Jump to content

Il Tornado E...i Telelaser


enrr
 Share

Recommended Posts

bell'esperienza però essere illuminato dal radar di un caccia, subirne le contromisure elettroniche e rischiare un missile sulla capoccia come ripicca solo per aver scoperto che era in infrazione per velocità...pensa se la prossima volta provano a multare un carroarmato perchè troppo lento :P

 

edit: ATTENZIONE qui dice che è una bufala, notizia già apparsa in rete nel 1999. Sembra convincente

Edited by filter
Link to comment
Share on other sites

edit: ATTENZIONE qui dice che è una bufala, notizia già apparsa in rete nel 1999. Sembra convincente

Sarà anche falsa, ma che sia divertente è poco ma sicuro.

Da quando il Sidewinder è air-to-ground missile?

Mi stai a guardare il dettagliuzzi :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:

Link to comment
Share on other sites

:rotfl: :rotfl: :rotfl: Buona idea contro gli autovelox!... Quasi quasi mi monto un sistema di jamming sul cruscotto... secondo voi farà il suo dovere?!? :asd:

 

ASPETTATE UN ATTIMO!!! :huh: ... e se lo sventurato poliziotto si trovasse nella stradina che costeggia il Poligono di Salto di Quirra durante un'esercitazione?!? :blink::whistling::asd: :asd: :asd:

Link to comment
Share on other sites

Anche se la notizia dovesse essere falsa resterebbe comunque molto simpatica! :)

 

stando al link postato sopra dev'essere già apparsa nel '99...un ritorno ciclico. Il tizio del sito argomenta piuttosto bene il perchè secondo lui è una bufala. Purtroppo non riesco a copiare\incollare.

Ha stupito anche me...ma s'è una bufala...delusione

Link to comment
Share on other sites

Ovvio che è una bufala, come è una bufala il presunto 'jammer' che avrebbe messo fuoriuso il telelaser (già, ce l'ho anche io sulla mia macchina...) o il sidewinder (che come è già stato fatto notare è un'arma a-a) che parte da solo se il pilota non interviene...

Certo che esistono i sistemi di jamming, ma funzionano contro i sensori dei missili o dei caccia nemici, non contro i telelaser dei vigili urbani... o dite che se tento di abbattere un Tornado col telecomando del televisore (che funziona ad infrarossi come il telelaser), questo mi esplode in mano? A parte questo... l'articolo era veramente divertente!!!

Link to comment
Share on other sites

non sono riusito a tradure gran che in pratica un poliziotto ha puntato il laser su una moto ma gli venivano fuori 300 miglia orarie ma la colpa era del tornado e poi?

Link to comment
Share on other sites

Gabu, il testo dice essenzialmente che il Tornado (impegnato in un'esercitazione) ha rilevato il radar dell'autovelox come ostile e lo "fuso" con un segnale jamming e per un pelo non è stato lanciato automaticamente un Sidewinder per distruggere l'emissione ostile.

 

Ovviamente è una grossissima bufala: nelle esercitazioni non si usano armamenti reali, i Sidewinder non partono automaticamente e non sono missili antiradar, il sistema RWR degli aerei da combattimento agisce in base a una "libreria" pre-programmata nella quale sono memorizzate le "impronte radar" dei potenziali sistemi nemici (e non certo degli autovelox...) eccetera eccetera...

 

Questa è una tipica leggenda metropolitana.

 

Ma è occasione per raccontarvi un aneddoto che non è leggenda (ma non chiedetemi di documentarvelo, fidatevi o cercate i riscontri): quando i paesi del Nord Europa acquistarono gli F-16 americani (il contratto del secolo, fu definito allora, gli F-16 erano in gara contro i Mirage F1) e arrivarono i primi esemplari, si verificò che i radar dei Falcon agganciavano come bersagli le autovetture che percorrevano le strade sotto di loro.

In USA la cosa non succedeva, per cui i tecnici inizialmente non capirono la ragione del malfunzionamento.

La spiegazione era semplice: i "filtri" del radar erano programmati per considerare come "falsi" i bersagli che viaggiavano sotto una certa velocità, nel presupposto che in aria un oggetto non può stare fermo (palloni sonda e mongolfiere a parte): per gli elicotteri ci sono comunque le pale che si muovono a velocità elevatissime. Quindi tutti gli eco radar relativamente lenti venivano automaticamente esclusi mentre quelli al di sopra di una certa velocità venivano considerati bersagli validi.

In USA i limiti di velocità sono molto severi e sono generalmente rispettati perchè la loro violazione comporta conseguenze pesanti.

In Europa invece (almeno a quei tempi) si correva sulle strade e sulle autostrade alla grande: non solo i limiti erano molto più alti, ma le sanzioni per eccesso di velocità erano leggere e i controlli molto scarsi.

Quindi le autovetture in Europa superavano spesso i limiti del filtraggio e apparivano come bersagli in volo e per di più non identificati (sulle auto non c'è IFF nè transponder...) creando serie difficoltà ai piloti e un numero esagerato di falsi bersagli.

Il problema fu risolto con una modifica del software.

Oggi il problema non si porrebbe più, perchè la capacità di risoluzione dei radar (anche in termini di riconoscimento della quota del bersaglio e di eliminazione del clutter dal terreno) sono molto più evolute e in fin dei conti i primi F-16 avevano un sistema radar modernissimo ma anche molto semplificato quanto a capacità e software.

 

Come ho detto, questa non è una leggenda metropolitana ma un fatto realmente accaduto, di cui si parlò parecchio a quei tempi anche sulle riviste specializzate. Parliamo della fine degli anni '70.

Link to comment
Share on other sites

Gabu, il testo dice essenzialmente che il Tornado (impegnato in un'esercitazione) ha rilevato il radar dell'autovelox come ostile e lo "fuso" con un segnale jamming e per un pelo non è stato lanciato automaticamente un Sidewinder per distruggere l'emissione ostile.

 

Ovviamente è una grossissima bufala: nelle esercitazioni non si usano armamenti reali, i Sidewinder non partono automaticamente e non sono missili antiradar, il sistema RWR degli aerei da combattimento agisce in base a una "libreria" pre-programmata nella quale sono memorizzate le "impronte radar" dei potenziali sistemi nemici (e non certo degli autovelox...) eccetera eccetera...

 

Questa è una tipica leggenda metropolitana.

 

Ma è occasione per raccontarvi un aneddoto che non è leggenda (ma non chiedetemi di documentarvelo, fidatevi o cercate i riscontri): quando i paesi del Nord Europa acquistarono gli F-16 americani (il contratto del secolo, fu definito allora, gli F-16 erano in gara contro i Mirage F1) e arrivarono i primi esemplari, si verificò che i radar dei Falcon agganciavano come bersagli le autovetture che percorrevano le strade sotto di loro.

In USA la cosa non succedeva, per cui i tecnici inizialmente non capirono la ragione del malfunzionamento.

La spiegazione era semplice: i "filtri" del radar erano programmati per considerare come "falsi" i bersagli che viaggiavano sotto una certa velocità, nel presupposto che in aria un oggetto non può stare fermo (palloni sonda e mongolfiere a parte): per gli elicotteri ci sono comunque le pale che si muovono a velocità elevatissime. Quindi tutti gli eco radar relativamente lenti venivano automaticamente esclusi mentre quelli al di sopra di una certa velocità venivano considerati bersagli validi.

In USA i limiti di velocità sono molto severi e sono generalmente rispettati perchè la loro violazione comporta conseguenze pesanti.

In Europa invece (almeno a quei tempi) si correva sulle strade e sulle autostrade alla grande: non solo i limiti erano molto più alti, ma le sanzioni per eccesso di velocità erano leggere e i controlli molto scarsi.

Quindi le autovetture in Europa superavano spesso i limiti del filtraggio e apparivano come bersagli in volo e per di più non identificati (sulle auto non c'è IFF nè transponder...) creando serie difficoltà ai piloti e un numero esagerato di falsi bersagli.

Il problema fu risolto con una modifica del software.

Oggi il problema non si porrebbe più, perchè la capacità di risoluzione dei radar (anche in termini di riconoscimento della quota del bersaglio e di eliminazione del clutter dal terreno) sono molto più evolute e in fin dei conti i primi F-16 avevano un sistema radar modernissimo ma anche molto semplificato quanto a capacità e software.

 

Come ho detto, questa non è una leggenda metropolitana ma un fatto realmente accaduto, di cui si parlò parecchio a quei tempi anche sulle riviste specializzate. Parliamo della fine degli anni '70.

Questa storia la lessi pure su un numero di Aerei inerente agli F16 Norvegesi;se non sbaglio era capitato anche a velivoli USAF basati in Germania.

Link to comment
Share on other sites

aaam thank'you Gianni..............si be un missile ke parte da solo e ke tra l'altro non è antiradar bufala x far ca..re sotto i polizziotti? :asd:

 

Pregasi non usare linguaggio sgrammaticato e da sms.

+10%

Edited by Dominus
Violazione regolamento
Link to comment
Share on other sites

(accidenti Dominus ci da giù secco con le penalità eh,un giro di vite a mò di colpo di coda?)....ok ok mi auto punisco ...solo +5% essendo il commento tra parentesi :-)

bello rileggere Gianni :D

 

Post inutile e violazione del regolamento punto 1.3b.

+10%

Edited by Dominus
Violazione regolamento
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...