qui .... http://www.aviationnews.eu/2013/02/28/cassidian-delivers-100th-eurofighter-to-the-german-air-force/

Edited by TT-1 Pinto
Link to comment
Share on other sites

Nuovi aggiornamenti presenti sui "Typhoon" della RAF che partecipano all'esercitazione "Red Flag 13-3" ....

 

RAF puts Typhoon upgrade through paces during Red Flag ....

 

The UK Royal Air Force is using a new upgrade to its Eurofighter Typhoon combat aircraft during exercise Red Flag 13-3 in the USA, with the enhancement to also soon be embodied with all its early production examples of the type.

 

Fonte .... http://www.flightglobal.com/news/articles/raf-puts-typhoon-upgrade-through-paces-during-red-flag-383289/

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...