Jump to content
Axta

Aeronautica Militare Italiana - AMI

Recommended Posts

A proposito del mestiere di intercettare velivoli lenti, segnalo questo vecchio articolo comparso su The Avionist (ripreso da Rivista Aeronautica) del Febbraio del 2009, ricco di riferimenti a fatti e luoghi e molto interessante per il taglio giornalistico, in cui viene raccontato un giorno presso il 637 Gruppo Collegamenti.

 

Vai all'articolo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualche giorno fà, leggevo un articolo su una rivista, riguardante il bilancio e, le previsioni di spesa della nostra aeronautica militare.

Mi chiedo, quale possa essere il futuro della nostra forza aerea, alla luce dei numerosi e sempre più massicci tagli agli stanziamenti di fondi per i vari programmi?

Mi chiedo inoltre, come potranno conciliarsi tutti questi tagli e riduzioni di spesa con gli impegni che ci siamo presi a livello internazionale e con il nostro ruolo nella NATO?

Infine, quante ore volano i nostri piloti all'anno?....anche l'esercitazione "STAR-VEGA", quest'anno, mi pareva parecchio ridotta all'osso (e mi sembra anche l'unica grande esercitazione che ormai viene svolta in Italia)....come siamo messi in termini di mantenimento del livello addestrativo delle linee di volo nel nostro paese?

Grazie mille a tutti.

Edited by Thunderstorm

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il CSM dell'AMI in visita in Israele ....

 

 

Chief of Staff of Italian Air Force Visits Israel ....

The Chief of Staff of the Italian Air Force, Lieutenant General Pasqual Preziosa, landed in Israel as part of close cooperation between the air forces of both countries.
During Lieutenant General Preziosa's visit, in which he was the personal guest of Commander of the Israeli Air Force, Major General Amir Eshel, he toured some of the IAF's airbases and was impressed by its capabilities.

 

Fonte .... http://www.iaf.org.il/4400-41160-en/IAF.aspx

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vorrei vedere se qualcuno non rimanesse impressionato dalle basi aeree israeliane.

 

Ci sono un pò di begli argomenti fra i nostri due paesi, il contratto per la fornitura degli M-346, poi il futuro dello F-35...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti, una domanda. Qualcuno ha info sulle date di consegna degli ATR 72 ASW e degli EL/W-2085. A regola, non dovevano incominciare le consegne tra il 2012 e il 2013? Il Sito dell'Ami non gli cita però ancora in organico...

Grazie in anticipo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mmmm

per gli ATR le consegne sono slittate diverse volte. Le ultime notizie che ricordo riguardavano la fornitura di aerei simili alla Turchia con Alenia che aveva deciso di usare piattaforme con motori diversi. Non so se si procederà analogamente per i velivoli italiani.

 

Per i G-550 le date che hai indicato mi sembrano irrealistiche: l’affare è legato alla vendita degli M-346 a Israele e il 2012 mi sembra a posteriori impossibile come data di consegna.

 

Comunque entrambi i programmi andranno molto probabilmente avanti (purtroppo, mi viene da aggiungere nel caso dell’ATR72).

Qui trovi il documento del Ministero della Difesa che credo sia più aggiornato, anche se è solo un allegato.

(Poi me lo leggo con calma, sembra ci siano novità rispetto al bilancio triennale di qualche mese prima, magari trovo qualche info su Meteor e altri gadget)

 

Vai direttamente a pagina 79.

 

ILLUSTRAZIONE DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI
a. Programmi di investimento finanziati con bilancio ordinario Trattasi di programmi pluriennali ed annuali volti a mantenere la componente operativa ed i supporti di F.A. in linea con le esigenze derivanti dai compiti istituzionali ed al passo con l’evoluzione tecnologica e le esigenze operative.
(1). ACQUISIZIONE NR. 2 VELIVOLI CAEW
Il CAEW (Conformal Airborne Early Warning and Control– AEW &C) è un sistema radar con ruolo principale della sorveglianza aerea. Inoltre svolge funzioni di comando,
controllo e comunicazioni per dare supporto alle forze di superficie. Si prevede l’acquisizione di nr. 2 AEW&C (su piattaforma IAI-Gulfstream G-550 CAEW).
L’onere sostenuto nel 2012 è di 47,49M€.

 

e una pagina più in basso:
(5). VELIVOLI DA PATTUGLIAMENTO MARITTIMO – INTERIM SOLUTION – ACQUISIZIONE E SUPPORTO LOGISTICO INTEGRATO
Il programma in oggetto si riferisce all’acquisizione di 4 nuovi aeromobili ad ala fissa che dovranno sostituire i velivoli Atlantic ed essere in grado di eseguire missioni di:
− sorveglianza/pattugliamento marittimo di superficie;
−concorso nelle attività di comando e controllo;
−contributo alle Maritime Interdiction Operations;
−operazioni SAR (Search And Rescue); in condizioni ognitempo.
L’impegno nel 2012 è stato di 26,51M€

 

Se ci sono notizie più aggiornate non saprei.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ti ringrazio e concordo con te, a posteriori il 2012 era una data assurda... Grazie per quanto mi hai girato.... Navigando non si trova niente. altro. L'Atr è un programma politico e slitterà all'infinito... Per i G550 CAEW rimango però interdetto, trattandosi di un accordo bilaterale con Israele mi sarei aspettato date più certe... Bhe vedremo... Grazie Ancora.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma no, per il momento non mi preoccuperei per i G-550. Sono i normali tempi tecnici di realizzazione. Tieni presente che l’accordo fu formalizzato solo nel luglio 2012. La controparte italiana sta assemblando ancora il primo esemplare dei 30 M-346 di cui i due CAEW costituiscono parte della contropartita.

 

Per il momento non c’è niente che lasci presupporre un calvario lungo come quello per i KC-767 e sembra che sia stata messa una robusta toppa ai problemi di qualche tempo fa del Master. Si tratta quindi solo di pazientare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Onestamente hai ragione... Forse sono semplicemente io che ho troppa fretta... Solo, che l'a.m.i, è da metà degli anni ottanta che, paventa la necessità di un velivolo di questo tipo e ora che si concretizza il desiderio, sarei molto contento di vederlo operativo.

Non dimentichiamoci poi, quanto stiano cambiando le necessità operative... Basta pensare alla recente guerra Libica, dove fu necessario utilizzare il Doria come picchetto radar di primo allarme, proprio per la mancanza di un mezzo nazionale con le caratteristiche CAEW. Attendiamo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una nuova WebTV per il 91° compleanno dell'Aeronautica Militare ....

 

http://webtv.aeronautica.difesa.it/PortaleWebTV/renderPage.do?method=home

 

Nel video anche immagini del primo volo del nuovo elicottero CSAR AW HH-101A "Caesar" .... peccato che la vezzosa annunciatrice abbia pronunciato il nome del velivolo all'inglese: sisar .... dimenticandone le evidenti origini latine ....

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Era ora facessero un canale virtuale come questo, che spero maturi e cresca per contenuti. Già a parte lo scivolone sul "Sisar" mi sembra siano sulla strada giusta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Segnalato su altro forum, riposto qui un link a un interessante documento:

 

Il ruolo dei velivoli da combattimento italiani nelle missioni internazionali: trend e necessità (Istituto Affari Internazionali, 2014; PDF)

Di Vincenzo Camporini, Tommaso De Zan, Alessandro Marrone, Michele Nones, Alessandro R. Ungaro.

(Indice)

 

1. La partecipazione italiana alle missioni internazionali: il ruolo dei velivoli da combattimento, p. 29-60
1.1 Iraq (1990-1991)
1.2 Bosnia-Erzegovina (1993-1998)
1.3 Kosovo (1999)
1.4 Afghanistan (2001-2014)
1.5 Libia (2011)
1.6 Il ruolo dei velivoli da combattimento italiani nelle missioni internazionali

2. Operazioni aeree attuali e future: la dottrina e le tendenze, p. 61-67
2.1 Il Potere Aereo: i fondamenti della dottrina
2.2 Trend derivanti dalla recente esperienza operativa

3. Scenari di possibili operazioni aeree future, p. 69-82
3.1 Creare e mantenere una No-Fly-Zone: scenario "Protezione dei Turiani"
3.1.1 Il contesto strategico
3.1.2 Obiettivi della missione
3.1.3 Fattori critici del teatro operativo
3.1.4 Capacità nemiche e corso d'azione
3.1.5 Componente aerea del corso d’azione alleato e capacità necessarie
3.2 Supporto aereo a operazioni di terra: scenario "Stabilità in Banon"
3.2.1 Il contesto strategico
3.2.2 Obiettivi della missione
3.2.3 Fattori critici del teatro operativo
3.2.4 Capacità nemiche e corso d'azione
3.2.5 Componente aerea del corso d'azione alleato e capacità necessarie

4. Le necessità delle Forze Armate italiane e il programma F-35, p. 83-110
4.1 Prima domanda: la partecipazione italiana alle missioni internazionali tutela gli interessi nazionali?
4.2 Seconda domanda: di quali capacità aeree ha bisogno l'Italia per partecipare alle missioni internazionali?
4.3 Terza domanda: quali opzioni di procurement sono disponibili per acquisire questo tipo di capacità?
4.4 Quarta domanda: è meglio acquistare F-35 "chiavi in mano" oppure partecipare al programma multinazionale di procurement?

5. L'Italia e il programma F-35: la prospettiva industriale, p. 111-123
5.1 L'approccio del best value for money
5.2 La partecipazione italiana al programma F-35

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sul sito dell’Aeronautica Militare è stato pubblicato il documento: Verso il 2018 - Linee guida di indirizzo strategico, a cura del CSM dell’AM, Preziosa.

 

Mi pare di capire che l'AMI stia andando verso una linea da combattimento più che dimezzata rispetto ad ora.

 

Ricapitolando, se non ho fatto male i conti (per gli aerei da trasporto e da supporto mi rifaccio a wikipedia che mi da una mano, non trovando altre fonti con quel tipo di elenco):

 

96 EurofighterTyphoon

75 F-35 Lightning

19 C-130 Super Hercules

12 C-27 Spartan

10 P-1 Hammerhead

5 ATR-72 Surveyor

4 KC-767

2 G-550 CAEW

 

Da un punto di vista qualitativo (sempre che il JSF rispetti le attese) niente da dire, ma mi pare evidenti che manchi un modello da attacco leggero che possa realmente sostituire gli AMX nei teatri "simil-Afghanistan", per il quale un F-35 in appoggio mi sembrerebbe, forse, sprecato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Mi pare di capire che l'AMI stia andando verso una linea da combattimento più che dimezzata rispetto ad ora.

 

Ricapitolando, se non ho fatto male i conti (per gli aerei da trasporto e da supporto mi rifaccio a wikipedia che mi da una mano, non trovando altre fonti con quel tipo di elenco):

 

96 EurofighterTyphoon

75 F-35 Lightning

19 C-130 Super Hercules

12 C-27 Spartan

10 P-1 Hammerhead

5 ATR-72 Surveyor

4 KC-767

2 G-550 CAEW

 

Da un punto di vista qualitativo (sempre che il JSF rispetti le attese) niente da dire, ma mi pare evidenti che manchi un modello da attacco leggero che possa realmente sostituire gli AMX nei teatri "simil-Afghanistan", per il quale un F-35 in appoggio mi sembrerebbe, forse, sprecato.

Almeno secondo le attese si dice che l'F-35 sia in grado di colpire a 5000 metri con la stessa precisione di un Frogfoot a volo radente, vedremo se sará così.

 

Resta il fatto che il caccia americano é l'unica alternativa non ci sono nuovi progetti di aerei CAS in vista,inoltre i MANPADS sono diventati molto più diffusi di qualche anno fà soprattutto grazie ai magheggi della Nato che ne ha fornito rilevanti quantitá ai noti tagliatori di teste di questi mesi quando ancora la televisione di propaganda li chiamava "prodi combattenti per la libertá e per la democrazia"

Edited by davide9610

Share this post


Link to post
Share on other sites

non serve certo un F-35 per avere un aereo più preciso di un Frogfoot :asd:

 

in ogni caso, non sono certi i fantomaci magheggi della NATO ad aver fatto diffondere i manpads. la minaccia si evolve nel tempo, così come lo svolgimento delle missioni, ne abbiamo parlato tante volte. oggi, pensare che il CAS possa essere svolto solo filando pancia a terra è puro romanticismo. le opzioni di ingaggio si sono moltiplicate, le armi sono diventate più precise e non serve rischiare un aereo a bassissima quota.

 

ovviamente, taciamo sulle restrizioni di bilancio... ci manca solo spendere i soldi per un aereo mono-ruolo.

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites

non serve certo un F-35 per avere un aereo più preciso di un Frogfoot

 

in ogni caso, non sono certi i fantomaci magheggi della NATO ad aver fatto diffondere i manpads. la minaccia si evolve nel tempo, così come lo svolgimento delle missioni, ne abbiamo parlato tante volte. oggi, pensare che il CAS possa essere svolto solo filando pancia a terra è puro romanticismo. le opzioni di ingaggio si sono moltiplicate, le armi sono diventate più precise e non serve rischiare un aereo a bassissima quota.

 

ovviamente, taciamo sulle restrizioni di bilancio... ci manca solo spendere i soldi per un aereo mono-ruolo.

 

sul boldato non c'è dubbio.

 

le mie perplessità, semmai, riguardano l'opportunità di utilizzare aerei tanto sofisticati - come dovrebbero essere gli F-35, per fare missioni di appoggio contro, sostanzialmente, gruppi di guerriglia armati..

 

voglio dire, per certe missioni penso possa bastare un M-346 armato... :asd:

Edited by Scion

Share this post


Link to post
Share on other sites

Al giorno d'oggi la precisione non è legata al tipo d'aereo: sali a 5000 mt a 15 km dall'obiettivo e sganci una GBU.... la colpa non è del frogfoot ma delle sue armi. Conti alla mano a pieno carico bellico un AMX costa di meno delle arrmi che può portare :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

voglio dire, per certe missioni penso possa bastare un M-346 armato... :asd:

eh ma è questo il problema. un M-346K, che non esiste, può fare solo quello, poi è inutile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io penso che il futuro del CAS sia da vedere negli UCAV e nell'artiglieria a lungo raggio (stile progetto VULCANO).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esatto, è il motivo per cui nessuno nel mondo ne progetta di nuovi. Rimangono in servizio le vecchie macchine come l'A 10, Il Su 25 e se vogliamo il Ghibli

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da quel che si è letto, dovrebbero essere consegnati uno quest anno e l'altro il prossimo. Altro non so.

In quanto al P72, il primo vola e si vedono le foto fatte in fabbrica alla prima macchina appena convertita...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da quel che si è letto, dovrebbero essere consegnati uno quest anno e l'altro il prossimo. Altro non so.

In quanto al P72, il primo vola e si vedono le foto fatte in fabbrica alla prima macchina appena convertita...

Ti ringrazio.

I G550 saranno basati a Signoella?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...