Jump to content

LA SPAGNA


elia030187
 Share

Recommended Posts

Apro questo topic, visto che se ne era già parlato in sede meno opportuna (nella sezione caccia, discussione delle aeronautiche europee) per confrontare l' Italia alla Spagna.

 

Numerosi TG hanno detto che nella giornata di ieri la Spagna ci ha superato (non hanno detto in cosa, presumo in PIL) e che l' Italia si trova ormai in terzultima posizione in Europa.

 

Voi cosa ne pensate, sopratutto confermate la notizia?

 

CIAO A TUTTI!!!!!!!!!!!

Edited by elia030187
Link to comment
Share on other sites

Beh...io qualche anno fa sono stato a Barcellona e la città era molto più pulita e ordinata di Roma o Milano.I trasporti erano efficenti e funzionali;con più di 1 milione di persone nel 2006 avevano ben 6 linee di metropolitana.Non so ora ma sicuramente sarà migliorata.

Quindi sì,per me ci hanno sorpassato.

Link to comment
Share on other sites

Spieghiamo: la statistica (controversa) vedrebbe un superamento della Spagna in termini di PIL pro capite, cioè di ricchezza media per persona. Solo che tale aumento deriva (da parte spagnola) da una colossale bolla speculativa immobiliare, bolla che sta esplodendo proprio in questi mesi. Tempo 1 anno e le cose ritorneranno al loro posto.

Naturalmente in termini di PIL prodotto dal paese noi siamo i terzi p i quarti in Europa

Link to comment
Share on other sites

— World 64,903,263

— European Union 14,712,369

1 United States 13,843,825

2 People's Republic of China 6,991,036

3 Japan 4,289,809

4 India 2,988,867

5 Germany 2,809,693

6 United Kingdom 2,137,421

7 Russia 2,087,815

8 France 2,046,899

9 Brazil 1,835,642

10 Italy 1,786,429

11 Spain 1,351,608

12 Mexico 1,346,009

13 Canada 1,265,838

14 South Korea 1,200,879

 

NB questa è la lista completa (in miliardi di dollari) di tutti i paesi del mondo con un PIL maggiore di 1.000.000 di miliardi di dollari. La spagna è si solo una posizione indietro, ma la differenza è grossa.

 

A proposito noi produciamo da soli il 2,75% di tutta la ricchezza prodotta nel mondo, ma, come popolazione, rappresentiamo soltanto lo 0,95%; via un po d'orgoglio, non siamo così incapaci. Due esempi: i cinesi sono il 21,6% della popolazione mondiale, ma producono soltanto il 10,7% della ricchezza mondiale.

Edited by Rick86
Link to comment
Share on other sites

Guest dottoressa

io so che in spagna l'euro ha mantenuto un forte potere d'acquisto, cioè se io prendo € 2000 di stipendio in spagna ci campa una famiglia.......qui tolto mutuo tasse bollette ecc...........la famiglia è al limite della povertà........quindì lì hanno certamente una percezione di benessere superiore a quella di noi italiani che siamo.........o almeno ci sentiamo poveri.

Link to comment
Share on other sites

Speriamo gli basti anche per l'antiruggine, ce ne vuole parecchio.

Comunque calcolando che il paese ha quasi 190 milioni di persone il PIL pro capite rimane parecchio basso.

Ti riferisci al Brasile quando parli dei 190 milioni vero?

 

Una domanda agli "statistici" ( :asd: ): quant'è il PIL pro capite dell'UE?

 

Riguardo alla Spagna: stanno facendo di tutto per farsi vedere in Europa. Sono una potenza economica di tutto rispetto, per l'amor di Dio, ma se già l'Italia viene lasciata un po' fuori dai leader del Vecchio Continente, penso che con 434.821 milioni di differenza devono starsene un po' zittini...

 

Un dato che mi rende orgoglioso è che la piccola Italia produce da sola quasi un quarto del PIL della grande Cina. :adorazione:

Link to comment
Share on other sites

scusa rick ma dove hai preso quei dati e di che anno sono? Io mi attengo a questi già linkati e anche se sono riportati su wikipedia sono tre elenchi fatti da persone serie di Imf,banca mondiale e cia .

Come è possibile vedere l'Italia è 7 e il brasile è due volte decimo e una undicesimo...quindi

 

http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_di_stat..._%28nominale%29

Edited by Naifer
Link to comment
Share on other sites

Anche io mi attengo a wikipedia, in inglese, e i miei dati sono di gente seria e competente, ovvero il Fondo Monetario Internazionale, dati riferiti al PIL del 2007

 

La Banca mondiale da l'Italia alla nona posizione, davanti al Brasile, ma sono dati del 2006

 

http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_countries_by_GDP_(PPP)

 

EDIT: chiarito il mistero

 

Il tuo è riferito al Pil nominale, il mio a quello rapportato al potere d'acquisto

 

PIL PER PARITA' POTERE D'ACQUISTO (PPA): Per parità dei poteri di acquisto si intende che le stime qui presentate si basano sui valori rapportati al costo della vita e all'inflazione per i diversi paesi. Essendo rapportati al costo della vita i valori basati sul PPA rappresentano meglio il vero valore della produzione di un paese rispetto al semplice cambio al tasso ufficiale con il dollaro statunitense.

 

PIL NOMINALE: Per nominale si intende che le stime qui presentate si basano sui valori di mercato correnti, convertiti al dollaro statunitense al tasso di cambio ufficiale.

 

Molto interessante anche la classifica per esportazioni:

 

World (sum of all countries) 13,720,000

1 Germany 1,361,000

— European Union (external trade only) 1,330,000

2 People's Republic of China 1,221,000

3 United States 1,140,000

4 Japan 799,435

5 France 558,900

6 Italy 474,800

7 Netherlands 465,300

8 Canada 440,100

9 United Kingdom 415,600

 

NB: i valori dei singoli paesi europei includono gli scambi infra-comunitari, mentre l'UE include solo la quota di scambi con paesi esterni all'Unione Europea

Edited by Rick86
Link to comment
Share on other sites

io so che in spagna l'euro ha mantenuto un forte potere d'acquisto, cioè se io prendo € 2000 di stipendio in spagna ci campa una famiglia.......qui tolto mutuo tasse bollette ecc...........la famiglia è al limite della povertà........quindì lì hanno certamente una percezione di benessere superiore a quella di noi italiani che siamo.........o almeno ci sentiamo poveri.

 

Proprio per niente.

In Spagna la maggior parte dei lavoratori appartiene alla categoria dei 'Milleuristas', quelli cioè che superano (di poco) i mille euro.

In Spagna il precariato è ben + diffuso che in Italia.

 

Io dico da tempo che la Spagna ci ha superato, ma bada bene, parlo sempre del gap tra i due paesi 30 anni fa e oggi.

Spagna 1978 e oggi il progresso è indiscutibile. Inoltre la gente è più positiva caratterialmente, nel senso che si lamentano meno di Noi, che nostra volta ci lamentiamo meno dei tristi cugini piagnucolosi d'oltralpe.

 

La differenza tra Spagna e Italia nel 2008 è nella classe politica. Zapatero a chiacchiere è un compagno come Prodi, Leviathan e Bertinotti, ma nei fatti è ben + fascista di Franco. Mi riferisco alle scelte economiche. Il precariato è la flessibilità del lavoro sono ben + diffusi che in Italia e gli stipendi sono + bassi. La 14esima non esiste per nessuno.

Zapatero fa regali agli omosessuali, da diritti alle scimmie, fa l'amico degli ultimi comunisti rimasti (Fidel e Morales), l'anticattolico, ecc., tutto per apparire il leader morale dellla sinistra europea e far credere ai fessi di sinistra italiani che Lui è il buon compagno. In realtà nel momento di prendere decisioni è + deciso del leader italiano del ventennio. Precariato, schioppettate agli immigrati, ecc. Non parliamo di come tratta i sindacati....

 

Aggiungiamo poi che gli spagnoli certi problemi non se li fanno. Un esempio, Barcellona (e altre città) è pulitissima perchè la notte molti giovani vengono reclutati per pulire le strade, il comune li paga 4 soldi, tutti in regola e lo Stato non chiede una lira di tasse. Tutti reclutati 'a giornata', ma agli studenti universitari va benissimo tanto sono lavori provvissori. Lo farebbero a Napoli?? Lo consentirebbero Bertinotti, Epifani e i sindacati???

 

Aggiungiamo poi che il santo José Luis Rodríguez, l'immunità ce l'ha per Costituzione. Se fa una telefonata privata ad un terrorista dell'ETA per negoziare sottobanco oppure ad un dirigente catalano per assicurarsi i voti necessari ad essere rieletto, nessuno lo viene a sapere, mentre in Italia se un primo ministro si azzarda a chiedere l'immunità per i processi scoppia lo scandalo e i magistrati fanno pure gli offesi. In Italia se un primo ministro (di destra) dice una parolaccia per telefono, il giorno dopo finisce su Novella 2000, L'Espresso, L'Unità o Il Manifesto alla faccia della privacy e del segreto di Stato.

 

Diciamo che la Spagna ci ha superato e di tanto, nel senso che loro prendono decisioni e vanno avanti. Noi invece, stiamo ancora a discutere sul sesso degli angeli e il risultato si vede.

Rimango convinto che nel 2012 quando non avranno + i fondi strutturali UE, avranno poco da ridere.

Se l'Italia invece riesce a credere in se stessa e si lascia libero l'attuale governo di lavorare, senza avere i bastoni tra le ruote dei vari DiPietro, magistrati, comunisti, sindacati, ecc., e pur sapendo che dovrà prendere scelte difficili, torneremo di nuovo avanti, senza dubbio.

 

Viva l'Italia :adorazione:

Link to comment
Share on other sites

Proprio per niente.

In Spagna la maggior parte dei lavoratori appartiene alla categoria dei 'Milleuristas', quelli cioè che superano (di poco) i mille euro.

In Spagna il precariato è ben + diffuso che in Italia.

 

Io dico da tempo che la Spagna ci ha superato, ma bada bene, parlo sempre del gap tra i due paesi 30 anni fa e oggi.

Spagna 1978 e oggi il progresso è indiscutibile. Inoltre la gente è più positiva caratterialmente, nel senso che si lamentano meno di Noi, che nostra volta ci lamentiamo meno dei tristi cugini piagnucolosi d'oltralpe.

 

La differenza tra Spagna e Italia nel 2008 è nella classe politica. Zapatero a chiacchiere è un compagno come Prodi, Leviathan e Bertinotti, ma nei fatti è ben + fascista di Franco. Mi riferisco alle scelte economiche. Il precariato è la flessibilità del lavoro sono ben + diffusi che in Italia e gli stipendi sono + bassi. La 14esima non esiste per nessuno.

Zapatero fa regali agli omosessuali, da diritti alle scimmie, fa l'amico degli ultimi comunisti rimasti (Fidel e Morales), l'anticattolico, ecc., tutto per apparire il leader morale dellla sinistra europea e far credere ai fessi di sinistra italiani che Lui è il buon compagno. In realtà nel momento di prendere decisioni è + deciso del leader italiano del ventennio. Precariato, schioppettate agli immigrati, ecc. Non parliamo di come tratta i sindacati....

 

Aggiungiamo poi che gli spagnoli certi problemi non se li fanno. Un esempio, Barcellona (e altre città) è pulitissima perchè la notte molti giovani vengono reclutati per pulire le strade, il comune li paga 4 soldi, tutti in regola e lo Stato non chiede una lira di tasse. Tutti reclutati 'a giornata', ma agli studenti universitari va benissimo tanto sono lavori provvissori. Lo farebbero a Napoli?? Lo consentirebbero Bertinotti, Epifani e i sindacati???

 

Aggiungiamo poi che il santo José Luis Rodríguez, l'immunità ce l'ha per Costituzione. Se fa una telefonata privata ad un terrorista dell'ETA per negoziare sottobanco oppure ad un dirigente catalano per assicurarsi i voti necessari ad essere rieletto, nessuno lo viene a sapere, mentre in Italia se un primo ministro si azzarda a chiedere l'immunità per i processi scoppia lo scandalo e i magistrati fanno pure gli offesi. In Italia se un primo ministro (di destra) dice una parolaccia per telefono, il giorno dopo finisce su Novella 2000, L'Espresso, L'Unità o Il Manifesto alla faccia della privacy e del segreto di Stato.

 

Diciamo che la Spagna ci ha superato e di tanto, nel senso che loro prendono decisioni e vanno avanti. Noi invece, stiamo ancora a discutere sul sesso degli angeli e il risultato si vede.

Rimango convinto che nel 2012 quando non avranno + i fondi strutturali UE, avranno poco da ridere.

Se l'Italia invece riesce a credere in se stessa e si lascia libero l'attuale governo di lavorare, senza avere i bastoni tra le ruote dei vari DiPietro, magistrati, comunisti, sindacati, ecc., e pur sapendo che dovrà prendere scelte difficili, torneremo di nuovo avanti, senza dubbio.

 

Viva l'Italia :adorazione:

Anche se francofobo (nessuno è perfetto, d'altronde), quoto tutto alla grande!!! :adorazione::adorazione::adorazione:

Link to comment
Share on other sites

in pratica il governo spagnolo fa quello che finora non è mai stato fatto in Italia, cioègranatisce i diritti alle persone ma decide sulla base dell'interesse collettivo senza guardare in faccia alle minoranze che si oppongono in nome del "Non nel mio giardino"

 

Il berlusca sembrava orientato in questo senso nell'ultimo governo (per me piacevole sorpresa non avendolo votato ho trovato molto buona la condotta fino ad oggi del governo), adesso vediamo se davvero riuscirà a rompere il dominio delle corporazioni varie che affliggono l'Italia facendo sia che l'interesse del piccolo urlatore prevarichi i diritti e gli interessi dello Stato.

 

 

P.S. Ci sono situazioni in cui comunque la Spagna ci è avanti anni luce, basta guardare le ferrovie spagnole!

P.P.S. io barcellona quattro anni fa lo trovata sporchissima il Barrì Gotic era un caccodromo, si doveva fare lo slalom!

Link to comment
Share on other sites

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze.../25/dubai.shtml

 

Posto qui per portare un esempio di come la superiorità Italiana rispetto alla spagna non si palesa solo attraverso dati statistici, su PIL o altri indici, ma anche con la capacità di creare innovazione e tecnologia. Gli spagnoli si sognano di notte la capacità di progettare e realizzare una cosa simile.

Edited by Venon84
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...