Jump to content
Sign in to follow this  
tornado79

Trasporto carri armati

Recommended Posts

Ciao, desideravo sapere se esistono aerei da trasporto in grado di trasportare carri armati MBT, tipo M-1 Abrams o Leopard 2. Sul Web non ho trovato nulla.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao, desideravo sapere se esistono aerei da trasporto in grado di trasportare carri armati MBT, tipo M-1 Abrams o Leopard 2. Sul Web non ho trovato nulla.

A mente mi vengono il C-5 Galaxy e l'An-124 Ruslan... però si parla del trasporto di 1 mezzo a viaggio. Operativamente non ha tutta questa utilità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche il C-17 è in grado di trasportare un moderno carro, sebbene il carico sia molto vicino a quello massimo trasportabile.

c17_27.jpg

Il C-5, con le sue 120 tonnellate di carico pagante originariamente era in grado di trasportare 2 carri come l'M-60 ma, le ultime varianti dell'Abrams viaggiano intorno alle 70 tonnellate e quindi si è scesi a un solo mezzo di questo tipo.

L'AN-124 invece può sollevare 150 tonnellate e quindi due carri ci starebbero anche, anzi 3 se consideriamo che quelli russi pesano molto meno di quelli occidentali.

 

Un relativamente leggero T-72 per esempio può essere anche trasportato da un Il-76

Bewoor-T72-Il_Small.jpg

Poco importa: come detto, trasportare carri per via aerea non è molto vantaggioso...

Share this post


Link to post
Share on other sites

premettendo ke mio zio è stato in bosnia e parlo per sentito dire.

Allora il trasporto di carri armati è ben poco utile in azione,per 2 motivi:-inanzitutto non se ne possono trasportare più di 2 per volta anche in aerei come il galaxy o il globemaster 2

-poi una volta scaricati necessitano dalle 2 alle 4 ore per prepararli a dovere dopo il viaggio.

invece è molto più conveniente il trasporto di mezi come il blindato Lince(che è anche aviolanciabile).

spero di esserti stato chiaro,raptor1995

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque di norma la maggior parte dei mezzi pesanti vengono inviati sul teatro di operazione via nave; l'invio di mezzi pesanti per via aerea è una sorta di extrema ratio in situazioni di emergenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì, concordo pienamente con voi sul fatto che trasportare i carri pesanti via aerea non sia il massimo della vita...Adesso capisco l' importanza di conquistare subito un porto delle forze avversarie per stabilire una testa di ponte.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Comunque di norma la maggior parte dei mezzi pesanti vengono inviati sul teatro di operazione via nave; l'invio di mezzi pesanti per via aerea è una sorta di extrema ratio in situazioni di emergenza.

 

sfortunatamente D. Rumsfeld non la pensava così :wip41:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il discorso è che oltre agli MBT serve un sacco di altra roba per mettere insieme un'unità corazzata. Serve il "materiale di consumo" (carburante, munizioni...) e servono i mezzi altri mezzi di supporto (logistico, comunicazioni). Solo chi ha una grande capacità di trasporto strategico può mettere in campo un simile opzione.

Tuttavia disponendo di decine di velivoli di tipo C-5/C-17 nel giro di pochissimi giorni (perfino di poche ore se l'aeroporto di destinazione è ben attrezzato e non è eccessivamente lontano) si può trasportare e rendere operativo un battaglione corazzato, ed in alcune situazioni la disponibilità immediata di mezzi pesanti è utilissima.

 

I mezzi blindati più leggeri sono un'ottima soluzione ma i militari preferiscono avere quanto prima i mezzi più pesanti a disposizione, se il nemico è ben equipaggiato.

 

Nel 1991, infatti, le divisioni leggere dell'USArmy furono le prime a prendere piede in previsione di attaccare le forze irakene in Kuwait, e per molti giorni i carri pesanti tardarono ad arrivare, con grande preoccupazione degli ufficiali sul campo i quali temevano di non avere sufficiente "acciaio" per resistere a un attacco preventivo irakeno, nel caso in cui Saddam avesse deciso di non essere così cortese da lasciare all'avversario la prima mossa.

 

Quindi non sarei così drastico nel dire che la capacità di trasporto strategico di MBT pesanti è sostanzialmente inutile, anzi.

;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

qualcuno mi spiega perche quando si parla di portare tank per via aerea c'è sempre chi dice "è meglio portare il lince perche è aviolanciabile".

 

Ma sappiamo la differenza tra un tank e un lince?

Edited by CHAFFEE79

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quindi non sarei così drastico nel dire che la capacità di trasporto strategico di MBT pesanti è sostanzialmente inutile, anzi.

 

non e' inutile, non e' attuata proprio per i motivi che hai detto tu. Per portare in tempi ragionevoli un battaglione, mi occorre, per diversi giorni, tutta la flotta di trasporto pesante della UsAirForce: che ha, sempre, ben altro da fare.

 

Le navi MPS esistono proprio per questo: per risolvere un problema altrimenti irrisolvibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

qualcuno mi spiega perche quando si parla di portare tank per via aerea c'è sempre chi dice "è meglio portare il lince perche è aviolanciabile".

 

Ma sappiamo la differenza tra un tank e un lince?

[/quote

il mio esempio del lince era stato fatto solo per indicare come convenga puntare sul trasporto di mezzi blindati(lince,HUMVEE)per via aerea ed invece puntare sul trasporto navale(come gia detto in precedenza)per il trasporto di acrri armati

Share this post


Link to post
Share on other sites

io sapevo di tank elggeri paracadutati, di certo non T-72-T-80 e M-1

Share this post


Link to post
Share on other sites

si. mezzi russi come la serie ASU o BMD sono aviolanciabili e/o trasportabili in "buon numero", infatti, sono usati dalle divisoni paracadutiste russe. in campo occidentale abbiamo i Wiesel tedeschi (per lo più usati assieme agli elicotteri pesanti CH-53G) ed i radiati M-551 americani, nonchè l'intramontabili M-113.

ovviamente poi, ogni mezzo leggero può essere usato in questo contesto, dallo Scorpion, al Bv, al LAV... ma non sono mezzi "da paracadutisti".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io so che nella guerra dredda i russi svilupparono un metodo (per le invasioni in territori nemici). Praticamente si applicavano sotto i carri delle piastre di ferro poco più grandi del carro, e si collegavano i paracadute ai quattro angoli della piastra.

I dati che mi ricordo sono riferiti ai T-72: allora per ogni carro si potevano usare o 2 paracadute grandi oppurre 2 paracadute piccoli, e si mettevano sotto alle basi di ferro dei piccoli razzetti per frenare la caduta

Share this post


Link to post
Share on other sites

è un metodo non solo russo, ma è estremamente pericoloso: si rischia di distruggere il carcio aviolanciato ed è una cosa che succede anche piuttosto spesso.

cmq non penso che per un T-72 bastino solo 2 paracaduti grandi (non parliamo proprio di 2 piccoli), hai qualche fonte in merito?

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites
è un metodo non solo russo, ma è estremamente pericoloso: si rischia di distruggere il carcio aviolanciato ed è una cosa che succede anche piuttosto spesso.

cmq non penso che per un T-72 bastino solo 2 paracaduti grandi (non parliamo proprio di 2 piccoli), hai qualche fonte in merito?

L'unica fonte è una rivista militare degli anni 80. Si chiama Commando non so se ti è mai capitato di leggerla...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il programma ALVADS americano si propone di "consegnare" un carico massimo di 19 tonnellate utilizzando aerei cargo C-130 e C-17 e da quote di 500 piedi, mediante sistemi di paracadute.

Il programma JPADS, sempre americano, utilizza un sistema di rilascio guidato mediante GPS e dovrebbe consentire di arrivare a oltre 27 tonnellate.

 

Un T-72 pesa oltre 40 tonnellate, quindi siamo su livelli ben superiori, anche tenuto conto che il carro verrebbe alleggerito di tutto quello che può essere lanciato separatamente (munizioni, carburante, corazze aggiuntive).

Non conosco e non sono riuscito a trovare notizie sul sistema citato da Vinz, ma sarebbe interessante approfondire.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sono riuscito a ricordare dove l'avevo letto la prima volta. Probabilmente su un numero di "Rivista Militare". Su "Armi e armamenti dell'Unione Sovietica" si parla di retrorazzi frenanti attivati a pochi piedi dal suolo. In riferimento agli ASU-57, però. Sono solito non escludere nulla a priori, ma 40 tonnellate...Il metodo, come già detto, non garantisce poi l'incolumità del mezzo, non tanto per la struttura o le sospensioni, quanto per il delicato sistema di condotta del tiro che, nel caso dello Sheridan, risultava spesso danneggiato.

 

Comunque, ho trovato un filmato interessante (verso la fine, i retrorazzi in funzione):

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...