Jump to content
Sign in to follow this  
Guest Peppe

F-16 in scramble!

Recommended Posts

Guest Peppe
Due F16 superano il muro del suono, mentre inseguono aereo sospetto. Paura in Campania Erano caccia dello stormo di Trapani decollati per inseguire un veivolo militare. Intervento dell'Osservatorio: non è il Vesuvio NAPOLI - Top gun «distratti» dall'inseguimento a un aereo «sospetto» proveniente dal Ciad e terrore in Campania per un «bang supersonico». Due fortissimi boati, con intervallo di sette secondi l'uno dall'altro, sono stati avvertiti questa mattina in mezza Campania. Decine le telefonate di gente terrorizzata, giunte in pochissimo tempo, ai centralini delle forze dell’ordine e del nostro sito. I tecnici dell'Osservatorio vesuviano escludevano subito che potesse trattarsi di un episodio inerente al vulcano. «Abbiamo registrato il boato - spiega il professor Marcello Martini, direttore dell'Osservatorio Vesuviano - ma lo scoppio non riguarda l'area vesuviana e dunque il vulcano. Si tratta di un'onda sonora che arriva, sembra, da un'area ai margini del Golfo di Napoli». In realtà per qualche ora la Campania è stata al centro di una vera operazione da «top gun» con tanto di «giallo» internazionale. COSA È SUCCESSO - Il boato che ha messo in allarme la popolazione nell’area vesuviana è stato provocato, in realtà, da due caccia F16 che hanno superato la velocità del suono, provocando il cosiddetto «bang supersonico», durante l’intercettazione di un velivolo sospetto. I due velivoli, dello Stormo di Trapani, erano decollati in seguito alla segnalazione di un velivolo «sconosciuto», perchè senza regolare piano di volo. Si trattava di un aereo militare che, si è poi saputo, era diretto in Austria. I caccia lo hanno intercettato e, chiarita la sua posizione, lo hanno «rilasciato». Durante le fasi dell’intercettazione i due F16 hanno raggiunto e superato la velocità del suono, provocando il «bang supersonico». AEREO IN ARRIVO DAL CIAD - Il velivolo intercettato, secondo quanto ricostruito dall’Aeronautica, risultava all'inizio sia «sconosciuto» sia privo del piano di volo. Gli enti civili del traffico aereo hanno dunque subito allertato la catena militare e, alle 7 e 18, è stato dato l’ordine di «scramble», cioè di decollo immediato su allarme. Dal 37/o Stormo dell’Aeronautica di Trapani - dopo sei minuti, alle 7 e 24 - si sono alzati in volo due caccia F16. L’aereo nel frattempo era stato identificato, ma il pilota aveva fornito dati non chiari. Inoltre, informato che era oggetto di una intercettazione, ha fatto sapere che avrebbe cambiato rotta, confermando il suo atteggiamento sospetto. Il velivolo è stato raggiunto sulla direttrice Foggia-Napoli alle 7 e 45. Una volta intercettato è stato accertato che si trattava di un «Ilyushin 76» militare, diretto a Linz, in Austria (dove è atterrato poco dopo le 9). In pochi minuti è stato scortato fino a nord delle isole Tremiti, fuori dallo spazio aereo nazionale. Cessato l’allarme i due F16 sono tornati alla base. Il «bang» si è verificato all’altezza del Golfo di Napoli, quando i caccia, durante le fasi dell’intercettazione, a circa 40.000 piedi di quota, hanno superato la velocità del suono. L'AUSTRIA CHIARISCE- Una portavoce del ministero della Difesa a Vienna ha precisato, poco dopo le 13, che l’aereo intercettato dall’aviazione militare in Italia, stava tornando da un volo di rifornimento in Ciad nell’ambito della missione europea Eufor. Il velivolo era in missione «su mandato dell’Austria», ha detto confermando l’avvenuta intercettazione da parte di caccia italiani. L’aereo aveva portato in Ciad pezzi di ricambio sanitari nell’ambito dell’operazione Eufor dell’Unione europea. Secondo la portavoce, non vi sarebbe stato un errore sulla rotta seguita bensì, molto probabilmente, degli «equivoci» sulla dicitura scritta del volo. L’Austria partecipa alla missione Eufor con 140 uomini.

 

 

Dal corriere http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/...o_vesuvio.shtml

Edited by Peppe

Share this post


Link to post
Share on other sites

si ma da questo si capisce che un aereo può entrare nello spazio aereo italiano,per poi essere intercettato ed identificato!

 

chiedo scusa se ho capito male!! :adorazione:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Andrea29
si ma da questo si capisce che un aereo può entrare nello spazio aereo italiano,per poi essere intercettato ed identificato!

 

chiedo scusa se ho capito male!! :adorazione:

 

 

e quindi cosa vuol dire scusa non ti ho mica capito

 

 

comunque e sempre bello(da un punto di vista militare)

vedere queste azioni di scramble fanno sempre piacere

Share this post


Link to post
Share on other sites
e quindi cosa vuol dire scusa non ti ho mica capito

comunque e sempre bello(da un punto di vista militare)

vedere queste azioni di scramble fanno sempre piacere

 

intendo che qualsiasi aereo può entrare nello spazio aereo italiano senza essere identificato!

 

cioè quel'aereo dell'articolo è arrivato vicino all'Vesuvio prima che intervenissero gli F-16

 

spero di essermi spiegato bene!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

logico che c'entra...... l'aereo identificato o non che sia entra in consegna allo stato di competenza quando entra nel suo spazio aereo.... non puoi andarlo mica ad intercettare nello spazio aereo di altre nazioni!

Share this post


Link to post
Share on other sites

è giusto quello che dici,io intendevo anche

 

perchè non lo identificano prima che entri nello spazio aereo??

Share this post


Link to post
Share on other sites
è giusto quello che dici,io intendevo anche

 

perchè non lo identificano prima che entri nello spazio aereo??

Perchè finchè il velivolo rimane nello spazio aereo internazionale o di un'altra nazione non ci sono motivi(ne copertura legale)per intercettarlo,a meno che non ci siano informative relative ad una precisa minaccia;dal momento che "mette il naso"nello spazio aereo italiano vengono attivate tutte le procedure di identificazione e viene ordinato lo scramble.Altrimenti altra soluzione potrebbe essere mantenere delle CAP continue ma è economicamente insostenibile in tempo di pace.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Perchè finchè il velivolo rimane nello spazio aereo internazionale o di un'altra nazione non ci sono motivi(ne copertura legale)per intercettarlo,a meno che non ci siano informative relative ad una precisa minaccia;dal momento che "mette il naso"nello spazio aereo italiano vengono attivate tutte le procedure di identificazione e viene ordinato lo scramble.Altrimenti altra soluzione potrebbe essere mantenere delle CAP continue ma è economicamente insostenibile in tempo di pace.

 

aaaa ora ho capito!!!....grazie 1000!!!......chiedo scusa a tutti per l'inconveniente!! :adorazione:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque deve avere dato la sveglia a tutta Napoli,non è il miglior modo di alzarsi essere svegliati da un bang sonico :)

Edited by Mone

Share this post


Link to post
Share on other sites

sound of jet ... it's sound of freedom

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' potente l'ignoranza dei giornali, che scrivono dei napoletani che hanno avuto paura che il vulcano si fosse risvegliato sentento i bang, invece di scrivere che lo scramble ha funzionato a puntino.

 

E noi paghiamo quei giornali...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si sono sentite due distinte esplosioni fortissime con margine di circa 4 secondi l'una dall'altra, tanto da far vibrare le finestre!!!! :rolleyes::drool:

 

Io mi ero appena alzato per andare al lavoro (A differenza di Vorty che è un animale notturno :rotfl: )

Edited by Blue Sky

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sapete se durante uno scramble viene data tutta manetta o invece viene messa in una posizione "alta" tipo 80-90%? :hmm:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con la riduzione a 2 delle basi in QRA andrà sempre peggio. Già oggi, che ne abbiamo tre, gli F-16 devono andare in supersonico per intercettare uno "spettro" se è lontano dalla loro base, figuriamoci quando partiranno solo da due aeroporti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non vedo dove stia il problema di fondo.

 

Prima ci si lamente per le troppe basi, ora per le poche.

La situazione è questa e c'è poco da fare.

Se due F-16A passano in supersonico creando il bang non lo fanno per divertimento, ma per meri interresi del Paese, questo i giornali non lo dicono però, quindi tutti a lamentarsi che si sentono esplosioni in cielo e che le città vengono "disturbate".

E' proprio vero, manca una cultura della difesa"

E poi, anche questo è vero, a noi italiani non ci sta bene mai niente!

Share this post


Link to post
Share on other sites

piccolo OT

 

ma fa proprio cosi rumore il bang sonico????

 

chedo scusa per la miaignoranza!!

 

fine OT

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sapete se durante uno scramble viene data tutta manetta o invece viene messa in una posizione "alta" tipo 80-90%? :hmm:

 

La posizione della manetta non è in relazione alla missione...Se devi far in fretta dai tutta manetta...Se invece si sa che si dovrà stare in aria molto si cerca di risparmiare qualcosa...Tendenzialmente però si cerca di essere in quota il più velocemente possibile.

 

Con i vecchi reattori era già più comune andarsene a zonzo con il postbruciatore inserito,con le moderne turboventole questo si è ridotto ad essere usato per brevi dash...Quali appunto il decollo e la salita che possono essere richiesti durante uno scramble.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un F-16 in full throttle impiega circa 8/10 minuti ad esaurire il carburante nei serbatoi interni (qualche minuto in più nella classica configurazione con due serbatoi ausiliari esterni).

 

La necessità di superare il Mach 1 è stata dettata dall'imminente avvicinamento alla costa adriatica da parte dell'aereo intercettato.

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites
La posizione della manetta non è in relazione alla missione...Se devi far in fretta dai tutta manetta...Se invece si sa che si dovrà stare in aria molto si cerca di risparmiare qualcosa...Tendenzialmente però si cerca di essere in quota il più velocemente possibile.

 

Con i vecchi reattori era già più comune andarsene a zonzo con il postbruciatore inserito,con le moderne turboventole questo si è ridotto ad essere usato per brevi dash...Quali appunto il decollo e la salita che possono essere richiesti durante uno scramble.

 

penso sia il contrario visto che con i vecchi motori c'era un limite di tempo per il periodo di accensione del post bruciatore

Share this post


Link to post
Share on other sites

La mamma di uno dei ragazzi che stava seguendo i corsi con me lo ha telefonato parlando del "terremoto" :P .

 

In ogni caso vorrei far notare come l'intervallo di tempo fra l'ordine di intercettazione ed il decollo sia di appena 6 minuti.

Se questa non è efficienza, ditemi voi cosa lo è.

 

P.s.: Io aumenterei almeno di 1 il numero delle basi in QRA (capisco che però i soldi mancano, il mio era un ragionamento astratto).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...