Jump to content
Sign in to follow this  
Maurice

Quarantesimo anniversario del Boeing 747

Recommended Posts

Ciao a tutti,

oggi, 22 gennaio 2010, ricorre il quarantesimo anniversirario dell'entrata in servizio del mitico Jumbo Jet!

L'idea nacque nel 1963, quando l'USAF richiese alle maggiori ditte uno studio per un aeroplano da trasporto di grosse dimensioni. La Boeing rispose alla richiesta con il progetto 747, ma il vincitore della commessa fu la Lockheed, che sviluppò successivamente il C-5 Galaxy.

L'idea fu ripresa qualche anno dopo, quando Joe Sutter, ingegnere della Boeing, iniziò a progettare un nuovo aeroplano commerciale in stretta collaborazione con la Pan-Am. Il risultato finale fu il 747 che conosciamo noi oggi, che prese servizio, proprio con la Pan-Am, il 22 gennaio 1970, sulla tratta New-York - Londra.

 

Inutile ripetere l'impatto che ebbe il Jumbo Jet: in aeronautica, divenne uno standard per tutti gli aeroplani che sarebbero arrivati; nella società, dove divenne uno status symbol di viaggi e di eleganza.

 

Oggi sul mercato soffre la concorrenza delle giovani leve, come l'Airbus 380 e del Boeing 777, ma rimane sempre uno dei migliori aeromobili progettati!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Jumbo jet 747 è divenuto sinonimo di aereo di linea in tutto il mondo.

Poi con quella mitica gobba è il più originale velivolo esistente.

W il jumbo! :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Soprattutto con la sua nuova versione rimarrà in servizio per almeno altri 40 anni, probabilmente anche di più, a dimostrare l'eccezionale formula del progetto iniziale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
a dimostrare l'eccezionale formula del progetto iniziale.

o la nostra incapacità di innovare come fecero i nostri nonni o padri : non andiamo avanti perchè non abbiamo la vera volontà di rischiare e di utilizzare le risorse opportune

Share this post


Link to post
Share on other sites

O forse perchè dopo decenni di crescita vertiginosa l'aereonautica si è stabilizzata su standard che soddisfano tranquillamente i requisiti del mercato, se il 747, sia pur profondamente innovato con la serie "8", va bene perchè bisognerebbe sviluppare un aereo ex-novo?

 

La boeing è una società di capitale, non un conglomerato di samaritani volti allo sviluppo della razza umana...

Share this post


Link to post
Share on other sites
:compleanno::okok::okok: certo che quando finirà la sua carriera sarà un aereo vecchissimo come la versione tanker del 707. quasi 80 anni! complimenti!!! tanti auguri!

Share this post


Link to post
Share on other sites
O forse perchè dopo decenni di crescita vertiginosa l'aereonautica si è stabilizzata su standard che soddisfano tranquillamente i requisiti del mercato, se il 747, sia pur profondamente innovato con la serie "8", va bene perchè bisognerebbe sviluppare un aereo ex-novo?

 

La boeing è una società di capitale, non un conglomerato di samaritani volti allo sviluppo della razza umana...

 

si anche questo è vero ,però i bisogni del mercato si creano con nuove offerte, si viveva bene anche senza telefonino , ma la Nokia lo ha reso una necessità

 

 

siamo sicuri che un successore del concorde non troverebbe mercato ? magari un aereo più parco e green ? e non parlo di un aereo per coloro che vogliono dimostrare di essere vip , parlo di manager per i quali tornare in giornata da ny sarebbe (e lo era in effetti ) una necessità .

 

per giunta stiamo buttando via l' unico vettore spaziale riutilizzabile senza avere un successore pronto , se non forse una rivisitazione del progetto che era andato a sostituire, e l' accesso allo spazio è una delle chiavi della superiorità militare e tecnologia occidentale ,per non dire usa, non è certo un obiettivo per i romantici che vogliono andare ''la dove nessun uomo è mai giunto prima ''

 

i f.lli write non era filantropi ma imprenditori , però sapevono rischiare per fare profitto; oggi ci si adagia sugli allori .

Edited by cama81

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me sembra, invece, che la boeing abbia fatto la scelta giusta visto che il suo concorrente sul mercato, costruito ex-novo, non sta avendo tutto questo successo e rientrerà dei capitali investiti con un gran ritardo, nel frattempo la casa di seattle ha tirato fuori un bell'aereo innovativo e senza rivali in una classe molto più appetibile per le compagnie aeree, la lungimiranza non sta nell'investire tanto e nel tirare fuori progetti eclatanti, ma nel fare bene i propri conti.

 

P.S. Evitiamo di andare troppo OT, comunque il concorde è stato di fatto un fallimento commerciale e non c'è una grossa domanda per un supersonico civile, specie visto i suoi costi, idem dicasi per lo shuttle, estremamente più costoso di qualsiasi vettore non riutilizzabile o parzialmente riutilizzabile, come sarà la nuova generazione, senza contare il tasso di incidenti decisamente inaccettabile per gli standard NASA.

Edited by Dominus

Share this post


Link to post
Share on other sites

Leggo su repubblica.it un interessante articolo sul 747, che, per il quarantesimo compleanno, si regala una serie di innovazioni:

 

http://www.repubblica.it/economia/2010/02/...igante-2228105/

 

Primo volo per il nuovo Jumbo Jet: un terzo in più di autonomia a pieno carico, consumi ridotti e 467 passeggeri in tre classi

Decolla il gigante

La seconda vita del 747

di LUCIO CILLIS

ROMA - La seconda vita del Boeing 747, meglio conosciuto come Jumbo Jet, inizia a 40 anni. Questa sera alle 19 ora italiana (alle 10 del mattino a Everett, nei dintorni di Seattle, base del colosso dell'aviazione Usa), il nuovo Jumbo staccherà il carrello dalla pista per la prima volta.

 

Quello che si appresta a diventare il più agguerrito concorrente dell'Airbus 380, l'altro gigante dei cieli da pochi mesi in volo sopra le nostre teste, è un concentrato di tradizione e tecnologie all'avanguardia. Per la nuova versione sono stati adottati degli accorgimenti tecnici che pur lasciando all'apparenza inalterata la silhouette del 747-8, riconoscibile per i quattro reattori sulle ali e soprattutto per la linea sinuosa della fusoliera con due piani riservati ai passeggeri, ne modificano e di molto il rendimento, la manovrabilità per i piloti ed i consumi.

 

La prima novità è rappresentata proprio dal profilo delle ali, completamente ridisegnate per aumentare la portanza. Altra novità i motori General Electric di nuova generazione che provvedono ad una spinta ancora più potente rispetto al passato garantendo consumi di gran lunga più efficienti. Queste due caratteristiche permetteranno al 747-8 di avere un raggio di azione di 15mila chilometri a pieno carico, un terzo in più rispetto ai 10mila chilometri della prima versione.

 

Il nuovo gigante avrà anche molto spazio all'interno ed ospiterà 51 passeggeri in più rispetto alla vecchia versione. In totale prenderanno posto 467 persone in tre classi. Lungo oltre 76 metri e apertura alare vicina ai 69 metri, peso di 200 tonnellate a vuoto velocità di 988 chilometri l'ora con velocità di crociera di 908. Ultima curiosità: il 747 bis potrebbe presto diventare il nuovo "Air Force One" del presidente degli Stati Uniti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che macchina formidabile! Auguroni! :okok:

un vero peccato che Alitalia stia rimpiazzando i sui 747.... :thumbdown:

 

a parer mio,è l'aereo passeggeri più famoso del secolo!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dite quello che volete, ma per me è l'aereo passeggeri più bello mai stato progettato...

Mi dispiace molto che l'Alitalia abbia radiato i suoi a favore dei 777 e che nessuna compagnia italiani li usi più.. Vero, i 777 hanno un autonomia maggiore, ma il fascino del mitico Jumbo è unico... Credo che se dovessi paragonarlo a un caccia, sarebbe sicuramente all'F-14... stessi anni, stessa bellezza...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sulla pagina di wikipedia si trova questo: "La Pratt & Whitney sviluppò un motore turboventola con alto bypass, il JT9D, che inizialmente era destinato solo al 747. Inizialmente vi furono comunque dei problemi: il loro peso faceva ovalizzare i condotti delle gondole montate a sbalzo sotto l'ala, provocando una perdita di pressione sopra e sotto e uno strisciamento laterale delle pale delle grosse ventole: questo comportava una notevole perdita di spinta che li costringeva a lente salite, tanto che i primi 747 che decollavano da Roma per New York dovevano essere instradati via Ajaccio-Genova-Torino per permettergli di raggiungere una quota di sicurezza sufficiente per varcare le Alpi."

Considerati i circa 600 km da Roma alle Alpi, mi pare davvero alquanto strano e incredibile che l'aereo non riuscisse a raggiungere una quota sufficiente per superare la catena montuosa...

Share this post


Link to post
Share on other sites

9 Febbraio 1969 ... il giorno in cui spiccò il volo ...

Quote

The year 1969 marked a golden age for the post-war aerospace industry, in which Flight International was one of the leading communicators, for those 12 months witnessed three key events that were genuine landmarks in the evolution of flight – the maiden sorties of the Boeing 747 and Aerospatiale/BAC Concorde, and the first Moon landing.
And the year was barely a month old when the first of these key achievements occurred: the 747 took to the skies on 9 February, signalling the start of an air-transport capacity revolution that continues to this day.

Fonte: flightglobal.com ... RETROSPECTIVE: The day Boeing’s 747 took to the sky ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Segnalo questo libro , unico in italiano , dedicato all'aereo: 

http://www.airclipper.com/presentazione-nazionale-del-libro-dedicato-al-boeing-747/

Ci ho dato un'occhiata ; è interessante. L'aereo è descritto sia dal punto di vista tecnico che da quello storico.

Per ogni macchina costruita , fino ad epoca recente, è riportata sinteticamente la storia operativa.

Libro pesante e prezzo alto: è la classica strenna di Natale , purtroppo arrivata tardi sul mercato, dopo le feste. Non l'ho ancora acquistato per motivi di budget ( tasse auto , bollette  ecc. ).

Aspetto la prossima tredicesima.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...