Jump to content
Sign in to follow this  
nighthawk

Dopo la vita la morte

Recommended Posts

un grande ciauuuuuuuuuuuuu a tutti

dopo aver parlato dell'origine della vita vorrei aprire un dibattito sulla morte, un tabù che ha sempre afflitto l'uomo di cui nessuno sa realmente nulla.

 

cosa c'è dopo la vita?

cosa succede?

 

ultimamente sarò impazzito ma spesso mi pongo le domande esistenziali e sono rimasto affascinato da quanti dubbi e misteri riserva questo argomento in un mondo ostinatamente basato su certezze e prove scientifiche.

 

a voi la parola!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seconde me dopo la vita si continua a vivere ma in paradiso insiema a Dio.

 

 

 

CIAO!!! :okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cosa c'è dopo la morte è uno dei grandi perchè della vita.

 

Io mi sono fatto una idea di cosa ci sia dopo la morte, indipendentemente se uno crede nell' anima e in qualche dio, io mi voglio soffermare a quello che secondo me succede dopo il decesso al nostro corpo

 

Ipotizziamo che il signor pinco pallino muore, nel suo testamento, prima di tirare le cuoia, lascia uno scritto dove specifica che lui vorrà essere cremato è le sue ceneri dovranno essere disperse in un terriccio insieme a semi di limone per dare vita a un albero che successivamente darà i suoi frutti che verrano a loro volta mangiati ecc...

Ecco, questo defunto, praticamente si trasforma nuovamente in un essere vivente, da cenere passa a nutrimento per alberi, da nutrimento passa a limone ecc...

 

Oppure sempre il signor pinco pallino, che non crede nella cremazione ma preferisce conservare il suo corpo più intero possibile, si fa seppellire, alcuni vermi lo mangeranno, alcuni si trasformeranno in farfalle

risultato: pincopallino diventa farfalla

 

Pincopallino fa disperdere le sue ceneri in mare, i pesci mangiano queste ceneri, l'uomo mangia il pesce, pinco pallino diventa energia....

 

 

Capito???

 

Per l'anima il discorso è molto più complicato, a cui non si possono dare risposte certe.....rispondo domani :P

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cosa c'è dopo la morte è uno dei grandi perchè della vita.

 

Io mi sono fatto una idea di cosa ci sia dopo la morte, indipendentemente se uno crede nell' anima e in qualche dio, io mi voglio soffermare a quello che secondo me succede dopo il decesso al nostro corpo

 

Ipotizziamo che il signor pinco pallino muore, nel suo testamento, prima di tirare le cuoia, lascia uno scritto dove specifica che lui vorrà essere cremato è le sue ceneri dovranno essere disperse in un terriccio insieme a semi di limone per dare vita a un albero che successivamente darà i suoi frutti che verrano a loro volta mangiati ecc...

Ecco, questo defunto, praticamente si trasforma nuovamente in un essere vivente, da cenere passa a nutrimento per alberi, da nutrimento passa a limone ecc...

 

Oppure sempre il signor pinco pallino, che non crede nella cremazione ma preferisce conservare il suo corpo più intero possibile, si fa seppellire, alcuni vermi lo mangeranno, alcuni si trasformeranno in farfalle

risultato: pincopallino diventa farfalla

 

Pincopallino fa disperdere le sue ceneri in mare, i pesci mangiano queste ceneri, l'uomo mangia il pesce, pinco pallino diventa energia....

 

 

Capito???

 

Per l'anima il discorso è molto più complicato, a cui non si possono dare risposte certe.....rispondo domani :P

interessante la tua teoria.. :hmm:

ma dove sta scritto che i pesci mangiano cenere... ??!! :scalata::rotfl::D

Share this post


Link to post
Share on other sites

bhe però anke secondo me è così...perchè in qualunque modo anke se seppelliti e non bruciati qualcuno ci mangerà e avremo una nuova vita...qualcuno mangerà quegli animali e di nuovo si continua....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma credo che il senso di questa domanda non fosse la fine del corpo materiale.

 

Che i cadaveri si "riciclino" nel ciclo vitale della natura, è un fatto scontato.

 

La vera domanda è: "che nel sarà del mio io, della mia coscienza?"

"Sarà come se si spegnesse un interruttore e io non sarò più nulla?"

 

Allora forse si potrebbe anche chiedersi: "E prima di nascere, il mio io dov'era?"

 

Perchè, se non c'è mai stato prima... potrebbe non esserci più dopo...

 

Gran bella discussione... dove non contano però nè dati scientifici nè pareri, perchè tutto lascia il tempo che trova.

 

Qui è solo questione di fede, per chi ce l'ha: credere nell'anima, in un Paradiso, o in una reincarnazione... è solo questione di fede.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io non sono molto di fede,però mi auguro che dopo la morte ci sia qualcosa,secondo me sarebbe uno spreco che quando si muore tutto si spegne,lasciando soltanto un nostro passaggio nel mondo,la nostra "anima",le nostre esperienze,la nostra personalità,durate soltanto un soffio in vita,secondo me dovrebbero rimanere eterne.

Share this post


Link to post
Share on other sites

per me è inutile farsi queste domande, cioè è impossibile trovare uan risposta certa, è solo una questione di fede, quindi per me bisogna vivere secondo i principi che si ritengono giusti, e bisogna fare il possibile per realizzare i propri sogni, senza preoccuparsi della morte o di cosa ci sarà dopo

Share this post


Link to post
Share on other sites

però è anche giusto riflettere sul fatto che siamo solo di passaggio per adesso....non si sa se in futuro qualcuno troverà un modo per non far morire una persona o per resuscitarla......

 

Per esempio mi stavo chiedendo se su un cadavere, non acora andato in decomposizione, quindi morto da poco, si ci poteva trapiantare organi clonati, tipo cuore, cervello polmoni ecc...e riportarlo graduatamente in vita.....

 

Non mi sembra una cosa così impossibile in un futuro, abbiamo già clonato una pecora......

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi pare più semplice allora salvare le informazioni del cervello e poi trapiantarle su di un clone, ma qui siamo in fantascienza pura

 

quando abbiamo un cadavere vuol dire che abbiamo già avuto la morte cerebrale, quindi l'individuo, la sua coscienza, la sua personalità sono perse per sempre, almeno in questo mondo

Share this post


Link to post
Share on other sites

io tipo mi chiedo, ma tutti i miliardi id esseri umani che si sono succeduti sulla terra, ognuno vive la sua vita, insignificante rispetto al mondo intero,e io tipo adesso penso, come me ci sono state tantissime altre persone. ora dove se sono, dove sono?

 

tutti i nostri ricordi che fine fanno, perchè combattere tanto se poi finiremo nel nulla?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi ricordo che da bambino chiesi alla nonna cosa mi sarebbe successo dopo la morte. Lei mi rispose:

 

-Se sarai buono andrai in paradiso con Dio.

-E se sarò cattivo?

-Andrai all'inferno.

-Cosa succede all'inferno?

-Soffrirai per l'eternità perchè dovrai essere punito per i tuoi peccati.

-E in paradiso cosa succede?

-Si vive per l'eternità felici

 

Mi misi a piangere........... provate a indovinare perchè.

Share this post


Link to post
Share on other sites
tutti i nostri ricordi che fine fanno, perchè combattere tanto se poi finiremo nel nulla?

se combatti per qualcosa non finisci nel nulla, il tuo sacrificio sarà utile alle generazioni future, pensiamo ai morti della rivoluzione francese, agli eretici bruciati sul rogo perhcè sostenevano che la terra girava intorno al sole, ai caduti delleue guerre mondiali...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ora davide invece cosa ne pensi?

Sono profondamente religioso e penso che la nonna avesse ragione, ma la cosa continua a farmi paura, e mi rimetterei a piangere ancora e ancora.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo mi piacerebbe un altra vita dopo la morte ma razionalmente non potrò mai credere, è solo un invenzione umana.

E lo dico con una bella dose di dispiacere, personalmente credo che non esista nulla e che della nostra coscienza non possa rimanere nulla.

Peccato, mi dispiacerebbe perdere tutto, ma purtroppo siamo esseri mortali.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Razionalmente ci sono tante cose che non si possono comprendere, Dominus.

 

Persino la morte è irrazionale: per quale ragione un individuo o un animale o una pianta devono avere per forza un ciclo vitale finito?

 

Voglio dire, perchè le cellule, a un certo punto, invecchiano e muoiono, anzichè continuare a rigenerarsi e mantenere un individuo sempre sano e giovane?

Ci sarà una logica, in tutto ciò.

 

Gli scienziati pensano che sia scritto addirittura nel DNA che a un certo punto le cellule devono smettere di rigenerarsi e iniziare a morire.

 

Non esiste un solo caso di forma di vita conosciuta, che non muoia per esaurimento del suo ciclo vitale.

 

E questa è una ben strana circostanza, che non trova precise giustificazioni in quello che dovrebbe essere un'esigenza primordiale (riprodursi e prolificare).

 

Proprio nella morte, io vedo la giustificazione di un qualcos'altro.

 

E sono pronto a scommettere che nemmeno tra centomila anni, la tecnologia umana riuscirà a trapiantare la coscienza di un cervello (che in fin dei conti dovrebbe essere un insieme di dati, come l'archivio di un PC) in un individuo nuovo (magari ottenuto per clonazione).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema è che non tutte le cellule si rigenerano, quindi si usurano col passare del tempo, come, ad esempio, le cellule celebrali.

In ogni caso secondo me il cervello si capirà quando si troverà la chiave di lettura giusta, non credo che ci vorrà moltissimo tempo (sempre troppo per tutti noi purtroppo)

Share this post


Link to post
Share on other sites

in quanto alla coscienza, ho sentito di casi in cui gente a cui erano stati trapiantati degli organi, provavano emozioni tipiche dei donatori.

se ci pensate è molto strana come faccenda...

 

 

ora vorrei porvi un'altra domanda:

 

quando arriva la morte? ha una data prefissata?

Share this post


Link to post
Share on other sites
quando arriva la morte? ha una data prefissata?

avevi già affrontato il discorso nella discussione sul destino

 

comunque no

Share this post


Link to post
Share on other sites
in quanto alla coscienza, ho sentito di casi in cui gente a cui erano stati trapiantati degli organi, provavano emozioni tipiche dei donatori.

se ci pensate è molto strana come faccenda...

 

 

Suggestione

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me,dopo morto ci sarà il nulla,cioè non avremo nemmeno la sensazione di esser morti...

Ho subìto un intervento chirurgico,e quando mi svegliai dall'anestesia,non ebbi nemmeno la coscienza di essere stato addormentato,al punto che pensai"Azz,se morivo sotto i ferri nemmeno me ne sarei accorto!"

Altro che sensazioni di essere fuori dal corpo e vedere i chirurghi lavorare sul tuo corpo,una volta sveglio puoi raccontare quello che vuoi!

 

Perchè invecchiamo e moriamo? Anche in quest'occasione sono molto ottuso,e proverei a contorcere una legge della Fisica:Noi ingeriamo alimenti per produrre energia,quindi ingeriamo uma massa,che diventa energia,e quello che non diventa energia rimane massa,una parte della quale viene espulsa,cambierà aspetto,si sbriciolerà,si decomporrà,ma alla fine rimarrà sempre una massa...Il resto della massa verrà accumulato,e in parte trasformato in energia...E la massa mancante?DEVE diventare energia in qualche modo...Se nessuno morisse più,da qualche parte quella massa che costituisce gli esseri umani verrà man mano a mancare al Pianeta,visto che precedentemente alla nascita eravamo carota,limone,mucca,grano,terra...Quindi,se non morissimo più,andremmo contro le leggi della Fisica...

 

Ammetto di non sapermi spiegare bene,inoltre il mio livello di istruzione non mi permette di addentrarmi meglio in quello che ho scritto... :huh::huh::huh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

riguardo l'intervento, tu non vieni catapultato fuori dal mondo quando ti fanno l'anestesia, semplicemente ti addormentano.

di conseguenza non sogni per forza, puoi semplicemente dormire oppure sognare.

gente che svegliandosi afferma per filo e per segno l'andamento dell'intervento, come lo si spiega?

 

 

ora viu dico la mia idea generale:

 

il mondo non è retto solo da leggi razionali, logiche e con nessi matematici, ma si basa sin dagli albori su aspetti irrazionali, quali la morte, il destino, alcuni fenomeni.

io sono convinto di questo, per naura l'uomo tende a razionalizzare tutto, forse stiamo sbagliando.

Share this post


Link to post
Share on other sites
gente che svegliandosi afferma per filo e per segno l'andamento dell'intervento, come lo si spiega?

ha letto trattati di chirurgia?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...