Jump to content

Robby

Membri
  • Content Count

    332
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    11

Robby last won the day on January 3 2018

Robby had the most liked content!

Community Reputation

61 Buona

About Robby

  • Rank
    Tenente Colonnello

Recent Profile Visitors

778 profile views
  1. Mah, non so... Direi che se il Facocero avesse qualche "cavallo" in più passerebbe meno tempo a beccheggiare inseguendo il biberon, e magari qualche botta sul naso se la risparmierebbe.
  2. Particolare interessante... cé da dire che, in particolare con quell' angolo di freccia, nemmeno il flusso sul ventre dev'essere tanto allineato con la fusoliera. Tuttavia le carenature sull' F22 sembrano avere effettivamente forme più morbide e "tolleranti" nei riguardi delle inevitabili variazioni di direzione del flusso nelle diverse condizioni di volo.
  3. Francamente non vedo in quel design grossi vantaggi nella volumetria, in un' area peraltro che è bene resti relativamente leggera. Sicuramente terrà la coperta più asciutta rispetto alle altre soluzioni citate sopra, ma non vedo l' utilità di quel "pugnale". Certamente hanno fatto le loro simulazioni e prove in vasca, e magari darà qualche vantaggio nel ridurre le accelerazioni verticali, ma a meno che non comincino tutti a farle così nel prossimo futuro credo che ulteriori sviluppi nel design delle prue arriveranno prima che io ci faccia l' occhio. ?
  4. Un dritto di prua verticale pareva troppo banale. Avranno chiesto la consulenza di qualche rinomato architetto.?
  5. Si tratta solo di un' ipotesi che mi è venuta in mente considerando l' insolita posizione dei turbolatori collegata al fatto che le prese d'aria siano state maggiorate, il dovrebbe modificare il profilo del bordo d'attacco alla radice. La foto è generica (aliante, solo per spiegare il principio alla base del ragionamento); non sono riuscito a caricarla con risoluzione maggiore. L' ho ricavata da un documento in PDF che tratta l' argomento.
  6. Non è da escludere che con le nuove prese d'aria si siano presentati problemi di alpha-flow, tamponati temporaneamente con i generatori di vortici, ma da risolversi in seguito con una revisione dei profili alla radice. Nella foto sotto (piccolina in effetti) si nota come nell' area in questione avvenga un distacco del flusso causato dall' interazione tra ala e fusoliera In quest'area, al calo di pressione determinato dal profilo alare si somma quello causato dal restringimento delle sezioni di fusoliera, che comporta un aumento locale dell' angolo d'attacco.
  7. Credo si riferisca a questo: [......F-35C outer-wings: In 2016, officials identified structural issues on the F-35C (@28 a/c as of Mar 2017) outer-wing when carrying an AIM-9X missile. In order to resume the test program, officials identified a design change to include strengthening the wings’ material that was incorporated onto a test aircraft. Officials expect to incorporate retrofits to delivered aircraft by 2019......] :Source: http://www.gao.gov/assets/690/684207.pdf (2.1Mb)
  8. Robby

    looping

    La massima che può raggiungere il velivolo, che nel caso del 339 è di poco inferiore ai 500 nodi.
  9. ...anche perchè ci mettono molto di più ad allontanarsi ed a fare quota.?
  10. Inoltre solitamente il secondo (o passeggero in questo caso) può lanciarsi prima ed a quota più sicura. Il pilota invece cerca nel limite del possibile di indirizzare l' aereo in aree sicure e termina le procedure del caso per minimizzare i danni collaterali prima di lanciarsi.
  11. Ricordavo quella procedura in merito all' F16, definita da qualcuno "volo a foglia morta". In effetti l'espressione rende l' idea... peraltro occorre considerare anche l' effetto della resistenza prodotta dai piani di coda, che visto il braccio ed il vettore rispetto alla direzione del moto ad elevate incidenze produce un momento picchiante anche a superfici stallate. Certo in tutto questo occorre metterci anche i momenti d'inerzia sul pitch dell' intera struttura, e non è detto che la stessa tecnica possa funzionare su altri velivoli. Comunque l'azione sui comandi è sostanzialmente simile a
  12. Sempre semplificando, puoi vederla anche in un altro modo: nel velivolo tradizionale in caso di diminuzione di velocità il piano di coda (deportante) perde autorità, pertanto il baricentro avanzato fa abbassare il muso. Aumentando la velocità le superfici in coda riacquistano autorità ed aumenta la forza a cabrare. Ne nasce un moto "delfinato" che in condizioni normali si smorza progressivamente in 2 o tre cicli, se l' interazione tra masse e superfici è stata studiata correttamente. Fino alla prossima perturbazione. L' F16 invece è stato definto a "stabilità statica rilassata", ovvero
  13. Per la verità sono cose già successe in passato, solo che certa stampa non perde occasione per fare sensazionalismo... Ho letto però in giro qualcuno che si fa una domanda legittima: chi si prende in carico i costi di questi interventi?
  14. Una cosa che ho trovato interessante nel video postato da Fabio sono i movimenti delle estensioni del bordo d'attacco (si nota nei primi secondi del video), utilizzate come superfici di governo, come se fossero dei veri e propri canard.
  15. Il fatto che siano semplici non significa che siano tecnologicamente poco avanzati, ma certo di "tecnologia" se ne portano addosso molta di meno... Come detto sopra le parti non portanti di un caccia contengono una quantità di impianti che su un acrobatico mancano. Inoltre le dimensioni giocano un ruolo determinante, infatti un missile sopporta carichi molto più elevati proprio perché è molto più piccolo e leggero. All' aumentare delle dimensioni, superfici e masse aumentano con la regola del quadrato/cubo pertanto, per fare un esempio banale, un aeromodello sopporterà fattori di carico en
×
×
  • Create New...