Jump to content

PJ83

Membri
  • Posts

    288
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    10

Everything posted by PJ83

  1. Ho letto anch'io il recente articolo riguardante le forti aspettative circa la presenza di vita nel passato marziano (repubblica). Un'eventuale scoperta di tracce di vita su marte potrebbe significare che la vita nell'universo è molto più probabile di quanto si sia ritenuto fin'ora. Se due pianeti su due, fra quelli in grado di ospitare forme di vita nel nostro sistema solare, hanno ospitato o ospitano tutt'ora forme di vita molti scienziati dovranno rivedere i loro calcoli sulla frequenza della vita nell'universo. Una vera rivoluzione
  2. Ma voglio passare adesso alla teoria della formazione casuale del DNA. Ovviamente si deve partire da quello di organismi semplici e non da quello dell'uomo che ho visto citto qualche post fa. Ammettiamo che sia di 5.000 "mattoncini" da unire in modo organizzato. Le permutazioni di 4 elementi su 5000 posti sono molti miliardi, tuttavia non è solo una combinazione a dare luce ad una forma vivente ma sonon svariate migliaia di combinazione che danno forma a vite con caratteristiche differenti. Comunque, ammettiamo che siano qualche miliardo di combinazioni diferenti prima di avere qualcosa di definibile vivente. Partendo dal presupposto che la vita si sia formata nelle acque, e considerando che gli aminoacidi dell'esperimento di MIller si sinao formati in un metro cubo di spazio possiamo presupporre che ci possa essere un tentativo di unione dei mattonicini entro pochi cm cubici di acqua. Anche considerandone solamente uno a metro cubo, moltiplicando per i metri cubi di acqua presenti nel pianeta avremmo sariati miliardi di matoncini pronti ad essere assemblati. COnsiderando che almeno una volta al giorno, per effetto delle correnti, questi mattoncini sbattessero fra di loro a formare un legame, nel corso di oltre un miliardo di anni si sono potuti creare svariati tentativi andanti in porto con un legame corretto anche se casuale. Ci vorrebbe un esperto di statistica, ma penso che per svariati di tentativi si potrebbe pensare a diversi milioni di organismi creati per mezzo di DNA collegato casualmente nell'arco di un miliardo di anni. Anche se solo se ne fosse creato uno, per duplicazione e trasmissione il pianeta si può tranquillamente appopolare di organismi nel corso di pochi milioni di anni. ---------------------------------------- Io non la metterei in questi termini, semplicemente se una molecola è in grado di duplicare se stessa ad una velocità maggiore di quanto si degrada, per quanto semplice essa sia, prima o poi si diffonderà. Se poi, a causa di mutazioni casuali, essa acquisisce un grado di complessità maggiore, che ne permette un utlizzo più efficiente dell'energia e quindi un tasso di replicazione più elevato, essa si diffonderà ancor più rapidamente. Quando poi questa molecola si troverà circondata da una mebrana che la separi dall'ambiente circostante (abbiamo visto come le compneni principali della membrana potessero verosimilmente essere presenti nel brodo primordiale), e sarà in grado di utilizzare le ossido riduzioni a suo vantaggio, allora avremo una cellula. La linea di confine, a mio avviso, fra materia organica e inorganica, è tutt'altro che discreta. La cellula può essere vista come un insieme di composti chimici che danno luogo a reazioni chimiche perfettamente spiegabili, che seguono le stesse leggi di tutte la altre reaioni chimiche del mondo minerale. la distinzione fra "vita" e "non vita" è, se vogliamo, arbitraria. Prendete ad esempio i virus. Gli scienziati non sono d'accordo se considerarli o meno esseri viventi. Sono molecole di rna (o, meno frequentemente dna) che possono replicarsi utilizzando le strutture presenti nelle cellule. Niente mebrana cellulare, niente organelli. Solo un acido nucleico e una capsula protettiva formata da carboidrati.
  3. Sfan secondo me hai ragione, volevo scrivere u post come il tuo, ma mi hai preceduto. Ho studiato un pò di biologia, anni fa, e le cose dette da gianni (comunque blogger stimato, spero non se la prenda a male!) sono spesso imprecise. Le membarne cellulari non sono fatte da proteine ma da lipidi e sono molecole abbastanza semplici. La prima forma di vita era probabilmente a base di Rna (così mi hanno insegnato a scuola), e non dna, a elica semplice e non doppia. Il filamento di rna transfert dovrebbe essere in grado di replicarsi senza l'aiuto di enzimi, in presenza di basi azotate ( le già citate ACTG) anche se molto lentamente (non vorrei sbagliarmi, sono passati alcuni anni dal mio ultimo corso di biologia), purchè le basi azotate si trovino nella concentrazione adeguata. Probabilmente la replicazione avveniva velocità molto ridotte all'inizio, a causa appunto della mancanza degli enzimi e di una mebrana cellulare che, fra l'altro, garantisse un'adeguata concentrazione di quei composti necessari alla replicazione. A me l'origine della vita è stata spiegata così all'università. Sia chiaro, è sempre e comunque una teoria ma, a detta dei Prof, è la più accreditata. Poi le leggi dell'evoluzione sono valse, a grandi linee, fin dall'inizio. Ovvero, se per caso una molecola di rna si fosse trovata circondata da una di quelle "bollicine di grasso" che erano le mebrane primordiali e, in quello spazio avesse trovato una concentrazione di basi azotate (che alla fin fine altro non sono che amminoacidi uniti ad una molecola di fosfato e una molecola di robosio, zucchero a 5 atomi di carbonio, correggetemi se sbaglio) più elevata che all'esterno, allora si sarebbe replicata ad una velocità maggiore delle altre, conquistando più spazio. Piccole mutazioni spontanee sorte per caso che si sono accumulate via via fino a generare una forma di vita, e poi via via fore di vita più complesse. E' così che, pare si sia generata la vita, o comunque questa mi sembra essere la spiegazioni più semplice. La quale, sia chiaro, implica un sacco di cose che non piacciono ai credenti. Per esempio il fatto che non c'è una linea di demarcazione netta framateria vivente e materia non vivente. Detto questo, non escluderei l'ipotesi panspermica. Comunque il racconto di Gianni resta molto suggestivo. Archeo ufologia..uoh, molto affascinante. Certo, non credo che la scoperta dei metalli siano frutto di "aiutini" alieni. Voglio dire, qualche decina di migliaglia di anni fa, degli uomini primitivi hanno costruito delle bagnaole per attraversare l'oceano e andare ad abitare le isole dell'oceania, senza sapere che quelle isole erano la. Ecco, questo mi sembra molto più incredibile della storia dei metalli, eppure è successo. E per quel che riguarda il racconto di ezechiele, ne ho letto la versione in inglese (ufficiale) e lì ci hanno messo una nota in cui si specifica che il termine "wheel" (ruota) in antico ebraico significava "to revolv", ovvero girare intorno. Il brano assume così un tono un pò diverso. Comunque vorrei avanzare un'ipotesi riguardo agli UFO, e vi dico che non l'ho sentita in nessun altro forum, sito complottista o altro. Non che ci creda, ma visto che stiamo parlando di cose per le quali per definizione non c'è spiegazione, penso di poter speculare un pò. Allora, ammettendo che la terra sia stata visitata in passato da misteriosi oggetti volanti ecco l'ipotesi: e se questi esseri non fossero alieni, ma esseri umani del futuro che tornano indietro nel tempo per studiare il passato? una specie di storici/archeologi del futuro. Il viaggio ne tempo è teoricamenbte possibile no? In avanti sicuramente, e probabilmente anche indietro. Ora, viste le distanze siderali, e visto il fatto che un'eventualeciviltà aliena si trova probabilmente a svariate migliaglia di anni luce da noi (senon di più), appare davvero improbabile che una civiltà extraterrestre si metta ad ibernare della gente per centinaia o migliaglia (o milioni) di anni per mandarla ad esplorare lo spazio remoto. ( si considera vera la teoria della relatività, che non ammette viaggi a velocità superiori alla luce). Mi sembra molto più verosimile che questi visitatori siano dei viaggiatori temporali, più che spaziali. Questo spiegherebbe perchè preferiscono restare nascosti e non interagire con la nostra civiltà se non in minima parte. Non vogliono alterare il loro presente. Ok questa è fantascienza, come del resto lo sono le storie sugli extraterrestri. Vorrei sapere che ne pensate. Non sarebbe più credibile? Perchè gli ufologi non ci hanno pensato? Magari questo l'inizio di un nuovo filone di baggianate ufologiche eheh..
  4. Salve a tutti, complmenti per il Forum, lo trovo molto interessante. Riguardo al mondo complottistico ho notato come spesso, i sostenitori di queste teorie bizzarre, abbiano la tendenza a trascurare le regole fondamentali della sintassi Italiana. Basta leggere gli interventi su questo forum di alcuni utenti (es. quello che sosteneva che dietro alla questione ufo c'è molto più di quello che qualsiasi film di fantascienza abbia mai mostrato, compreso man in black), o articoli presunti "scientifici" in altri forum (disinformazione.it), per trovare strafalcioni colossali, e frasi che sembrao scritte da un software di traduzione . Secodno voi perchè? Saranno mica loro stessi degli alieni che utilizzano il traduttore di google per poter scrivere nei nostri forum? (eheh) Inoltre trovo inquietante il fatto che spesso, fonti che trattano argomenti quali multinazionali, WTO, signoraggio, massoneria, presentino anche articoli su bufale colossali tipo medicine alternative, tumori che si curano con il bicarbonato etc.. Gli squlibri del sistema politico-economico internazionale, il potere dei grandi gruppi economici sui governi nazionali sono (secondo me) un argomento lontano dalle ca22ate pseudoalchemiche sulle medicine alternative, i "poteri della mente" e l'agricoltura biodinamica, che però, per qualche ragione, viene sempre associato a queste. Insomma le lobby esistono e hanno un gran potere, non penso che si possa negare. Come la pensate? Un esempio è il sito di beppe grillo. Mi trovo spesso (non sempre) d'accordo con quanto Grillo afferma nel suo blog (fermo restando che è solo un comico e, comunque, certo non un politico) ma poi, se si va a vedere chi sono gli editori del suo blog (casaleggio associati), e si fa un giro nel loro sito, ci si imbatte in deliranti previsioni su un futuro controllato dalla rete, con tanto di simblogie massoniche occultistiche buttate qua e la (cercate il video "prometeus" su youtube, e capirete cosa intendo). Cosa ne pensate? Consiglio un romanzo sull'argomento "follie complottistiche": il pendolo di focault di umberto eco.
×
×
  • Create New...