Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
skettles

RIM-66 STANDARD

Messaggi consigliati

vorrei delle informazioni riguardo questo piccolo missile qui sotto:

 

rim-66a.jpg

 

visto ke se ne è parlato molto

 

 

grazie a tutti coloro ke risponderanno

 

 

altra domanda. kual era il metodo d'ingaggio? verso kuali aerei veniva sparato? verso kuale tipo di aereo aveva possibilità d'abbattimento?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Eccovi qua una bella foto sul lanciatore Mk-26

 

dvic458.jpg

 

la serie standard è ancora quella su cui si poggia tutta la capacità antiaerea della marina americana.

Lo standard, attualmente in versione standard 2 (SM-2), è utilizzato dai Ticoderoga e dai Burke per l'AAW e anche, anche se qui a livello operativo è un utilizzo del tutto teorico, per l'ASuW (tra l'altro ce ne fu pure una versione anti radiazioni S/S) mentre l'SM-1 MR sarà presto ritirato dalle Perry rimanenti, come già detto in un topic in sezione marina, per risparmiare qualcosa negli ultimi anni di vita utile delle navi.

Il missile è nato per sostituire i Terrier e i Tartar ed è cominciato ad essere operativo alla fine degli anni '50 principalmente sul lanciatore Mk-26 Tartar, nella foto sopra, e sul Mk-13 che è quello delle Perry per intenderci, attualmente è invece utilizzato solo, dando per radiati i lanciatori delle Perry, dai VLS dei Tico e dei Burke.

Anche noi lo abbiamo avuto in servizio sul Veneto, sui due Audace, sui due Doria e credo anche sugli Impavido ma di questi non sono sicuro.

Il Garibaldi a quanto mi risulta impiegò i Terrier fino alla radiazione.

 

In questa foto è ben visibile il lanciatore Tartar del Veneto armato ancora con i Terrier

 

 

v-veneto-ieri.jpg

 

 

Per rispondere alle domande di Skettlers: il missile è antiaereo e antimissile e si è sempre più evoluto nel tempo, specialmente da quando è asservito al sistema Aegis.

Attualmente è praticamente impossibile che manchi un aereo e dovrebbe poter far fronte ad attacchi di saturazione missilistici omnidirezionali, anche se qui non c'è mai stata la "prova del fuoco".

Nella versione RIM-161 (SM-3) avrà ottime caratteristiche ABM, già implementate notevolmente nella versione RIM-152 (SM-2 ER e MR Block IV) entrata in produzione da 5-6 anni.

Quanto all'ingaggio credo che tu intenda al metodo di guida: è un missile a guida radar semiattiva e dal Block IIIB è stata introdotta la guida finale IR.

Lo SM3 avrà la guida GAINS ovvero GPS-Aided Intertial Navigation System, oltre che ovviamente la guida radar semiattiva proprio per il suo utilizzo in funzione ABM.

Modificato da Dominus

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

thanks :okok::okok::okok::adorazione::adorazione:

 

cmq la foto che avevo postato io è la prima foto che ha postato dominus

 

sapete anke lunghezza,diametro,portata ecc?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
thanks :okok::okok::okok::adorazione::adorazione:

 

cmq la foto che avevo postato io è la prima foto che ha postato dominus

 

sapete anke lunghezza,diametro,portata ecc?

edit:come mai questo nome? standard....bho

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quegli aereoplanini ce li dovevano proprio mettere sul mk-26 eh!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Durante la guerra del Vietnam capitò che i missili superficie-aria americani furono impiegati contro i MIG vietnamiti.

 

Credo che questo impiego possa essere definito il primo, nel dopoguerra, e bisogna aspettare la guerra delle Falkland per avere un'altra dimostrazione di impiego dei sistemi superficie-aria navali.

 

In particolare nel 1972 capitò che alcune unità navali americane che fornivano supporto di fuoco costiero, si ritrovarono sotto attacco dei MIG-17.

 

Un MIG-17, sbucato da dietro le montagne che si affacciavano sulla costa, nei pressi di Dong Hoi, attaccò le navi con due bombe. Una delle bombe colpì un cacciatorpediniere senza esplodere.

 

Mentre il MIG richiamava dopo l'attacco, l'incrociatore Sterett, che faceva parte della formazione, lo agganciò con i suoi radar e lanciò in rapida successione due missili Terrier.

 

Il primo mancò l'aereo, il secondo lo distrusse.

 

Anche un secondo MIG iniziò la manovra di attacco, ma quando vide la fine del primo, virò di 180 gradi per darsela a gambe, ma fu abbattuto anche lui da una coppia di Terrier.

 

A quel punto i sistemi di allarme dello Sterett rilevarono un missile antinave Styx in avvicinamento, presumibilmente lanciato da alcune unità navali nordvietnamite che si stavano avvicinando sottocosta.

 

Anche in questo caso fu lanciata una coppia di Terrier che distrussero il bersaglio.

 

Oggi però si ritiene, in quest'ultimo caso, che forse si trattò di un'identificazione errata.

Non risulta infatti che i Nordvietnamiti avessero ricevuto missili Styx, nemmeno dagli archivi sovietici risulta.

 

Per cui si pensa che il bersaglio fu un terzo MIG-17 il cui radar aveva una frequenza molto simile a quella dello Styx.

 

Sia come sia, i Terrier dimostrarono di essere dei missili molto affidabili e precisi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anche i missili Rim 8 Talos riuscirono ad abbattere dei Mig. Già nel 1968 l'incrociatore Long Beach riuscì ad abbatterne uno. In totale ben tre aerei furono abbattuti dai Talos in Vietnam.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

i talos erano anche usati per distruggere i siti radar lungo la costa nord-vietnamita ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lo standard fu anche il missile usato nell'abbattimento per errore del 747 iraniano da parte di un incrociatore USA durante la guerra delle petroliere negli anni '80, o sbaglio?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Era un Airbus 300 iraniano, abbattuto dal CG49 USS Vincennes nel 1987. Pare che il sistema AEGIS stesse operando in modalità AUTOMATICO SPECIALE, nella quale il sistema provvede all'acquisizione, identificazione ed (eventualmente) ingaggio dei bersagli in maniera automatica. Tale procedura è molto utile negli attacchi di saturazione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

×