Jump to content
Sign in to follow this  
Alpino

missile a lungo raggio KS-172

Recommended Posts

In che senso ? Anche l'AMRAAM ha una testa di guerra sufficiente per tirare giù tutti gli aerei esistenti ...

 

No intendevo dire che ho letto che il missile ha una gittata di 400 km, in teoria in grado di prendere un AWACS che se ne sta al sicuro lontano dalla zona di operazioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il missile è stato ridesignato K-100 o K100, per questo trovi poco cercando KS-172.

 

Lo sviluppo è stato molto travagliato, probabilmente perchè il problema di un missile aria-aria destinato a colpire un bersaglio a 400 km non è arrivarci... ma vedere e trovare il bersaglio.

 

Difatti adesso si parla di portate più ridotte, nell'ordine dei 200 o forse 300 km.

 

Che dire, se il missile sarà in grado di agganciare e colpire un AWACS partendo da 400 km di distanza (ma anche 300 sono più che sufficienti), sicuramente rappresenta una mortale minaccia per qualsiasi velivolo AEW.

 

Tutto dipende dalle capacità del sensore del missile. Anche a Mach 4 ci vogliono 300 secondi per percorrere 300 km, durante i quali un bersaglio che si muove a 800 km/h si sposta di oltre 60 km, il che può provocare grossi problemi a un radar attivo di piccola sezione come quello ospitabile su un missile aria-aria (per quanto grosso). D'altro canto gli AWACS tendono a operare circuitando, e questo agevola il compito del missile.

 

Di sicuro l'introduzione di questi missili provocherebbe un cambiamento nelle tattiche operative degli AWACS, che peraltro già oggi sono seriamente minacciati da modelli di missili aria-aria e terra-aria con portate sempre più elevate.

Tutto questo non fa che rendere sempre più vero il concetto che ormai la guerra aerea si vince prevalentemente distruggendo al suolo la forza aerea nemica, e quindi le capacità di gestire, coordinare ed eseguire un primo grosso first strike sono quelle che realmente contano nella realtà operativa moderna.

Share this post


Link to post
Share on other sites
...

Mi date qualche informazione su questo missile?

è vero che può tirar giù un AWACS?

...

Grassie!

 

Qui puoi trovare un po di informazioni aggiuntive. All'inizio della pagina (sopra verso la sinistra) c'e' un bottone per tradurre in inglese.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Qui puoi trovare un po di informazioni aggiuntive. All'inizio della pagina (sopra verso la sinistra) c'e' un bottone per tradurre in inglese.

 

Grazie!

 

 

Il missile è stato ridesignato K-100 o K100, per questo trovi poco cercando KS-172.

 

Lo sviluppo è stato molto travagliato, probabilmente perchè il problema di un missile aria-aria destinato a colpire un bersaglio a 400 km non è arrivarci... ma vedere e trovare il bersaglio.

 

Difatti adesso si parla di portate più ridotte, nell'ordine dei 200 o forse 300 km.

 

Che dire, se il missile sarà in grado di agganciare e colpire un AWACS partendo da 400 km di distanza (ma anche 300 sono più che sufficienti), sicuramente rappresenta una mortale minaccia per qualsiasi velivolo AEW.

 

Tutto dipende dalle capacità del sensore del missile. Anche a Mach 4 ci vogliono 300 secondi per percorrere 300 km, durante i quali un bersaglio che si muove a 800 km/h si sposta di oltre 60 km, il che può provocare grossi problemi a un radar attivo di piccola sezione come quello ospitabile su un missile aria-aria (per quanto grosso). D'altro canto gli AWACS tendono a operare circuitando, e questo agevola il compito del missile.

 

Di sicuro l'introduzione di questi missili provocherebbe un cambiamento nelle tattiche operative degli AWACS, che peraltro già oggi sono seriamente minacciati da modelli di missili aria-aria e terra-aria con portate sempre più elevate.

Tutto questo non fa che rendere sempre più vero il concetto che ormai la guerra aerea si vince prevalentemente distruggendo al suolo la forza aerea nemica, e quindi le capacità di gestire, coordinare ed eseguire un primo grosso first strike sono quelle che realmente contano nella realtà operativa moderna.

 

Forse è per questa ragione che gli aerei più moderni operano sempre più come mini AWACS, spesso lavorando con altri via data-link? Penso al sistema dell'F-22 per esempio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Premetto che ho fatto la ricerca e non ho trovato niente sul forum...

Mi date qualche informazione su questo missile?

è vero che può tirar giù un AWACS?

 

Qui c'è una scarna pagina di wiki

http://en.wikipedia.org/wiki/Novator_KS-172_AAM-L

 

Grassie!

 

 

qui puoi trovare un po di informazione sul missile KS-172 del Design Bureau Novator

 

Ks-172

Share this post


Link to post
Share on other sites
Forse è per questa ragione che gli aerei più moderni operano sempre più come mini AWACS, spesso lavorando con altri via data-link? Penso al sistema dell'F-22 per esempio.

 

No, non è questa, ma diciamo che è uno stimolo in più.

 

Il ruolo di un AWACS è molto più complesso e riguarda la capacità di gestire tutto lo spazio aereo in cui si svolge un conflitto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso che presto vedremo tutta una nuova serie di ECM e, forse, anche di misure attive sugli AWACS.

Il problema è che se un aereo radar deve preoccuparsi di evadere i missili non può preoccuparsi del C2, quindi, se il missile riesce davvero a fare quanto promesso, il risultato è garantito anche senza abbattimento.

Share this post


Link to post
Share on other sites
No, non è questa, ma diciamo che è uno stimolo in più.

 

Il ruolo di un AWACS è molto più complesso e riguarda la capacità di gestire tutto lo spazio aereo in cui si svolge un conflitto.

 

Penso che presto vedremo tutta una nuova serie di ECM e, forse, anche di misure attive sugli AWACS.

Il problema è che se un aereo radar deve preoccuparsi di evadere i missili non può preoccuparsi del C2, quindi, se il missile riesce davvero a fare quanto promesso, il risultato è garantito anche senza abbattimento.

 

Quindi pensate che gli AWACS siano, o saranno a breve, vulnerabili e in pericolo? Quali contromisure verranno prese?

Share this post


Link to post
Share on other sites

io dò ragione a dominus con l ' era moderna che viviamo sarà sempre piu facile abbatere un qualsiasi tipo di aereo

anche con una semplice pistola a piombini!!!!! :rotfl::rotfl::rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites
io dò ragione a dominus con l ' era moderna che viviamo sarà sempre piu facile abbatere un qualsiasi tipo di aereo

anche con una semplice pistola a piombini!!!!! :rotfl::rotfl::rotfl:

ma che significa questo post? :blink: :blink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

per esempio diventera sempre più semplice abbatere un aereo,intercetarlo o dannegiarlo perchè la tecnologia di oggi e in corrente sviluppo :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Missili come il K100 (ma anche l’R37) sono una minaccia molto seria. Nei loro confronti gli AWACS sono “anatre sedute”. La cosa consigliata, in caso di attacco diretto è una bella virata seguita da una fuga precipitosa. E qui cominciano i guai. Se chi attacca non è stupido, posizionerà i caccia in modo da tagliare la strada al visibilissimo bersaglio, che, comunque non può virare a più di… Diciamo 2G. Il missile, dopo il lancio, potrebbe ricevere i dati di aggiornamento dal caccia lanciatore, è più probabile però l’impiego di piattaforme esterne, anche AWACS. Il radar del missile pare abbia le stesse prestazioni di quello dell’R37 (il diametro lo rende comunque compatibile) che è in grado di rilevare un bersaglio di 5mq RCS a 40 km di distanza (altre fonti danno 3mq e 70km), nessun problema con un E3: sarà rilevato ad una distanza circa doppia. L’E3 deve anche percepire per tempo di essere sotto attacco, è lì per svolgere un mestiere, non per scappare al primo contatto radar. Per garantire di arrivare al bersaglio il missile dovrà essere lanciato a non più di 300 km di distanza. Certo 6 minuti sono molti, il missile deve fare molta strada, ma un attacco ben congegnato potrebbe funzionare. E se poi l’attaccante fosse un nuovo Sukhoi semi-stealth?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Missili come il K100 (ma anche l’R37) sono una minaccia molto seria. Nei loro confronti gli AWACS sono “anatre sedute”. La cosa consigliata, in caso di attacco diretto è una bella virata seguita da una fuga precipitosa. E qui cominciano i guai. Se chi attacca non è stupido, posizionerà i caccia in modo da tagliare la strada al visibilissimo bersaglio, che, comunque non può virare a più di… Diciamo 2G. Il missile, dopo il lancio, potrebbe ricevere i dati di aggiornamento dal caccia lanciatore, è più probabile però l’impiego di piattaforme esterne, anche AWACS. Il radar del missile pare abbia le stesse prestazioni di quello dell’R37 (il diametro lo rende comunque compatibile) che è in grado di rilevare un bersaglio di 5mq RCS a 40 km di distanza (altre fonti danno 3mq e 70km), nessun problema con un E3: sarà rilevato ad una distanza circa doppia. L’E3 deve anche percepire per tempo di essere sotto attacco, è lì per svolgere un mestiere, non per scappare al primo contatto radar. Per garantire di arrivare al bersaglio il missile dovrà essere lanciato a non più di 300 km di distanza. Certo 6 minuti sono molti, il missile deve fare molta strada, ma un attacco ben congegnato potrebbe funzionare. E se poi l’attaccante fosse un nuovo Sukhoi semi-stealth?

 

Ma un AWACS possiede delle contromisure o dei chaff, per esempio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gli E3 dispongono di una completa dotazione Ecm, comprendente sistemi di disturbo radio e radar. Inoltre possono essere montati due piloni subalari per ulteriori disturbatori o per missili aria-aria Aim9 (opzione che non mi risulta sia mai stata praticata). Difficile dire se potrebbero difendere efficacemente il velivolo dal missile in esame.

Share this post


Link to post
Share on other sites

per raggiungere un punto sistuato a 400 km ad una velocità supersonica serve moltissima energia, e di conseguenza molto carburante anche per un peso tutto sommato piccolo come quello di un vettore AA. Sarebbe interessante sapere come in Russia abbiano risolto questo problema apparentemente senza uscita (tanto carburante- tanto peso- ancora più carburante...)

Sulle possibili contromisure, penso che la soluzione più idonea sarebbe una rete di radar satelliti in orbita media più o meno come quelli per il GPS che fungano da AWACS orbitanti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×