Jump to content

Leaderboard

Popular Content

Showing most liked content since 11/05/2021 in Posts

  1. F-35B di Marina Militare e Aeronautica Militare hanno operato insieme sul ponte di volo di Nave Cavour ... ... difesa.it/SMD ... https://www.difesa.it/SMD_/Eventi/Pagine/ForzeArmate_conclusa_con_successo_esercitazione_di_nave_Cavour_con_velivoli_F35B_di_Marina_e_Aeronautica.aspx ...
    2 likes
  2. Effettivamente aumentano le pressioni per impiegare un motore adattivo sull’F-35 a partire dal 2027... Fa gola la riduzione dei consumi del 25-30% e l’aumento della spinta che di fatto si traducono in un incremento dell'autonomia del 30% (un tantino utile nel teatro del Pacifico...) e dell’accelerazione del 18-20%. Per contro i nuovi motori paiono incompatibili con il sistema di vettoramento della spinta della variante STOVL e quanto meno richiedono modifiche alla sistemazione del gancio d’appontaggio della variante imbarcata (già fonte di un discreto numero di grane...), per cui pare per questo che a spendere una badilata di soldi per l’integrazione sulla sola variante A dovrebbe essere l’USAF. Il Block 4 potrebbe farne a meno? Si, ma l’F135 andrebbe spremuto ulteriormente per quanto riguarda alimentazione elettrica e soprattutto capacità di raffreddamento, senza comunque riuscire a essere pienamente adeguato alle future richieste. Vedremo... https://www.airforcemag.com/article/next-generation-power-for-air-force-fighters/
    2 likes
  3. Non è facilissimo quantificare perchè i componenti double source in teoria sono oggetto di competizione ad ogni commessa (in teoria perchè ad esempio ci sono accordi per la realizzazione di 800 set alari sulla base dei nostri 90 F-35 pianificati/ordinati), mentre le cose cambiano se l’aereo è assemblato in Italia piuttosto che negli Stati Uniti, oppure ancora in Giappone. Indicativamente comunque siamo intorno al 4-5%...del valore di ogni velivolo. Le manutenzioni sono poi un’altra storia ancora, perchè Cameri è lì anche per assistere i velivoli Europei. Premettendo che questa è spannometria applicata senza molte pretese, con queste percentuali di coinvolgimento industriale, praticamente avremmo che dopo un paio di migliaia di F-35 realizzati, rientrerebbero in Italia i soldi spesi per acquistarne i nostri 90... Credo che alla fine l’F-35 verrà prodotto in numeri ben maggiori di questi, anche se come detto bisognerà vedere a chi effettivamente verranno assegnati i contratti oltre quelli minimi garantiti...
    2 likes
  4. Il Ministero della Difesa di Israele ha approvato l'acquisto dei Sikorsky CH-53K ... ... verticalmag.com/news ... https://verticalmag.com/news/israel-oks-2-4-billion-ch-53k-buy/ ... &
    1 like
  5. Pubblicato il video dell'incidente dell'F-35 B britannico precipitato nel Mar Mediterraneo. https://twitter.com/sebh1981/status/1465351592018956295
    1 like
  6. E ora pure la Germania, che flop questo tiger! https://www.rid.it/shownews/4572
    1 like
  7. Il Governo della Confederazione Elvetica comunica ... ... admin.ch/gov/it ... https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-86118.html ... In attesa dell'inevitabile referendum popolare che manderà il tutto a carte quarantotto ...
    1 like
  8. Della serie "siamo convintissimi a smentire"...Janes, che ne aveva inizialmente dato notizia, insiste: https://www.janes.com/defence-news/news-detail/berlin-security-conference-spain-considers-eurofighter-f-35-for-hornet-harrier-replacement
    1 like
  9. Tutti i piloti di F-35B, indipendentemente che siano AM o MM vengono addestrati negli USA e il programma di addestramento è identico a quello dei Marines, che sulle navi ci vanno soprattutto con l’idea di sfruttarle per rischieramenti in zona di operazioni su basi avanzate non appena si presenta l’occasione di sbarcare (che è poi quello che più dovrebbe interessare l’AM): a questo punto per tutti, piloti AM inclusi, è una questione di farceli appontare e di mantenere e consolidare quell’abilitazione. Vediamo se AMI e MM hanno smesso di bisticciare... https://www.rid.it/shownews/4557
    1 like
  10. T-7A Red Hawk ... si avvicina il momento dell'inizio dei collaudi in volo del primo esemplare di produzione del velivolo ... ... ainonline.com ... https://www.ainonline.com/aviation-news/defense/2021-11-15/production-t-7-red-hawk-nearing-first-flight ... &
    1 like
  11. Il rumore del finestron si distribuisce su più frequenze e risulta meno evidente e inoltre il rotore è intubato e questo aiuta ulteriormente.
    1 like
  12. CH-53K King Stallion ... si avvicina il momento dell'effettiva entrata in servizio ... ... ainonline.com ... https://www.ainonline.com/aviation-news/defense/2021-11-15/here-comes-king ...
    1 like
  13. Tra i vantaggi abbiamo una maggiore sicurezza per il personale a terra e a parità di altezza dell’asse un minor rischio di FOD, essendo il rotore più piccolo (ma per minimizzare/eliminare tali problemi il rotore tradizionale si può piazzare più in alto come si è fatto proprio sull’Invictus). La soluzione è più aerodinamica e quindi è vantaggiosa nel volo di crociera (in particolare alle alte velocità che ci si aspetta dal FARA). Inoltre è più silenzioso e la schermatura della struttura lo rende più adatto al contenimento della RCS. In particolare gli ultimi due punti possono essere stati la ragione principale della scelta iniziale. Svantaggi... Poichè il rotore è più piccolo deve ruotare più rapidamente e accelerare di più una minore quantità di aria e quindi è meno efficiente (magari come visto risparmia in crociera, ma ogni inefficienza richiede potenza aggiuntiva). Altra potenza viene spercata perchè la struttura circostante e gli ingranaggi sono più complessi e pesanti e il peso in aeronautica si paga con più potenza e carburante. Come detto la complessità costa di più e quindi alla fine, a seconda dell’importanza che si dà a ciascun elemento e di come le soluzioni vengono applicate, la scelta può favorire il rotore tradizionale o il finestron che può risultare più un marchio di fabbrica che un uovo di Colombo...
    1 like
  14. Salve a tutti, questa è la mia prima partecipazione a questo mercatino e voglio informarvi che produco modelli di aerei in alluminio della seconda guerra mondiale e di modelli sperimentali americani. Quasi tutti i modelli hanno inserito nella base un faretto LED che disegna la silouette dell'aereo sul soffitto. Sono modelli di grandi dimensioni con aperture alari che arrivano anche a cm.70 Ho inserito le foto di alcuni modelli tanto per dare una idea della precisione dei lavori e se qualcuno è interessato posso inviare le schede con immagini e prezzi. Per adesso ho in magazzino circa 40 modelli di vario tipo ma è possibile realizzare anche quello che più vi appassiona. Mi chiamo Maurizio e questo è il mio indirizzo email: lampons@tiscali.it
    1 like
  15. Sui costi non sembra possa ulteriormente scendere,causa inflazione e sviluppi block 4,lo hanno già detto,almeno per la versione A,il cui prezzo già comunque imbarazza pure Boeing con la Hornet..
    1 like
  16. Che fosse pensato solo per bombardare è una filastrocca che piaceva raccontare a chi riteneva la stelthness utile solo a quello se non completamente inutile. Gli armamenti si devono progettare e acquisire sulla base delle esigenze dei successivi 20-30 anni e ora che si è finito di trastullarsi con l'idea dei turboelica da impiegare in guerre asimmetriche per "esportare la democrazia"e si è cominciato a percepire Russia e Cina come minacce in una nuova corsa agli armamenti, l'idea di poter sopravvivere in ambiente fortemente contrastato con aerei pilotati di generazione precedente ha successo tra i pianificatori e i decisori politici un po' meno di quanto non lo sia al bar dello sport. L'F-35 è di fatto un multiruolo ed è l'unico cacciabombardiere di ultima generazione disponibile sul mercato occidentale e può quindi finire con l'essere preferibile a nuovi ordini di altri aerei, quanto meno per poter disporre un assetto di punta in attesa della sesta generazione, che altrimenti richiederebbe troppo tempo e comporterebbe un salto eccessivo per una forza armata che voglia modernizzarsi progressivamente.
    1 like
  17. La linea C-17 è stata ormai smantellata (rimetterla in piedi costerebbe il solito botto di soldi che di regola non si vuole spendere) e Boeing ben sapendolo ha fatto il possibile prima che questo accadesse producendo a suo rischio qualche velivolo in più (poi tutti piazzati all'estero) a fronte di ordini non ancora arrivati. Per il C-5M si sta ancora procedendo alla modifica dei velivoli meno anziani e quindi il successore (che a rigore richiederebbe un velivolo ad hoc) non è dietro l'angolo. La fine dei nostri C-130 arriverà presumibilmente prima che qualcuno metta in pratica la remota possibilità di costruire altri Globemaster III, fermo restando che se il C-130 ci sta stretto, il C-17 ci starebbe ben largo. l'A400 (privo dei difetti indicati...) e una flotta europea di C-17 (stile quella degli AWACS) sarebbe stata la soluzione ideale, ma la storia non si fa con i se... Dal programma A400 siamo usciti, il velivolo che n'è risultato non è perfetto (della serie o te lo prendi così o ti attacchi al tram...) e i C-17 in Europa sono un pugno di velivoli britannici. Sostituire il C-130 è una neverending story che negli USA non si è più presa seriamente per mano, dopo che appunto furono realizzati C-14 e C-15 ormai una vita fa. Se non altro il C-15 ha avuto un lascito visto che se vogliamo proprio il C-17 ne è un figlio ingrassato ben bene.
    1 like
This leaderboard is set to Rome/GMT+01:00
×
×
  • Create New...