Jump to content
Sign in to follow this  
AlfaAndOmega86

Sukhoi SU-35 Super Flanker - discussione ufficiale

Recommended Posts

aaah... noto un simposio di tecnici dell'aereonautica. signori, cerchiamo di seguire le linee guida del forum, su!

Share this post


Link to post
Share on other sites

vedo che purtroppo non si scrive molto in questo topic non ostane le notizie riguardanti Su-35S non mancano.....

 

Posto l'ultimo video dell'esibizione del aereo al China AirShow 2014 degno, secondo il mio modesto parere, di essere visto:

https://www.youtube.com/watch?v=O8-Rghux5_Y

Edited by AlfaAndOmega86

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premesso che non sono un fan di BVR e stealthness, anche se è pur vero che oggi piaccia o no si combatte così, cosa vedi di nuovo in quel video rispetto i vari cobra laterale ecc?? Ma soprattutto, sei sicuro che quel tipo di esibizioni siano la prova che quella macchina sia la migliore? Gli air show devono solo divertire, non dimistrano nulla. Già con una red flag cominceremmo a ragionare.

Ma bisognerà aspettare che l India faccia un ordine alla Russia. Mi sa che passerebbe troppo tempo..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non mi pare che l'F22A sia secondo a nessuno in termini di super manovrabilita

 

https://www.youtube.com/watch?v=mMMAeYqPX3Y

 

Peraltro persino un piu modesto F18F riesce ad eseguire certe manovre

 

https://www.youtube.com/watch?v=8Ti0z_T0H9g

 

Il fatto e' che durante un combattimento aereo la tensione spinge i piloti a focalizzarsi su altro.

 

Del resto durante uno scontro a fuoco un soldato di fanteria che sa fare le capriole e i salti mortali, non credo si possa cimentare in questi numeri !!

 

Aggiungiamo comunque, che di S-35 ne sono stati costruiti meno di tre dozzine e per essere sto fenomeno di macchina la cosa mi pare molto strana per non dire sospetta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bel video che dimostra ancora una volta come la manovrabilità a velocità ridotta sia elevatissima, per certi versi superiore alle controparti accidentali.

Il che non lo rende automaticamente migliore in combattimento manovrato, dove conta maggiormente l' agilità. In ogni caso tutte cose che si sanno già da tempo.

 

Quello che invece salta all' occhio osservando il video è il concetto un po particolare che hanno da quelli parti a proposito della sicurezza... :thumbdown:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come sono le vendite di questo aereo? Se non sbaglio ne hanno venduti in Veneziela ma quali altri paesi se ne sono dotati?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cina

Riguardo a Fabio. Ho capito che Alfa postava solo un video, ma infatti la mia è solo una risposta. E cioè, che i russi hanno il vizio di far credere all opinione pubblica che i vari cobra di pushef siano prova di maggiore letalità combattiva, che non è vero per niente. Su analisi difesa l anno scorso il reporter citava le capriole del suddetto su 35 prendendo quelle esibizioni per "cosa seria", quando invece è puro spettacolo senza alcuna rispondenza alla realtà delle cose.

Quanto saprò che a una red flag un su 35 le ha date ad un Raptor ci crederò, ma probabilmente se la giocherebbe alla pari col super hornet, che invece tanti snobbano a "porta bombe", forse perchè non fa in cobra di Pushef? ?

Tutto qui.

Edited by maxiss

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cobra di Pugacev...

 

In ogni caso le prestazioni da circo equestre, anche se poco utili in un vero combattimento aereo, sono solo una positiva conseguenza di caratteristiche aerodinamiche eccellenti prima di tutto dove serve.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sono un esperto e devo dire che come diceva Dassault un aereo se è bello vola bene e il Su35 è indubbiamente bello, ma non è che tutta questa enfasi sulla supermanovrabilità alle basse velocità non sia poi alla fine ininfluente su un combattimento aereo, mi viene da pensare agli anni 30 dove si dava ampio risalto alla manovrabilità dell'aereo anche a discapito della velocità e dell'armamento, cosa che purtroppo per noi qualche anno dopo abbiamo pagato a caro prezzo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

i russi hanno il vizio di far credere all opinione pubblica che i vari cobra di pushef siano prova di maggiore letalità combattiva

Non penso che il programma di un display sia studiato con questo scopo... L' intenzione è piuttosto quella di impressionare un pubblico eterogeneo, chiaramente enfatizzando le peculiarità della macchina.

Pertanto è normale che il Sukhoi si esibisca in manovre ad alta incidenza, esattamente come per l' F35 si mostrano le capacità in hovering, mentre gli Eurocanard danno maggiore sfoggio della loro agilità.

 

Inoltre ci andrei piano nel confrontare Su35 ed F18... Il Sh è sicuramente un' ottima macchina, ed ha dimostrato di poter manovrare a incidenze ben superiori ai 30° che conoscevamo (nel video arriva quasi a 40°...),

ma il velivolo russo è di un' altra classe per pesi, dimensioni e prestazioni generali. Comunque, personalmente ritengo che AoA superiori a 25/30° siano perfettamente inutili in un contesto operativo (se non deleteri).

Share this post


Link to post
Share on other sites

ragazzi chi mi sa spiegare perché generalmente le cabine degli aerei russi sono in quel color azzurrino mentre in quelli occidentali sono neri?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tra l'altro quel celestino lo utilizzano anche per le cabine dei velivoli civili.......è un marchio di fabbrica.... made in Russia (ex CCCP)

Sarà solo una futile questione di estetica ma quello che non mando giù sono le ruote dei carrelli con cerchi verdi (altro marchio di fabbrica), vomitevoli

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' proprio un "marchio di fabbrica", ma da quel che so non è proprio casuale. Il celestino-verdino degli abitacoli deriva da un'analisi della fisiologia dell'occhio e del cervello riguardo alla visione dei colori. Fatta salva un'enorme variabilità individuale, ci sono i colori complementari e c'è un effetto noto come "di contrasto consecutivo negativo" dovuto in genere a fatica dei fotorecettori. Il verdino degli abitacoli russi serve proprio a ridurre questo effetto e inoltre quella lunghezza d'onda di verde-azzurro riduce lo sforzo di messa a fuoco del cristallino, cioè è "rilassante" per l'occhio.

Le luci di un abitacolo tendono al giallo-arancio-rosso, il complementare di questi colori è il verde-azzurro. Così se uno guarda per un certo tempo la strumentazione e poi passa a guardare altro su uno sfondo neutro, per un attimo ha una specie di abbaglio dovuto al contrasto negativo, se guardavo luci arancio o rosse, quando guardo di colpo un'altro sfondo vedo quasi sempre un alone verde (complementare del rosso); per ridurre questo effetto si crea un contrasto tra colori complementari in modo che l'occhio li veda entrambi, se ci si fa caso il complementare del giallo-arancio e proprio il celestino verdino. Per lo stesso motivo i chirurghi hanno le casacche verdi o azzurre. perchè in genere guardano sfondi rosso-sangue e se distolgono lo sguardo su sfondi neutri o bianchi (con la luce bianca della sala operatoria) vedrebbero per qualche istante gli oggetti circondati da un alone verde-azzurro molto fastidioso. Perchè nel passaggio dallo sfondo rosso-sangue l'occhio conserva nei fotorecettori il contrasto negativo e per un attimo si vede il complementare del rosso, cioè il verde-azzurro. Questo effetto va evitato

http://it.wikipedia.org/wiki/Colori_complementari

http://utenti.quipo.it/base5/scienze/ottnegat.htm

 

Per quanto riguarda le ruote e i cerchi: io credo proprio che siano lasciati nel primer originale zinco-cromo, con l'aggiunta magari di agenti anti-UV e anti incendio, specie sulle ruote, che possono incendiarsi, specie se la lega dei cerchioni ha molto magnesio. Lo zinco-cromo sarebbe giallo, ma su certe superfici come l'alluminio può risultare verde, inoltre, con certi additivi ontiossidanti diventa verde-scuro, o verde azzurro negli abitacoli. E inoltre ci possono essere colori codificati per evidenziare ruggine o perdite di liquidi vari.

Edited by Gambler

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sono un esperto e devo dire che come diceva Dassault un aereo se è bello vola bene e il Su35 è indubbiamente bello, ma non è che tutta questa enfasi sulla supermanovrabilità alle basse velocità non sia poi alla fine ininfluente su un combattimento aereo, mi viene da pensare agli anni 30 dove si dava ampio risalto alla manovrabilità dell'aereo anche a discapito della velocità e dell'armamento, cosa che purtroppo per noi qualche anno dopo abbiamo pagato a caro prezzo.

od il contrario, quando negli anni 60 si è pensato che non ci sarebbe stato piu il combattimento manovrato tanto è vero che f4 fu concepito senza cannoncini

Share this post


Link to post
Share on other sites

od il contrario, quando negli anni 60 si è pensato che non ci sarebbe stato piu il combattimento manovrato tanto è vero che f4 fu concepito senza cannoncini

 

<script> //</script>

 

 

 

Infatti nel caso dell'F4 il problema non era tanto il "cannoncino", ma sopratutto le regole di ingaggio (spesso assurde) che intimavano ai piloti un riconoscimento visivo del target.

 

Ma stiamo parlando di circa mezzo secolo fa !

 

Con la tecnologia missilistica di oggi e del prossimo futuro il "dog fight" classico esercitato a 3-5 km di distanza e' cosa estremamente improbabile.

 

Un AIM 9 X Block II ti aggangia frontalmente un target a oltre 20 km di distanza !

 

Un AIM 120D o un Meteor inseguono jet avversari a 70-100 km.

 

Un cannone automatico non va oltre i 4 km al massimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutto vero, ma per me bisogna aggiungere che all'epoca dei primi Phantom, Lightning, F-106, ecc ... cioè la guerra fredda i bersagli erano i bombardieri avversari a lungo raggio, non i caccia.

Inoltre non so quanti aerei fanno manovre come il cobra, ma bisognerebbe vedere quanti la fanno, riescono a mantenerla e a uscirne quando e come vogliono.

Non so nulla dell'avionica del Su-35 dato che è in gran parte segreta, ma ho letto che è strettamente legata a quella del PAKFA e anzi, gli farebbe da apripista nello sviluppo, inoltre i due aerei sarebbero strettamente legati anche su un ipotetico campo di battaglia.

Edited by Gambler

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutto vero, ma per me bisogna aggiungere che all'epoca dei primi Phantom, Lightning, F-106, ecc ... cioè la guerra fredda i bersagli erano i bombardieri avversari a lungo raggio, non i caccia.

Inoltre non so quanti aerei fanno manovre come il cobra, ma bisognerebbe vedere quanti la fanno, riescono a mantenerla e a uscirne quando e come vogliono.

Non so nulla dell'avionica del Su-35 dato che è in gran parte segreta, ma ho letto che è strettamente legata a quella del PAKFA e anzi, gli farebbe da apripista nello sviluppo, inoltre i due aerei sarebbero strettamente legati anche su un ipotetico campo di battaglia.

 

<script> //</script>

 

 

L'avionica del SU 35 si basa sul radar Erbis -E di tipo PESA. I dati che circolano su questo sensore raccontano di numeri notevoli 400 km di raggio, ma bisogna capire la sua capacita di discriminazione nei confronti di aerei con una RCS bassissima.

 

Dubito fortemente che per jet con una RCS inferiore ad 0.1 m2 abbia un raggio superiore ai 50-60 km.

 

.

Share this post


Link to post
Share on other sites

<script> //</script>

 

 

 

Infatti nel caso dell'F4 il problema non era tanto il "cannoncino", ma sopratutto le regole di ingaggio (spesso assurde) che intimavano ai piloti un riconoscimento visivo del target.

 

Ma stiamo parlando di circa mezzo secolo fa !

 

Con la tecnologia missilistica di oggi e del prossimo futuro il "dog fight" classico esercitato a 3-5 km di distanza e' cosa estremamente improbabile.

 

Un AIM 9 X Block II ti aggangia frontalmente un target a oltre 20 km di distanza !

 

Un AIM 120D o un Meteor inseguono jet avversari a 70-100 km.

 

Un cannone automatico non va oltre i 4 km al massimo.

E però le generazioni successive di caccia li hanno concepiti con alta manovrabilità da ambo le parti, quello che voglio dire ė che essere agili non guasta mai e non si può asserire che tanto non serve

Share this post


Link to post
Share on other sites

E però le generazioni successive di caccia li hanno concepiti con alta manovrabilità da ambo le parti, quello che voglio dire ė che essere agili non guasta mai e non si può asserire che

tanto non serve

 

<script> //</script>

 

 

 

Infatti l'F35 e' piu agile dell' F16 visto che regge angoli d'attacco superiori a 50.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si ma gli angoli d attacco alti da soli non bastano..

Ci vuole energia di manovra

Considera che gli F-16 di adesso tra CFT e avionica aggiuntiva sono molto più appesantiti rispetto ai modelli iniziali e soprattutto gli sthealt in generale portano le armi in stiva non sporcando l'aereodinamica e non inficiando le prestazioni di base.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...