Jump to content

USA verso vendita record armi a Arabia Saudita


matteo16
 Share

Recommended Posts

22 Settembre 2010 fonte Dedalonews

 

Il governo americano si appresta a notificare al Congresso la vendita all’Arabia Saudita di armamenti per un valore complessivo di circa 60 miliardi di dollari. È quanto riferisce la stampa statunitense, secondo la quale l’accordo sarebbe stato tacitamente concordato con Israele in funzione anti-iraniana. Il pacchetto comprenderebbe 84 caccia Boeing F-15S Silent Eagle e l’aggiornamento di altri 70 alla stessa configurazione "semi-stealth", 70 elicotteri da attacco Boeing AH-64 Apache, 72 Sikorsky UH-60 Black Hawk da trasporto e 36 Boeing OH-6 Little Bird. È probabile che il programma pluriennale comprenda altri sistemi non ancora rivelati, tra i quali navi e sistemi antimissile. La legge americana prevede che il Congresso decida entro 30 giorni dalla notifica ufficiale della proposta di vendita.

Link to comment
Share on other sites

E intanto obama parla di pace al palazzo di vetro e ahmadinejad risponde picche facendo il buffone come al solito.

 

Capisco i sauditi, anche se a questo punto è d'obbligo dare qualcosa anche ad israele.

Si sicuramente Israele chiederà qualcosa causa questi acquisti dei sauditi

Forse il pacchetto Silent Eagle :hmm:

Link to comment
Share on other sites

  • 5 weeks later...

Pensiero un po' avventato:

L'arabia saudita ce lo fanno vedere come il paese arabo meno rognoso tra quelli del medioriente, perchè è la vacca grossa degli USA.

In realtà non ci sono molte differenze tra la vita che si fa in Iran, Iraq, Emirati (vacca grossa italiana stavolta) e appunto Arabia Saudita.

 

Probabilmente sono meno scemi dei vicini, visto che non hanno mai attaccato Israele.

Per quel che so io....

 

Tutto sto discorso per dire cosa....ma se l'Arabia si prendeva l'Iraq, invece di mandarci gli americani, non sarebbe stato meglio?

Link to comment
Share on other sites

ma se l'Arabia si prendeva l'Iraq, invece di mandarci gli americani, non sarebbe stato meglio?

 

Stai scherzando, spero.

Ancorché facciano tanta vetrina, le forze armate dell'Arabia Saudita sono pur sempre un'entità che conta sì e no 250.000 uomini di cui meno della metà effettivamente impiegabili in operazioni terrestri. L'utilizzo di mercenari è molto elevato. Buona parte delle unità terrestri hanno l'organico ridotto a meno della metà rispetto a quello previsto.

Le forze saudite non avrebbero mai potuto invadere l'Iraq e non impensieriscono certo l'Iran, nemmeno con queste nuove "iniezioni" di materiali.

Quando l'Iraq invase il Kuwait, i sauditi tremarono al pensiero che al prossimo turno sarebbe toccato a loro, e chiesero agli USA di sistemare la situazione.

Link to comment
Share on other sites

Pensiero un po' avventato:

L'arabia saudita ce lo fanno vedere come il paese arabo meno rognoso tra quelli del medioriente, perchè è la vacca grossa degli USA.

In realtà non ci sono molte differenze tra la vita che si fa in Iran, Iraq, Emirati (vacca grossa italiana stavolta) e appunto Arabia Saudita.

 

Probabilmente sono meno scemi dei vicini, visto che non hanno mai attaccato Israele.

Per quel che so io....

 

Tutto sto discorso per dire cosa....ma se l'Arabia si prendeva l'Iraq, invece di mandarci gli americani, non sarebbe stato meglio?

in che senso gli emirati sono la vacca grassa italiana? tui riferisci al caccai d'addestramento?

Edited by Gianfra1987
Link to comment
Share on other sites

Ah be' se le cose stanno così.. :blink:

Effettivamente si sa poco sulle vicende dei tornado sauditi impiegati nel '91..

 

 

L'Italia ha un buon mercato negli Emirati, abbiamo imparato la strategia dagli usa

Link to comment
Share on other sites

L'Italia ha un buon mercato negli Emirati, abbiamo imparato la strategia dagli usa

Ancora poca cosa in confronto a quello che fanno gli USA, purtroppo per la nostra industria.

 

Comunque, se non mi sbaglio, l'Arabia Saudita ha espresso anche il desiderio di ricevere ulteriori EF-2000, non so per farli pilotare a chi, comprandoli direttamente da Eurofighter GmbH (senza passare per la RAF quindi. Come mai una doppia linea basata su EF-2000 ed F-15SE? Differenziazione dei fornitori o cos'altro?

Link to comment
Share on other sites

Ancora poca cosa in confronto a quello che fanno gli USA, purtroppo per la nostra industria.

 

Comunque, se non mi sbaglio, l'Arabia Saudita ha espresso anche il desiderio di ricevere ulteriori EF-2000, non so per farli pilotare a chi, comprandoli direttamente da Eurofighter GmbH (senza passare per la RAF quindi. Come mai una doppia linea basata su EF-2000 ed F-15SE? Differenziazione dei fornitori o cos'altro?

 

 

Tante mazzette in sterline per principi e ministri.

Link to comment
Share on other sites

beh no ! o meglio non siamo stati solo noi a versarle : le mazzette sono, diciamo, una tassa imposta dai principi che TUTTI hanno pagato in arabia saudita ,per i principi arabi è un rispetto dovuto far loro un regalo del genere .

 

la verità è che i sauditi restituiscono i petro dollari agli occidentali acquistando forniture militari ordinate secondo quote che sembrano seguire il manuale Cencelli

 

gli efa andavano acquistati .punto .

 

una doppia linea tra l altro non è poi cosi assurda se te la puoi permettere

Link to comment
Share on other sites

Spetta 'nattimo non ho ben capito.

 

Cioè noi acquistiamo il petrolio a buon prezzo e loro in cambio ci comprano gli armamenti però vogliono anche le mazzette?

 

Non mi sembra che il petrolio ce lo diano gratis...e poi se gli vendiamo gli aerei ma versiamo anche le mazzette cose ne guadagnamo noi?

Pubblicità e poi?

 

Spiegami meglio :helpsmile:

Edited by ROBY1
Link to comment
Share on other sites

beh no ! o meglio non siamo stati solo noi a versarle : le mazzette sono, diciamo, una tassa imposta dai principi che TUTTI hanno pagato in arabia saudita ,per i principi arabi è un rispetto dovuto far loro un regalo del genere .

 

la verità è che i sauditi restituiscono i petro dollari agli occidentali acquistando forniture militari ordinate secondo quote che sembrano seguire il manuale Cencelli

 

gli efa andavano acquistati .punto .

 

una doppia linea tra l altro non è poi cosi assurda se te la puoi permettere

In effetti il petrolio, grazie a quel cartello legalizzato che è l'OPEC, glie lo paghiamo fin troppo, molto più di quanto gli costi produrlo.

 

Comunque non credo che sia solo corruzione dai, in quanto a mazzette non possiamo competere con gli americani, nel senso che le mazzette le paghiamo noi e le pagano loro, possono permettersi di decidere anche in base ad altri criteri...

Link to comment
Share on other sites

Spetta 'nattimo non ho ben capito.

Cioè noi acquistiamo il petrolio a buon prezzo e loro in cambio ci comprano gli armamenti però vogliono anche le mazzette?

Non mi sembra che il petrolio ce lo diano gratis...e poi se gli vendiamo gli aerei ma versiamo anche le mazzette cose ne guadagnamo noi?

Pubblicità e poi?

Spiegami meglio :helpsmile:

 

l'accordo è informale ,è bene sottolinearlo e prevede appunto che l'arabia saudita venda il petrolio a chi sia disposto a venderLe armi; vale anche il contrario vendiamo loro le armi solo se ci vendono il petrolio .

per non scontentare nessuno i sauditi comprano tutto da tutti; per questo hanno avuto in campo aeronautico f-15 , tornado , mirage , lo stesso in campo navale e terrestre .

 

c'è anche un altro accordo per cui ciò che viene venduto ad israele deve essere offerto anche ai paesi arabi filo occidentali

 

le mazzette ,non vengono considerate tali ,dai principi sauditi (ricordo che attualmente sono quasi 5000 ): non servono per influenzare una scelta scontata e già fatta .

esse sono un regalo fatto per omaggiare e portare rispetto al principe , che in qualità di funzionario segue l ' affare .

 

 

ah una piccola nota i sauditi non hanno minimamente il materiale umano per gestire queste armi .

colpa della demografia ma , anche della scolarizzazione non a livelli occidentali e della mancanza di un sistema paese per supportare le FF.AA.

non a caso neanche ci provano a sviluppare delle industrie avanzate come in occidente

cosa che invece il vicino iran prova a fare , essendo un paese molto più progredito con una borghesia ben sviluppata

i sauditi sono costretti a ricorrere a compagnie di mercenarie o all assistenza usa e questo li rende ancora più dipendenti da noi occidentali .

 

non è un caso che i sauditi fossero terrorizzati ai tempi dell invasione del kuwait e abbiano chiesto aiuto agli usa

permettendo a truppe infedeli di stazionare a due passi dalla mecca

Edited by cama81
Link to comment
Share on other sites

Insomma l'Arabia saudita è contenta di avere gli ammericani....

O meglio agli emirati va bene che la situazione non cambi, dei veri patrioti!

 

Mi vengono in mente delle frasi di Syriana, l'unico film con Giorge Clooney che probabilmente le donne non conoscono.

La storia racconta la rivalità tra due fratelli che devono diventare re.

Uno è egoista e conservatore, favorevole all'utilizzo dei suoi pozzi da parte degli americani, come d'altronde ha sempre fatto suo padre.

L'altro è di larghe vedute, vuole riformare il paese e vendere i pozzi ai cinesi per un prezzo decisamente più allettante.

 

Alla fine il re sceglie il figlio conservatore, con il compiacimento degli americani.

I quali, non ancora contenti, si preoccupano di far fuori il fratello progressista con un bel missile sganciato da predator :ph34r:

 

Prima di morire, in un dialogo con Matt Damon l'emiro dice:

 

Niente da fare, sto deficiente d'un disco esterno non vuole andare.

Scriverò doman

Link to comment
Share on other sites

E' colpa di chi lo comanda, ma di sicuro gli americani non aiutano a risolvere il problema.

 

L'emiro a Matt Damon consulente finanziario:

"Il suo presidente (degli Stati Uniti) chiama mio padre (il re d'Arabia) e gli dice: io ho disoccupazione in Texas, in Kansas, nello stato di Washingtong e dopo una telefonata tagliamo i fondi al programma sociale per acquistare aerei a prezzo maggiorato.

Il nostro debito all'america l'abbiamo pagato caro"

 

Un petroliere americano ad un agente anti trust:

Se la Cina non ha tutto lo sviluppo che potrebbe avere é perchè non riesce a comprare tutto il petrolio che le occorre....io sono molto fiero di questo fatto.

 

Un petroliere ad un altro petroliere:

Ci sono molti modi per dare luce all'Europa

 

Altro che liberal e figli dei fiori, Il film fa testo anche troppo, a mia modesta opinione.

Link to comment
Share on other sites

Congresso Usa non obietta a vendita armamenti, anche aerei ed elicotteri, ad Arabia Saudita

 

Washington, Usa - Si tratta del maggiore contratto di questo genere mai siglato dall'America

 

 

(WAPA) - Via libera al contratto da oltre 60 miliardi di dollari per la vendita di armamenti da parte degli Usa alla Arabia Saudita: è scaduto il 20 novembre il lasso di tempo di 30 giorni che il Congresso Usa aveva per obiettare sull'accordo di vendita a Riad di forniture militari, il maggiore della storia americana.

 

Il 20 ottobre il Pentagono aveva infatti notificato al Congresso il progetto di vendita al Paese arabo, che avrebbe avuto un mese per modificarlo o approvarlo.

 

Il piano, da attuare nell'arco di 15/20 anni, prevede tra l'altro la fornitura di 84 nuovi cacciabombardieri F-15 Silent Eagle, l'ammodernamento di altri 70 aerei dello stesso tipo e la vendita e di diversi modelli di elicottero: 70 Apache AH-64 da attacco, 36 Little Bird A/MH-6 da osservazione e 72 Black Hawk multi-ruolo o da assalto, più 12 elicotteri leggeri Drive MD-530F (vedi AVIONEWS)

 

Il contratto rappresenta per gli Usa un passo nella politica di rafforzamento dell'alleanza con taluni Paesi arabi a cui l'America è vicina per esigenze strategiche di fronte a un'eventuale minaccia dell'Iran. Due mesi fa, infatti, il "Financial Times" aveva annunciato un maxi-riarmo -il più grande mai verificatosi in tempi di pace, dal costo di circa 123 miliardi di dollari- per gli Stati arabi del Golfo: Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Oman e Kuwait, attribuendolo alla volontà di far fronte alla minaccia militare e alle ambizioni nucleari dell'Iran (vedi AVIONEWS).

 

Link

Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...

Beh,ora è ufficiale,l'Arabia Saudita ha firmato il megacontratto...

 

http://www.dedalonews.it/it/index.php/12/2011/larabia-saudita-firma-il-contratto-per-84-boeing-f-15/

 

Mio Link

 

 

E dimostra ancora una volta l'influenza politica/commerciale statunitense paragonata a quella di altri stati (vedasi il caso dei francesi con la vendita dei Rafale agli EAU).

Inutile dirlo,ma al di là degli specifici interessi politici riguardanti in questo caso l'Iran questo è il terzo contratto firmato nel giro di poco tempo (Oman e Giappone) dove vengono acquistati caccia statunitensi (oltre ad altri sistemi d'arma sempre made in USA).

Link to comment
Share on other sites

L'influenza politica americana ha contato parecchio (o direi anche tutto) visto che l'F-15 Silent Eagle non è pronto e provato in combattimento...stavolta a differenza del...Typhoon (o del Rafale).Inoltre non mi sembra che abbia una superiorità tecnologica rispetto ai suoi concorrenti europei....(anche con l'armamento interno l'RCS è quella di un camion).

Ho il presentimento che questa sia la prima di parecchie batoste commerciali che prenderanno i costruttori europei nel prossimo futuro...

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...