Jump to content
Sign in to follow this  
maverick13

Che missile e'?

Recommended Posts

Ma che missile e' questo??

Ho letto che e' un SAM,ma ci abbattono gli airbus a380?? :huh: e' gigante

 

NikeHercules.jpg

Edited by maverick13

Share this post


Link to post
Share on other sites

nike hercules ok,grazie!!! :okok: Pero' e' proprio grosso...

 

Su wikipedia inolte quando fa il paragone con il SA-2 dice "Mobilità: ridotta/generalmente nulla "

cioe' viene sparato e procede dritto? :huh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho letto bene la pagina, ho sbirciato qua e là, tieni conto che era destinato ad abbattere bombardieri strategici, quindi non destinato a manovre astruse.

Share this post


Link to post
Share on other sites

jfkzeus.jpg

 

Questo dovrebbe essere un NIKE ZEUS. che differenza c'è con l'Hercules? è una sua evoluzione???

 

Per inciso gli Hercules li avevamo anche noi fino a poco tempo fa.

Edited by Venon84

Share this post


Link to post
Share on other sites
Su wikipedia inolte quando fa il paragone con il SA-2 dice "Mobilità: ridotta/generalmente nulla "

cioe' viene sparato e procede dritto? :huh:

Su Wikipedia "mobilità ridotta" è riferito all'SA-2 mentre "generalmente nulla" è relativo al Nike Hercules.

Non si fa riferimento però alla manovrabilità in volo del missile, ma alla mobilità tattica della batteria. In effetti le batterie di Nike Hercules erano su stutture e piattaforme con scarsissima mobilità, quando non addirittura delle vere e proprie basi di lancio fisse con tanto di elevatori e depositi sotterranei.

 

 

@Venon84

Quanto ai vari membri della famigilia Nike, su internet si trovano varie fonti, ma volendo qui c'è un breve riassunto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per tutti i missili americani, consultate questo sito:

 

http://www.designation-systems.net/dusrm/m-49.html

 

è fatto benissimo, ed è punto di riferimento per Wikipedia e tanti altri siti web.

 

Non è magari precisissimo come un Jane's, ma si basa molto sui lavori di Gunston che è un vero ricercatore storico della missilistica.

 

I Nike Hercules e derivati (come il Nike Zeus) sono tipici missili anti-aerei strategici degli anni '50, concepiti per distruggere i bombardieri nucleari a quote elevatissime.

 

Anche per questo la loro mobilità era scarsissima: venivano utilizzati da vere e proprie basi missilistiche fisse. Nulla a che vedere con i sistemi moderni, in cui si ricerca la capacità di essere dispiegati ovunque nel giro di poche ore.

 

Inoltre, la tecnologia di oggi non è certo quella di 50 anni orsono, per cui è normale che oggi abbiamo missili più compatti.

 

Ma grazie ai Nike Hercules, per tutta la guerra fredda l'Italia del Nord (e in particolare le sue città e le sue aree industriali, vitali per il paese) è stata ben protetta contro i bombardieri strategici nemici.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Mim-14 Nike Hercules, per età e durata di servizio, potrebbe far coppia con l’F104! L’arma ancora oggi vanta prestazioni notevoli ma l’evoluzione della guerra aerea l’ha resa poco adatta alle minacce attuali. Il missile (circa 12 metri di lunghezza e quasi 5000 kg) è un bistadio, col primo stadio costituito da 4 razzi a propellente solido. Allo spegnimento del booster, dopo 3,4 sec il missile è già a mach 2 e 1100 m di quota. Dopo la separazione del primo stadio entra in funzione il motore vero e proprio, per altri 29sec. A termine combustione la velocità arriva a 3,65 mach!(diverse fonti danno però 2700 miglia/ora). La portata del missile è fenomenale con 145 km in distanza e 32000 m in quota (operativa, fino a 45700 m quella limite!). Il missile utilizza la guida Command: un radar segue il bersaglio ed un secondo radar segue il missile intercettore. Il computer calcola la rotta di collisione migliore. Il missile non si dirige sul bersaglio ma verso il punto di impatto futuro. E’ così possibile far seguire al missile una traiettoria energetica ottimale. Nel caso del Nike, due radar, HIPAR e LOPAR, eseguono la ricerca a 360°e identificano il bersaglio. Un terzo radar, ad impulsi, il TTR (target tracking radar), inizia l’inseguimento del bersaglio. Un quarto radar, il TRR (target ranging radar), si occupa di neutralizzare i sistemi ECM nemici: è dotato di due trasmettitori e tre ricevitori, si può così variare sia il canale di trasmissione che la frequenza, selezionando automaticamente quelle non disturbate. Il quinto radar, l’MTR (missile tracking radar) segue il missile e gli invia i dati di guida e scoppio.Sono tutti radar di elevata potenza e con buone caratteristiche ECCM. Il missile è in grado di manovrare a 15g (altre fonti riportano 20g, probabilmente per gli Mim-14C) e la testata è spaventosa: 292 kg di esplosivo rivestiti con 19000 cubi d’acciaio. Difficile calcolarne il raggio di scoppio: il SAM-2 (Guideline) distrugge un bersaglio entro 60 metri e lo danneggia entro 100. Il Nike dovrebbe aumentare questi valori di almeno il 50%. Ma se il gioco si fa duro…Può impiegare la testata W31 nucleare da 2kt, 20kt o 40kt. Il missile può intercettare missili balistici a corto raggio e può colpire anche bersagli al suolo. Le sue capacità contro aerei a bassa quota sono mediocri.

 

L’altro missile è uno Zeus-B. Uno dei più potenti sistemi antimissile (e antisatellite) mai realizzati. Con velocità di punta di Mach 12, raggio d’azione di 400 km e 280 km di quota massima, con testata termonucleare W50 da 400 kt. Ha dato vita al similare (ma ancor più grande) Spartan. Si tratta di sistemi ben diversi dai predecessori Nike Ajax ed Hercules. La missione primaria è l‘intercettazione dei veicoli di rientro dei missili balistici intercontinentali. I test hanno avuto esito positivo ma una difesa antimissile completa si è rivelata al di là delle possibilità del tempo (ed anche attuali). Tentare di fermare 1000 ICBM , con 10000 MIRV, per non parlare delle migliaia di esche da discriminare, con i radar disturbati o resi impotenti da esplosioni nucleari in quota…E’ impossibile. Un attacco contenuto, diciamo 10 missili, invece, avrebbe potuto essere fermato. L’unica installazione consentita dai trattati è divenuta operativa per un giorno solo. Ed un solo missile è rimasto operativo, in funzione antisatellite, dal 1963 al 1966.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se per te è fantascientifico, prova a cercare "Bomarc"! Ti chiederai se si tratti di un missile o di un aereo (avrebbe dovuto chiamarsi F-99 e mi piace ancora chiamarlo così...)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se per te è fantascientifico, prova a cercare "Bomarc"! Ti chiederai se si tratti di un missile o di un aereo (avrebbe dovuto chiamarsi F-99 e mi piace ancora chiamarlo così...)

 

L'ho visto, l'ho visto , carino anche l'Ajax :adorazione:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...