Vai al contenuto
Gemini

Macchi 346 - discussione ufficiale

Messaggi consigliati

Il rosso è quello che rende di più, però sarei curioso di sapere quanti colori sono previsti sul catalogo :asd:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io ho avuto modo di vedere un m346 grigio anche se sinceramente non ricordo dove (so solo che era l'anteprima :asd:)...e, che dire...bellissimo :wub:.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nuove speranze di successo per M-346.

 

L'Aermacchi M-346 rientra da Cazaux e riparte per Parigi

 

A Cazaux il maltempo non ha impedito all’M-346 di volare e di essere visitato nell’area statica dagli istruttori francesi e dai loro allievi belgi, che hanno potuto esaminare il cockpit e le funzioni del sistema di simulazione incorporato. I giudizi espressi - riferisce Alenia Aermacchi - sono stati eccellenti, a conferma di un momento felice per l’addestratore avanzato italiano che sarà presente al salone di Parigi con un esemplare in volo (il secondo prototipo) ed uno in mostra statica (il rosso LRIP 00 di preserie, rientrato a Venegono da Cazaux ma già pronto a ripartire).

Sarebbero intanto molto avanzate le discussioni per il rinnovo della linea di Singapore, altro paese che attualmente addestra i propri piloti a Cazaux. Lo ha detto l’a.d. Carmelo Cosentino al Corriere Economia, per la prima volta con un riferimento preciso al numero di velivoli (14, uno in meno di quelli che acquisterà), inseriti in un sistema integrato per il quale Aermacchi è alleata con Boeing. La prossima tappa sarà la formulazione del prezzo.

Cosentino ha anche fornito dettagli sull’interessamento statunitense per un sostituto dei T-38C, sui quali affiorano problemi di fatica. L’USAF ha dato alle aziende sei mesi di tempo per fornire le informazioni preliminari, con l’obbiettivo di giungere ad un contratto entro il 2013 per un’entrata in servizio nel 2017. L’ordine di grandezza delle esigenze americane sarebbe di 500 aerei per la sola USAF e di altri 200 per la Navy. Come per altri prodotti italiani proposti al Pentagono, anche in questo caso sarebbe necessario un alleato americano, che Cosentino ha indicato in Boeing oppure in Northrop Grumman. L’americanizzazione del velivolo passerebbe comunque anche attraverso equipaggiamenti e prodotti di DRS, la controllata americana di Finmeccanica.

 

Foto Alenia Aermacchi

 

da Dedalonews

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Andrea29

salve

 

vi ricordate quel progetto per scegliere il nome??

 

cosa hanno deciso i progettisti che nome è stato adottato?

 

ps:se è stato già detto scusate ma manco da molto sul forum e non ho tempèo per leggere tutte le 28 pagine :)

Modificato da Andrea29

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
salve

 

vi ricordate quel progetto per scegliere il nome??

 

cosa hanno deciso i progettisti che nome è stato adottato?

Si, si chiama M-346 Master.

 

Hanno fatto una scelta banale(secondo me) e in chiaro contrasto con il regolamento da loro posto, in quanto esisteva già un velivolo con quel nome.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Concordo con te Axel ma per fortuna lo si poù chiamare anche per sigla: M-346. ;)

 

La cosa più importante è che si venda bene.

 

EDIT Specialmente in vista del lancio del requisito per l'Eurotrainer

Modificato da Hicks

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ospite intruder

Durante il 48° Salone Internazionale di Parigi a Le Bourget è stato reso noto che è in corso di finalizzazione l’intesa tra il Ministero della Difesa Italiana e Alenia Aermacchi, società di Finmeccanica, per la fornitura all’Aeronautica Militare dei primi 6 M-346 Master e un servizio addestrativo integrato. L’intesa prevede anche la successiva acquisizione di un ulteriore lotto di 9 macchine, per un totale di 15 M-346 Master. Si conferma così la stretta collaborazione tra l’Aeronautica Militare e Alenia Aermacchi che potrà consentire alla nostra Aeronautica di essere la prima Forza Armata ad utilizzare l’M-346 Master, il velivolo più avanzato oggi presente sul mercato, destinato all’addestramento dei piloti militari per il loro successivo impiego su velivoli da combattimento di 4^ e 5^ generazione.

 

Nell’ambito dell’intesa sono altresì previste una serie di iniziative congiunte tra Alenia Aermacchi e l’Aeronautica Militare per sviluppare capacità di supporto addestrativo internazionale anche per le forze aeree di altri Paesi, attraverso l’utilizzo di simulatori di volo, GBTS (Ground Based Training System) e logistica integrata.

 

Il Ministero della Difesa italiano ha supportato con grande efficacia l’ M-346 anche nella gara recentemente svoltasi negli Emirati Arabi Uniti che, al termine di una serrata competizione, hanno selezionato 48 addestratori Alenia Aermacchi ed ora stanno procedendo alla definizione del relativo contratto. Questo importante risultato è frutto dell’investimento avviato da Alenia Aermacchi nel 2000 nel campo dei trainer avanzati, con il significativo supporto fornito dal Ministero dello Sviluppo Economico.

 

L’Aermacchi M-346 è l’unico velivolo da addestramento di nuova generazione attualmente in produzione in Europa che consente l’addestramento avanzato e pre-operativo, riducendo così le ore di volo su macchine più costose. Attualmente il velivolo ha raggiunto un consolidato stato di maturità dimostrando le sue elevate capacità prestazionali superando a fine 2008 la velocità del suono. E’ in corso una aggressiva attività di sviluppo e di test per conferire nei tempi previsti le capacità richieste dall’Aeronautica Militare.

 

http://www.difesanews.it/archives/primi-6-...litare-italiana

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bene bene, speriamo sia di buon auspicio per future (E possibilmente cospicue) vendite in altri paesi! :rolleyes:

Modificato da Blue Sky

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ed infatti Finmeccanica si è mostrata piuttosto sicura di sè e ottimista circa nuove trattative da avviare al salone di Le Bourget.

 

Oltre ai contratti già chiusi da perfezionare (Italia e UAE), si stanno iniziando a muovere i primi passi per preparare l'offerta nel mega contratto T-X, destinato a sostituire a partire dal 2015 i 600 T-38C nelle scuole di addestramento avanzato dell'USAF (senza escludere la possibilità di allargare la fornitura ai T-45 Goshawk della USN e USMC, il chè implicherebbe lo sviluppo di una versione imbarcabile dell'M-346! :D ). Sembra possibile anche un interessamento futuro della Grecia (già acquirente dello Spartan).

 

Ecco il report di Aviationweek...

PARIS AIR SHOW: Finmeccanica confident of M-346 contract 'this week'

 

Finmeccanica expects Italy to sign a production contract for Alenia Aermacchi's M-346 advanced jet trainer (AJT) within days, while its North American business unit may eschew partnering with a US prime contractor to offer it for the US Air Force's future T-X trainer contract.

 

"The Italian air force should soon sign the contract about the first batch of M-346s," says Finmeccanica chief operating officer Giorgio Zappa, citing "bureaucracy and the delays this causes" for a slow conclusion to the 15-aircraft deal.

 

Alenia North America chief executive Giuseppe Giordo meanwhile says that offering the M-346 for the T-X requirement may present an opportunity for the company to compete at the prime contractor level. Alenia Aeronautica's C-27J won the US Army/Air Force Joint Cargo Aircraft contest with L-3 Communications serving as prime.

 

The T-X requirement aims to replace about 600 ageing Northrop T-38C trainers from 2015, but may expand to also encompass a replacement for the US Navy's Boeing/BAE Systems T-45 Goshawks.

 

Following the acquisition of DRS Technologieslast year, Finmeccanica companies now employ 13,800 people in the USA.

 

The United Arab Emirates has selected the M-346 for a 48-aircraft trainer and light-attack aircraft deal worth around €1 billion ($725 million). Chile, Ecuador, Greece, Indonesia, Qatar, Saudi Arabia and Singapore are named as other potential future operators.

 

Sources at the show say Greece could delay a request for proposals for a new AJT by a year until the second half of 2010, due to budget constraints.

 

Ed ecco la copertura di Defense Industry riguardo al contratto italiano (15 esemplari iniziali). Interessante la parte finale dell'articolo, secondo cui Alenia e AMi sono coinvolti in numerose trattative per l'addestremento di piloti stranieri (fra cui i Canadesi) sui nostri Master e relativi simulatori.

Inoltre l'aereo sarebbe fortemente voluto da diverse altre forze aeree fra cui Singapore (dove è stato già ammesso alla scelta finale), Arabia Saudita, Indonesia, Ecuador, Qatar, Grecie e Chile.

Italy Orders M346 Jet Trainers

 

At the 2009 Le Bourget air show, Alenia Aeronautica announced [PDF] that Italy’s Air Force has signed a long-awaited contract to buy Alenia’s new M346 Master advanced trainer jet. This initial agreement covers 6 jets and an integrated training service, with an option for another 9 aircraft.

 

Its first breakthrough came earlier this year at IDEX 2009, when the UAE selected it for a 48-plane order. That deal is still in negotiations, but is estimated to be worth about EUR 1 billion.

 

The cost of this Italian deal for 15 aircraft was not disclosed, but based on comparable value calculations, the deal would be worth around EUR 300 million if all options are exercised. The Aeronautica Militare’s current trainer fleet of 102 MB-339s also offers room for future sales beyond the initial 15, as only 30 of its existing trainers have been modernized to the MB-339CD variant.

 

Not so coincidentally, the Italian agreement also includes a series of joint initiatives between Alenia Aermacchi and the Italian Air Force to develop international training support capabilities for the Air Forces of other countries through flight simulators, GBTS (Ground Based Training System) and integrated logistics. Canada’s CAE is currently executing a simulator contract for the M346, and can be expected to be part of that solution.

 

The Italian Defence Ministry was heavily involved in supporting the M346 Master’s UAE bid, and Alenia Aermacchi states that their plane is seeking potential orders in Singapore (reportedly short-listed), Saudi Arabia, Indonesia, Ecuador, Qatar, Greece and Chile.

Modificato da paperinik

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
completamente italiano

è un addestratore avanzatissimo

mi sembra che era anche a Farmororough o come si scrive non lo so

è spettacolare sto aereo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vituz7 questi messaggi puoi risparmiarteli, la prossima volta cerca di aggiungere qualche contenuto al messaggio,in alternativa, è meglio non scrivere.

 

+10%

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'Accordo con Boeing fa ben sperare, il golpo gobbo sarebbe certamente la sostituzione dei Talon, abbastanza vecchi e non più allo stato dell'arte, per il Master navale ci sarà tutto il tempo di svilupparlo in futuro, non credo che i T-45C saranno sostituiti a breve termine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vabbè i Goshawk possono andare avanti ancora quarant'anni, mi sembra assolutamente eccessivo parlare di "master navalizzato".

Già, secondo me, al 99,9% non riuscirà ad aggiudicarsi la commessa per la sostituzione dei Talon.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Vabbè i Goshawk possono andare avanti ancora quarant'anni, mi sembra assolutamente eccessivo parlare di "master navalizzato".

Già, secondo me, al 99,9% non riuscirà ad aggiudicarsi la commessa per la sostituzione dei Talon.

 

Per navalizzato si intende semplicemete che atterri su portaerei, e se ci sono riusciti con Hawk non vedo perchè non ce la facciano con il Master.

Rispetto la tua opinione, ma mi sembri un pò lapidario. vedremo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Per navalizzato si intende semplicemete che atterri su portaerei, e se ci sono riusciti con Hawk non vedo perchè non ce la facciano con il Master.

Rispetto la tua opinione, ma mi sembri un pò lapidario. vedremo

Semplicemente? Il T-45 ha subito tali e tante modifiche (anche troppe, ma gli americani sono fatti così...) che facevano prima a rifarlo invece che riprogettare l'Hawk...

Ci sono voluti diversi anni a riprogettarlo ed è in servizio da relativamente poco.

Per questo la navalizzazione del 346 è tuttaltro che scontata e di sicuro quantomeno lontana nel tempo: a questo si riferiva Dominus.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Semplicemente? Il T-45 ha subito tali e tante modifiche (anche troppe, ma gli americani sono fatti così...) che facevano prima a rifarlo invece che riprogettare l'Hawk...

Ci sono voluti diversi anni a riprogettarlo ed è in servizio da relativamente poco.

Per questo la navalizzazione del 346 è tuttaltro che scontata e di sicuro quantomeno lontana nel tempo: a questo si riferiva Dominus.

 

Sono d'accordo, tanto che ho scritto :

 

per il Master navale ci sarà tutto il tempo di svilupparlo in futuro, non credo che i T-45C saranno sostituiti a breve termine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Vabbè i Goshawk possono andare avanti ancora quarant'anni, mi sembra assolutamente eccessivo parlare di "master navalizzato".

Già, secondo me, al 99,9% non riuscirà ad aggiudicarsi la commessa per la sostituzione dei Talon.

 

Sai Dom, non sono affatto sicuro che l'avionica e le prestazioni del Goshawk siano adeguate per l'addestramento del personale destinato a volare su velivoli di 5ta generazione....dopo tutto se una fonte affidabile e autorevole come Flight Global ha adombrato l'ipotesi, significa che qualche "gola profonda" almeno almeno ne ha fatto menzione.

 

Certamente la relativa giovinezza del Goshawk e la difficoltà di produrre una versione imbarcabile del Master (ergo di un qualsiasi aereo non specificamente nato per l'uso navale, poichè non si tratta -come molti erroneamente credono- di sostituire i carrelli e mettere un gancio più robusto in coda) lasciano pensare che allo stato attuale delle cose questa sia una mera ipotesi...molto mera! ;)

 

Al limite si potrebbe anche essere scegliere di affiancare inizialmente un M-346 navale al T-45C, scegliendo l'uno o l'altro a seconda dell'aereo su cui si vuole abilitare il pilota cadetto (Goshawk per Hornet e Super Hornet, Master per LightningII C). Ci tengo a precisare per i lettori, che questa è una mia opinione personale...

 

Infine: sul programma T-X anche io sono molto dubbioso circa la reale possibilità di Alenia di portarlo a casa...sarebbe un risultato economicamente e politicamente troppo grosso per l'Italia e simmentricamente troppo deludente per gli USA. Figurarsi: gli USA, da sempre perno dell'industria e tecnologia aeronautica militare, che si fanno soffiare in casa loro, da una azienda italiana, il contratto per la fornitura dell'addestratore avanzato del'USAF per i prossimi 40 anni, mi sembra uno scenario davvero poco probabile!!!

Una carta a favore del Master potrebbe essere eventualmente un suo successo su larga scala. Di fronte all'evidenza che l'M-346 è l'addestratore avanzato più scelto (e quindi presumibilmente migliore) al mondo....anche le lobby del Made-in-USA dovrebbero mettersi l'anima in pace.

Da non sottovalutare poi la capacità supersonica di un eventuale candidato addestratore al bando T-X. Aerei come il T-50 la raggiungono con facilità (visto l'adozione del post bruciatore), il Master è stato capace di raggiungerla....ma in quali condizioni?!

Modificato da paperinik

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Sai Dom, non sono affatto sicuro che l'avionica e le prestazioni del Goshawk siano adeguate per l'addestramento del personale destinato a volare su velivoli di 5ta generazione....dopo tutto se una fonte affidabile e autorevole come Flight Global ha adombrato l'ipotesi, significa che qualche "gola profonda" almeno almeno ne ha fatto menzione.

 

Certamente la relativa giovinezza del Goshawk e la difficoltà di produrre una versione imbarcabile del Master (ergo di un qualsiasi aereo non specificamente nato per l'uso navale, poichè non si tratta -come molti erroneamente credono- di sostituire i carrelli e mettere un gancio più robusto in coda) lasciano pensare che allo stato attuale delle cose questa sia una mera ipotesi...molto mera! ;)

 

Al limite si potrebbe anche essere scegliere di affiancare inizialmente un M-346 navale al T-45C, scegliendo l'uno o l'altro a seconda dell'aereo su cui si vuole abilitare il pilota cadetto (Goshawk per Hornet e Super Hornet, Master per LightningII C). Ci tengo a precisare per i lettori, che questa è una mia opinione personale...

 

Infine: sul programma T-X anche io sono molto dubbioso circa la reale possibilità di Alenia di portarlo a casa...sarebbe un risultato economicamente e politicamente troppo grosso per l'Italia e simmentricamente troppo deludente per gli USA. Figurarsi: gli USA, da sempre perno dell'industria e tecnologia aeronautica militare, che si fanno soffiare in casa loro, da una azienda italiana, il contratto per la fornitura dell'addestratore avanzato del'USAF per i prossimi 40 anni, mi sembra uno scenario davvero poco probabile!!!

Una carta a favore del Master potrebbe essere eventualmente un suo successo su larga scala. Di fronte all'evidenza che l'M-346 è l'addestratore avanzato più scelto (e quindi presumibilmente migliore) al mondo....anche le lobby del Made-in-USA dovrebbero mettersi l'anima in pace.

Da non sottovalutare poi la capacità supersonica di un eventuale candidato addestratore al bando T-X. Aerei come il T-50 la raggiungono con facilità (visto l'adozione del post bruciatore), il Master è stato capace di raggiungerla....ma in quali condizioni?!

 

Secondo me sarà una lotta tra i due giganti Americani, Loocked Martin che presenterà il T-50, e la Boeing che avendo un contratto con Aermacchi purterà su una sua versione del Master, magari chiamandolo Boeing T-346A (fantasia all'opera si intende).

Comunque vada vincerà un aereo che non potra dirsi "Americano" e tutti gli effetti, e vendere una vagonata di aerei porta soldi, e nei soldi l'orgoglio nazionale ferito si dimentica più facilmente.

Anche oggi la catena di addestrameto USA posside il T-45 che deriva dall'Hawk inglese il il Texan II che è un derivato Pilatus.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si pap ma può sempre darsi che i Goshawk non vengano sostituiti da addestratori imbarcati, daltronde durante l'addestramento viene fatto solo un appontaggio con questi aerei e l'evoluzione di questa specialità permetterà probabilmente di evitarlo.

 

In ogni caso credo che il T45 possa essere aggiornato a livello avionico, sfruttando la modularità della piattaforma hawk, ma andare a sostituirlo adesso mi sembra da pazzi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Si pap ma può sempre darsi che i Goshawk non vengano sostituiti da addestratori imbarcati, daltronde durante l'addestramento viene fatto solo un appontaggio con questi aerei e l'evoluzione di questa specialità permetterà probabilmente di evitarlo.

 

Mmm, la USN non rinuncierà mai agli appontaggi (diurno e notturno) come ultima prova per l'abilitazione del pilota alle operazioni imbarcate!

 

Puoi simulare l'appontaggio con tutto il realismo che vuoi, ma le reazioni del pilota di fronte all'appontaggio reale (specie notturno) sono irriproducibili!

 

Comunque ritorniamo in argomento....soo d'accordo sul fatto che a breve il Goshawk non ha problemi di rivalità!

 

Per il Talon invece ho l'impressione che Lockheed Martin saprà far apprezzare il "suo" Kai T-50.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Notizia, Presso Villa Panza a Varese, nell'ambito di "Vola Veloce Varese", tra le varie iniziative fino al 29 Novembre è esposto il prototipo numero 1 (quello blu) del Master!!!!!

 

ecco il Link.

 

http://www.fondoambiente.it/eventi/prova-a-volare-2009.asp

 

Mi sorge spontanea una domanda??? il primo prototipo ha già finito la sua vita opertiva? bastano gli altri due?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 mesi di seposizione sono tanti, evidentemente si possono permettere di mandare avanti lo sviluppo che gli altri due prototipi, senza che le tempistiche lo risentano.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

×