Jump to content
Sign in to follow this  
typhoon

SLBM Alfa

Recommended Posts

Stavamo anche sviluppando un SSN (il Marconi). Comunque non se ne fece più niente perchè l'Italia aderì ai trattati di non proliferazione delle armi atomiche.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Stavamo anche sviluppando un SSN (il Marconi). Comunque non se ne fece più niente perchè l'Italia aderì ai trattati di non proliferazione delle armi atomiche.

mi pare volevamo pure mettere il titan in una nave......non ricordo che nave però

 

 

e se oggi li avevamo come li avremmo chiamati: Super Leggitimo Buono Missile ? :rotfl::rotfl::rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites
c'era l'idea di montare 4 silos per missili polaris sopra il garibaldi (non la portaelicotteri ma l'incrociatore).

 

http://www.marina.difesa.it/storia/Almanac...04/navi0432.asp

 

p.s. io durante la conversione ci avrei lasciato i 152/55...

Se non sbaglio li hanno montati e pure qualificati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avevamo anche sottoscritto un patto segreto con Francia e Germania per sviluppare tecnologia nucleare.

Non dimentichiamo che a quel tempo l'aereonautica già operava dei missili balistici, gli Jupiter in puglia infatti erano sotto il controllo della 36esima brigata interdizione strategica, quindi era anche logico, visti i tempi, sviluppare una deterrenza interamente nazionale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Peccato debba finire così, ma daltronde quella è un area dove presto troverà la compagnia di tante altre macchine di morte di buona caratura :asd:

 

Comunque almeno come gate guardian potrebbero usarlo, alla fine se non era per lui il vega lo sognavamo col binocolo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Comunque almeno come gate guardian potrebbero usarlo, alla fine se non era per lui il vega lo sognavamo col binocolo.

 

per ricordare a tutti che eravamo cosi Kattivi da volere la bomba come gli Iraniani?

o se preferisci cosi ''furbi'' da rinuncirvici ;)

Edited by cama81

Share this post


Link to post
Share on other sites

No, a noi i polaris, alla fine, non li hanno fatti vedere manco in foto.

 

E' un missile tutto nazionale, il cui derivato sarà il lanciatore Vega prossimo venturo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo URSS e USA, l'Italia è stata la quarta nazione a mandare in orbita un satellite, il San Marco1, 5 dicembre 1964.

Tuttavia il vettore era uno scout americano.

 

Sinceramente sono contento che il programma nucleare italiano non sia continuato, la nostra economia non era in grado di sostenere uno sforzo simile.

Che però c'avessimo i cervelli giusti, quello senza ombra di dubbio; gli americani ci rispettavano e......ci temevano in un certo senso.

 

In anni più recenti, gli americani si sono ben guardati dal fornirci informazioni sui radar AESA.

Edited by ROBY1

Share this post


Link to post
Share on other sites

in caso di guerra avremmo anche noi prodotto sottomarini nucleari & co. l'italia è in ogni caso una delle nazioni più progredita in ambito spaziale basti pensare alle innumerevoli parti della iss realizzate da noi italiani. gli americani non è che ci temessero, loro non potevano e non volevano soltanto fornirci certe informazioni per il semplice motivo che noi avevamo perso la guerra. se noi abbiamo mandato il quarto satellite, chi ha mandato il terzo?

Share this post


Link to post
Share on other sites
in caso di guerra avremmo anche noi prodotto sottomarini nucleari & co.

in caso di guerra era già un miracolo se non ci atomizzavano nei primi 10minuti di conflitto. non avremmo prodotto un bel niente e soprattutto non avremmo prodotto SSN e/o SSBN, i quali sono troppo complessi e costosi da costruire in tempo di pace, figuriamoci in tempo di guerra! (la terza guerra mondiale sarebbe durata molto poco. per questo, ad esempio, la us navy aveva moltissime navi, anche "inutili", in quanto si pensava non ci sarebbe stato tempo per ripararle)

 

l'italia è in ogni caso una delle nazioni più progredita in ambito spaziale basti pensare alle innumerevoli parti della iss realizzate da noi italiani. gli americani non è che ci temessero, loro non potevano e non volevano soltanto fornirci certe informazioni per il semplice motivo che noi avevamo perso la guerra.

senza contare che eravamo un paese "quasi-comunista" e che la politica della non-proliferazione era ed è sacrosanta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal sito "astronautix.com" si possono trarre queste informazioni,

 

Status: Retired 1976.

Gross mass: 8,000 kg (17,600 lb).

Payload: 1,000 kg (2,200 lb).

Height: 6.50 m (21.30 ft).

Diameter: 1.37 m (4.49 ft).

Thrust: 250.00 kN (56,200 lbf).

Apogee: 300 km (180 mi).

First date: 1973-02-01.

Last date: 1976-04-06.

Number: 6 .

 

Sembrerebbe che all'epoca la Yugoslavia indipendente- forse timorosa di essere invasa come era successo all'Ungheria senza la speranza di ricevere aiuti- volesse sviluppare sue armi nucleari ed anche un aereo adatto allo scopo ("Oreo"), i quali però non sarebbero mai stati realizzati forse perchè ikl processo di disintegrazione delo stato è arrivato prima di ottenere òa fissione nucleare. Non mi trova molto d'accordo la congettura secondo cui il Governo italiano dell'epoca temesse il programma nucleare svizzero, a meno che non ci fosse la segreta intenzione di lanciare "grandi masse umane" alla conquista del Ticino e dell'Alta Engadina

Share this post


Link to post
Share on other sites

bella foto di questo Alfa, se non sbaglio fu lanciato più volte...quindi era in fase conclusiva. Che peccato.

per il piano di invasione russo, l'attacco nucleare avrebbe colpito immediatamente le maggiori città del Nord italia, le industrie, ed il triangolo industriale Torino-Milano-Genova (punto di forza dell?italia del miracolo economico degli anni 60), e nuclearizzare completamente la città d'arte , Venezia, per colpire anche a livello di "immagine".

Share this post


Link to post
Share on other sites

No, le città d'arte non erano previste, nel nord-ovest si pensava solo all'impiego di armi nucleari tattiche per spezzare il fronte mentre gli IRBM sarebbero piovuti sulle città industriali.

Anche roma sarebbe stata risparmiata.

 

Riguardo all'alfa benchè si fosse già deciso di entrare nel TNP la qualificazione fu completata integralmente, e gran parte del lavoro fatto sul missile è confluito nel vettore italiano "Vega".

Share this post


Link to post
Share on other sites

6 aprile 1976 ultimo lancio da Salto di Quirra con apogeo di 100 km.

Ho letto che il missile tirava 1500 km.

 

Qualcuno sa la direzione dei lanci fatti??

 

Posso dire una cazzata?

Non si sa ancora se il lancio sia veramente avvenuto, ma non è che Gheddafi quella volta ha sparato contro Lampedusa per fare ...."botta e risposta"?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posso dire una cazzata?

Non si sa ancora se il lancio sia veramente avvenuto, ma non è che Gheddafi quella volta ha sparato contro Lampedusa per fare ...."botta e risposta"?

 

L'hai detta, anche un pazzo come gheddafi non arriva a pensare una rappresaglia a 10 anni di distanza :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×