Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
Berkut

Panzerkampfwagen Maus

Messaggi consigliati

Un carro da 150 tonnellate progettato per essere un vero e proprio incrociatore di terra ma mai entrato in produzione visti gli insormontabili problemi di mobilità e affidabilità.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Munster_Maus_Modell_(dark1)_with_figure.jpg

 

Pensavo che questi tipi di progetti folli, come molti altri del resto, non avessero mai ricevuto il battesimo del fuoco. Invece sembrerebbe di no secondo quanto riporta Wikipedia eng: Panzerkampfwagen VIII Maus

 

The working Maus prototypes remained at Kummersdorf and at the proving grounds in Böblingen. In the last weeks of the war the V1 with the dummy turret was captured by the advancing Soviet forces in the vicinity of the western batteries of the Kummersdorf artillery firing grounds. It had been mechanically sabotaged by the Germans before abandoning it. The V2 prototype with the armed turret was dispatched to Berlin for its defense but broke down at Stamplager, near Zossen. The crew decided to fight instead of blowing up the tank, they waited until they saw a Russian column that had 35 T-34 tanks. After 55 minutes their Maus was destroyed but it knocked out 10 of the 35 tanks. There are claims of Canadian troops engaging a Maus while advancing along the German coastline, but there isn't any evidence to support this.

In poche parole dei prototipi funzionanti rimasti, uno fu inviato a Berlino per contribuire ad una disperata difesa della città, ma durante il viaggio si bloccò a seguito di un guasto. I crucchi del carro invece di sabotarlo ed abbandonarlo, decisero di resistere appostandosi (il Maus era diventato un bunker di acciaio) ed attendendo al varco una colonna di 35 T-34 sovietici in avvicinamento: dopo 55min i T-34 ebbero la meglio sul Maus al prezzo di 10 tank distrutti. :ph34r:

Modificato da John Plaster

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

poteva anche distruggerne 10-15-20 alla volta ma tanto i russi ne sfornavano a migliaia...e le perdite umane non erano certo un problema.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

andiamo! il maus era una specie di fortezza su cingoli, ma era del tutto inutile in una guerra di movimento. i tedeschi se ne fecero qualcosa solo perchè si erano ridotti in quel periodo su una disperata difensiva statica. alcuni degli ultimi (caccia)carri tedeschi, come il jagtiger erano dei mattoni senza speranza...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Pensavo che questi tipi di progetti folli, come molti altri del resto, non avessero mai ricevuto il battesimo del fuoco. Invece sembrerebbe di no secondo quanto riporta Wikipedia eng: Panzerkampfwagen VIII Maus

 

Forse questa volta è più affidabile it.Wiki quando dice :Il Maus non venne mai impiegato in combattimento.

 

Anche su achtungpanzer.com vanno prudenti su questo fatto e su questo articolo del 1946 non vi è menzione:"The German Mouse" from Intelligence Bulletin, March 1946

 

L'unico esemplare rimasto si trova al Tank museum a Kubinka in Russia, assieme ad altri strani veicoli (guardate la foto 38 "Rolling Mine exploder" NK-101) :blink:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

in una vecchia pubblicazione su le forze corazzate tedesche sul fronte orientale c'è riportato questo: "negli ultimi giorni di guerra furono schierati in battaglia anche i due carri sperimentali super pasanti maus, uno vicino al terreno di prova di Kummerdorf, l'altro nelle vicinanze dell'OKH a Zossen"

e poi una foto del maus con la mimetica a tre toni gialla-verde-marrone.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

C'è un riferimento simile anche in questo sito, senza specificare in dettaglio gli avvenimenti... il mistero si infittisce...:blink:

 

Quoto qunto detto da pandur e IamMarco, era una macchina condannata comunque alla quasi immobilità, con o senza guasti meccanici (che "a naso" sarebbero stati tuttaltro che infrequenti).

Comunque ogni componente della macchina (tranne il propulsore) era proporzionato, basti pensare ad un cannone da 75mm come...arma coassiale. :rotfl:

Modificato da John Plaster

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

la pubblicazione cui mi riferisco è "il fronte orientale - mimetizzazioni, insegne e distintivi delle forze corazzate tedesche" di steven zaloga e james grandsen...

 

comunque anche se non si fosse guastato non sarebbe andato molto lontano: 13 km/h per 62 km di autonomia fuori strada :rotfl:

 

fra questo carro e il progetto di incrociatore terrestre da 1500 ton. non cambia molto secondo me, nel 1945 come oggi avere mezzi corazzati da più di 150 ton. è fantasia...

Modificato da pandur

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Waldemar Trojca, nel suo bel 'german Secret Panzer Project' del 2005, sull'uso del Maus dice testualmente:

 

"E' difficile affermare con certezza se il Maus abbia mai partecipato a combattimenti. E' un fatto che carri (Maus) distrutti furono ritrovati. Tuttavia, quallo che non e' conosciuto e' se furono distrutti in combattimento, o intenzionalmente distrutti dai Tedeschi. Nella primavera del 1945, entrambi i prototipi, e forse altri 3 Maus, erano a Kummenrsdorf per prove. I prototipi dovevano essere distrutti in caso i sovietici fossero arrivati alle installazioni. Tuttavia, ci sono testimonianze che questi ordini non furono eseguiti, in quanto si riteneva che i carri potessero utilizzati per la difesa del poligono. L'Armata Rossa, tuttavia, conquisto' il poligono il 21 aprile 1945, catturando il Maus 205/2 gravemente danneggiato, vicino alla stazione ferroviaria, e il 205/1 anche esso gravemente danneggiato. Resta un mstero se i danni fossero stati inflitti in battaglia, o dagli equipaggi dei carri".

 

Quindi, di certo non si sa nulla. Diversa e' la storia successiva:

 

" i Sovietici trasportarono entrambi i carri da Kummersdorf a Stettino nella seconda metà dell'agosto 45. Da Stettino, furono trasportati via nave a Leningrado, poi a Kubinka vicino Mosca, sede del Centro di Sviluppo dei Mezzi Corazzati. Molto probabilmente, un veicolo fu assemblato con parti di entrambi i mezzi, e test vennero condotti nel 1951-52. Attualmente, il veicolo esposto a Kubinka e' composto dallo scafo del 205-1, e dalla torretta del 205-2."

 

ed ecco il veicolo, attualmente:

 

maus.jpg

 

e vi posso garantire che, visto dal vivo, fa ancora impressione. Anche se non e' un carro, se non tecnicamente, ma un bunker su cingoli.

 

 

Comunque. Se siete interessati ai progetti 'di carta' dei Tedeschi nella IIGM, vi consiglio questo sito, che e' un ottimo punto di partenza, e soprattutto prevede diversi progetti molto più 'fattibili' del Maus, anche se diversi sono 'what-if'.

 

Buona lettura.

 

http://nast-sonderfahrzeuge.de/fotosammlung/index.php?cat=3

Modificato da madmike

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Waldemar Trojca, nel suo bel 'german Secret Panzer Project' del 2005, sull'uso del Maus dice testualmente:

 

"E' difficile affermare con certezza se il Maus abbia mai partecipato a combattimenti. E' un fatto che carri (Maus) distrutti furono ritrovati. Tuttavia, quallo che non e' conosciuto e' se furono distrutti in combattimento, o intenzionalmente distrutti dai Tedeschi. Nella primavera del 1945, entrambi i prototipi, e forse altri 3 Maus, erano a Kummenrsdorf per prove. I prototipi dovevano essere distrutti in caso i sovietici fossero arrivati alle installazioni. Tuttavia, ci sono testimonianze che questi ordini non furono eseguiti, in quanto si riteneva che i carri potessero utilizzati per la difesa del poligono. L'Armata Rossa, tuttavia, conquisto' il poligono il 21 aprile 1945, catturando il Maus 205/2 gravemente danneggiato, vicino alla stazione ferroviaria, e il 205/1 anche esso gravemente danneggiato. Resta un mstero se i danni fossero stati inflitti in battaglia, o dagli equipaggi dei carri".

 

Precisazioni dettagliate, grazie madmike ;)

Modificato da John Plaster

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ma il numero 205 si riferisce all'unità che li aveva in carico o cosa?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ospite intruder
ma il numero 205 si riferisce all'unità che li aveva in carico o cosa?

 

Semplicemente il numero di fabbrica del mezzo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

sul fantomatico uso in battaglia di uno o due Maus si parla da decenni, ma fonti certe non ne esistono, anzi mi pare di capire che l'abbiano sempre escluso

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me ci sono buone probabilità che i due prototipo del Maus furono utilizzati nella disperata difesa del poligono di tiro in cui si trovavano, basta pensare che la Bismarck combatté fino ai limiti del possibile. Comunque il Maus era sì un bunker semovente: un cannone da 128 mm. come arma principale, uno da 75mm. come coassiale, pesante intorno alla 150 ton., velocità massima prevista 20 km/h, autonomia 65 km. circa. Come avete detto era l'ideale come mezzo per farsi strada tra le linee nemiche ma utilizzarlo per una guerra di movimento sarebbe stato troppo problematico: il suo peso faceva sì che le strade si spaccassero e i ponti crollassero al suo passaggio, e poi immaginate quanto gasolio e benzina è necessario per spingere 150 tonnellate d'acciaio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Infatti...

Il Tiger pesava 56 tonnellate e se si bloccava ci volevano altri due carri come lui per rimorchiarlo. Tre carri pesanti in fila che si trascinano uno attaccato all'altro: il sogno inconfessabile di ogni artigliere e di ogni pilota d'attacco al suolo.

Per rimorchiare il Maus, che sprofondava nel terreno sotto il suo stesso peso, che ci voleva?

Un solo motivo, da quel che so io, giustificò la costruzione di una roba simile ed è la furbizia di Mister Porsche, che avendo capito come prendere Hitler, iniziò a solleticargli la fantasia con l'idea di mostruosi carri-fortezza, come appunto il Maus, o la "Landkreuzer P.1000" ("Ratte"), che come corazzate terrestri avrebbero "navigato" sulla steppa fino in Cina. Un modo per fare bei soldi.

Solo Hitler, nella sua megalomania, poteva credere a queste cose.

Guerre Stellari: l'enorme carro semovente dei Jawas contrabbandieri di droidi. Roba da far mettere le mani nei capelli ai generali professionisti.

 

n62k2t.jpg

 

anh-jawas-sandcrawler.jpg

Modificato da Hobo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' vero, il Maus pesava 188 tonnellate ma comunque è già estremamente difficile spostarne 150, immaginate 188. Mister Porsche comunque è stato veramente astuto perché chissà quanto siano costati i prototipi del Maus e poi chissà anche quanti soldi Hitler abbia speso per il progetto di sviluppo del "Ratte".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In primavera in Russia e Ucraina si affonda in un mare di fango, immaginiamo che fine avrebbero fatto le 188 tonnellate di ferraglia del Maus. Del tutto impossibile poi tirarlo fuori e con cosa? E poi chi può avanzare o scappare a soli 20 chilometri orari ? Praticamente era fermo. Che faccio muovere una divisione corazzata a 20 Km/h perchè deve aspettarmi i Maus?

La sagoma enorme poi era un bersaglio naturale.

Gli unici mezzi che riuscivano a venirne fuori erano l' half track Sd. Kfz-251, il Panther ed il T-34. Tutto il resto si poteva buttare. La guerra è movimento, chi si ferma è perduto, letteralmente.

Modificato da Hobo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Indubbiamente era un mezzo imponente....ed anche piuttosto inutile per i parametri della guerra moderna. Bisogna però contestualizzare la macchina alla situazione nella quale è stata costruita: non credo che sia stata una furbata di Porsche volta ad ammaliare la megalomania di Hitler, ma secondo me si è trattato di un progetto frutto della disperazione ma pur sembre razionale. La storia del Maus risale ad un concorso posto in essere dalle autorità militari, gara alla quale partecipò anche la Henschel con un proprio modello di cui venne realizzato solo parte del prototipo. Credo che in Germania ci si rese conto che quantitativamente non si era ormai minimamente capaci di contrastare i numeri di russi ed americani, mentre ancora qualcosa si poteva fare per mantenere una superiorità qualitativa. In pratica hanno pensato di prendere quanto era rimasto e di concentrarlo nella produzione di veicoli prettamente difensivi che funzionassero più come fortini mobili, piuttosto che come carri armati veri e propri. Credo che sia stata scelta la formula "gigante" per focalizzare al massimo la capacità di sopravvivenza del veicolo al combattimento contro altri corazzati, sacrificando completamente mobilità e velocità, oltre che capacità di movimento visti gli evidenti limiti di percorrenza dovuti dal peso eccessivo. In questo senso il mezzo si presentava piuttosto bene: è vero, però, che un veicolo grande e lento rappresenta un bersaglio facile, ma è anche vero che da un punto di vista di resistenza, il Maus era pesantemente corazzato e credo che avrebbe fatto sudare i carristi nemici prima di cedere ai loro colpi. Sono peraltro scettico riguardo le capacità di resistenza del Maus ai possibili attacchi aerei: troppo facile colpire un gigante di quelle dimesioni dall'alto.. Infine, ritengo che il Maus sia stato pensato anche per il morale dei soldati: trovarsi coperti da un bestione del genere avrebbe sicuramente risollevato un minimo il morale degli uomini...

Modificato da vonparrish

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

nono, il Maus, così come molti altri supercarri tedeschi, erano la risposta agli studi russi, in fatti di carri superpesanti. senza questa minaccia, i crucchi non sarebbero andati oltre il Tiger I, unico a non essere progettato in risposta ai mezzi russi... e manco tanto.

Modificato da vorthex

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

nono, il Maus, così come molti altri supercarri tedeschi, erano la risposta agli studi russi, in fatti di carri superpesanti. senza questa minaccia, i crucchi non sarebbero andati oltre il Tiger I, unico a non essere progettato in risposta ai mezzi russi... e manco tanto.

 

Sei sicuro? Da quanto mi ricordo, il Maus nasce da una specifica del 1942, che venne poi accantonata e ripescata solamente nel 1944. Mi mancano le date certe, ma credo che i carri ultrapesanti russi siano leggermente posteriori come nascita e programma, ma non vorrei essere in errore..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

http://www.achtungpanzer.com/panzerkampfwagen-viii-maus-porsche-typ-205-tiger-iip.htm#maus

 

The development of super heavy tank started as early as 1941, when Krupp started the studies of superheavy Soviet tanks. In early 1942, Krupp produced designs of Tiger-Maus (VK7001) and PzKpfw VII Lowe (VK7201), but on March 5/6th of 1942, order for heavier tank was placed.Lowe never reached the prototype stage but paved the way for their successor’s development. On March 21/22nd of 1942, Porsche received the contract for new 100-ton Panzer - VK10001 / Porsche Typ 205. On April 14/15th, it specified that new 100-ton tank must carry at least 100 rounds of ammunition. VK10001 was to be developed by Professor Ferdinand Porsche and Dr.Muller (Krupp) at the personal demand of Adolf Hitler made in May of 1942.He demanded 120-ton "indestructible" super-heavy tank armed with high performance L/60 or L/72 gun.

Modificato da vorthex

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

×