Jump to content
AlfaAndOmega86

Sukhoi Su-57 - discussione ufficiale

Recommended Posts

SR-71 caccia stealth??? Ti consiglio la lettura della discussione ufficiale sul Blackbird...

Inoltre, per cortesia, evitiamo entrare nei soliti discorsi "questo è più bello di quello".

 

Usiamo il 3D per inserire nuove info sul Pak-Fa.

 

 

Thanks!

Share this post


Link to post
Share on other sites

premesso che di tecniche di riduzione della traccia radar ne capisco poco niente (altrimenti ora vi scriverei da Marietta :rotfl: ) mi sorge un dubbio riguardante il T-50: al contrario degli omologhi americani F-22 e F-35, si vede benissimo nelle varie foto, che il T-50 ha il dorso dei vani motori completamente in metallo vivo (ossia senza nessun specifico rivestimento per ridurre la traccia radar). Come è possibile?

 

2qmf91i.jpg

Edited by Mustanghino

Share this post


Link to post
Share on other sites

Diciamo che eventuali materiali esotici nel rivestimento sono solo in alcuni punti specifici e non ovunque.

Il punto è che nemmeno la vernice RAM li resisterebbe a causa della temperatura eccessiva. Effettivamente queste sono cose che siamo abituati a vedere su un F-15 o un Su-27 ma qui stona un po'...

Diciamo che il Pak Fa risponde a specifiche un po’ meno stringenti in termini di riduzione della traccia radar (rispetto ad aerei come F-22 ed F-35) e in questo caso anche infrarossa, visto che i vani sono un tantino caldi e le carenature dei motori piuttosto "attillate".

C’è da dire comunque che quello è un prototipo e che i motori non sono nemmeno quelli definitivi.

Solitamente, a uno stadio più avanzato dello sviluppo, compaiono altri gadget che in una prima fase non è opportuno inserire per non mettere troppa carne al fuoco e non introdurre troppi elementi critici.

Share this post


Link to post
Share on other sites

SR-71 caccia stealth??? Ti consiglio la lettura della discussione ufficiale sul Blackbird...

Inoltre, per cortesia, evitiamo entrare nei soliti discorsi "questo è più bello di quello".

 

Usiamo il 3D per inserire nuove info sul Pak-Fa.

 

 

Thanks!

 

Giusto, giusto. Ricognitore strategico... :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

SR-71 caccia stealth??? Ti consiglio la lettura della discussione ufficiale sul Blackbird...

Inoltre, per cortesia, evitiamo entrare nei soliti discorsi "questo è più bello di quello".

 

Usiamo il 3D per inserire nuove info sul Pak-Fa.

 

Thanks!

 

Accontentato .... ;)

 

qs7p.jpg

 

zlikg.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

A voi il terzo prototipo:

 

 

079821.jpg079836.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che si siano evidenziate delle crepe non è un buon segno, poichè -se non ricordo male- il disegno della cellula e i materiali impiegati dovrebbero essere quelli definitivi; non si è dunque di fronte dunque un problema che riguarda,per così dire, accessori facilmente modificabili,ma proprio la struttura portante dell'aereo. Non ho nulla contro la Sukhoi nè auguro loro del male,però non è un buon segno che dopo 100 voli-brevi- già si siano evidenziati dei pur piccoli cedimenti strutturali quando ancora dovevano essere effettuate le prove più dure in quanto a sollecitazioni. A mio parere non è un dramma,però non posso escludere che possa essere necessario pensare ad una riprogettazione parziale della cellula,magari irrubostendo alcuni settori particolari accettando qualche quintale di peso in più,non sarebbe la fine del mondo,accettando però un allungamento dei tempi di sviluppo e influire negativamente sul progetto strettamente collegato di caccia stealth "avanzato" indiano

Edited by Simone

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che si siano evidenziate delle crepe non è un buon segno

 

Mi devo essere perso la notizia, ti dispiacerebbe postare la fonte?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi devo essere perso la notizia, ti dispiacerebbe postare la fonte?

C'è l'hai sopra nell'articolo postato a maggio da Pinto alla prima riga del paragrafo "Problems".

 

Che si siano evidenziate delle crepe non è un buon segno, poichè -se non ricordo male- il disegno della cellula e i materiali impiegati dovrebbero essere quelli definitivi; non si è dunque di fronte dunque un problema che riguarda,per così dire, accessori facilmente modificabili,ma proprio la struttura portante dell'aereo. Non ho nulla contro la Sukhoi nè auguro loro del male,però non è un buon segno che dopo 100 voli-brevi- già si siano evidenziati dei pur piccoli cedimenti strutturali quando ancora dovevano essere effettuate le prove più dure in quanto a sollecitazioni. A mio parere non è un dramma,però non posso escludere che possa essere necessario pensare ad una riprogettazione parziale della cellula,magari irrubostendo alcuni settori particolari accettando qualche quintale di peso in più,non sarebbe la fine del mondo,accettando però un allungamento dei tempi di sviluppo e influire negativamente sul progetto strettamente collegato di caccia stealth "avanzato" indiano

 

Ehmm...Mi sa che la stai facendo troppo tragica. E’ un prototipo e come tale di definitivo non c’è proprio un tubo, dagli impianti, all’avionica, ai propulsori, all'aerodinamicha e anche alla struttura.

Storicamente i velivoli di origine sovietica/russa hanno sempre subito pesanti modifiche da prototipo ad aereo di serie, modifiche che con una certa disinvoltura si sono applicate anche in seguito e non solo al contenuto, ma anche al contenitore.

In questa fase tutto va verificato e testato e tutto può essere soggetto a modifiche che alla fine dello sviluppo non a caso si contano sempre a migliaia.

Le cricche, al giorno d’oggi, con i metodi di calcolo strutturale a elementi finiti e le simulazioni dei carichi applicati, non sono praticamente mai da attribuirsi a grossolani errori progettali da correggere con “quintalate” di struttura in più, ma a concentrazioni di sforzo in punti ben specifici da cui le cricche partono e si propagano.

Individuati tali punti si procede solitamente a irrobustimenti molto localizzati o all’eliminazione di eventuali fenomeni aeroelastici che hanno originato carichi eccessivi e che non sono mai facili da individuare tutti in fase di progetto.

In ogni caso non c’è nulla che non sia nel novero della normalità, altrimenti non si farebbero le prove strutturali statiche e dinamiche e non si dedicherebbero anni a mettere a punto un velivolo di tale complessità.

Lo sviluppo di un velivolo moderno non è mai sola verifica di quanto fatto, ma è continua evoluzione e affinamento del progetto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Storicamente i velivoli di origine sovietica/russa hanno sempre subito pesanti modifiche da prototipo ad aereo di serie ....

Esempio pratico .... ecco come si presentava il prototipo T-10 del Su-27 ....

 

24ffbs5.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

IAF decides on 144 Fifth Generation Fighters

 

India commits $6 bn for developing stealth jet with Russia

 

PAK-FA/FGFA/T50: India, Russia Cooperate on 5th-Gen Fighter

 

Those demonstrators have taken on several names. The T50 may eventually become the SU-50, but for now it’s referred to as the PAK-FA. The aircraft is also known as FGFA (India, Fifth Generation Fighter Aircraft), and PMF (Russia, Prospective Multirole Fighter). Key characteristics include:

 

Shape: Some observers have tried to characterize the T50 as a copy. That’s a mistake. The PAK-FA’s first flight revealed a distinctively Russian stealth-driven configuration, which borrows from previous Sukhoi designs and priorities. The prototype has some clear stealth-limiting features, from fit quality, to features like Sukhoi’s standard spherical InfraRed Scan & Track (IRST) system mounted near the cockpit. Those may change in the production aircraft; meanwhile, a smaller tail, clear stealth shaping, and internal weapons carriage all indicate a strong push toward a stealthier plane.

The PAK-FA’s air intakes are set back from the leading edge root extensions (LERX), and one interesting wrinkle involves movable LERX shapes that come forward from the wings to join the aircraft body. This “PChN/ Movable LEX” feature apparently allows some of the maneuverability bonuses normally associated with canards on planes like the SU-30MKx, SU-34, etc., but in a much lower profile design.

 

Weapons: Russian reports cite carriage of 8 missile suspension points inside the fuselage, to match the F-22. While the Raptor has 2 body bays (with space-saving AVEL launchers) and 2 smaller side bays, the Russian plane is big enough to have 4 body bays and 2 side bays. Air-to-air weapons will certainly include the improved AA-11 (RVV-MD SRAAM) and AA-12 (RVV-SD MRAAM), but RIA Novosti adds that it has the ability to carry 2 ultra long range AAMs, presumably the 200-400 km Novator K-100-1. These “AWACS killers” are also intended for use on the SU-35, but their size may force the PAK-FA to carry them externally like the SU-35S.

 

To date, the T50’s ground-attack weapon capabilities remain something of a mystery.

 

Sensors: The PAK-FA’s advanced Tikhomirov AESA radar is still undergoing testing on other platforms, and its readiness could be important to the project. As is true of all 4+ generation Russian designs, the radar will be supplemented by an IRST that looks for the heat produced by engines and air friction, reducing the advantage that enemy stealth fighters can gain and allowing long-range, no warning missile attacks.

 

In a significant departure, however, the plane’s SH121 radar complex will reportedly add 3 small X-band AESA radars mounted around the front and sides of the aircraft, and L-band radars in the wing leading edges to help the plane find other X-band optimized stealth fighters. Harmonizing these features with stealth, and ensuring that they don’t become a maintenance nightmare, will be another important technical challenge.

 

Engines: Reports concerning the fighter’s initial engines vary. Some sources contend that the engines used in its test flight are 5th generation engines, but most of them report that it is borrowing from the SU-35 program for now, until more advanced engines designed specifically for the plane can be fielded. Both descriptions could be correct. The SU-35S reportedly uses a heavily-upgraded and more reliable version of NPO Saturn’s AL-31F, named the Saturn 117S. The engine is said to offer over 30,000 pounds of thrust, with full 360 degree thrust vectoring, and is believed to equip initial PAK-FA fighters as well. The longer-term question is whether incremental 117S upgrades will let the aircraft reach its required “5th generation” performance levels, or whether the AL-41F project, which aims to use a new and improved engine core, will be able to replace the 117S in future.

 

Sukhoi’s releases emphasize an advanced datalink that allows PAK-FA aircraft to share situational awareness, much like NATO’s “Link 16” standard. As the USAF has discovered, however, having other platforms share information with stealth aircraft, while retaining “low probability of intercept” to avoid giving the stealth aircraft’s positions away, is difficult. Russia and India will need to resolve that issue, or accept the operational limitations of a unique but incompatible datalink.

 

Other Electronics: All of these characteristics show a convergence of Russian design with leading-edge technologies. Russian 4+ generation fighter designs have always placed a premium on super-maneuverability, and so does the T50. Russian AESA radars are becoming service-ready, and the T50 looks set to be a key platform for their use. Engine improvements may even allow supercruise if the T50’s weight can be kept down, and if Saturn can deliver on promised operational performance – but both of those “ifs” remain to be proven.

 

Once it becomes operational, this plane is expected to get the designation SU-50. The big question right now is how close it is to reaching that goal.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stanno per iniziare le prove in volo del radar Tyihomirov N050 AESA. Secondo la ditta il radar è in grado di rilevare un bersaglio di 2,5 metri quadrati entro un raggio di 350-400 km e ne può seguire 32 a distanze minori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stanno per iniziare le prove in volo del radar Tyihomirov N050 AESA. Secondo la ditta il radar è in grado di rilevare un bersaglio di 2,5 metri quadrati entro un raggio di 350-400 km e ne può seguire 32 a distanze minori.

 

 

lo provano su uno dei tre prototipi o su qualche altro aereo ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarà montato sul terzo prototipo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

090160.jpg

 

Ciao ragazzi! è da un pò di tempo che non scrivo (per mancanza di tempo purtroppo), vedo che non ci sono ancora le ultime notizie relative al T-50.

 

Il terzo prototipo monta n050 AESA radar, è stato compiuto il primo rifornimento in volo dal Il-78 (ancora ad agosto) intanto il prototipo T-50-2 ha iniziato i test che prevede l'uso di alti AOA oltre la bariera del suono e la resistenze strutturali (vibrazioni ecc con alti AoA (30°+) ), mentre T-50-1 si sta preparando per le prove di super manovrabilità.

 

annunciato il decollo del quarto prototipo per la fine del 2012 (leggere inizio 2013 ;) ).

 

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Alfa! Bentornato!

 

Grazie degl'aggiornamenti!

 

:metal:

Edited by Unholy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il migliore?

 

Russia’s Stealth Fighter Could Match U.S. Jets, Analyst Says ....

 

Russia’s T-50 stealth fighter prototype, the first radar-evading warplane outside the U.S. when it debuted in January 2010, is slightly less stealthy than the American F-22 and about equal to the smaller F-35.

But in several other respects the new warplane from the Russian Sukhoi design bureau is actually superior to the American models.

That’s the surprising conclusion of the first-ever public scientific analysis of the T-50′s Radar Cross-Section (RCS), completed this week by Dr. Carlo Kopp, an analyst with the independent think tank Air Power Australia.

Fonte .... http://www.wired.com/dangerroom/2012/11/russia-stealth/

Share this post


Link to post
Share on other sites

Curiosità, il PAK-FA non è ancora uscito dalla Russia nè risulta sia stato oggetto di ricerca-radar da parte di ricercatori indipendenti dalla Sukhoi; penso che sia prematuro parlare di "migliore" e "peggiore" in assenza di dati che non siano quelli forniti o comunque resi in qualche modo noti dall'azienda costruttrice.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Curiosità, il PAK-FA non è ancora uscito dalla Russia nè risulta sia stato oggetto di ricerca-radar da parte di ricercatori indipendenti dalla Sukhoi; penso che sia prematuro parlare di "migliore" e "peggiore" in assenza di dati che non siano quelli forniti o comunque resi in qualche modo noti dall'azienda costruttrice.

A onor del vero avevo messo un bel punto interrogativo .... che forse ti è sfuggito .... e poi .... pensi proprio che l'azienda costruttrice, o chi per essa, fornirà mai pubblicamente qualche dato, per così dire, "sensibile" riguardante un aspetto così delicato dell'aereo quale è la sua invisibilità ?

Per decenni gli esperti occidentali si sono rotti la testa cercando di valutare, il più delle volte su immagini di scarsa qualità, quali potessero essere le reali caratteristiche degli aerei militari (e non solo) sovietici ....

 

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per carità, non era una critica a te, ma -indiretta- al Dott. Kopp che con caparbia regolarità porta avanti le sue idee in materia di aeroplani. Certo è che la Sukhoi ha in Kopp un sostenitore convinto, senza polemica, ma è raro vedere opinionisti indipendenti così ammiratori di una azienda in particolare. Spero che i vertici della Sukhoi gli abbiano spedito ,come ringraziamento, almeno un barattolino di caviale vero

Share this post


Link to post
Share on other sites

Kopp non ammira la Sukhoi, Kopp vuole che l'Australia si faccia dare gli F-22, cavalcando anche il noto allarmismo dei canguri... è una cosa un pò diversa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sukhoi Company adds the 4th PAK FA prototype to flight tests program in Komsomolsk-on-Amur

 

Today the first flight of the 4th prototype of the fifth generation aviation complex (PAK FA) took place in Sukhoi’s KnAAPO aircraft plant in Komsomolsk-on-Amur. The plane was piloted by distinguished test pilot of the Russian Federation, the Hero of Russia Sergey Bogdan.

 

The aircraft spent in the air forty minutes and landed on the factory airfield runway. The flight was successful, in full accordance with the flight plan. Stability of the aircraft test was conducted during the flight as well as evaluation of the power plant systems’ performance. The aircraft proved itself well in all phases of the planned flight program. The pilot confirmed reliable operation of all systems and components.

 

The first flight of the PAK FA was held on January 29, 2010 in Komsomolsk-on-Amur. At present, work is underway on the full range of ground and flight tests. Three PAK FA prototypes take part in the test program. At the present time more than 200 flights have been made on the flight test program.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stando a indiscrezioni non ufficiali il T-50 starebbe per ricevere o ha ricevuto il radar AESA Fasotron NIIR N 036 Belka ma in forma incompleta. Mancano infatti gli apparati laterali N-036B e N-036L che potrebbero essere omessi dalla produzione di serie per contenere i costi.

 

Fonte: A&D.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...