Jump to content

Afghanistan - Topic ufficiale


Thunderalex

Recommended Posts

Come è morto?

 

 

Un predator ha pizzicato degli insurgents che stavano piazzando IED, è decollato un Chinook del REOS con operatori della tf45 per prenderli ed è stato colpito alla spalla.

Non si capisce bene perchè sul momento è stato considerato un ferito lieve ed è poi morto in ospedale.

Link to comment
Share on other sites

Vi metto due video interessanti.

Nel primo c'è una chiara accusa al governo, e senza entrare in polemiche politiche, direi che nel video si dicono cose molto giuste:

 

http://tv.repubblica.it/mondo/per-proteggere-i-soldati-servono-armi-sui-predator/53329?video=&pagefrom=1

 

Il secondo è una testimonianza interessante sulla realtà della guerra.

 

http://tv.repubblica.it/mondo/l-attacco-dei-talebani-soldato-salvato-dall-elmetto/53351?video

Link to comment
Share on other sites

Questo dimostrerebbe la conduzione politica e non militare delle operazioni.

Che ne sappia io, la storia insegna che ogni volta che i politici mettono il becco nelle operazioni di guerra, come in qualsiasi altro campo "tecnico", tutto va in malora. Le ragioni di un guerra sono sicuramente sempre politiche, MA una volta deciso di farla sta benedetta guerra, i politici dovrebbero dimostrare di avere abbastanza buon senso e coraggio da togliersi di torno e lasciar fare ai militari, evidentemente invece non hanno nè l'uno, nè l'altro (caso mai ci fosse bisogno di altre dimostrazioni...); il che pone almeno per me diversi punti di domanda.

Fare la guerra, mandarci i militari, ma poi legargli le mani o porre condizioni ridicole se non addirittura irrealizzabili sul terreno secondo me equivale al famoso detto popolare del "... fare i *roci col *ulo degli altri". Usque tandem abuterunt patientia nostra? (Cioè, fino a quando abuseranno della nostra pazienza? [Cicerone]).

Edited by Hobo
Link to comment
Share on other sites

Sull'operazione in cui ha perso la vita il Ten. Romani ci sono alcuni aspetti poco chiari. A tal proposito vi segnalo l'articolo e commenti pubblicati su Panorama.it:I soldati combattono (e muoiono) ma gli aerei italiani restano disarmati - L’ANALISI

Veramente un bell'articolo sul quale concordo. Tra l'altro sarebbe interessante sapere la spiegazione di La Russa sulla differenza se i missili li lanciano i mangusta o i predator e AMX.

Link to comment
Share on other sites

Ma se li lancia un aereo è un vero bombardamento aereo! Scherzi? Mica farai sul serio!

Poveri pastori-narcos-trafficanti d'armi... Loro vivono ancora a contatto diretto con la natura e poi mica sparano a te poverini: sparano alla divisa, hanno le loro ragioni e bisogna capirli e recuperarli socialmente senza mai violare i loro diritti e in fondo è la loro terra e poveracci che male ti hanno fatto e anzi siamo tutti uguali e bisogna accoglerli, allacciargli acqua, luce e gas a gratis, dargli casa davanti agli italiani a "mutui" ridicoli e curargli i denti macerati dall'oppio a spese nostre e poi spiegargli che quella cosa bianca che hanno dato da mangiare al figlio dicendogli che è la cioccolata non è cioccolata al latte, ma sapone.

Edited by Hobo
Link to comment
Share on other sites

I nostri AMX che tolgono le castagne dal fuoco agli Americani ...

 

Giovedì 16 Settembre due velivoli AMX hanno effettuato in Afghanistan una missione CAS (Close Air Support) in supporto alle truppe a terra statunitensi che erano state attaccate dagli ‘insurgents’. Dopo il rifornimento in volo, effettuato per garantire una maggiore permanenza sul luogo, i due velivoli sono entrati in contatto iniziale con i militari americani.

Ricostruita rapidamente la situazione a terra, si sono suddivisi i compiti all’interno della formazione: il leader avrebbe controllato l’area di operazioni con l’ausilio del pod Reccelite (sistema di ricognizione video fotografica con sensori digitali elettro-ottici e all’infrarosso di elevate prestazioni), fornendo immagini in tempo reale alle stesse truppe sotto attacco, mentre il gregario sarebbe stato pronto ad intervenire in caso di necessità di protezione.Poiché la situazione si è complicata ulteriormente, sono stati richiesti due passaggi ‘d’avvertimento’. Uno dei due AMX ha effettuato due passaggi, di cui il secondo risolutivo, sul gruppo di ribelli, disperdendoli in breve tempo senza la necessità di utilizzo del cannone di bordo. La sola presenza dei velivoli in zona ha consentito alle truppe a terra di riacquisire la possibilità di movimento, proseguendo la loro missione di pattugliamento.

 

Il governo ha autorizzato solo l’uso del cannoncino di bordo da 20 millimetri in determinate circostanze, a supporto delle forze sul campo, mentre rimane il divieto all’utilizzo di qualunque altro genere di armamento.

 

La Joint Air Task Force (JATF), al comando del Colonnello Davide Re, è l’unità operativa che gestisce gli assetti di volo ad ala fissa e ad ala rotante dell’Aeronautica Militare assegnati al Regional Command West di ISAF (International Security Assistance Force) nel teatro operativo, tra cui i velivoli C130J, che si alternano ai C27 della 46a brigata aerea di Pisa, impiegati per il trasporto del personale e dei rifornimenti all’interno del teatro afghano, gli AMX del 51° stormo di Istrana, con compiti di ricognizione e supporto tattico ravvicinato alle forze di terra, gli elicotteri AB212 ed i velivoli senza pilota (UAV) Predator del 32° stormo di Amendola, con compiti ISTAR (Intelligence, Surveillance, Targeting and Recognition), tutti schierati ad Herat.

 

I quattro velivoli AMX del Task Group ‘Black Cats’, impiegati principalmente in compiti ISR (Intelligence, Sorveglianza e Ricognizione) in favore del contingente italiano e delle forze alleate di ISAF, hanno raggiunto il traguardo delle 1.500 ore di volo, durante le quali è stata fatta la ricognizione di oltre 1.000 siti e sono state realizzate oltre 10.000 fotografie, successivamente elaborate dagli specialisti di foto-interpretazione dell’Aeronautica Militare.

 

Alenia North America ha proposto la vendita all’USAF di 20 AMX provenienti dal surplus di 58 aerei dell’AMI che non verranno aggiornati allo standard ACOL (Adeguamento Capacità Operative e Logistiche) per compiti CAS, da girare poi alle forze aeree afghane. Il possibile requisito vede in gare anche l’L-159 di Aero Vodochody.

L’AMX in Italia rimarrà in servizio fino all’arrivo dell’F-35.

 

 

Difesa News

Link to comment
Share on other sites

I nostri AMX che tolgono le castagne dal fuoco agli Americani ...

 

 

 

Difesa News

Bisognerebbe anche contare le volte che i velivoli Americani hanno tolto le castagne dal fuoco ai nostri(ed altri contingenti)e non solo con dei passaggi "show the force" o raffiche da 20mm(che non si sono neanche azzardati a sparare);non c'è minimamente paragone..

Link to comment
Share on other sites

Insomma, siamo tigri di carta. Dipende da quanto ci mettono le tigri vere a capire che siamo fatti di carta…

Immagino la felicità dei soldati di ogni paese che sanno che quando si trovano nei guai e sono nell’area o nel turno degli AMX italiani loro possono contare su aerei praticamente disarmati.

Una cosa non mi torna: ma gli uomini che hanno buttato fuori i russi affrontando gli Hind e i Su-17 (e quelli non è che facevano come i nostri AMX...) non hanno ancora capito? L'unica spiegazione che mi viene in mente è che hanno capito benissimo e l'unica cosa che gli impedisce di farci neri sono gli americani e gli inglesi con il loro Commonwealth (Canada, Australia...) che invece la guerra (e le cose in generale) sono usi farle sul serio. Siccome non credo che gli anglosassoni possano accettare aerei inviati disarmati tanto per dire che abbiamo partecipato, allora questi aerei sono stati mandati con altri scopi ed è inutile pretendere da loro qualcosa di diverso dalla ricognizione tattica, insomma non li hanno mandati come bombardieri, ma come ricognitori e come tali sono stati accettati e figurano sui tabelloni?

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Condonglianze alle famiglie dei 4 ragazzi che hanno perso la vita sabato.

 

La Russa propone di armare a dovere gli AMX, le polemiche sono già iniziate

 

http://www.corriere.it/esteri/10_ottobre_10/afghanistan-attacco-alpini-italiani-rivendicazione-talebani_78270706-d43e-11df-8222-00144f02aabc.shtml

Edited by Hicks
Link to comment
Share on other sites

Non è meglio levarci dai Maroni?

 

Condoglianze per le famiglie.

(Ao non so più quante volte l'ho scritta sta frase).

 

 

Dipende: se i politici fossero coerenti con l'idea della missione non cambierebbero certo idea per 4 caduti che, è triste dirlo, rientrano nelle previsioni, il problema è che c'è tanta ignoranza e demagogia e poca competenza in parlamento, soprattutto nelle commissioni che dovrebbero avere un ruolo più tecnico nella gestione e nella presentazione alle camere dei problemi riguardanti le nostre missioni.

 

L'uscita estemporanea di LaRussa sull'armare i caccia mi sembra indice di entrembe le cose.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...