Jump to content

Vultur

Membri
  • Content Count

    998
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    28

Everything posted by Vultur

  1. Ok vortex cancella tutti i miei messaggi per favore così nessuno li troverà più sgraditi o inventati. Chiedo venia per il disturbo arrecato, non era mia intenzione. Chiudo.
  2. Ma che boni e boni !!!!!!!!!!! Questo è in malafede secondo me e mira a dar ad intendere solo quello che vole lui e lo lasciano fare! .... una densità di inesattezze e cose inventate di sana pianta pari gli abitanti di Gaza.?????????????????? basta andare su wiki in inglese!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! MAD: Mutual assured destruction Petr Ufimtsev: Ufimtsev taught at the University of California, Los Angeles (UCLA), which is the same school that Ben Rich, developer of the F-117 "Stealth Fighter", studied for his graduate degree". Ciao, bel forum complimentissimi! Cog****ne io che
  3. Questo lo dici tu, chi me lo ha detto è perfettamente inutile che te lo dica, tanto qualunque cosa scriva tu hai stabilito che me la invento, ma basta che vai su qualunque e dico qualunque sito in russo (lingua che non parlo, ma che quando ho tempo mi diletto a usare Google translator) per capire che le cose che ho scritto sono ordinaria amministrazione. Fame di cosa?? I motori sono fuori produzione e si conta di riavviarla a costi accettabili per poter allungare la vita dell'aereo dato che sono anni e anni che vanno avanti con motori ormai vecchi. Le mie cosiddette inesattezze sono pe
  4. L'ho citato per dire che ha i reverse, perché non si può citare il Tornado, di cui tra l'altro mi pare nella mia ignoranza mi pare di sapere più cose di un sacco di gente su questo forum???
  5. Credo che a Mustanghino interessasse sapere solo come e se può variare la spinta di un jet se varia la velocità dell'aria in entrata, non se si fanno o meno tests con ventilatori; dato che parla di: "... verificare (in modo maccheronico) la spinta in funzione della velocità di avanzamento?". Forse non sarà una domandona per voialtri ingegneri, ma per me lo è. Del Tornado non so nulla, per il resto per esempio può essere interessante questo, a titolo d'esempio e proprio nel campo civile da te citato: http://www.youtube.com/watch?v=41C4qMDzT_0 Almeno un mortale incidente in
  6. No no i reverse in volo prima di toccare si inseriscono eccome se la situazione lo richiede. Proprio se non li inserisci rischi di ammazzarti. La questione di Mustanghino è secondo me una domandona di aerotecnica grossa così. La potenza in funzione della velocità dell'aria in entrata. La potenza (utile) è la spinta x la velocità di volo (cioè l'aria in entrata). Se non ricordo male il rendimento del motore a getto è = 2V / (W+V) Dove V è la V di volo (che sarebbe anche la V con cui l'aria entra nel motore) e W è la velocità in uscita all'ugello di scarico (che nei jet è considera
  7. Con la fame che hanno dei motori NK-32, a quel Tu-160 sarà la prima cosa che gli avranno portato via.
  8. E i reverse. Il Tornado per esempio ha i reverse. Per avere una maggior resistenza a bassa velocità, dove l'aerofreno è inutile, si usavano maggiori superfici rispetto agli aerofreni: uno, due, tre paracaduti. Sulle portaerei i postubruciatori dovrebbero essere accesi appena il gancio prende in qualcosa. I reverse in condizioni normali si accendono anche in volo prima di toccare, soprattutto su piste corte e/o bagnate e/o fangose o ghiacciate, perchè la loro massima potenza i reverse la raggiungono in qualche secondo e non subito. E qualche secondo su una pista corta può vuol dire molto.
  9. Ho pensato la stessa cosa, ma in realtà da quel che so gli studi stealth sovietici e poi più semplicemente russi sono sempre stati sottovalutati. Pare che il Tu 160 abbia da sempre misure atte a ridurne l'osservabilità. A partire dalla forma, che come si può vedere è molto filante e priva di spigoli. Sempre da quel che so, le coperture alle prese d'aria sono una procedura obbligatoria per mascherare i motori e le prese d'aria. I Tu-160 iniziali avevano le pale delle turbine e i condotti delle prese d'aria stealth. Problemi economici derivati dalla caduta dell'URSS a parte, il Tu-160 forse è
  10. Se la velocità è atta all'estrazione del carrello in volo, il carrello estratto e bloccato si stacca solo se dai una gran botta (cioè vieni giù sulla pista troppo in fretta), specie con sollecitazioni "incongrue", tipo vento al traverso ed aereo che tocca prima con una gamba poi con l'altra ed anche così il carrello principale è robustissimo perché da quel che so una sola gamba è atta a sostenere tutto l'aereo. Il ruotino di prua si può mettere in un foro, ma non conta molto, perché se l'aereo è ancorato male, a pieno postbruciatore è come se in bici o in moto freni solo con la ruota davanti
  11. Allora da quel che so, i Tu-95MS non viaggiavano in appoggio come ho scritto io, ma erano in viaggio per lo stesso motivo dei due Tu-160. Ufficialmente un'esercitazione di navigazione a lungo raggio. Il Tu-95MS (Bear H) dovrebbe essere in grado di trasportare e lanciare gli stessi missili cruise del Tu-160. Potendo trasportare e lanciare, dicono i russi, fino a 16-18 missili cruise Raduga Kh-55 (AS-15 Kent) e derivati. La Russia ha fornito centinaia di migliaia di tonnellate di grano al Nicaragua, praticamente gratis. Il sorvolo dello spazio aereo nicaraguegno potrebbe essere una delle possib
  12. I bombardieri pesanti dell'aviazione a lungo raggio Tu-160 Aleksandr Novikov, numero seriale 12 e Aleksandr Golovanov (nome sul muso), numero seriale 05 (portello sinistro del nose gear), provenienti dalla base aerea della Guardia di Engels, hanno lasciato il Venezuela, diretti a quanto si sa in Nicaragua, paese che probabilmente ha concesso loro il sorvolo per accedere al Mar dei Caraibi. I "Cigni bianchi" sono arrivati all'aeroporto venezuelano Simon Blovar con una consistente missione russa, comprendente almeno un Il-96 passeggeri/cargo e due Tu-95MS, aerei che hanno dato l'appoggio alla r
  13. La marina americana usa gli F-16 e gli F-5E alla Top Gun, non solo gli F-18.
  14. Usano qualunque aereo serva. Comunque delle "cellule" non so nulla. In genere gli F-18 si vedono nella Marina, gli F-16 nell'Air force. Quello sopra porta il codice AK (Alaska), 18th squadron "Aggressors", base aerea di Eielson. Come si vede sulla deriva, sarebbe un aereo ricevuto nell'anno fiscale 1986 (o 2006?). L'Air force usa il termine aggressor, la Marina "adversary". Un aggressore è uno che ti assale, quindi ti devi difendere. In genere quindi suppongo che il ruolo dei piloti dell'Air Force sia la difesa. Un avversario invece è appunto un avversario e te lo puoi ritrovare davanti in Al
  15. Ma quindi ci sono paesi latinoamericani che si lasciano sorvolare da bombardieri intercontinentali russi?
  16. Ma se venivano dalla costa ovest degli Usa, come hanno fatto ad atterrare in Venezuela? Son passati sopra la Colombia?
  17. Non in coda al DC-9 Itavia, ma in coda a uno dei loro aerei che transitavano sullo spazio aereo italiano con tanto di piano di volo, come un C-130 per esempio. In questo modo se erano bravi, in formazione ravvicinata potevano magari eludere i radar, cioè si vedeva solo un segnale e non due. Gli aerei libici "ufficiali" avevano piano di volo con autorizzazione, un altro aereo libico meno ufficiale, come un caccia, avrebbe potuto anche accodarsi per comodità venendo dalla Russia, o da dovunque. Da dove veniva? Che ne so. Per quanto ne so, per come andavano le cose in quegli anni e per l'idea ch
  18. In tutti questi anni ne ho sentite così tante che ormai sul fatto che non ci fosse nessun aereo in quella zona ho i miei più seri dubbi .... Pare invece che ce ne fossero molti, militari e civili e di molte nazioni. Che i libici passassero sul nostro territorio è ormai cosa quasi certa. Aerei libici andavano e venivano da Tripoli sopra l'Italia da e verso la Jugoslavia. Alcuni velivoli libici pare si fermassero addirittura per manutenzione e ammodernamento su aeroporti italiani come quello di Venezia. I libici pare (il pare è d'obbligo, ma mi sa che qua ormai lo sanno anche i muri) che arrivas
  19. Mai saputo niente del genere, ma mi sembra difficile. Ammesso che succeda, io non ce la vedo la Royal Navy che ogni volta deve passare dalla RAF a richiedere l'uso della forza aerea. Sarebbe un controsenso, metterebbe la Royal Navy nelle condizioni di non poter diporre di una sua componente aerea. Il che mi pare impossibile. Farebbe la fine della Regia Marina italiana nella seconda guerra mondiale. Con le nuove portaerei e con gli F35 multiuso, mi sa è più probabile che la RAF passi alle dipendenze della Royal Navy ...
  20. Belli, ma non penso saranno realizzati. Costi carburante. Costi di gestione. Internet: cosa può fare di così veloce un aereo che non possa già fare il web alla velocità della luce? I motivi per mettersi davvero a correre fisicamente dal punto A al punto B della superficie terrestre sono pochissimi. I militari potrebbero aver bisogno di un cargo del genere. I civili che ci fanno? Forse trasporto veloce di organi per trapianti d'urgenza? Un solo pezzo di fegato vale così tanto? E poi, quanti si potrebbero permettere trasporti speciali del genere?
  21. Non ne ho idea. Avranno sperato che la bomba non gli esplodesse direttamente sulla testa. Sono sicuro che quelli che le bombe atomiche ordinano di lanciarle si ritroverebbero sotto almeno un chilometro di roccia viva molto prima del vero bang finale. A chi frega se i rifugi antiatomici dei comuni mortali funzionano per davvero o no? Se funzionano, la gente che ne uscirebbe (dopo mesi, se non anni) avrebbe ben altri problemi che fare causa a qualcuno per il gran fracasso; se invece non funzionavano, chi ritornerebbe in dietro a protestare??
  22. io non riesco a vederlo. Comunque sarebbe interessante sapere qual'è il paese europeo che più di tutti di è dotato di una capillare rete di rifugi antiatomici. A giudicare dalla diffusione di tali rifugi in Italia, da quel che ho visto io, la cosiddetta "minaccia nucleare" non è stata molto recepita nell'italica penisola. Da quel che so è invece la Svizzera che si è dotata di rifugi antiatomici, anche in molte abitazioni private costruite ab initio (fin dall'inizio) con il loro bravo rifugio nel seminterrato, diventato poi un'eccellente cantinetta abbondantemente rifornita di ottima birra pe
  23. Ma perché 100 megatoni proprio a noi (sic)??? Allora facciamo solo 50? Pensi che con 50 megatoni la cosa sarebbe stata più "sopportabile"? Mi viene in mente una frase di Woody Allen: "Oh lui dice che se non te la finisci, ti mette una palla in testa!" e Woody: "Oh cacchio! Ha specificato il calibro??". Il Norad a quanto mi risulta, cioè dal bellissimo "Wargames" del 1983, a questo ammonta e risale la mia esperienza sul NORAD, è un punto sprofondato nel ventre delle Montagne Rocciose del Colorado. Mosca non solo era la capitale dell'Impero del Male di reaganiana memoria, ma era anche il ce
  24. Il Tornado ha un "weight on wheel" switch che si attiva/disattiva con la compressione del ruotino di prua. Per la manutenzione ad aereo sui martinetti e a carrello totalmente esteso, come ho scritto sopra, ci dovrebbe essere una sicura che esclude la chiusura del circuito del "weight on wheel" quando il ruotino di prua si estende. In questo modo si evitano i movimenti del carrello mentre i meccanici sono al lavoro, perché alla pompa non arriva elettricità anche se il nose gear è tutto esteso (ad aereo sui martinetti). Se qualcuno ha dimenticato di disinserire questa sicura, la pompa idraulica
×
×
  • Create New...