Jump to content

Leaderboard

Popular Content

Showing most liked content since 05/17/2021 in Posts

  1. Non vedo la motivazione di sta caciara: i t-54 in Vietnam non li aveva mandati lo Spirito Santo. È partita la guerra contro i sovietici? No. E poi cosa credono che stiano facendo tutti gli RC135, i sentry ecc? Ormai avranno campionato anche il timbro di voce dei meccanici, ovvio che se agli ucraini dici “qui c’è la XX divisione” e gli ucraini sanno chi c’è a capo lo piallano. È solo un lieto caciare nel maldestro tentativo di nascondere la profonda inadeguatezza messa in campo. Non è che puoi dire “ok abbiamo mandato dei rincoglioniti che usano il cellulare e si stanno facendo drizzare i denti da un esercito che sulla carta era una barzelletta”. Devi dire per forza che è colpa degli USA per non perderci la faccia. È una non notizia, ufficialità o meno
    6 likes
  2. Tranquilli. Diranno che il classe slava soffre di autocombustione spontanea e che dopo aver eroicamente sedato l’incendio è stato subito promosso a classe kilo.
    5 likes
  3. Non ho capito: stai cercando qualcuno che spieghi quello che dice questo Millennium o ti aspetti lo faccia lui? Mi par che non ce ne sia bisogno, perché già lo spiega in modo semplice, anche se su due punti non sono molto d’accordo. Al minuto 7 dice che l’F-22 ha le prese d’aria di quella forma perché internamente probabilmente ha delle rampe mobili: non mi risulta, anche perché è un velivolo da “solo” mach 2. qualcosa e ne può fare a meno grazie ai motori che si ritrova. Poi al minuto 14 dice che l’F-35 ha degli attuatori elettrici molto compatti e per questo non ha dei bozzi per carenarli come il J-20. In realtà questo non è corretto. Prima di tutto gli attuatori dell’F-35 non sono elettrici ma elettroidraulici, il che significa che non è l’impianto idraulico ad alimentarli di olio in pressione, ma questo non significa che non ci sia dell’olio dentro che viene messo in pressione da pompe elettriche che sono sull’attuatore stesso (il tutto riduce vulnerabilità e peso). L’attuatore in se non è particolarmente compatto e la ragione per cui non ci sono altri bozzi sotto l’ala è che l’attuatore del flaperon, come nell’F-16, è alla radice alare, in questo caso alla fine della stessa carenatura che contiene il carrello. A riprova, sull’F-35C, che ha anche gli alettoni, questi hanno un bel bozzo che copre i relativi attuatori. Era un altro aereo a non avere bozzi nonostante gli attuatori fossero nell'ala: era l'YF-23 e la soluzione era quella di utilizzare più attuatori piccoli e compatti, come spiegato in un articolo che avevo linkato.
    4 likes
  4. ed anche il T-90M ha superato, con successo, il battesimo del fuoco...
    4 likes
  5. bannato direttamente. possiamo continuare.
    4 likes
  6. direi proprio di no , il rafale è stato scelto la dove le scelte politiche sono prevalse su quelle tecniche o economiche grecia -per diversificare le fonti e per avere un partner che è antagonista con la turchia che perfino ha concesso prestiti a basso interesse per comprare da dassault (un aiuto di stato travestito) ,l'alternativa era l'F16 block 90 in continuità con l aggiornamento dei viper ellenici paesi arabi - come alternativa agli usa ,per giunta la francia si è schierata durante la nuova "guerra dei 30anni" tra paesi arabi questo ha influito sugli export (eau , quatar , egitto quest ultimo con soldi sauditi ) , qui il costo superiore rispetto ad un f16 block 80 è giustificato politicamente . india i francesi hanno ceduto tecnologia agli indiani per giunta accettando la condizione capestro di essere responsabili degli errori di costruzione della ditta locale produttrice su licenza , inoltre i rafale sarranno utilizzati per il bombardamento nucleare , in pratica la francia ha ceduto i propri segreti più importanti per un contratto che doveva arrivare a 200 aerei ma che si fermerà molto prima . (gli usa offrivano prima il super hornet , poi l'F15 aerei superiori ma con minor traferimento di tecnologia ) croazia rafale F1 a prezzo di saldo , svenduti perchè non aggiornabili. per contro la dassult ha perso in korea del sud i koreani erano interessati ad un eventuale trasferimenti di tecnologia a parziale copertura del costo maggiore rispetto all oferta usa poi hanno preferito l'F15 di categoria superiore e con finanziarsi da soli lo sviluppo di un caccia di quinta generazione. canada la francia aveva offerto il completo trasferimento di tecnologia ,ma i canadesi si accorsero che il rafale non era interoperabile del tutto a livello nato , sospesero la gara (per colpa delle interperanze di trump) che avrebbe visto la vittoria del F35 di cui sono paese partecipante al consorzio. oggi ci hanno ripensato e acquisteranno il litening II Singapore pur avendo rapporti industriali e militari con la francia e pur non avendo problemi di bilancio ha preferito una versione ad hoc del F15 e l F35 "According to Defense Industry Daily, one major reason for the selection was that, while the Rafale had superior aerodynamics, it lacked the range and a capable radar, and had insufficient weapons and sensor integration." wiki eng la finlandia paese neutrale ,ma la vicinanza con un vicino molto fastidioso li ha portati ha scegliere l'aereo più avanzato con l'alleato più forte per confronto l' eurofighter è stato grandemente penalizzato dall'assurda scelta dei paesi fondatori del consorzio di dividersi i paesi potenziali acquirenti anzichè fare fronte comune e dividersi i guadagni , ridicolo il sipariettò in India con prima l'UK come referente e poi con la Germania a seguito di un accordo in casa edas airbus . nemmeno aiuta la politica tedesca in materia fdi export di armi che rischia di toglierti il supporto del costruttore quando più nei bisogn , cioè in caso di conflitto è un peccato perchè l' efa è un caccia capace ,ma paga i litigi tra i costruttori ,basti pensare al radar aesa di cui esistono 3 versioni a seconda delle ditte di riferimento , esistono due modelli in capo a leonardo (uk e Ita) e uno tedesco ...
    4 likes
  7. Guarda, visto che ci sei chiediti se sia morale bersagliare centinaia di persone in un teatro con scritto a caratteri cubitali “Bambini”, utilizzare armi termobariche e al fosforo bianco, artiglieria e bombardamenti per distruggere il 90% degli edifici di una città, impedire i corridoi umanitari e anzi prendere di mira la gente che scappa verso ovest, affamare migliaia di civili e deportarne altre migliaia, stuprare le donne, rapire, torturare o uccidere chi si ribella e fare sparire i corpi di chi viene ammazzato nei forni crematori... Ho dimenticato qualcosa? Ah si, di chiediti se sia morale iscriversi a un forum 2 giorni dopo l’attacco di un tronfio criminale sovietico a un paese libero e democratico, appollaiandosi su una singola discussione col solo scopo di postare lunghe supercazzole infarcite di link a pagamento o inutili o che dicono altro rispetto al subdolo messaggio da troll filorusso che si vuol far passare. Il resto è noia.
    4 likes
  8. Chiedo scusa se ti ho infastidito, non era mia intenzione, faccio i miei ossequi alla Svezia che sicuramente sarà un paese ricco e pieno di risorse. Conosco tanti che abitano "altrove" e il loro "altrove", che sia Svezia, Germania, Cina, Nepal, Sudan, Burundi, .... è sempre anni luce avanti all'Italia, all'Europa o all'occidente. Comunque caspita che permaloso, neanche avessi parlato di tua sorella o avessi detto che in Svezia sono 4 dementi... Non mi pare di aver scritto alcunché di offensivo! Non sono un esperto di economia, tantomeno di armamenti, ma solo un appassionato e mi inchino alla tua saccenza, ma la superficie non è certo un parametro di riferimento sulle potenzialità di un paese, l'Antartide è quasi 30 volte la Svezia eppure... La Svezia sarà 1.5 volte l'Italia, ma il PIL ne è 1/4, 1/5 di quello della Francia. Sviluppare contemporaneamente 1 aereo di 5a e uno di 6a gen (anche se non da soli) credo che sia un impresa ardua per chiunque e solo pochi paesi possono permettersi, se la Svezia è uno di questi buon per loro!
    4 likes
  9. Prendere una città con genocidio e deportazione trasformandola in un cumulo di macerie per i prossimi anni tu la chiami vittoria significativa? Ma guarda un po’... a me sembravano crimini di guerra... sai quelle cose che fanno tanto incazzare gli occupati e che rendono la vita impossibile agli occupanti… E da quando in qua per fare la guerriglia servono forze soverchianti? Serve l’appoggio della popolazione, sai, quella cosa che PUC s’è giocato quando ha cominciato a massacrare civili inermi. PUC ha condannato la Russia a una lenta agonia: economica, politica e morale, ma questo sulla Tass non lo puoi leggere… Dasvidania tovarish
    4 likes
  10. Non so cosa ne pensiate voi ragazzi ma a me questa discussione sul battaglione azov annoia parecchio, serve solo a dare fiato alla propaganda di putin e distoglie dal vero problema. P.S. tra l'altro, da quando in qua ai fan di putin interessa tanto liberare il mondo dai nazisti?
    4 likes
  11. @Amartya, anche se da qualche settimana non sono più l’ultimo highlander rimasto a scrivere lunghi pipponi su questo forum, il tuo ingombrante “inno” alla strategia criminale di PUC mi stava per sfuggire causa messa in approvazione dei tuoi messaggi... Fabio dice bene: le minacce di PUC all’Italia non sono relative all’articolo 5 della NATO, che lui ormai ha capito bene essere garanzia di avere su Wikipedia una data di fine della sua miserabile carriera politica a base di corruzione, disinformazione, polonio e crimini di guerra, ma sono relative all’aspetto economico. L’Italia appartiene alla schiera di paesi che danno armi all'Ucraina (con il beneplacito del "falco" Guerini) e che le sanzioni le vogliono e anche sono disposti ad inasprirle: ricordiamo a tal proposito il guarda caso recente incontro di Draghi con gli omologhi di Spagna e Portogallo volto anche a delineare una strategia energetica comune europea. PUC, da bravo mafioso qual è, tramite uno dei suoi scagnozzi ha quindi tenuto a ricordarci (e a ricordare specificatamente a Lorenzo Guerini - nato a Lodi il 21 novembre 1966) l’aiuto per l’emergenza covid (già allora chiaramente propagandistico) e ha parlato di conseguenze irreversibili, ma dal punto di vista economico, visto che i rubinetti del gas li possono chiudere. Siccome l’Italia è uno dei paesi energeticamente più dipendenti da Mosca, minacciando l’Italia sta insomma cercando di spezzare il fronte comune che sta portando la Russia al default (nei prossimi giorni scadranno ben altre cedole…) e il rublo a valere come carta straccia nelle indispensabili importazioni (incluse quelle dalla Cina che per inciso se ne farebbe una pippa di essere "egemone" in un deserto radioattivo che in quanto tale non avrebbe confini...). Le conseguenze irreversibili quindi ci sono già e ci sono dal 24 febbraio: l’economia russa ci metterà anni a risollevarsi dalla batosta delle sanzioni e del progressivo sganciamento dei paesi occidentali dalla dipendenza energetica da Mosca, mentre l’imponente armata rossa (partita per l’Ucraina con evidenti pezze al sedere) uscirà a pezzi da questa avventura, indipendentemente dal fatto che riesca o meno a trascinarsi fino al Dnepr e si troverà a rincorrere la NATO in una nuova Guerra Fredda economicamente insostenibile per la Russia. Da tutto ciò PUC non ne esce minacciando i singoli, anche perché al contrario è il miglior modo per dirci che unità e determinazione europea/NATO siano la strada giusta per schiantarlo come merita. Non è un caso se gli si è risposto di attaccarsi al tram.
    4 likes
  12. Tra carri abbandonati e chaff/flare degli iskander da questa parte del mondo avranno che analizzare per qualche tempo. Un aspetto quasi mai considerato è quanta intelligence si possa ottenere da questa guerra, che per quanto deprecabile sta scoprendo le carte dei russi e dando all’Occidente un quadro reale sulle capacità di uomini e mezzi.
    4 likes
  13. La Germania sembra aver definitivamente scelto di acquisire l'F-35 in numeri di circa 35 sembra per equipaggiare almeno uno stormo specializzato nello strike nucleare. Opportuna scelta per rimanere nel club delle nazioni che dispongono di tale capacità a doppia chiave senza cadere nella discutibile, costosa e time consuming precedente decisione di optare per F-18E/F o Eurofighter. Rimodulazioni aggiornate anche per il ruolo EW o SEAD sempre schizofreniche. Svilupperanno tale capacità sugli Eurofighter. In 5-10 anni e per 15 velivoli, nelle loro speranze (molto dopo che l'F-35 diverrà probabilmente la migliore piattaforma mondiale anche per questo ruolo). Teniamo presente che in governo in Germania ci sono anche i Verdi, partito che espresse/esprime riserve alla permanenza della Germania nella lista dei Paesi che ospitano armi nucleari e che la Germania sta investendo in un programma per il futuro caccia di nuova generazione in sottomissione alla Francia, Paese che praticamente considera l'F-35 una minaccia ai propri confini nazionali e un giorno sì e l'altro no minaccia di espellere la Germania dal programma per i più svariati motivi. https://www.thedrive.com/the-war-zone/44740/germany-has-chosen-the-f-35-as-its-future-nuclear-strike-fighter
    4 likes
  14. Ok mo basta. I messaggi di questa discussione vengono (forse) temporaneamente moderati e sottoposti approvazione da parte dello staff, in attesa di disporre ulteriori provvedimenti nei confronti degli utenti. Vi avevo avvertiti
    4 likes
  15. Come direbbe Darth Putin su twitter: Day 77 of my 3 days war. Che già è tutto dire. La stessa realtà geografica ci dice che sono inchiodati da tempo a Kherson, nessun avanzamento su Zhaporizhzhya quindi anche li fronte statico, a Severodonetsk bombardano ma in città mica entrano, che è? Paura di Mariupol 2.0 o si fa una cosa alla Hostomel? A Kharkiv i russi sono stati respinti fino al confine e si spera abbiano subito abbastanza perdite da permettere il disimpegno di alcune unità da poter dispiegare a sud. Quindi sto fantomatico avanzamento, attualmente, su fronti pressoché statici, lo stai vedendo solo tu e forse Putin, in base a quello che gli racconta Shoigu. Ah, non per dire ma dietro Severodonetsk c'è la linea Sloviansk / Kramatorsk / Dzernisk. Fonte: Discorso con zio Peppino dopo il pranzo della domenica, abbondantemente innaffiato da un rosso corposo. Si ai russi arriva la notifica di spedizione Amazon e sanno ora, data e luogo della consegna. 10 milioni di sfollati ucraini = 15/20mila soldati russi morti. Come andare al mercato e confrontare mele con un pacco di rondelle da 6. Se vuoi confrontare qualcosa devi confrontare perdite da un lato e dall'altro tenendo conto pure del soverchiante numero di mezzi messi in campo da una parte e allegramente distrutti dall'altra. Riesco a risponderti solo con un meme perché se scrivo quello che penso mi devo bannare da solo. A botte di colonne distrutte si rafforza, come se mezzi, ma soprattutto equipaggi, fossero eterni e sempre in stock pronti ad essere buttati al fronte. Il fatto che il governatore della siberia abbia dovuto fronteggiare l'incazzatura dei cittadini perché unità di polizia anti-sommossa siberiane siano state mandate in Ucraina con scudi e manganelli come carne da cannone non ti suggerisce nulla di simile al fatto che (come da più report pervenuti) i russi stiano prelevando unità da ovunque? E ripeto, le forze russe sono e rimangono complessivamente soverchianti rispetto all'esigua macchina bellica Ucraina che al netto di tutto sta mollando ceffoni agli impavidi eroi di sovietland. 2 Righe sopra che la macchia rossa si allarga e si rafforza, e mo che gli ucraini hanno addirittura più mezzi militari. Orde di carri ucraini, per citare un noto film "sbucano dalle fottute pareti". 1) Grazia. 2) Graziella. 3) E grazie al ca**o 2 di quelle opzioni, in particolare "Graziella" e "Grazie al ca**o", sono una sconfitta per quello che sulla carta era il secondo esercito al mondo che doveva prendersi l'Ucraina in 3 giorni. Se volevo un corso di tarocchi on-line sulle sorti di Biden mi affidavo ai professionisti: E abbiamo visto che ti piace la geografia a modo tuo. Ragà lasciate perdere Cooper e ISW, abbiamo i suoi resoconti, che parlano di aviazioni a rullo, avanzamenti incrementali, geografia del mondo fatato fra orchi, elfi ma soprattutto Troll, di cui mi sono abbondantemente stufato. Stavolta, ai tarocchi, ti è uscita la Luna Nera. Ban.
    3 likes
  16. @niente, piombi qui ogni tre giorni, non leggi il topic, non rispondi ai messaggi e parti con il solito intervento incrementale. Sembri proprio uno che sta qui a vendere propaganda. Visto che non hai risposto ti ripeto quello che ti ho detto una settimana fa: se i russi rimangono alle posizioni attuali sarebbe una totale sconfitta per loro, dal momento che erano partiti per prendere kiev, che dicono di avere 20 milioni di uomini, 30000 carri armati, 5000 caccia fotonici, missili ipercazzole e caz*i mazzi e bombe a mano, e non sono riusciti a strappare altro se non pochi km a un paese sottosviluppato con le pezze al culo. Inoltre sono riusciti nell'ardua impresa di compattare l'europa e farla uscire dal post-storicismo. Pensate se questa fosse una guerra americana, quanto trollerebbero sti figli di Putin
    3 likes
  17. la "Realtà della Geografia" ci dice che solo su alcune direttrici, con una lentezza inbarazzante ed a singhiozzo, continuano ad ottenere piccoli avanzamenti, tra una sberla e l'altra... e non ti azzardare neanche a parlare di "avanzamento incrementale", visto che è una tattica che non esiste. nel caso non te ne fossi accorto, magari distratto dallo scrivere questo pippone propagandistico, dall'Oblast di Kharkiv stanno per essere ricacciati in Russia ed il tentativo di accherchiamento di Severodonestk è nuovamente fallito, tralasciando che 20-40.000 ukraini li accherchi, non li metti certo fuori gioco, se riescono ad accherchiare scedendo da Izium (dove sono allegramente bloccati da svariato tempo, anzi, sembra proprio che abbiano abbandonato tale asse di avanzamento), ben ad Ovest di Severodonestk... sempre se la "Realtà della Geografia" non è una opinione. la fonte di questo fantasmagorico successo russo sarebbe? no perchè noi siamo rimasti al lancio, ormai a casaccio, di crusie ed SRBM ed alla fondamentale assenza del potere aereo russo, anche sulla linea del fronte. lo sai perfettamente anche tu, avendolo scritto più volte in passato, che i russi non hanno i numeri per poter dilagare oltre il Donbass, sempre ammesso riescano a chiudere una qualche sacca. il resto è un wishful thinking trumpiano, tacendo che la finestra temporale si sta chiudendo per i russi, non per gli ukraini... che tanto vivono là... senza nessun dato oggettivo su cui appoggiarsi e non sarà certo un articolo a cui non è possibile accedere, senza pagare, a dargli credibilità. ma poi non ho capito, inizi un discorso usando della "Realtà della Geografica" e poi la disconosci, visto che "il famigerato Tom" e l'ISW si basano su quello? magari ti sei accorto che stavi componendo una supercazzola?
    3 likes
  18. Athens no. negli esempi citati, i sovietici fornivano armi pesanti, aerei, sistemi di difesa aerea e consiglieri, nonchè, almeno in Korea, la quasi totalità dei piloti (tralasciando l'impiego diretto delle forze cinesi, ovviamente equipaggiate dai sovietici che, infatti, si stavano beccando l'atomica). mancò il "grande supporto informativo", ma perchè all'epoca non esisteva e/o non avevano i mezzi per fornirlo. d'altro canto, Korea del Nord e Vietnam del Nord (dove le forze aeree americane circolavano allegramente, soprattutto quando si decise di far sul serio e spianare il paese) erano dei veri e propri proxy sovietici, senza i quali neanche sarebbero esistiti come entità statali. alla luce di ciò, vedere, oggi, la Russia che piange e batte i piedi per gli aiuti occidentali, è davvero una barzelletta.
    3 likes
  19. Non mi pare ci siano informazioni anche perché i russi (cui certo non mancano carri e missili anticarro) sono meno "loquaci" e gli ucraini come ovvio non pubblicizzano le perdite (in questo caso almeno 5 o 6 mezzi). Gli ucraini stanno attaccando a nord di Kharkiv e dopo aver preso Bezruky, Slatine e Prudianka, a Kozacha deve essere andata male. Poi, tutti i carri di concezione sovietica soffrono della sindrome della torretta volante, perché tutti, anche se con qualche differenza concettuale, hanno la giostrina con le munizioni sotto la torretta. Comunque nell'Oblast di Karkiv si combatte pesantemente. Qui, più a sud (intorno a Izium) un’unità di fanteria ucraina dotata di Stugna P (la versione da esportazione Skif a giudicare dai caratteri sullo schermo…) fa strage di mezzi russi e in rapida successione distrugge 4 carri e un BMP nascosti fra gli alberi.
    3 likes
  20. Stando a RID sicuramente alcuni Kalibr e altri cruise li hanno tirati giù con gli SA-12 (S-300V1) che dell’S-300 è la versione con limitate capacità antimissile contro SRBM e appunto cruise e che si aggiungono sul lungo raggio ai meno recenti S-300PS/PT (SA-10) di cui a inizio conflitto c’erano una ventina di batterie. I medio raggio BUK-M1 (SA-11) hanno buone probabilità di abbattere un cruise (parrebbe 40%) visto che sono abbastanza moderni, mentre non è specificato il ruolo in questo senso dei vecchi SA-6 KUB e degli ancor più vecchi SA-3 PECHORA, entrambi aggiornati. Tutta roba che però ha tirato giù svariati aerei. Altri cruise ne hanno abbattuti con i corto raggio SA-15 (TOR-M) e con gli SA-8B GECKO (OSA-AK/AKM). Poi a inizio guerra c'erano 70 semoventi TUNGUSKA (SA-19). La rete radar si avvale invece di P-18 MALAKHIT, di 36D6/36D6M (credo utili contro i cruise perché lavorano bene anche a bassa quota), poi altri radar mobili 76K6 PELIKAN e 80K6KS1 PHOENIX (che costituisce gli occhi del sistema missilistico BUK). Infine non dimentichiamo il fottio di manpads che hanno tra Strela-10, IGLA, Stinger, GROM, Mistral, StarStreak: questi tra un po' arrivano con il corriere Amazon...e a farne le spese sono stati aerei, elicotteri ('na strage) e droni. Insomma, nonostante la supremazia dell’aeronautica russa e le perdite subite dalla difesa aerea ucraina, non è che non abbiano una lista di sigle da far venire il mal di testa (e me l’hanno fatto venire…) per tiragli giù un po’ di roba…e infatti gliela tirano giù ogni giorno…
    3 likes
  21. L’ucraina rischia di diventare il più grande deposito di ferraglia a cielo aperto del mondo, perché da come vedo i russi stanno per tirar fuori pure i T-34. Sorvolo sul livello di propaganda russa e soprattutto su quali elementi sociali abbia più appeal perché qui si aprirebbe un discorso lungo, tortuoso, e intriso di una certa blasfemia. Ma l’altro giorno ho proposto ad una mia amica di fare un giochino, che ripropongo qui. frase: Non tutti i filorussi sono troll, ma tutti i troll sono filorussi. Se sostituite le parole filorussi e troll con no NATO, no Euro, no vax, analfabeti funzionali ecc vedrete che la frase ha sempre senso compiuto. Esempio: -Non tutti i no vax sono analfabeti funzionali, ma tutti gli analfabeti funzionali sono no vax. e ancora: Non tutti i no euro sono filorussi, ma tutti i filorussi sono no euro. Funziona sempre. E qui io le grandi colpe le do al sistema scolatisco, ma anche alla signora Concettina che invece di studiare qualcosa passa da una ricetta di Benedetta Parodi ad aulici discorsi da esperta di geopolitica in un batter di ciglia per poi andare sui social a scrivere “W la Russia” fra un “buongiornissimo” e un “kaffé!?”. Insomma: ok la propaganda, ma attecchisce sulle menti deboli.
    3 likes
  22. Che bello...e non ti viene in mente che quel mio "eviterei di giocare al piccolo stratega politico" includesse proprio e volutamente anche me stesso come invito a guardare ai fatti e ponderare le opinioni? O preferivi che esprimessi con qualche "francesismo" e in maniera più diretta il mio dissenso in quella risposta al mio interlocutore? Sono iscritto a questo forum da più di 15 anni e le mie opinioni le ho ben espresse in quasi seimila messaggi: il predicozzo anche no quindi... Quanto al "bolscevico" Tricarico, che ricordo su altre questioni ho avuto modo di criticare, da generale dovrebbe essere il primo a sapere che per far sedere un criminale (che non ci si vuole sedere) al tavolo del negoziato, bisogna mostrare determinazione ad andare fino in fondo e l'ultima cosa da fare è porre una scadenza ai propri sforzi, della serie "ora ti bombardo, ma se insisti calo le brache". Zelenski fin da principio ha mostrato determinazione unita a desiderio di sedersi al tavolo a discutere seriamente (cosa mai fatta finora dai russi), quindi credo che manco lui abbia bisogno di predicozzi.
    3 likes
  23. @Athens ma è sempre la stessa musica da un bel po' ormai... bombardano Kharkov per tenere bloccate forze ukraine e "fare cagnara", mentre avanzano da Izyum (e da almeno altre 3 direttrici), per provare a circondare le truppe sul LOC... con scarsi risultati. il progetto strategico? provare a salvare il salvabile, nel minor tempo possibile, prima che l'economia russa si schianti del tutto. infatti, se hai notato, non c'è stata alcuna pausa concreta nelle operazioni, per poter ricostruire e rinfrancare le truppe provenienti dal Nord. @amartya direi di no. la morfologia di un terreno non è un problema di così grave entità, per un esercito moderno. in A-Stan ed in Vietnam è mancata la vittoria politica, non certo quella militare... qua macano, ad oggi, entrambe... e Kiev non era certo arroccata tra le montagne. per il fronte sud... ancora no (purtoppo per gli Ukraini, che avrebbero avuto l'ennesima occasione per massacrare i fianchi delle puntate offensive e fare manbassa delle claudicanti colonne logistiche russe, i quali avrebbero ripetuto l'errore di dividere le forze), i Russi non hanno 40 BTG ulteriori da schierare. quando e se avranno conquistato anche l'Azovstal, potranno usare quei rimasugli di BTG (si parla di una dozzina, non certo la ventina di cui tu parli) per provare ancora ad accerchiare il LOC, cosa che già stanno facendo in realtà, seppur con risultati prossimi allo zero. d'altro canto, stanno avendo sempre più problemi con le azioni dei partigiani, nelle retrovie.
    3 likes
  24. Giusto qualche appunto sui messaggi precedenti... Come avevamo detto l’utilizzo dei Kinzhal è mossa più che altro propagandistica abbastanza inutile sul piano militare del contesto ucraino. Per inciso i missili ipersonici non sono stealth: sono visibili, in particolare all’infrarosso e la difficoltà estrema nell’intercettarli è legata soprattutto alla velocità, alla manovrabilità e alla traiettoria a relativa bassa quota che ne tarda il rilevamento a causa della curvatura terrestre. Il tutto riduce enormemente i tempi di reazione. Non a caso gli USA intendono mettere in piedi un sistema di rilevamento orbitale a bassa quota e pensano a soluzioni tampone con gli Standard e i THAAD (e relativi radar). Tampone perchè certi affari è meglio intercettarli in crociera piùttosto che a istanti dal bersaglio. L’intercettore ideale poi non deve essere estremamente più veloce, ma estemamente più manovrabile (fino a tre volte). Per più info magari è meglio leggere RID di novembre 2020... Passando ai droni, l’arma tedesca non è un sistema antidrone, ma è parte di un sistema antiaereo complessivo (manco operativo) composto da vari attori e che si adatta alle nuove esigenze (bombe e droni inclusi, ma nemmeno tutti visto che non arriva in quota essendo un sistema a corto raggio). Nel caso del video è particolarmente efficace contro i droni in sciame, che però non sono manco stati usati in Ucraina. A tal proposito stendiamo poi un velo pietoso sul tirar fuori le armi ad energia cinetica... Solo aria fritta e OT. Diversivi da troll insomma... La guerra vera in Ucraina al momento è altra cosa: è iniziata stanotte l'attesa operazione offensiva nell'est https://twitter.com/Osinttechnical/status/1516200649758846991/photo/1 Aspri combattimenti lungo tutta la linea di contatto nel Donbass https://militaryland.net/ukraine/invasion-day-54-summary/
    3 likes
  25. Forse il tempo è peggiorato e forse no. Non è detto che la nave potesse essere salvata con incendi a bordo e buchi nello scafo, anche senza tempeste. Credo comunque che parlare di rientro in porto per le riparazioni fosse…riduttivo come approccio comunicativo al problema. I russi però ci hanno abituato ai loro approcci creativi alla guerra...pardon operazione speciale. Questa è l’interpretazione russa dell’air dominance… https://video.repubblica.it/dossier/crisi_in_ucraina_la_russia_il_donbass_i_video/kharkiv-martoriata-dagli-attacchi-aerei-vasto-incendio-in-un-edificio-dopo-raid-russo/413589/414516 …dove militari (che fortuna, qualcos'altro da colpire oltre ai civili c'era...) e altri nazisti vestiti di rosso sono all’opera… https://video.repubblica.it/dossier/crisi_in_ucraina_la_russia_il_donbass_i_video/kharkiv-il-coraggio-del-medico-che-resta-con-una-donna-ferita-mentre-intorno-si-scatena-l-attacco/413582/414509?ref=RHTP-BS-I339021822-P7-S5-F Non è che invece per colpire le postazioni ucraine, si continua a prediligere la precisione “estrema” dell’artiglieria? Intanto, spietati combattimenti a Mariupol…
    3 likes
  26. Eviterei di comparare le paure polacche o quelle finlandesi (e svedesi) con quelle russe... La Russia i vicini li invade (fosse il primo l'Ucraina), mentre la NATO è un'alleanza difensiva in cui si fionda chi ha avuto a che fare con 'ingombrante presenza "sovietica" ai confini. Le paure russe di essere invasi sono ridicole e l'unica ragione per cui PUC e soci non vogliono la NATO ai confini è perché vedrebbero ridursi ciò che da quelle parti considerano il giardino di casa, buono solo per governi fantoccio come quello del leccapiedi bielorusso. L'allargamento ad est della NATO è conseguenza dell'imperialismo sovietico e delle odierne follie di PUC, non il contrario.
    3 likes
  27. Anche a noi in Italia piace avere certezze. Molto più degli svizzeri per quanto riguarda la sostituzione delle linee aerotattiche di quarta generazione. Ricordo ancora le manfrine, i tempi dilatati il referendum, col quale gli svizzeri hanno ribaltato le loro "certezze" sul Gripen. E non calco ulteriormente la mano perché né gli svizzeri che ho conosciuto, né gli altri utenti elvetici del forum hanno mai mostrato la spocchia del nostro amico, pardon, utente mo-mo. Anche in qualità di eventuali costruttori dei mezzi svizzeri. Non è che l'eventuale committente può passare anni a decidere referendare, interrogarsi sul proprio stato di neutralità e poi pretendere la priorità per il prodotto assemblato. Vedete di definire meglio le vostre "certezze" e poi fateci sapere.
    3 likes
  28. Di I russi quanto a sigle e lettere sono sempre stati dei casinisti e in questo caso non ci hanno fatto la grazia di spiegare il significato delle lettere. Restano le supposizioni come hai scritto tu. Di "autogol" ne hanno fatti talmente tanti che ormai non si preoccupano certo di evitare di farli durante le visite istituzionali. Semplicemente si limitano alla disinformazia e raccontano balle su qualunque cosa. Certamente da approfondire, ma non credo che colpire in pieno una stazione sia un errore e d'altra parte gli ucraini non hanno questa grande necessità di scaricare colpe sui russi o quel che è peggio fare attacchi false flag per impressionare la Von der Leyen: basta Bucha...
    3 likes
  29. il problema non lo risolve, sposta l'equipaggio: il carosello è sempre sotto la torretta quindi, in caso di penetrazione, salta uguale e, in linea teorica, l'equipaggio si dovrebbe salvare.
    3 likes
  30. difesa online... affidabile... piuttosto, si fa un gran cianciare di Javelin e NLAW ma, secondo me, il vero eroe del conflitto è lo Stugna-P, il contraltare ukraino dell'AT-14. dopo una lunga serie di video che lo vedono protagonista, di cui almeno uno nella versione da esportazione (i caratteri del display sono arabi), ha iniziato a tirare già anche i Ka-52
    3 likes
  31. Sono sicuro che al Cremlino dichiareranno che: ”Un Su-35 ha proficuamente intercettato e distrutto un missile ucraino”. Prendendoselo addosso però… https://aviationweek.com/defense-space/budget-policy-operations/prized-russian-su-35-fighter-destroyed-ukraine
    3 likes
  32. Qui hai un piccolo elelnco delle organizzazioni naziste russe. Russe della Russia, non del Donbass https://www.eastjournal.net/archives/26517 Affrontare il tema della galassia neonazista russa non è impresa agevole date le dimensioni del fenomeno. Secondo il Nucleo Antiterrorismo Russo gli appartententi a movimenti di estrema destra sono oltre 200.000, articolati in bande che possono contare anche solo 4 o 5 membri; tuttavia sul numero reale non vi è certezza ed appare largamente sottostimato dalla maggior parte delle associazioni che si occupano di monitorare il problema. Il neonazismo russo appare poco legato a grossi movimenti o partiti, tra i quali il maggiore è ancora il Partito Nazional Socialista Russo (Russkaja Nacional’naja Socialističeskaja Partija, RNSP), del quale East Journal si è già occupato. Il RNSP, nato nel 1998 dalla frantumazione dell’organizzazione Pamyat, è sempre stato una sorta di punto di riferimento per i vari gruppi minori ed ha introdotto nella destra radicale un’ideologia che si rifà esplicitamente al nazismo hitleriano ma con una riformulazione non priva di conseguenze. I nazional socialisti russi pongono infatti, in nome del più acceso nazionalismo, i popoli slavi sullo stesso piano degli ariani, identificando inoltre il nemico non più negli ebrei ma nei “negri”, ossia nei popoli caucasici e dell’Asia Centrale. Questo aspetto è al centro dell’evoluzione del modus operandi dei neonazisti russi. I gruppi della destra radicale vedono infatti la presenza al loro interno di molti reduci dalla guerra in Cecenia che, nel corso della loro esperienza nel Caucaso, si sono identificati come i difensori della Russia dal pericolo musulmano. E il concetto di guerra è sempre più presente nel movimento neonazista russo, come dimostrato dalla marcata militarizzazione tale da trasformare i gruppi in vere e proprie bande paramilitari. In un delirio di odio il nemico “al fronte”, il guerrigliero ceceno musulmano, si fonde con il nemico “in patria”, l’immigrato accusato di rubare lavoro, creando una situazione assolutamente esplosiva dove chiunque non sia bianco e russo deve essere eliminato. Questa weltanschau nazista è ben rappresentata da quello che è stato uno dei gruppi più temuti e pericolosi dell’intera Russia: gli schulz88. Fondati a Pietroburgo da Dmitri Bobrov, un militare il cui servizio di leva si è svolto nel Caucaso del nord, si sono resi colpevoli di numerosi omicidi di immigrati, al punto da diventare un vero e proprio problema d’ordine pubblico. Bobrov, intervistato dal Time dichiarò di rifarsi alle tecniche di guerriglia di Al Qaeda, ammirandone la mobilità e la struttura in “cellule”. L’ex-militare fece di una banda di teppisti naziskin una vera e propria macchina da guerra arrivando a cambiarne anche l’abbigliamento e lo stile di vita per essere meno visibili. Proprio a causa degli schulz88 le autorità russe sono state costrette a dover abbandonare una certa “compiacenza” per adottare una politica che fosse più repressiva. Il punto di svolta fu l’omicidio, avvenuto nel 2004, di Nikolai Girenko, etnografo, antropologo ed attivista difensore dei diritti delle minoranze etniche. Grienko fu promotore di diversi processi contro gruppi neonazisti, ed in particolare contro quello di Bobrov, riuscendo a far condannare gli imputati non come teppisti ma come motivati da odio razziale: questo gli costò la vita. Gli schulz88 arrivarono a terrorizzare Pietroburgo con una campagna di attentati a locali e treni finché non furono arrestati, leader compreso, dai servizi di sicurezza russi (FSB). Quello dei rapporti tra l’universo neonazista e le autorità russe è questione complessa e delicata. Putin utilizzò questi movimenti in occasione del lancio della campagna cecena, ma col tempo queste bande di teppisti, ultras e naziskin sono sfuggite di mano alle autorità diventando un vero e proprio pericolo sociale. Per arginare l’afflusso di giovani nella nebulosa neonazista il governo russo favorì, nel 2007, la nascita del movimento giovanile nashi caratterizzato da un forte nazionalismo e dall’antifascismo. Tuttavia questo movimento non è riuscito nel suo scopo, che non fosse il sostegno a Putin, a causa della propria estrazione sociale che non riesce a fare presa su realtà di strada, quali sono invece le bande neonaziste. L’estrema destra radicale russa, almeno la componente più “politica”, la si può trovare anche nelle manifestazioni anti-Putin, le cosiddette “marce russe”, a fianco di movimenti i più svariati quali ecologisti e addirittura dei democratici filo-occidentali. In realtà si tratta di pressioni per negoziare il proprio potere in una società che sembra più andare verso una deriva nazionalista. Il 61% dei russi condivide infatti lo slogan “la russia ai russi” e buona parte di essi vedono nell’immigrazione un problema verso il quale, pur non approvando i metodi dei gruppi neonazisti, sono sempre più insofferenti. La società russa sembra intrisa di nazionalismo, tanto che la xenofobia è cavalcata anche dal partito comunista, che propone di inserire l’etnia nei passaporti, e dal blogger anticorruzione Aleksej Navalnyj, che riconosce la validità di alcune posizioni della destra radicale. Sono i naziskin la nuova avanguardia del proletariato?
    3 likes
  33. Il governo canadese cancella l’acquisto degli F-35 perché sono un costoso spreco... Il governo canadese apre una competizione per rimpiazzare gli F-18... Il governo canadese annuncia che l’F-35 ha vinto la competizione... Quanto è bella la politica…
    3 likes
  34. Sicuramente i russi si stanno trattenendo coi civili, ma non si può dire che non li colpiscano deliberatamente. Certo, hanno distrutto un centro commerciale intero perchè da lì (dicono..) supportavano i rifornimenti al fronte e soprattutto perchè parcheggiato davanti c’era un cavolo di lanciarazzi... che gli americani avrebbero distrutto con una singola SDB o magari con una LGB riempita di cemento. Fa niente, poverini che hanno solo bombe e missiloni grossi e pieni di tritolo, che sicuramente non sono progettati per leggere sull’asfalto davanti a un teatro la scritta a caratteri cubitali “bambini”. O forse sarà che gli attori recitavano da cani e meritassero di non avere più un palco per farlo... Probabilmente anche vicino agli ospedali ci saranno stati parcheggiati lanciarazzi ucraini o saranno stati pieni di quelli del battaglione Azov che bevevano il caffè nella sala d’attesa del reparto maternità...Sicuramente non saranno stati loro a non far passare i convogli umanitari, a deportare gente i Russia o a sparare sui civili. E se piallano le auto coi cingolati è perchè gli s’è rotto lo sterzo... L’aviazione potrebbe far più danni, anche e soprattutto nelle retrovie? Sicuramente, ma nonostante la evidente mancanza di armi adatte, è la tattica tipicamente sovietica di privilegiarne l’appoggio alle truppe di terra. Comunque ci pensano ben queste a fare disastri, visto che avanzano contro un nemico affatto ammorbidito da attacchi aerei cui manca precisione e intensità. Le attuali remore a radere al suolo Kiev (indiscutibilmente da “preservare” anche per i russi), potrebbero cadere come sono cadute a Mariupol e in altri luoghi in cui a togliere acqua, elettricità, cibo e... vite non ci si è fatto poi tanto scrupolo, altrimenti non ci sarebbe manco qualcuno che già indaga con l’intenzione di mettere a PUC il pigiamino a righe... Pesante o leggera che possa essere definita la mano di PUC, qua ci sono centinaia di migliaia di uomini che se le danno di santa ragione: i conti comunque si faranno alla fine e mi sa che le vittime civili saranno molte di più di quelle di cui oggi si ha certezza... Quanto al mutamento della tattica russa, beh, i russi tra morti e feriti hanno perso almeno 25000 uomini e cominciano a mancare sia le forze che i rifornimenti per procedere negli attacchi. Pensare di portare avanti in queste condizioni una guerra d’attrito contro un difensore determinato a non lasciarti respiro e a colpire le linee di rifornimento è puramente velleitario. Economicamente gli equilibri non si cambiano dal giorno alla notte e sul campo la Russia non è nelle condizioni di trascinare una guerra del genere per anni. Più probabile che PUC al contrario si faccia ancor meno scrupoli a metterci di mezzo i civili e alzi la posta al tavolo negoziale facendo più danni con l’aviazione e l’artiglieria, per compensare l’inferiorità numerica e l’evidente mancanza di morale delle truppe a terra. Probabilmente non funzionerà nemmeno questo... Come andrà a finire? Non lo so, la Storia spesso si ripete, ma ne ha provate così tante che si può ripetere continuando a sorprenderci in molteplici modi.
    3 likes
  35. Uuuuun’estate al mareeee NB; Se appoggi questa foto all’orecchio puoi sentire il suono dei trattori ucraini in lontananza.
    3 likes
  36. Se si dovesse chiedere scusa a tutti per tutto, dovremmo magari cominciare noi con la Gallia di Giulio Cesare o con Cartagine (distrutta per, un'ossessione non diversa di quella per l'Irak di Bush figlio), o, magari e venendo a tempi più recenti, per i crimini in AOI e nei Balcani; gli eredi degli aztechi dovrebbero chiedere scusa per i milioni di persone che hanno ucciso solo per sacrificarli ai loro dei, i maori dovrebbero chiedere scusa per avere fatto un uso imperialista delle armi ottenute dagli europei... e saltando qualche secolo e qualche migliaio di altri casi, magari i cinesi dovrebbero chiedere scusa per il Tibet e l'Indonesia per Papua, Dayaki e cristiani molucchesi, e la Russia dovrebbe chiedere scusa per avere fatto della Cecenia un deserto e averlo chiamato pace. Stiamo guardando dentro l'abisso, non possiamo perdere tempo con queste masturbazioni mentali. La politica si nutre di ipocrisia, da sempre, ma non dev'essere la scusa per non vedere o sminuire quello che il criminale del Cremlino sta facendo.
    3 likes
  37. Alla lockeed Martin devono un caffè a Putin ... https://www.reuters.com/world/europe/germany-decides-principle-buy-f-35-fighter-jet-government-source-2022-03-14/
    3 likes
  38. Bene: generalmente lo faccio in privato, ma visto che i provvedimenti sono più di uno, lo faccio in modo pubblico. @amartya: nonostante tu sia stato invitato da un moderatore a non parlare di cose quali Deep State ecc non hai colto l’invito e continuato a scrivere tali cose. Tu non conosci la storia del forum, ma sicuro conosci un motore di ricerca e sai come avviene l’indicizzazione dei risultati. E siccome non sono incline a subirmi orde di novelli complottisti vieni sottoposto ad approvazione dei contenuti per giorni 7 + due punti di penalità. @Simone mezzo forum (io compreso) ti ha invitato ad analizzare meglio le cose che leggi e soprattutto ad alzare la qualità dei contenuti lasciando da parte toni allarmistici e da scatenamento della 3WW. Ti viene dato un punto di penalità. Ciò che scrivi, spesso senza riscontri oggettivi, agita parecchio gli animi e io voglio una discussione serena. @Basil Non vieni punito, ma vieni attenzionato. Cerca di smorzare i toni al fine di mantenere la discussione quanto più serena possibile. Vi rammento che i punti di penalità possono essere annullati per buona condotta. Vi rammento che l’operato dei moderatori è insindacabile. Qualsiasi rimostranza, pubblica o privata venga posta circa l’operato dello staff comporterà il ban immediato senza nemmeno risposta. La discussione viene riaperta. Mo sta a voi.
    3 likes
  39. Ok... però come non è un crimine cantare l'inno dell'Inter nel posto sbagliato, così non è un crimine chiedere di entare nella NATO. Chiederne l'intervento può essere considerato "istigazione a delinquere" per il fatto che si rischia la terza guerra mondiale? Le armi nucleari trasformano forse leggi e principi? Ci sono paesi invasi di serie B i cui presidenti diventano criminali per il solo fatto che il loro avversario le ha? Mi spiego: se la Russia non avesse avuto le armi nucleari e se non avesse avuto il diritto di veto all'ONU, probabilmente alla richiesta di Zelensky avrebbe fatto seguito un diluvio di bombe sui russi con la benedizione dell'ONU (si vabbè...la Cina...) e del diritto internazionale... L'Ucraina voleva solo l'autodeterminazione e la libertà: tutte cose che a PUC non stavano bene. A lui andava bene un'altra Bielorussia e un altro presidente come Lukashenko che gli facesse da scendiletto e 44 milioni di persone cui mettere i piedi in testa. Non era questione di rinunciare alla NATO per far contento PUC: era questione di rinunciare alla libertà rispetto alla quale la NATO era vista solo come un mezzo e certo non una pretesa visto che 30 paesi avrebbero dovuto dire si. La NATO per l'Ucraina era solo la garanzia di libertà, cui oggi accedono i paesi dell'ex patto di Varsavia, che ne avevano le scatole piene di anni di dominazione rossa. Libertà per la quale un popolo intero combatte oggi con coraggio e ammirevole determinazione, perchè PUC non prevalga. E se non lo si è ancora capito, combatte anche per noi... Quindi attenzione a chiamare criminale chi sta solo cercando di difendere il proprio paese da un vero criminale e dalla sua combriccola di bugiardi che spedisce a raccontare balle d'altri tempi ai negoziati.
    3 likes
  40. Ragionevole succeda il contrario visto che la supercazzola economica non potrà che aumentare. Limes... Ora non li sentirebbe nessuno, manco se amplificassero lo scappellamento. E questo succederà per mesi/anni. Quanto al messaggio percedente, antani della mobilitazione generale non credo che da un punto di vista anafestico porterebbe ai risutati posterdati (manco fosse già tarapieta pioco), anzi, senza dubbio implicherebbe l’allineamento di sbirguda alla supercazzola bitumata: quasi impossibile. In Russia comunque si trattaerebbe di un ampliamento e non di una reintroduzione, compatibilmente con i tempi imposti dall’ispettore tombale.
    3 likes
  41. @Simone, o la pianti con la stronzata che l'Ucraina è un Paese da 40milinoni di persone o te la faccio piantare io e definitivamente, perché ho molta meno pazienza del buon Vorthex. L'Italia ha 66 milioni di persone. In caso di guerra combattiamo tutti compresi nonni e infanti? Stai spacciando l'esercito Ucraino per quello che non è, e per quanto il mito dell'esercito russo si stia sciogliendo come neve al sole e stiano prendendo scoppole che di sicuro non erano state ampiamente preventivate date le reazioni di certi dittatorelli di turno, l'esercito ucraino è figlio di quella demilitarizzazione post dissoluzione URSS. La resistenza che stanno opponendo, al netto delle loro capacità, è assolutamente eroica. E non parliamo di cappellate quali NFZ NATO sui cieli Ucraini. Se un Flanker viola la NFZ la NATO che si fa? lo abbattiamo e iniziamo il terzo conflitto mondiale? Realismo Sant'Iddio. Realismo. Ora basta però, prima che questa discussioni rasenti il surreale o il ridicolo, che questo forum è sempre stato un punto di riferimento sulle tematiche tecniche, aeronautiche e anche geopolitiche e tale deve qualitativamente rimanere. Ok le opinioni, ok tutto, ma piedi ben saldi a terra e interventi ragionati. Grazie!
    3 likes
  42. Simone scusa, stai riempiendo le pagine del forum di supercazzole bitumate con scappellamento a sinistra.. E' difficile seguire la discussione in questo modo; puoi attenerti ai fatti e fare meno voli con la fantasia?
    3 likes
  43. la Russia non proverebbe mai uno scherzo del genere con un paese NATO.
    3 likes
  44. Putin come dicevo si muove abilmente nell'ambito di governi e minoranze filorusse. Per raggiungere il suo obiettivo della grande Russia ha fatto in gran parte tutto lui fomentando la tensione (l'ultimo atto riconoscere le repubbliche secessioniste) e creando le condizioni per questa pantomima di missione di pace, che a sua volta non può far altro che aumentare la tensione che può portare allo scontro diretto con le forze regolari ucraine, cioè la guerra aperta, dato che è di fatto l'occupazione che cercava. Il mondo però è cambiato e si è complicato. Non sono sicuro che l'abilità di Putin arrivi a prevedere tutte le conseguenze sociali ed economiche del suo operato. Nel breve periodo potrà anche fare a pezzi (in tutti i sensi) l'Ucraina, ma nel lungo periodo temo abbia cominciato qualcosa che sta dando uno scossone agli equilibri mondiali di cui non è detto lui e la Russia avranno tanto da rallegrarsi.
    3 likes
  45. Devo dire che a me i nomi Typhoon e Tempest sono sempre piaciuti molto, forse anche per il richiamo alla famiglia di caccia della Hawker (a cui si dovrebbe aggiungere il Tornado). Le cellule dettero però il meglio quando abbinate ai motori radiali Centaurus. Anche il Sea Fury si basava sull'esperienza del Tempest (che in una prima fase era noto come Typhoon MK.II).
    3 likes
  46. Prova a chiedere ai tedeschi e italiani che belle storie di successo poteva far venire in mente il nome Spitfire (che a mio avviso non sarebbe stato manco particolarmente bello e azzeccato come nome nè per l'EF-2000 nè per il suo sostituto), mentre Tifone (comunque non gradito e non un granchè utilizzato in Germania) era stato già usato anche dai tedeschi (ci fu un BF 108 Taifun...) e dagli italiani (dove tra l'altro era il nome del motore DB 605 costruito su licenza per i caccia "serie 5") e almeno aveva il pregio di essere più fruibile dal punto di vista internazionale. Analogo il discorso per Tempest cui però i tedeschi non partecipano nemmeno. Il Typhoon della Seconda Guerra Mondiale fu comunque micidiale quando trovò la sua vocazione come cacciabombardiere una volta risolti un po' di problemi, mentre il Tempest non fu poi un cattivo velivolo e, ormai superato dall'avvento dei jet, fu comunque impiegato fino ai primi anni 50, un po' come lo Spitfire che però aveva pure ben altri numeri di partenza. Di sicuro (tanto per cambiare...) non mi porrei i problemi che ti poni tu...e sono in molti a non esserseli posti, anche in passato, altrimenti ad esempio l'F-4 non si chiamerebbe Phantom II... Intanto, sul fronte tecnico... https://www.rid.it/shownews/4745
    3 likes
  47. Salve, un mio contributo di qualche tempo fa. Saluti!
    3 likes
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00
×
×
  • Create New...