Jump to content
Sign in to follow this  
Guest batterfield

Il Primo Caccia A Reazione

Recommended Posts

Guest batterfield

Quale fu' il primo caccia a reazione?mi sapete dare qualche informazione o qualche immagine? :helpsmile::helpsmile:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest batterfield

Forse il mig 19............non me lo ricordo proprio..........secondo te e' meglio l'f-14 o il SU-37?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Altrochè mig 19 o 21...

Il primo aereo a reazione operativo è stato il ME 262 tedesco,il cui primo prototipo volò nel 1941 e diventò operativo nel 1944.

 

messerschmitt-me-262.jpg

 

Mentre il primo aereo a volare con la sola forza di un turboreattore è stato l'Heinkel HE 178,che ha volato nel 1939.

 

He_178.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest batterfield

Ecco.................io lo sapevo -_--_--_-

no scherzavo :lol::lol:

qualcuno sa il costo di cfs3? (scusate per l' :offtopic:

Share this post


Link to post
Share on other sites

OOOk.

Dunque per quanto riguarda L'HE 178 era lungo 7,48 metri e pesante 2000 kg,era spinto da un HeS 3B da 500 kg di spinta che gli permetteva una velocità massima di 700 km/h.

 

Il ben più prestante ME 262 ihnvece era un intercettore armato di 4 cannoni da 30 mm,lungo 12,48 metri e pesante 6400 kg,spinto da 2 Jumo 109 da 900 kg di spinta ciascuno,che riuscivano a spingrlo fino a 870 km/h a 6000 metri di quota.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest batterfield

Hai detto tutto...........

comunque per qualche anno vennero ancora usati quelli a elica perche' erano piu' agili giusto????

Share this post


Link to post
Share on other sites

Più che altro penso che ci sia una differenza immane tra un aereo a elica e uno a reazione per il pilotaggio, quel tempo che passo dal passare da un aereo con motore a pistoni, o a elica, a uno a reazione sarà dovuto anche perchè i piloti dovevano addestrarsi sui nuovi aerei

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest batterfield

sono daccordo mav......

Ragazzi guardate questo video..........

Clicca Qui

Edited by batterfield

Share this post


Link to post
Share on other sites

il primo caccia a reazione, inventato, fu un aereo italiano....

 

ora cerco, e vi faccio sapere!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

sei sikuro??...kredevo fosse amerikano o inglese o non so...rikordo di aver visto su discovery ke ne parlavano,di un certo "coanda"....bho...ke invento proprio il motore a reazione....

 

kmq il prima kaccia a reazione era il Me-262...se non sbaglio...ma il primo aereo a reazione di preciso non saprei...mmmhmmm....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest batterfield

Wow io non me lo sarei mai aspettato che il primo aereo a reazione fosse italiano.Incredibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

No aspettate l'aereo a reazione italiano fu il secondo,dopo il già citato HE178.

Questo era il Caproni CC2.

 

Campini realizzò un prototipo che fu provato in volo il 27 agosto 1940 per 10 minuti sul campo di Taliedo dal grande pilota Mario De Bernardi. Il 30 novembre 1941, alle ore 14:47 Mario De Bernardi e l'ing. Giovanni Pedace (segretario della Associazione Pionieri d'Italia) compirono un volo ufficiale, a bordo del secondo prototipo, tra l'aeroporto di Milano-Linate Forlanini e quello di Guidonia a Roma, sorvolando Pisa e atterrando alle 16:58 dopo aver percorso 475,554 km alla media di 217,147 km/h.

 

Questo volo seguì di un anno esatto quello compiuto dall'Heinkel He-178 tedesco, il primo aereo a reazione del mondo. Rispetto al prototipo tedesco il CC-2 è da considerarsi più un ibrido che un vero e proprio propulsore a getto: un motore a combustione interna di tipo alternativo da 900 CV faceva funzionare un compressore composto da 2 eliche intubate, seguite da una elica raddrizzatrice del flusso per renderlo il più possibile privo di turbolenze; degli iniettori disposti su un anello (bruciatori) immettevano kerosene, la cui combustione aumentava il volume della massa gassosa e la velocità di scarico.

 

Era una soluzione tecnologicamente interessante, ma strutturalmente diversa rispetto ai turboreattori tedeschi, rispetto ai quali era di rendimento decisamente inferiore; il motore progettato da Campini aveva molti altri difetti, quali il peso, l'ingombro, la complessità del tipo di motore impiegato per azionare il compressore, il basso rendimento del bruciatore (comunque vicino al limite tecnologico per il suo tempo) e la potenza notevolmente limitata. La soluzione tedesca fu quindi la caposcuola della tecnologia dei moderni motori a reazione, mentre la soluzione italiana ha oggi un valore puramente storico.

Edited by blacknight

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest batterfield

Mi pareva strano.............. :hmm::lol::lol::lol:

Edited by batterfield

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il primo aereo ad impegare il principio del motore a reazione fu il Coanda-1910, anche se era dotato di un motore ibrido detto "termogetto" (termine coniato da Campini) a metà strada tra un moderno jet e un motore a pistoni. Ma il primo velivolo ad impiegare un "vero" motore jet fu, come già citato, l'HE178.

Edited by phoenix

Share this post


Link to post
Share on other sites
Wow io non me lo sarei mai aspettato che il primo aereo a reazione fosse italiano.Incredibile.

non è strano.... B)

 

 

....questo mi fa pensare alla fuga dei cervelli :pianto:

 

apro e chiudo qui il mio OT

Share this post


Link to post
Share on other sites
Più che altro penso che ci sia una differenza immane tra un aereo a elica e uno a reazione per il pilotaggio, quel tempo che passo dal passare da un aereo con motore a pistoni, o a elica, a uno a reazione sarà dovuto anche perchè i piloti dovevano addestrarsi sui nuovi aerei

Sei sei già stato addestrato a sufficienza su un aereo a pistoni, non ci sono sostanziali differenze, ci vuole un po' di cautela ogni volta che cambi macchina ma i principi sono gli stessi.

 

Nello specifico gli aerei a reazione hanno qualche caratteristica fondamentale di differenza:

 

-Il motore a turbina è meno scattante di quello a pistoni, questo proprio per un limite operativo dell'alimentazione del motore a turbina. Nel corso degli anni si è limitato questo problema incrementando a dismisura la spinta erogabile, e dotando i motori di sistemi a iniezione elettronica che facilitano la ripresa.

 

-La propulsione a getto è uniforme nello spazio e non genera coppie torcenti, questo elimina i problemi di pilotaggio che dava invece l'elica (controcoppia, effetto P, flusso elicoidale)

 

-La spinta erogata è quasi costante con il variare della velocità, invece la potenza erogata da un velivolo a elica prima aumentava con la velocità, poi diminuiva.

 

-La spinta necessaria a sostenere un aereo a reazione è uguale alla sola resistenza, mentre la potenza necessaria a sostenere un aereo a elica e uguale alla resistenza moltiplicata per la velocità.

 

-Il regime di assetti stabili nel velivolo a reazione è più ristretto di quello dei velivoli a elica.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest batterfield

Ma quale fu il primo caccia a reazione ad avercela per la meglio su quelli ad elica????? :blink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

In molti si contendono il ruolo di aver messo a punto il primo caccia a reazione della storia, addirittura anche la Romania con il suo Coanda del 1910 !

 

coanda02.jpg

 

Possiamo tranquillamente affermare che, nella pratica, il primo caccia a reazione fu il Messerschmitt Me 262 tedesco, che apparve nel 1944 e surclassava qualsiasi caccia ad elica dell'epoca.

 

Me262-1.jpg

 

Mentre il primo caccia a reazione di concezione davvero moderna fu il P-80 americano del 1945:

 

p80.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma come mai la Bell, dopo i primi indiscussi successi e la leadership conseguita nei nuovi aerei a getto non svolse un ruolo di primo piano quando questi cominciarono ad essere massicciamente adottati dall'USAF?

Share this post


Link to post
Share on other sites

La Bell si buttò sui sperimentali a razzo, e ha il merito di aver realizzato il primo supersonico, l' X-1 mai dimenticato.

 

Ma la Bell ha comunque un merito indiscusso: essa realizzò il primo caccia a getto della storia americana, il Bell XP-59 Airacomet che volò addirittura nel 1942:

 

http://www.edwards.af.mil/gallery/html_pgs...xp59a-1_072.jpg

 

come possiamo vedere dalla foto esso aveva già la configurazione generale tipica di un caccia moderno: reattore centrale in fusoliera, prese d'aria laterali, muso libero per il radar.

 

Tutte caratteristiche che furono mutuate nel P-80, che si rivelò più prestante e affidabile e fu prescelto (l'XP-59 restò un prototipo senza seguito).

 

Poi, come sappiamo, la Bell fece fortuna con i suoi elicotteri delle serie 47, 204/205 e 206, quel mercato si rivelò così redditizio (la Bell è in salute ancora oggi, anche nel campo di aerei e UAV convertiplani) da sconsigliare altre rischiose avventure nel mondo dei jet.

Share this post


Link to post
Share on other sites

è vero che nella progettazione e sviluppo dei caccia jet americani al termine nella IIGM, come ad esempio l'F-86 Sabre, contribuirono significativamente i lavori ed i progetti tedeschi della Messerschmitt?. Ho sentito che il Sabre deve molto ai progetti Messerschmitt P.1101. Sono voci attendibili?

 

3bm1101c.jpg

Edited by phoenix

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×