Jump to content
Sign in to follow this  
lender

La valutazione per la sostituzione parziale dei Tiger

Recommended Posts

Ora è ufficiale, la Svizzera rinuncia a sostituire i Tiger, ho meglio rimanda tutto al 2015; ma già si parla del 2020. :ph34r:

 

Link: Rinviato l'acquisto dei nuovi caccia

Mah: credo proprio che... la Crisi economica generale colpisca ancora !!!

Non vorrei che, passo dopo passo, si giungesse ad un impasse economico globale !!!

Edited by sorciverdi58

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il concorso per la sostituzione del Tiger è stato sospeso dal governo fino al 2015 :

 

AviationWeek

 

Edit: Scusate , ho visto adesso che la notizia è già stata postata :oops:

Edited by VittorioVeneto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Visto che orde di nemici pronti ad invadere la confederazione non ne vedo fanno bene, sono in una posizione geografica invidiabile non vedo perchè svenarsi con il bilancio della difesa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Visto che orde di nemici pronti ad invadere la confederazione non ne vedo fanno bene, sono in una posizione geografica invidiabile non vedo perchè svenarsi con il bilancio della difesa.

In un momento di notevole e generale crisi economica, la decisione, assunta dal Governo della Confederazione elvetica, è... cosa normale e automatica, oltrechè terribilmente LOGICA.

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci sono novità sull'argomento.

 

Dato che la decisione per la sostituzione degli F-5 è stata posticipata di alcuni anni, altri tipi di aerei verranno probabilmente presi in considerazione per la gara, ovvero F18E ed F35.

 

Fonte: http://www.ticinolibero.ch/?p=58128

 

Secondo me gli Svizzeri dovrebbero standardizzare la loro aviazione su un unico tipo d'aereo multiruolo, quindi considerando di pensionare anche gli attuali F18 introdotti negli anni 90, in modo da contenere i costi di esercizio (mantenere due linee di pochi esemplari ciascuna mi sembra assurdo da questo punto di vista, oltre che probabilmente inutile per quanto concerne le esigenze operative).

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Dato che la decisione per la sostituzione degli F-5 è stata posticipata di alcuni anni, altri tipi di aerei verranno probabilmente presi in considerazione per la gara, ovvero F18E ed F35.

 

Fonte: http://www.ticinolibero.ch/?p=58128

 

Veramente nell'articolo si parla "del nuovo Super Hornet della Boeing", per cui potrebbe benissimo trattarsi della sua più recente versione presentata ultimamente al Salone "Aero India 2011" ....

 

F-18_Hornet_2.jpg

 

F-18_Hornet.jpg

 

F-18_Hornet_1.jpg

 

Mi sorge però il dubbio che i nostri amici d'Oltralpe, tanto oculati nelle spese, troveranno piuttosto salato il prezzo degli F-35 ....

 

;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

sto hornet non sembra gran che stealth, più che altro il rivestimento...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci sono novità sull'argomento.

 

Dato che la decisione per la sostituzione degli F-5 è stata posticipata di alcuni anni, altri tipi di aerei verranno probabilmente presi in considerazione per la gara, ovvero F18E ed F35.

 

Fonte: http://www.ticinolibero.ch/?p=58128

 

Secondo me gli Svizzeri dovrebbero standardizzare la loro aviazione su un unico tipo d'aereo multiruolo, quindi considerando di pensionare anche gli attuali F18 introdotti negli anni 90, in modo da contenere i costi di esercizio (mantenere due linee di pochi esemplari ciascuna mi sembra assurdo da questo punto di vista, oltre che probabilmente inutile per quanto concerne le esigenze operative).

 

 

Si sta, a poco a poco, risparmiando nelle spese di armamento (programmi dimezzati rispetto alla norma negli ultimi due anni) allo scopo di avere la cifra necessaria per gli aerei. In ogni caso non si tratterebbe di veri stanziamenti ma di "riservare" i miliardi necessari per l'acquisto di jet nei normali budget militari di 7-8 anni. Psicologicamente, per il popolo svizzero, lo stato di salute della Confederazione, se paragonato al resto d'Europa è eccellente. Quindi potrebbero starci anche i successori dei Tiger. Può aiutarci anche il nostro superfranco che sta, da mesi, "ridicolizzando" l'Euro e ha ormai superato il dollaro. Mah, vedremo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Alcuni anni" sono cosi tanti da mettere fuori gioco il gripen?

per me e' fatto a misura di uno stato come la svizzera che per certi aspetti e' simile anche come esigenze, alla svezia.

Un F-35 e' sicuro piu "figo", ma i costi? e poi ad un paese in una posizione strategica giustamente definitia "invidiabile" serve un F-35?

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Alcuni anni" sono cosi tanti da mettere fuori gioco il gripen?

per me e' fatto a misura di uno stato come la svizzera che per certi aspetti e' simile anche come esigenze, alla svezia.

Un F-35 e' sicuro piu "figo", ma i costi? e poi ad un paese in una posizione strategica giustamente definitia "invidiabile" serve un F-35?

 

 

Per il Gripen si tratterebbe della nuova versione "NG". Il suo minor costo significherebbe assicurare aerei per almeno due ( o magari tre) squadriglie. E' vero che l'F-35 è più "figo"...Lo era pure l'F-18 una ventina di anni fa. In ogni caso ci basiamo solo su un'intervista (certamente autorizzata dal dipartimento della difesa) del capo delle forze aeree Gygax a un domenicale zurighese. Citava, il militare, anche il Superhornet che è (sarà) l'ultima versione dell'Hornet. In ballo ci sono i contatti speciali fra la Luftwaffe svizzera (per mezzo di Armasuisse) e Boeing/US Navy. Tornando al Gripen: vi sarebbe il lvantaggio del motore (quello dell'Hornet costruito da Volvo).

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'EF-2000 no eh? Troppo europeo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'EF-2000 no eh? Troppo europeo...

 

Lo scorso anno, nell'ambito della valutazione dei tre concorrenti, il consorzio aveva proposto compensazioni miliardarie per l'industria svizzera. In pratica una sorta di aggancio della "Svizzera" al consozio. Si era parlato perfino della parziale costruzione del motore nella Confederazione. In realtà il consorzio è già attualmente il 1° cliente estero di RUAG, ex fabbrica federale, ora conglomerato tecnologico sempre di proprietà federale con alcune aziende anche all'estero (Germania, Austria, Svezia). Ribadisco quanto ho già detto da un'altra parte in questo forum che le trattative bilaterali hanno riguardato soprattutto l'aspetto "industriale" del Typhoon. C'è sempre la sensazione di un gigantesco cantiere, senza fine, tenuto in vita per mantenere a un livello elevato il grado di tecnica aeronautica europea. Operazione giustificata, senz'altro, ma gli aspetti militari?... In Svizzera si vuole un "Kampfflugzeug", aereo da combattimento. In un Paese con molte certezze possono suscitare perplessità le incertezze, le indecisioni "consortili". All'obiezione elvetica circa il radar (ritenuto insufficiente) non è stata una gran risposta dire che (a breve) non verrà cambiato. Voglio dire: svedesi o francesi sono stati più "vivaci" e concreti. Quanto all'Europa. Per noi svizzeri è rappresentata dalla Germania, primo partner commerciale e, attualmente, in rapporti riappacificati e consolidati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo scorso anno, nell'ambito della valutazione dei tre concorrenti, il consorzio aveva proposto compensazioni miliardarie per l'industria svizzera. In pratica una sorta di aggancio della "Svizzera" al consozio. Si era parlato perfino della parziale costruzione del motore nella Confederazione. In realtà il consorzio è già attualmente il 1° cliente estero di RUAG, ex fabbrica federale, ora conglomerato tecnologico sempre di proprietà federale con alcune aziende anche all'estero (Germania, Austria, Svezia). Ribadisco quanto ho già detto da un'altra parte in questo forum che le trattative bilaterali hanno riguardato soprattutto l'aspetto "industriale" del Typhoon. C'è sempre la sensazione di un gigantesco cantiere, senza fine, tenuto in vita per mantenere a un livello elevato il grado di tecnica aeronautica europea. Operazione giustificata, senz'altro, ma gli aspetti militari?... In Svizzera si vuole un "Kampfflugzeug", aereo da combattimento. In un Paese con molte certezze possono suscitare perplessità le incertezze, le indecisioni "consortili". All'obiezione elvetica circa il radar (ritenuto insufficiente) non è stata una gran risposta dire che (a breve) non verrà cambiato. Voglio dire: svedesi o francesi sono stati più "vivaci" e concreti. Quanto all'Europa. Per noi svizzeri è rappresentata dalla Germania, primo partner commerciale e, attualmente, in rapporti riappacificati e consolidati.

 

 

Nella seduta odierna, il Consiglio nazionale (la maggiore delle due camere federali) ha approvato una mozione che chiede un aumento delle spese militari per poter acquistare i previsti apparecchi in sostituzione dei Tiger..., prima del 2015! Si sono espressi a favore i rappresentanti dei "partiti borghesi" (centro/centro destra/ destra). La spesa prevista massima sarebbe di 5,5 mia di CHF per almeno 22 apparecchi. Sull'argomento si dovrà esprimere ora l'altra camera. Si tratta in ogni caso, per ora, solo di una proposta impegnativa all'indirizzo del Governo federale che dovrà dare una risposta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per il Gripen si tratterebbe della nuova versione "NG". Il suo minor costo significherebbe assicurare aerei per almeno due ( o magari tre) squadriglie. E' vero che l'F-35 è più "figo"...Lo era pure l'F-18 una ventina di anni fa. In ogni caso ci basiamo solo su un'intervista (certamente autorizzata dal dipartimento della difesa) del capo delle forze aeree Gygax a un domenicale zurighese. Citava, il militare, anche il Superhornet che è (sarà) l'ultima versione dell'Hornet. In ballo ci sono i contatti speciali fra la Luftwaffe svizzera (per mezzo di Armasuisse) e Boeing/US Navy. Tornando al Gripen: vi sarebbe il lvantaggio del motore (quello dell'Hornet costruito da Volvo).

 

 

Il fatto è che andarsi ad impelagare nello sviluppo di un aereo in gran parte nuovo che alla fine non potrà mai esser superiore nè in prestazioni nè in tecnologia al super hornet e, a maggior ragione, all'F-35 mi sembra esagerato.

Decisamente alla svizzera conviene procedere per step sfruttando la parziale comunanza tecnico addestrativa prendendo i Super Hornet (magari qualcuno anche cablato per diventare growler come fatto dall'australia) per poi sostituire i vecchi F-18 con un quinta generazione.

 

C'è da dire che per il territorio svizzero il caccia boeing è fin troppo esuberante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, gli F-18, che con gli aggiornamenti sono costati/costano ben più dei Typhoon, resteranno in servizio per (almeno) 15 anni. Poi Boeing/US Navy non assicureranno più pezzi di ricambio. E' vero che il futuro apparecchio sostituirà anche gli Hornet. In ogni caso: se la decisione di acquisto cadrà prima del 2015 in lizza ci sarà il noto trio (con i dovuti aggiornamenti è chiaro), se cadrà dopo potranno aggiungersi altri modelli. C'è poco da scegliere. Evidentemente NON si può sbagliare. Nonostante il maggiore scandalo politico/militare svizzero l'acquisto dei Mirage IIIS si è rivelato un affare tecnico/militare eccezionale, ottimo anche l'acquisto degli Hornet. Sbagliato (senza scandali) l'acquisto degli Hawk (ora in Finlandia). Troppo grandi gli attuali apparecchi per i 41'000 km2 di Svizzera? Magari: hanno ragione allora gli austriaci che da decenni vorrebbero delegare tutto (per i due Paesi) alla Svizzera. E' chiaro che con la non appartenenza ad alleanze occorre inventarsi problemi, strategie, necessità...Che problemi "grassi" i nostri !!!

Edited by mo-mo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo scorso anno, nell'ambito della valutazione dei tre concorrenti, il consorzio aveva proposto compensazioni miliardarie per l'industria svizzera. In pratica una sorta di aggancio della "Svizzera" al consozio. Si era parlato perfino della parziale costruzione del motore nella Confederazione. In realtà il consorzio è già attualmente il 1° cliente estero di RUAG, ex fabbrica federale, ora conglomerato tecnologico sempre di proprietà federale con alcune aziende anche all'estero (Germania, Austria, Svezia). Ribadisco quanto ho già detto da un'altra parte in questo forum che le trattative bilaterali hanno riguardato soprattutto l'aspetto "industriale" del Typhoon. C'è sempre la sensazione di un gigantesco cantiere, senza fine, tenuto in vita per mantenere a un livello elevato il grado di tecnica aeronautica europea. Operazione giustificata, senz'altro, ma gli aspetti militari?... In Svizzera si vuole un "Kampfflugzeug", aereo da combattimento. In un Paese con molte certezze possono suscitare perplessità le incertezze, le indecisioni "consortili". All'obiezione elvetica circa il radar (ritenuto insufficiente) non è stata una gran risposta dire che (a breve) non verrà cambiato. Voglio dire: svedesi o francesi sono stati più "vivaci" e concreti. Quanto all'Europa. Per noi svizzeri è rappresentata dalla Germania, primo partner commerciale e, attualmente, in rapporti riappacificati e consolidati.

Probabilmente sono stato un po' troppo acido, ma i Tuoi commenti mi sembravano un po' preconcetti, mentre in effetti dalla tua risposta sono evidenti le motivazioni. Io continuo a sostenere che il caccia ideale per sostituire il Tiger sia il Gripen NG, anche se per avere una prima linea di tutto rispetto (come si vuole in Svizzera) il Typhoon sarebbe ideale, più dell'ultimo Hornet. E poi è vero che il programma EFA ha una valenza di mentenimento tecnologico per l'industria europea, ma è anche vero che nella versione che verrebbe offerta alla Svizzera avrebbe tutti i gingilli necessari ad essere anche un'ottima bestiola da caccia. Un'antenna AESA è stata già integrata, probabilmente quella che non è ancora pronta è la nuova versione potenziata del CAESAR, che a quanto si dice dovrebbe valer la pena di aspettare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buon 150° a tutti gli italiani, innanzitutto. Noi, ma è un'altra storia, abbiamo celebrato il 700° nel 1991. Torno in argomento. E' possibile che una decisione circa la sostituzione dei Tiger avvenga prima del 2015. In questo caso i tre concorrenti proporranno i noti modelli aggiornati. Se invece la decisione dovesse cadere dopo entrerebbero in competizione, come già detto, altri modelli. Una cosa non cambia: le consegne non possono avvenire prima del 2021/22. Fra dieci anni dunque...Saranno ancora in produzione? Mah! Intanto stamattina le due valute di riferimento (EUR e USD) sono "crollate" rispetto al Franco svizzero. Il "povero" dollaro vale ormai solo 0,91 CHF e l'Euro 1,25 CHF (perdita di più del 30%, quest'ultimo, in due anni). Aerei scontati?....Ah ah ah. Buona giornata!

Share this post


Link to post
Share on other sites

E se, puta caso, un domani dovesse accadere che 'scoppia' il Franco Svizzero?

Sai com'è, coi tempi che corrono, a questo mondo ormai non si può più essere sicuri di niente.

 

;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

E se, puta caso, un domani dovesse accadere che 'scoppia' il Franco Svizzero?

Sai com'è, coi tempi che corrono, a questo mondo ormai non si può più essere sicuri di niente.

 

;)

 

Vero,...però dal dopoguerra si è sempre rivalutato. Quando frequentavo le elementari (anni 50) il dollaro valeva 4,50 franchi e la sterlina 12 franchi. E' divenuta una "moneta rifugio" negli anni senza danneggiare troppo l'economia nazionale. Adesso però è l'economia/finanza statunitensi ad essere in affanno. Mah...Speriamo in un riequilibrio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Torno sulla "saga" della sostituzione degli F-5 E/F "Tiger II". Ieri il Dipartimento (ministero) della difesa svizzera ha incaricato Armasuisse (ente degli armamenti) di eseguire entro fine 2011 una valutazione finanziaria di un ricondizionamento della flotta dei Tiger . Sarebbe uno "scenario" (come si usa dire qui) obbligato in caso di decisione tardiva della sostituzione degli stessi aerei. Si vorrebbe quindi avere una flotta di F-5 in grado, almeno, di contribuire ai compiti di polizia aerea fino al 2025, assieme agli Hornet. Se si dovesse avverare questo scenario i tre concorrenti attuali (Typhoon, Rafale, Gripen) non entrerebbero più chiaramente in considerazione per una scelta in quanto... un po' vecchietti.

Rimane in ogni caso valida la decisione del Governo federale e la richiesta di un buon numero di parlamentari di proporre una sostituzione dei "Tiger" prima del 2015.

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Egoisticamente" sarebbe un buon affare, per chi partecipa al "consorzio di imprese" che la Svizzera desse un po' delle sue notevoli risorse finanziarie per l'Eurofighter,si darebbe una mano al mantenimento dei livelli di occupazione nell'industria- ora purtroppo non ottimali- e magari sarebbe una spinta anche per altri concorsi simili. Sul fatto che questi mezzi sarebbero destinati a piloti "non di primissimo piano", beh, sono comunque piloti professionali, che hanno superato dure selezioni e credo possano reggere il confronto con i colleghi di tutto il Mondo, nei limiti dati dalla diversa esperienza di azioni reali.

poi, permettetemi la battuta, con l'emergere ai confini meridionali di uno Stato forte ed aggressivo come la Padania che vuole "liberare il Ticino irredento", serviranno mezzi molto veloci e prestanti ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Egoisticamente" sarebbe un buon affare, per chi partecipa al "consorzio di imprese" che la Svizzera desse un po' delle sue notevoli risorse finanziarie per l'Eurofighter,si darebbe una mano al mantenimento dei livelli di occupazione nell'industria- ora purtroppo non ottimali- e magari sarebbe una spinta anche per altri concorsi simili. Sul fatto che questi mezzi sarebbero destinati a piloti "non di primissimo piano", beh, sono comunque piloti professionali, che hanno superato dure selezioni e credo possano reggere il confronto con i colleghi di tutto il Mondo, nei limiti dati dalla diversa esperienza di azioni reali.

poi, permettetemi la battuta, con l'emergere ai confini meridionali di uno Stato forte ed aggressivo come la Padania che vuole "liberare il Ticino irredento", serviranno mezzi molto veloci e prestanti ;)

 

Condivido le (in parte simpatiche) osservazioni. Il consorzio Eurofighter effettivamente è intervenuto (e interviene) in Svizzera con pubblicità e articoli mettendo in evidenza l'importanza di un coinvolgimento dell'industria nazionale dell'"impresa" Typhoon. Quanto poi ai Tiger: se dovessero essere in servizio ancora di più del previsto sarà sempre possibile che vengano pilotati, se ce ne saranno ancora, da piloti "non professionisti". Anche se i piloti attuali sono formati solo per essere professionisti, chi passa all'aviazione civile può restare infatti "pilota di milizia".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi rendo conto di aver scritto cose male interpretabili; il mio discorso prende spunto da quanto un utente aveva scritto l’anno scorso nel Topic dedicato all’Eurofighter Typhoon, in cui diceva che la Svizzera non avrebbe scelto questo mezzo molto sofisticato perché “destinato ai piloti di Milizia”. Volevo semplicemente dire che –pensandoci adesso, mi sembra strano che i mezzi più moderni vadano alle forze “di riserva”- anche se fosse vero, quei piloti sono e restano piloti abili, anche perché in Svizzera, credo, lo standard qualitativo dei membri delle forze armate sia comunque molto alto a qualunque livello (anche il carattere tipico dello Svizzero porta verso la precisione e la meticolosità, no?)

Share this post


Link to post
Share on other sites
.... eseguire entro fine 2011 una valutazione finanziaria di un ricondizionamento della flotta dei Tiger ....

Qualcosa di simile a quanto sta facendo attualmente il Brasile?

 

http://www.flightglobal.com/articles/2011/04/11/355422/brazil-to-upgrade-more-f-5-fighters.html

 

Se si dovesse avverare questo scenario i tre concorrenti attuali (Typhoon, Rafale, Gripen) non entrerebbero più chiaramente in considerazione per una scelta in quanto... un po' vecchietti.

A questo punto, sul mercato, non ci sarebbe altro che lo F-35 .... ma potrebbe rivelarsi una soluzione alquanto costosa.

 

Per il "Gripen" (ed eventualmente il "Super Hornet") c'è comunque la prospettiva di una nuova e più potente motorizzazione:

 

http://goo.gl/VPohy

 

Quanto al radar, in un'intervista apparsa recentemente sul settimanale britannico "Jane's Defence Weekly", Fabrizio Giulianini, CEO di Selex Galileo, ha dichiarato fra l'altro:

 

"A fighter of that generation with such a huge capability needs an AESA radar to fully exploit the potential of the platform and weapon systems."

"We are fortunate that we are already on board the Gripen NG, which is equipped with our Raven AESA radar.

So I think it is a must [for the Typhoon]."

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...