Jump to content

Zumwalt - Discussione Ufficiale


enrr

Recommended Posts

Gli zumwalt sono dei prototipi, di un tipo di unità e di attrezzature che costano una cifra enorme e che a tutt'oggi non è' certo siano quei moltiplicatori di forza che dicono di essere.

 

Paradossalmente, se lo fossero al 100% di quello che promettono! sarebbero sufficienti tre esemplari, invece.....

 

Tutte le tecnologie usate, che forse sarebbe stato impossibile montare su un burke convertito, saranno probabilmente usate, in tutto o in parte, su navi future: ma questo non significa che OGGI siano navi riuscite, e con un senso, al prezzo che costano.

 

Che questo, e lo dimentichiamo spesso, e' IL problema. Stante la minaccia a dir poco ridotta rispetto a venti anni fa, i programmi militari sono budget-driven, non performance-driven.

 

E mosche bianche come gli Zumwalt sono concetti che hanno davvero poco senso, come ho cercato di spiegare sopra. Ma i numeri , come per F22, come per B2 sono una conseguenza dei tempi, non di altro.

 

Il rischio relativo ai costi, come evidenziato dal pezzo di aviationintel e anche dagli ultimi interventi di holmes, è che la soluzione che sembra al momento preferita - i Burke Flight III - ovvero l’opzione meno rischiosa, potrebbe essere costosa tra sviluppo, acquisizione ed esercizio, quanto e più degli Z. E già negli ultimi anni mi pare che i costi per i Flight III siano sensibilmente aumentati, mentre la terza unità della classe Z. dovrebbe costare già molto di meno della prima.

 

E personalmente ritengo che gli Zumwalt un senso ce l’abbiano, almeno per l’US Navy e per il tipo di missioni/requisiti a cui quest’ultima potrebbe dover rispondere nei prossimi anni. Missioni che potrebero essere molto impegnative, senza dover scomodare i marziani, e che forse uno Zumwalt potrebbe svolgere autonomamente meglio di altri assetti o gruppi di assetti.

 

A patto però che non si rendano tali navi monche sotto alcuni aspetti, come sembra stia avvenendo:

 

 

Additionally, the SPY-4 radar system, originally designed to work in concert with the installed SPY-3, was removed to save on cost and to promote the flight III Arleigh Burke ships into this role. This system would have allowed the Zumwalts to utilize both volume and horizon search modes in an unprecedented fused manner. Instead, the SPY-3 was installed without its counterpart SPY-4 and was given software to perform both roles, although it will only be able to focus on one or the other at any given time without degrading the capability of the system greatly. In other words, between the undeveloped software and the lack of the Zumwalt’s original radar suite, what could have been a new standard in air defense capability was degraded to save a few bucks and in the process gave the multi-role penetrating sea combatant a much greater focus on land attack and shore bombardment.

 

 

E qui non si parla di tecnologie di generazione futura come railgun o laser offensivi (lasciamo questi progetti per il momento da parte), ma di un concetto inizialmente pensato per gli Z. che verrà comunque usato su altre unità, ad esempio le portaerei Ford, già protette da un gruppo navale, mentre gli Z dovrebbero potersi muovere anche autonomamente.

 

Stesso discorso per i sistemi di difesa di punto non proprio ottimali, a quanto leggo, sui primi DDG-1000.

 

Ha senso risparmiare su radar e difesa di punto per le navi che (secondo me) hanno tutte le potenzialità per rappresentare un vero game-changer? Questo risparmio mi ricorda un po’ quando si decise inizialmente di soprassedere sull’helmet mounted display e sulle capacità aria-suolo per l’F-22, salvo poi scoprire in seguito che sarebbero state caratteristiche molto più che desiderabili.

 

E queste non sono navi da seconda linea della MM, su cui installare tutta la roba che sentiamo in giro fa poco senso, ma navi che dovrebbero rappresentare la punta di diamante della US Navy, assieme ad altri assetti pregiati.

 

Se proprio la Navy è a corto di fondi, al limite riveda il concetto di LCS e lo sostituisca con qualcosa di più tradizionale, ma mi auguro che non si svilisca per quantità e qualità un concetto che mi sembra molto più efficace e innovativo come gli Z.

Link to comment
Share on other sites

eh no, la punta di diamante della USN sono sempre CVN e SSN.

 

Le navi di superficie, per loro, sono sempre state un corollario di quanto sopra. Questo spiega anche la mancata fiducia, anche ai massimi livelli, in unità simili, costosissime, checchè se ne dica, e che non possono far derivare il risparmio solo dall'imbarco di meno personale.....

 

Vedasi, in passato, i CGN, il progetto Strike Cruiser, ecc ecc.

 

Per una strategia come quella USA un Burke, che non dimentichiamolo è un incrociatore che può fare TUTTO, e da poco sul Kidd anche difesa ABM, basta e avanza, senza bisogno di ulteriori navi costosissime. Poi certo: va bene il prototipo, o i prototipi (visto che soldi ancora ne hanno, anche se sempre meno...) per sperimentare cose nuove.

 

Ma in un ottica di 'usato sicuro', e di politica conservativa. I tempi dei Virginia (CGN) radiati in pochi anni perchè antiquati, sono passati, e errori del genere, coi chiari di luna attuali, non sono più concessi.

 

Vedasi ridimensionamento LCS ecc ecc.

Link to comment
Share on other sites

Forse è un link gia postato: ma spiega bene cosa intendo in termini di acquisizioni USA.

 

The Department of Defense must ultimately make a choice between maintaining an extremely high-tech but smaller military or a larger but less technologically sophisticated force, as it has proven incapable of acquiring the weaponry for a military that is both large and futuristic. While the superior technology of newer systems may compensate to some extent for lesser numbers, the military seems headed towards a smaller, unreliable force filled with equipment that fails to live up to grandiose expectations. A more sober evaluation of the military’s needs and a realistic skepticism of cost estimates and promised capabilities will become increasingly important as federal deficits tighten the defense budget.

 

http://afpprinceton.com/2011/04/america%E2%80%99s-vanishing-military-how-acquisition-failures-threaten-u-s-military-might/

Link to comment
Share on other sites

Mah,

tu consideri le Zumwalt l’ennesimo progetto "on steroids". Io invece le considero uno dei pochi concetti che possono essere realmente innovativi ed efficaci da parecchi anni nel settore della marina militare.

 

Direi che a questo punto possiamo restare tranquillamente sulle nostre rispettive posizioni.

Link to comment
Share on other sites

  • 4 months later...

Battesimo ufficiale ....

 

bj7ihu.jpg


 

The US Navy (USN) has officially named the lead ship of its new class destroyer.

Zumwalt (DDG 1000) was christened on 12 April 2014 at shipbuilder General Dynamics Bath Iron Works' main shipyard in Bath, Maine.

Named for the USN's 19th chief of naval operations, the late Admiral Elmo 'Bud' Zumwalt Jr, the destroyer is the first in a class of three ships expected in the fleet.

 

Fonte .... "USN christens next-gen destroyer Zumwalt" .... http://www.janes.com/article/36755/usn-christens-next-gen-destroyer-zumwalt

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Lievitazione .... lo F-35 non è solo ....

 

The cost of the three ships in the Navy’s Zumwalt-class (DDG-1000) has risen more than $2 billion over the last five years — $450 million in the last year alone, according to Navy budget data aggregated by the Congressional Research Service (CRS).

 

Fonte .... "Zumwalt Class Costs Have Risen $2 Billion in Last Five Years" .... http://news.usni.org/2014/04/24/7475

Link to comment
Share on other sites

  • 5 months later...

Descrizione esauriente, le conclusioni non le condivido.

 

Lo Zumwalt e' una sorta di B 2 degli oceani, logicamente i costi sono lievitati visto che sono stati tagliati drasticamente gli ordini, allo stesso tempo

c'e un salto tecnologico assai notevole e queste cose si pagano.

 

Difficile comunque prevedere quello che sara il futuro di questa classe, non e' detto che venga interrotta la produzione, bisogna guardare agli scenari geopolitici

e sopratutto agli avanzamenti tecnologici nel settore dei "rail gun" e dei laser.

 

Prima del 2017 non ci sara nulla di definitivo, il Burke Flight III resta la soluzione piu probabile, ma tale unita non offre gli stessi margini di crescita di uno

Zumwalt "rivisto". Se le prove dei rail gun e dei nuovi laser dovessero promettere bene, la parabola del DDG1000 potrebbe trasformarsi in una storia di successo.

Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...

il requisito che ha portato agli zumwalt è sicuramente il parto di una mente disturbata. Una sorta di nave arsenale con un radar avanzatissimo (ma con armamento antiaereo ridotto) specializzata nell'attacco alle coste nemiche tramite cannoni da 150 mm con gittata di oltre 100 km. Che poi monti tecnologie interessanti è un altro discorso. Hanno fatto bene a limitarne la produzione.

Link to comment
Share on other sites

il requisito che ha portato agli zumwalt è sicuramente il parto di una mente disturbata.

e questa è sicuramente una bestialità detta tanto per flammare un pochino. styx già te l'ho detto in privato: questo è un forum serio, le tue palesi antipatie le devi lasciare alla porta se vuoi interagire con noi, soprattutto se poi portano a distorcere la realtà.

 

infatti... i DDG-1000 nascono da un requisito decennale di una nave arsenale, andando a creare un assetto ad hoc per quello che la USN ha sempre fatto dalla WWII, ossia rovesciare un urgano di fuoco dal mare, non è una missione creata dal nulla tanto per spendere fantastilioni.

Edited by vorthex
Link to comment
Share on other sites

no styx, la classe è costosissima ed i soldi, ad oggi servono per altri progetti ritenuti più strategici, come i nuovi SSBN, per questo è stata limitata a pochi esemplari ma il concetto alla base è valido e sono decenni che lo inseguono.

Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...
  • 5 months later...

http://www.navytimes.com/story/military/2016/06/18/2nd-zumwalt-class-destroyer-christened-honor-navy-seal/86082990/

Battezzato il secondo: DDG-1001 Michael Moonsor, in onore del SEAL caduto in Iraq (Ramadi, 2006) e insignito della medaglia al valore postuma per aver salvato 2 suoi compagni dall'esplosione di una granata.

Edited by fabio-22raptor
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...