Jump to content
Sign in to follow this  
Kometone

Aereo più inutile della storia

Qual'è secondo voi l'aereo più inutile della storia?  

61 members have voted

  1. 1. Qual'è secondo voi l'aereo più inutile della storia?

    • Breda 88
      21
    • Fiat CR-42
      3
    • Fairey Battle
      5
    • Polikarpov I-16
      2
    • Chance-Vought SB2U Vindicator
      4
    • De Havilland Comet
      5
    • Avro Manchester
      1
    • Brisol Blenheim
      1
    • Altro
      10


Recommended Posts

secondo me un aereo (avio-razzo) inutilissimo è l' intercettore messerschmitt me-163:

300 esemplari costruiti e poche decine di caccia nemici abbattuti, eccessivamente veloce (poteva sparare sui bombardieri nemici solo raffiche da 2 secondi) ma anche troppo lento poichè il motore si spegneva molto prima di atterrare quindi l' aereo veniva falciato dagli "Amichetti", scarsa autonomia ma soprattutto la pericolosità per i piloti e per gli specialisti di terra: il motore usava come combustibile il c toff e il t toff che se venivano mescolati esplodevano.

Per fortuna che era abbastanza carino ma sicuramente obsoleto e pericoloso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Veramente a me risulta il contrario.

Me-163, velocissimo intercettore a razzo, potentemente armato. Distruttore di bombardieri (non di caccia) entro un raggio relativamente limitato dalla sua base.

Due secondi per sparare non sono pochi: per aria anche il più scemo dei nemici difficilmente rimane alla tua mercè e senza fare nulla per un lasso di tempo molto più lungo. Come minimo, allo scadere del tuo secondo secondo di possibilità quello sono già almeno quindici secondi che ti sta sparando addosso con tutto ciò che si ritrova sotto mano...

Aliante: il motore poteva funzionare per poche decine di secondi, ma da ciò che so poteva essere spento e poi riacceso, quindi non è che erano sempre e slo che so 30 secondi continuativi e passati quelli o la guerra era già finita o eri in un bel guaio...

Inoltre, una volta spento definitivamente il razzo, un Me-163 rimaneva pur sempre un aliante da ottocento chilometri all'ora che veniva giù: vallo un po' a prendere... sempre che lo vedi...

Le uniche pecche semmai erano la pericolosità del motore che poteva decidere di scoppiare e l'assenza di carrello, per cui appena arrestato al suolo l'aereo lì rimaneva non importa dove, magari in un fosso sotto il fuoco nemico e dietro le linee, per cui l'aereo era perduto (e in genere anche il pilota), oppure qualcuno doveva rischiare la pelle per andare a recuperarlo/i.

 

Tutto sommato è un bene per tutti che i tedeschi non abbiano avuto la possibilità di produrre in massa migliaia di Me-163...

 

Non esistono aerei inutili nella comune accezione del termine. Esistono aerei che si sono dimostrati tecnicamente non competitivi, economicamente sconvenienti, o comunque sorpassati al momento della loro comparsa per cui sono stati accantonati a favore di qualcos'altro (che non sempre è un altro aereo).

Appena un aereo diventa "inutile", semplicemente si smette di produrlo o di svilupparlo ulteriormente.

 

L'unica enorme eccezione a questo per me potrebbe essere nient'altro che il grande mitico Concorde: tecnicamente all'avanguardia, economicamente lasciamo perdere... Ma lì il risultato fu talmente unico e le implicazioni politiche talmente importanti (finora il Concorde è e rimane pur sempre l'unico e solo supersonico di linea che abbia mai solcato i cieli) che tutto il resto venne dimenticato.

Edited by Vultur

Share this post


Link to post
Share on other sites

si hai ragione era un aereo per abbattere i bombardieri mi sono sbagliato :P

comunque, due secondi non saranno pochi ma ricorda che veniva giù in picchiata a più di 800 km/h e in più si gettava contro bombardieri come i b-17 o i b-24 che erano molto lenti quindi 2 secondi di fuoco sono abbastanza ma a quella velocità mirare era un problema, considerando anche che il rateo di fuoco dei cannoni era basso.

Riguardo al motore, si, il pilota poteva accenderlo e spegnerlo ma causava molti problemi la riaccensione in volo ed in mezzo a un combattimento non credo sia una bella esperienza...

Infine non credo che sia di 800 km/h la velocità di planata, dato che è quella di crociera, sicuramente in planata era molto veloce ma, una volta scoperto il trucco del motore che si spegneva molto presto, i caccia di scorta americani e inglesi (p-51, p-47 e Spitfire delle ultime versioni e quindi molto veloci) lo potevano comunque raggiungere e farlo nero

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gallery

 

mi sembra familiare :whistling:

Perchè questa "gallery" non si apre anche se ho fatto regolarmente il "login" e mi appare lo stesso questo messaggio ?

 

Si è verificato un errore

E' stato riscontrato un errore. Se non sei sicuro su come utilizzare una funzione del forum ti preghiamo di consultare i nostri file di Aiuto.

[#10746] Permesso negato per l'azione intrapresa. Se non sei connesso al forum utilizza il modulo sottostante per collegarti.

:hmm:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perchè questa "gallery" non si apre anche se ho fatto regolarmente il "login" e mi appare lo stesso questo messaggio ?

:hmm:

mi sono dimenticato(mi auto punisco :sm: ) che le immagini devono prima essere controllate dai mod, e l'immagine che ho linkato è proprio una appena inserita.... appena viene approvata dovresti visualizzarla senza problemi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Veramente a me risulta il contrario.

Me-163, velocissimo intercettore a razzo, potentemente armato. Distruttore di bombardieri (non di caccia) entro un raggio relativamente limitato dalla sua base.

Due secondi per sparare non sono pochi: per aria anche il più scemo dei nemici difficilmente rimane alla tua mercè e senza fare nulla per un lasso di tempo molto più lungo. Come minimo, allo scadere del tuo secondo secondo di possibilità quello sono già almeno quindici secondi che ti sta sparando addosso con tutto ciò che si ritrova sotto mano...

Aliante: il motore poteva funzionare per poche decine di secondi, ma da ciò che so poteva essere spento e poi riacceso, quindi non è che erano sempre e slo che so 30 secondi continuativi e passati quelli o la guerra era già finita o eri in un bel guaio...

Inoltre, una volta spento definitivamente il razzo, un Me-163 rimaneva pur sempre un aliante da ottocento chilometri all'ora che veniva giù: vallo un po' a prendere... sempre che lo vedi...

Le uniche pecche semmai erano la pericolosità del motore che poteva decidere di scoppiare e l'assenza di carrello, per cui appena arrestato al suolo l'aereo lì rimaneva non importa dove, magari in un fosso sotto il fuoco nemico e dietro le linee, per cui l'aereo era perduto (e in genere anche il pilota), oppure qualcuno doveva rischiare la pelle per andare a recuperarlo/i.

 

Tutto sommato è un bene per tutti che i tedeschi non abbiano avuto la possibilità di produrre in massa migliaia di Me-163...

 

Non esistono aerei inutili nella comune accezione del termine. Esistono aerei che si sono dimostrati tecnicamente non competitivi, economicamente sconvenienti, o comunque sorpassati al momento della loro comparsa per cui sono stati accantonati a favore di qualcos'altro (che non sempre è un altro aereo).

Appena un aereo diventa "inutile", semplicemente si smette di produrlo o di svilupparlo ulteriormente.

 

L'unica enorme eccezione a questo per me potrebbe essere nient'altro che il grande mitico Concorde: tecnicamente all'avanguardia, economicamente lasciamo perdere... Ma lì il risultato fu talmente unico e le implicazioni politiche talmente importanti (finora il Concorde è e rimane pur sempre l'unico e solo supersonico di linea che abbia mai solcato i cieli) che tutto il resto venne dimenticato.

E il Tu 144?tu144.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

E il Tu 144?

 

Come sopra. Ma in URSS era diverso, se l'Unione Sovietica fosse sopravvissuta, il Tu-144 avrebbe potuto diventare un grandissimo aereo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

del tipo? il TU144 era l'equivalente del Concorde, aerei che a livello economico erano dei fallimenti completi, specie dopo i rincari dei carburanti post 1973.

 

Il fatto che avesse volato in URSS invece che in Francia, non mi pare cambi molto le cose....

 

il problema è che, anche ad oggi, non ci sono le condizioni tecniche\economiche per aerei simili. Chi vuole viaggiare velocemente spendendo una barca di soldi, viaggia in executive, mentre per nessuno vale la pena di guadagnare 2\3 ore su un viaggio intercontinentale, spendendo una fortuna.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E ti sei risposto da solo. Erano sconvenienti economicamente (e anche lo sviluppo costò moltissimo).

Ho scritto: "se l'Unione Sovietica fosse sopravvissuta". Cioè se fosse sopravvissuto il sistema sovietico dove il potere politico accentrava in sè tutti gli altri poteri (compreso quello economico), le considerazioni economiche avrebbero potuto passare in secondo piano e il Tu144 avrebbe potuto raggiungere la maturità e diventare un grandissimo aereo, che sarebbe sopravvissuto pure al Concorde. Ma tutti sanno com'è andata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma anche no, Vultur.

 

L'unione Sovietica crolla alla fine degli anni 80, l'ultimo volo commerciale del TU144 risale al 1978 (con passeggeri) e a, forse, metà degli anni 80 per il trasporto postale e merci.

 

Anche per loro (e indipendentemente dai gravi incidenti che lo hanno coinvolto) non era, semplicemente, un gioco che valesse la candela.

 

Oh attenzione: sia Tu144 che Concorde sono ai massimi livelli della progettazione aeronautica di tutti i tempi, uccisi dall'economia, non dalla tecnica. Cosa che invece si puo' dire per gran parte degli aerei citati in questo topic.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il programma Tu-144 venne abbandonato nel 1983 .... e non solo per problemi economici ....

 

The Tu-144 programme was cancelled by a Soviet government decree on 1 July 1983 that also provided for future use of the remaining Tu-144 aircraft as airborne laboratories .... fonte .... http://en.wikipedia.org/wiki/Tupolev_Tu-144 ....

.... dunque otto anni prima del definitivo collasso dell'Unione Sovietica .... mentre il Concorde rimase in servizio fino al 2003 .... (ben venti anni dopo la cessazione del Tupolev !)

 

E' vero che "sia Tu144 che Concorde furono ai massimi livelli della progettazione aeronautica di tutti i tempi" .... beninteso però limitatamente al settore civile .... in quello militare, già dalla prima metà degli anni Sessanta, volava già qualcosa di più tecnologicamente avanzato ....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si Pinto, ma se ne puo' discutere. Sotto forma di prestazioni, di sicuro: ma portare passeggieri a velocità supersonica, è molto più difficile che creare una stiva su cui mettere una bomba.

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'Unione Sovietica tra settanta e ottanta era già allo sfascio, morta senza ancora sapere di esserlo. Si sforzava di mantenere una certa credibilità militare e strategica, ma era solo facciata, come lo fu il pazzesco tentativo di raggiungere il petrolio del Golfo per poi finire nel macello afghano, cosa che non fece altro che dimostrare la putrescenza del sistema. Erano più vivi i comunisti nel mondo che l'URSS stessa. La caduta del muro di Berlino nell'89 fu solo il risultato finale di una malattia all'ultimo stadio terminale. Però il Tui-144 avrebbe potuto diventare un ottimo aereo. Come ho già scritto, se l'Unione Sovietica fosse per assudo sopravvissuta, è possibile che nel 2003 avrebbero ritirato il Concorde, ma il Tu-144 o la sua ultima versione volerebbero ancora (a quale prezzo è un altro discorso).

Edited by Vultur

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, poiché tutti gli altri sono stati un fallimento commerciale (il supersonico americano manco quello) possiamo tranquillamente dire che in Unione Sovietica il TU-144 sarebbe rimasto ciò che era il Concorde in occidente e cioè un puro e semplice oggetto di prestigio nelle flotte.

Da qui a trasformare un velivolo deludente in velivolo di successo ce ne passa, perché economicamente il mezzo era insostenibile (almeno il Concorde i suoi facoltosi clienti per pagarsi li aveva), prestazionalmente insoddisfacente (a stento le ultime varianti dopo varie rimotorizzazioni raggiunsero velocità in supercruise e autonomia del rivale e probabilmente con carico utile ridotto), con un grosso punto di domanda in termini di costi di gestione di motori (notoriamente poco raffinati e bisognosi di manutenzione come sono sempre stati quelli prodotti nellUnione Sovietica che non ha mai prodotto aerei e soprattutto motori commerciali veramente comparabili con le produzioni occidentali): era quindi insensato compralo in grandi numeri.

Altro che crisi, alla fine furono poche decine i voli con passeggeri e per far numero se ne aggiunse qualche altra decina come...cargo: in questo senso il confronto con il velivolo Franco-Britannico è assolutamente impietoso.

 

Negli anni novanta, sponsorizzato dalla NASA, un esemplare è stato provato in volo con i motori del TU-160 (ulteriore conferma dell'odissea propulsiva che ha contraddistinto questo mezzo), proprio per verificare quanto, con turbofan più avanzati e meno assetati, un moderno supersonico sarebbe stato più affrontabile...

Ovviamente quel supersonico non sarebbe stato il TU-144 ma qualcosa di radicalmente nuovo. Sappiamo che non se ne fece niente.

Tuttora non ci sono le condizioni per un simile velivolo e nemmeno ci sono state per qualcosa di più tranquillo come il Sonic Cruiser di Boeing.

Si dovrà aspettare più di qualche lustro perché un supersonico civile possa ambire a definirsi velivolo di successo.

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi è capitato di vedere da vicino il Concorde ("Concord" in inglese) all'aeroporto di Zurigo-Kloten in occasione dei grandi festeggiamenti per i suoi 50 anni (2002). Per l' atteraggio era stato dato un permesso speciale da parte dell'Ufficio federale per l'aviazione civile in quanto per il Concorde vi era un divieto generale a causa del rumore... "Rumore", un argomento di cui, sopra, mi pare non si è accennato. Il minimo servizio commerciale che svolgeva (AF e BA) era limitato infatti a pochi (rari) aeroporti, sempre quelli. Non era in questione il "bang" sonico ma il normale, esagerato rumore in atterraggio e decollo. Un aereo bandito dunque da quasi tutti gli aeroporti. Non è proprio vero che la sua nascita ha suscitato un' enorme ammirazione: è nato fra parecchie polemiche,...addirittura ridicola quella francobritannica sul nome. I francesi volevano il loro "Concorde", i britannici il loro "Concord". Una sfida,poi, fra l'Europa e gli USA. Visto che, probabilmente, sono il più o fra i più anziani qui potrei citare le prime impressioni di esperti o di potenziali passeggeri. Impressioni terre à terre... Per esempio la sua sezione interna che era simile a quella del CV-440 Metropolitan, altro che confort... Anche la sua "tecnologia avanzata",... beh, erano tempi in cui un jet militare era normalmente progettato per andare a 2 Mach, quindi si era tentato di proporre una velocità "militare" anche per un aereo civile. Altri tempi. Il Tupolev 144 lo aveva battuto con il primo volo commerciale fra Mosca e Alma Ata (oggi Almaty) il 26 dicembre 75. Solo merci e posta si dice: come filatelico ho parecchie "buste del primo volo". Ma l' impiego del Tu 144 è sempre stato un poco "segreto", fra i servizi molto particolari di Aeroflot. Un'osservazione finale: non vi sono certezze che il supersonico sovietico abbia veramente trasportato.... "veri" passeggeri. Non chiedetemi però una conferma!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel mio caso .... ho visto entrambi i primi due prototipi del "Concorde" volare insieme al Salone di Parigi del 1969 ....

Spero mi vorrete perdonare se cito, in proposito, quanto ho scritto in merito giusto tre anni fa su un altro forum ....

 

Anno 1969 ..... Salone Aerospaziale di Parigi ..... aeroporto di Le Bourget .....

Si esibiscono in volo i due prototipi del Concorde ..... F-WTSS, decollato dallo stesso aeroporto, e G-BSST, giunto in volo direttamente dall'Inghilterra .....

I due aerei compiono evoluzioni tenendosi però a debita distanza l'uno dall'altro, meglio evitare inutili rischi .....

Terminata la presentazione, il prototipo francese atterra e sfila lentamente davanti al pubblico .....

Il pilota collaudatore Andrè Turcat, già famoso per i suoi record sull'aereo sperimentale supersonico (turbo-statoreattore) "Griffon", saluta gli astanti dal finestrino aperto e ..... l'orgoglio francese esplode in un colossale, entusiastico, incontenibile applauso .....

Che dire ..... un momento veramente memorabile .....

Da qualche parte ho anche un filmino in Super-8 che girai nell'occasione ....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tira fuori quel filmato Pinto.

 

Anche io da piccolo ho visto il Concorde.

 

14136382.jpg

 

 

Venne al Sanzio di Falconara (Ancona). Era anche aeroporto militare allora. La gente affollò i margini della pista lungo la rete metallica. Allora mi pare fossero tutti orgogliosi dell'aeroporto, ma io ero bambino non saprei. Ma non credo che si sognassero di protestare.

Io ero piccolo, non sapevo cosa fosse un Concorde, sapevo solo che era un aereo molto speciale di cui parlavano tutti con timore reverenziale.

Per atterrare da quella parte (04), gli aerei passano sopra un vecchio quartiere: immediatamente sulla destra dell'aereo c'è niente meno che una raffineria API...

Fino agli anni '90 ci si vedeva di tutto (tutto quello che può passare in un normale aeroporto militare): dagli F-14, ai Tornado ADV, a un intero squadrone di Apache con Chinook di supporto.

 

Ancora oggi è una meraviglia sentire i racconti dei sessantenni. Del tipo: il Concorde era velocissimo, avrebbe squagliato l'asfalto, non si sarebbe fermato, ecc....

Che so io nessuno protestò mai per il fracasso (che era tanto). Oggi è tutto cambiato: l'aeroporto è vissuto solo come qualcosa che disturba ...

Edited by Vultur

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gallery

 

 

mi sembra familiare :whistling:

Quello eh è il Bachen ba 349 Natter...sia quello tuo che quello postato da pinto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quello eh è il Bachen ba 349 Natter...sia quello tuo che quello postato da pinto

Grazie per la dritta, ho corretto la didascalia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per la dritta, ho corretto la didascalia.

Figurati di nulla,bravo

Share this post


Link to post
Share on other sites

non scordiamoci gli indimenticabili SM.85/86!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×