Jump to content
Aggiornamento forum 2018 Read more... ×
Sign in to follow this  
-{-Legolas-}-

Rockwell B-1 Lancer

Recommended Posts

Inizio qui una discussione interamente dedicata al B-1, laciate qui i vostri commenti.

 

In particolare penso al fatto che avrebbe potuto essere un bombardiere bisonico, semplicemente non modificando il progetto originale delle prese d'aria. ;)

 

Speed Demon

 

Double Power

 

Muscle Beauty

 

Intake details

 

Burn Baby, Burn!

 

All The Best Photos

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' meglio così fidati, una bestia che penetra a velocità supersonica a 60 metri dal suolo con quell'avionica e quell'armamento è temibilissimo com'è

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando il programma venne ripristinato nel 81 da Reagan si decise di revisionarlo nel ruolo di bombardiere strategico a bassa quota e quindi vennero modificate le prese d'aria ( divennero fisse )e le gondole con conseguemte riduzione della velocità a mach 1,25. si rese la fusoliera più robusta e il carrello fu adattato all'aumento di peso. L'ultimo fu consegnato nel 88 e attualmente ne sono ancora attivi 77.

 

Il carico bellico resta cmq impressionante: 56.700 kg di armamento comprese 24 bombe atomiche, 84 convenzionali, mine marine e JDAM....

 

Resta una bestia...bellissime le immagini Legolas..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono d'accordo.... quello che volevo dire che è una specie di bestia tenuta a freno.

 

Grazie edo.

Edited by -{-Legolas-}-

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prego...cmq condivido in pieno si...è sicuramente tenuto a freno...meglio for enemis :lol: infatti nel progetto originale del 1965 doveva essere Mach 2,2+...ma ve lo immaginate davvero il b1 a velocità bisonica? :o:o

 

spettacolo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non è una bestia tenuta a freno, perchè a livello prestazionale è ancora più eccezzionale nella versione B che nella A, è molto più utile e pericoloso per il nemico il B1B che l'A, che fu abbandonato proprio perchè superato (oltre che per la volontà del buon arachidaro, ma quella è un' altra questione...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nella realtà operativa nessun aereo penetra veramente a bassa quota a velocità supersoniche, per vari motivi (primi fra tutti il consumo di carburante e la resistenza prodotta dai carichi esterni).

 

Le velocità di penetrazione di solito si aggirano sui 700 - 900 km/h e, chi può permetterselo, al massimo si riserva un dash a velocità più alte solo negli ultimi chilometri prima di arrivare sul bersaglio e in allontanamento da esso.

 

Il B-1B è accreditato di una velocità massima a quota zero pari a Mach 0.95, anche se quella operativa è di Mach 0.8 circa, pari a quasi 1.000 km/h, che ne fanno uno dei penetratori più veloci a bassa quota (dal punto di vista concreto, non teorico).

 

Ciò è dovuto principalmente al fatto che l'armamento è trasportato internamente, ed il B-1B ha una grande riserva di carburante che gli permette di volare a lungo in quelle condizioni.

 

Le prese d'aria sono state modificate appunto per ottimizzarle a quel profilo di volo e per ridurne al massimo la traccia radar, e difatti il B-1B ha una RCS almeno 10 volte inferiore rispetto a quella del B-1A.

 

Detto questo, bisogna aggiungere che queste capacità formidabili sono oggi sostanzialmente inutili, visto che i profili di attacco attuali prevedono di sfruttare le quote alte per massimizzare la portata delle bombe JDAM a guida GPS, tenendo l'aereo fuori dalla portata dei sistemi antiaerei.

 

 

EDIT

In sostanza voglio dire che il B-1B va bene così, perchè nell'attuale contesto operativo quello che serve è un aereo dotato di una suite avionica eccellente (e ce l'ha... quando funziona), in grado di trasportare un buon numero di JDAM (e lo fa) e di essere poco visibile ai radar, visto che deve volare a quote medio-alte (e anche qui sta a posto).

Edited by Gianni065

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per me rimane un aereo riuscito a metà, come il suo amico B-2, progettati per succedere allo storico(in tutti i sensi) B-52 ma non ci sono riusciti per vari motivi!

Il fatto è che il B-52 è insuperabile!

Gia nel 1955 la North American ferce un simulacro a grandezza naturale di una sua proposta per la sostituzione da presentare all'Air force.Il programma che ne nacque fu il North American XB-70 "Valkyre" che volò il 21 settembre 1964. Questo aereo avrebbe dovuto avere grandissime prestazioni, era infatti progettato per volare per lunghi periodi a Mach 3. Il programma naufragò, ma da qui partirono tutti gli altri progetti per il nuovo bomberdiere, ma per me tutti non pienamente riusciti! -_-

Edited by Starfighter

Share this post


Link to post
Share on other sites

non a caso la quota di servizio del b1 b è di 15.240 m e ha un autonomia di 12.070 km...

 

insieme all'u -2 resta uno dei più affascinanti progetti della lockheed...

 

il b1 è stato usato nell'operazione enduring freedom...

 

Starfighter per il b 52 infatti sono iniziati test di sperimentazione pe alimentarlo con motori a miscela composta di cherosene e petrolio sintetico e si pensa di mantenere in vita il il bombardiere fino al 2035...83 ANNI DAL PRIMO VOLO... :P

 

Però a carico bellico mi sembra che il B1b sia superiore al B 52...anche se quest'ultimo vince in quota e autonomia...confermate? :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora per il B-52 peso massimo al decollo 120000Kg, velocità massima 958 Km/h, autonomia 16000Km, tangenza 16000m.

 

Per il B-1 peso massimo al decollo 216363Kg, velocita massima 1.25 Mach, autonomia oltre 12000Km, tangenza 11000m.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ehmm..il valkyire era un rikognitore se non sbaglio...poi kancellato il progetto fu...be abbiamo discusso abbastanza nel forum.. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
ehmm..il valkyire era un rikognitore se non sbaglio...poi kancellato il progetto fu...be abbiamo discusso abbastanza nel forum..

Scusa se o sbagliato ma mi sono affidato ai dati riportati su Aeronautica e Difesa

Andrò a informarmi sul forum :D

Grazie Carlo :okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma forse mi sbaglio =P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nuuu Carlo, il Valkyrie XB70 era il prototipo per un bombardiere trisonico.

 

Solo che aveva un sacco di problemi, i motori si surriscaldavano durante il volo a mach 3, e in seguito a un incidente dove un F104 entrò nella sua scia e collise con la coda del bombardiere il programma fu annullato...

 

Se non sbaglio nell'incidente morirono sia il pilota dello Spillone, che esplose immediatamente, e l'intero equipaggio del Valkyrie schiantatosi a terra.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nuuu Carlo, il Valkyrie XB70 era il prototipo per un bombardiere trisonico.

 

Solo che aveva un sacco di problemi, i motori si surriscaldavano durante il volo a mach 3, e in seguito a un incidente dove un F104 entrò nella sua scia e collise con la coda del bombardiere il programma fu annullato...

 

Se non sbaglio nell'incidente morirono sia il pilota dello Spillone, che esplose immediatamente, e l'intero equipaggio del Valkyrie schiantatosi a terra.

DOH! ^^"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rockwell B-1 Lancer (USA 1974)

Bombardiere strategico

 

- principale bombadiere nucleare strategico dell'USAF

- progettato x la penetrazione nucleare con bombe a caduta libera

- riconfigurato x poter posrtare armi convenzionali

- ali a geometria variaqbile ke assumono la configurazione a freccia x il volo supersonico, mentre sono distese x permettere d portare un enorme carico di bombe decollando da piste brevi

- possiede 3 stive bombe interne equipaggiate con lanciatori rotanti per il trasporto di un'ampia varieta d bombe e missili da crociera

-l'equipaggio è formato da 2 piloti e 2 ufficiali addetti ai sistemi, un OSO (offensive system officer) e un DSO (defensive system officer)

-il radar è un Westinghouse APQ-164 fornisce informazioni cartografiche dettagliate sia x la precisione dei bombardamenti sia x seguire il profilo del terreno

- originariamente erano dipinti di verde lucertola ora sn dipinti in grigio medio

-bombardiere molto manovrabile sopratutto a bassa quota, il pilota lo controlla utilizzando una barra come quella dei piloti da caccia.

 

Dati tecnici

 

-motori: 4 turboventole General Electric F101-GE-102 eroganti ciascuna 64,94 kN d spinta a secco e 136,92 kN con postbruciatore.

-prestazioni: vel. max in quota 1324 km/h; vel in volo d penetrazione a 60m di quota 965 km/h; tangenza 15240 m; raggio d'azione circa 12000 km.

-pesi: 87090 kg; max al decollo 216365 kg.

-dimensioni: apertura alare 41,67 m a freccia minima, 23,84 m a freccia massima; lunghezza 44,81 m; altezza 10,36 m; sup alare 181,16 m^2.

-armamento: carico bellico max 34020 kg d bombe; 3 stive interne e punti di attacco esterni x bombe a caduta libera o missili da crociera d vario tipo, tra cui armi nucleari b,61, b83 e AGM-86B ALCM.

 

Qualche info

 

Sviluppato x impiazzare il b-52, il "bone"(da b-one o dalla forma ad osso) il B-1A era un bombardiere assai soffisticato, capace d una vel max di 2,5 mach in quota. Vennero costruiti 4 prototipi, ma il programma fu abbandonato nel giugno del 1977 nonostante i test d valutazione continuassero.

nel settembre del 1981, il presidente Reagan riattivò il programma con lo scopo di fornire 100 esemplari allo Strategic Air Command. Il risultato fu il B-1B, ke diferiva dal predecessore, meno costoso e complesso, meno prestante(vel ridotta a 1,25 mach) ma allo stesso tempo meno visibile(grazie al suo profilo modificato).

La capsula di salvataggio eiettabile venne sostituita da normali sedili eiettabili e venne riconfigurata l'avionica. Il primo b-1 volò il 18 ottobre 1984 e le consegne cominciaronoil luglio successivo. Per via dei numerosi problemi con i motori, venne assai criticato.

Concepito x la penetrazione nucleare( mentre il b-52 si sarebbe occupato del lancio dei missili da crociera) dal 1991 si vide assegnate missioni d bombardamento convenzionale e missioni di pattugliamento marittimo.

Edited by Gabu86

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nella realtà operativa nessun aereo penetra veramente a bassa quota a velocità supersoniche, per vari motivi (primi fra tutti il consumo di carburante e la resistenza prodotta dai carichi esterni).

 

Le velocità di penetrazione di solito si aggirano sui 700 - 900 km/h e, chi può permetterselo, al massimo si riserva un dash a velocità più alte solo negli ultimi chilometri prima di arrivare sul bersaglio e in allontanamento da esso.

 

Il B-1B è accreditato di una velocità massima a quota zero pari a Mach 0.95, anche se quella operativa è di Mach 0.8 circa, pari a quasi 1.000 km/h, che ne fanno uno dei penetratori più veloci a bassa quota (dal punto di vista concreto, non teorico).

 

Ciò è dovuto principalmente al fatto che l'armamento è trasportato internamente, ed il B-1B ha una grande riserva di carburante che gli permette di volare a lungo in quelle condizioni.

 

Le prese d'aria sono state modificate appunto per ottimizzarle a quel profilo di volo e per ridurne al massimo la traccia radar, e difatti il B-1B ha una RCS almeno 10 volte inferiore rispetto a quella del B-1A.

 

Detto questo, bisogna aggiungere che queste capacità formidabili sono oggi sostanzialmente inutili, visto che i profili di attacco attuali prevedono di sfruttare le quote alte per massimizzare la portata delle bombe JDAM a guida GPS, tenendo l'aereo fuori dalla portata dei sistemi antiaerei.

 

 

EDIT

In sostanza voglio dire che il B-1B va bene così, perchè nell'attuale contesto operativo quello che serve è un aereo dotato di una suite avionica eccellente (e ce l'ha... quando funziona), in grado di trasportare un buon numero di JDAM (e lo fa) e di essere poco visibile ai radar, visto che deve volare a quote medio-alte (e anche qui sta a posto).

Sono daccordissimo, avrei detto le stesse cose. :)

 

Aggiungo solo che un valore dato come riferimento per la sua RCS è 1.45m^2 (B-1B): questo non lo fa catalogare come stealth, ma si tratta cmq di un ottimo risultato.

 

Infatti si riuscì a raggiungere un valore come detto circa 10 volte inferiore a quello del B-1A, che, grazie alla formula dell'ala raccordata, non era poi esagerato per un bombardiere di quelle dimensioni.

 

Ed è sorprendente che si arrivò a questo risultato praticamente solo aggiungendo vernici radar-assorbenti e riprogettando le prese d'aria dei motori.

 

Tra parentesi, per quanto riguarda l'avionica, essa è di prim'ordine. Il radar, derivato dall'AN/APG-66, è a bassa probabilità di intercettazione, mentre la suite di guerra elettronica fu quanto di più avanzato si potesse considerare: essa lo avrebbe dovuto rendere quasi invulnerabile, anche se ebbe problemi in quanto interferiva con i sistemi di bordo.

 

Tornando alle prese d'aria: sono d'accordo con la scelta dei progettisti. Una presa s'aria è necessariamente ottimizzata per un certo regime di volo, a meno che non abbia rampe a geometria variabile. E hanno fatto bene a toglierle, perchè:

 

1) il requisito bisonico in QUEL caso (vista la missione) non era strettamente necessario, e quindi ci si risparmiò complicazioni e costi.

 

2) le rampe a geometria variabile avrebbero in pratica mandato a putt**e tutto il lavoro fatto per la riduzione della RCS.

 

Anche sul Su-34 si è scelto di rinunciare alle prese d'aria a geometria variabile, e la reputo un scelta più che saggia. Infatti la velocità max cala per comprensibili motivi aerodinamici da 2.3M a 1.8M, ma in compenso diminuiscono i pesi e la complessità.

 

Io faccio molto affidamento alla memoria, ma se qualcuno vuole approfondire:

 

B-1A e B-1B (fatto molto bene)

B-1 Wiki

 

B1_fire.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono d'accordo con quanto scrivete: non sono importanti le prestazioni pure in quanto tali, ma ciò che effettivamente voglio raggiungere nella pratica. Il B-1B è superiore al B-1A perchè è in gado di andare alle velocità richieste con una RCS migliore, maggior semplicità, minori costi ecc...La prestazione pura è una cosa che rende un aereo straordinario prima di tutto in una sterile scheda tecnica...Bisogna però anche vedere se ciò è vero nella pratica e anche che cosa mi costa ottenerlo. Una scheda tecnica mi direbbe anche che l'F-22 è piu' lento dell'F-15...Il buon senso mi dice che con l'armamento e magari il carburante esterno l'F-15 se le scorda le velocità dell'F-22 (che ha armi in stiva e serbatoi interni enormi), senza parlare della supercrociera, della persistenza nell'area di combattimento e tutto il resto. Il B-1B ha rinunciato a qualcosa di apparentemente eclatante (dimezzando la sua velocità massima), ma ha ottenuto benefici decisamente più pesanti e tangibili per la missione che gli era richiesta. Certo, visti gli attuali profili di missione, ora non osa più nemmeno andare a bassa quota, ma le scelte fatte allora (privilegiare RCS e semplicità) tornano comunque utili anche adesso.Un aereo è comunque e sempre un compromesso che puoi spostare in una direzione o un'altra a seconda di ciò che serve in concreto in base alla tecnologia di cui si dispone in quel momento. Un aereo meno, come dire ...appariscente, può quindi essere solo frutto di un compromesso più equilibrato e a conti fatti può essere nettamente superiore a un altro.

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sono d'accordo con quanto scrivete: non sono importanti le prestazioni pure in quanto tali, ma ciò che effettivamente voglio raggiungere nella pratica. Il B-1B è superiore al B-1A perchè è in gado di andare alle velocità richieste con una RCS migliore, maggior semplicità, minori costi ecc...La prestazione pura è una cosa che rende un aereo straordinario prima di tutto in una sterile scheda tecnica...Bisogna però anche vedere se ciò è vero nella pratica e anche quanto mi costa ottenerlo. Una scheda tecnica mi direbbe anche che l'F-22 è piu' lento dell'F-15...Il buon senso mi dice che con l'armamento e magari il carburante esterno l'F-15 se le scorda le velocità dell'F-22 (che ha armi in stiva e serbatoi interni enormi), senza parlare della supercrociera, della persistenza nell'area di combattimento e tutto il resto. Il B-1B ha rinunciato a qualcosa di apparentemente eclatante (dimezzando la sua velocità massima), ma ha ottenuto benefici decisamente più pesanti e tangibili per la missione che gli era richiesta. Certo, visti gli attuali profili di missione, ora non osa più nemmeno andare a bassa quota, ma le scelte fatte allora (privilegiare RCS e semplicità) tornano comunque utili anche adesso.Un aereo è comunque e sempre un compromesso che puoi spostare in una direzione o un'altra a seconda di ciò che serve in concreto in base alla tecnologia di cui si disponi in quel momento. Un aereo meno, come dire ...appariscente, può quindi essere solo frutto di un compromesso piu' equilibrato e a conti fatti può essere nettamente superiore a un altro.

parole sante...

 

i bombardieri bisonici e trisonici hanno indiscutibilmente avuto il loro fascino, ma la decisione di rinuciare a questa capacità per il B-1B è stata saggia, in quanto ha permesso la realizzazione stessa del velivolo: meglio un B-1B limitato, che un B-1A rimasto ai prototipi!... :P

 

poi, come detto, questa limitazione non ha influito sulle capacità operative, anzi ha permesso di ottimizzare meglio il velivolo ad un certo regime di volo e di diminuire la RCS, permettendo la realizzazione di un aereo più equilibrato.

 

infatti alle capacità di penetrazione a bassa quota si sono aggiunte quelle caratteristiche che lo rendono adatto anche agli scenari attuali (reativamente bassa RCS e avanzatissima suite di guerra elettronica).

 

puntare su queste capacità fu molto lungimirante.. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma per voi il B-1B no è un aereo abbastanza superfluo per le esigenze dell'Air Force?

Mi spiego meglio:

quale missione può fare il B-1 che non possa fare il B-52 o in casi particolari il B-2?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come ho avuto modo di dire già altrove nella discussione sull'A-10, facendo anche incavolare il buon Vorthex, direi che dopo 60 anni (!!!!!!!!!!!!!) dal suo concepimento, l'unica missione che si dovrebbe assegnare al B-52 è...il pensionamento. Al di la delle battute credo di aver già adeguatamente spiegato il perchè sia ora di fare questa scelta drastica (e per pietà non fatemi ripetere...). I B-2 sono solo una ventina...vien da se che se si vuole avere una forza di bombardieri credibile bisogna tenere in linea il B-1, con tutti i suoi limiti e tutti i suoi pregi...e mettere il glorioso B-52 nei musei, assieme ad altri velivoli che hanno fatto la storia dell'aviazione. Purtoppo, non si rimedia ad anni di scelte sbagliate, ripensamenti e programmi abortiti, tenendo in linea un aereo concepito quando mio nonno si è sposato e nessuno di noi era manco nato (siamo tutti sotto i sessant'anni oppure ho fatto una gaffe?)!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo con te Flaggy sul fatto che il B-52 è da "rottamare"( ho letto la tua dicussione con Vorthex :P ),ma comunque in attesa di un degno sostituto il B-52 rimane in linea!

Forse prima mi sono spiagato male io intendevo che il B-1 è superfluo perchè ce ne sono abbastanza per fare qualche missione che, se ci fossero più B-52 le farebbero loro,ma non così tanti da essere "autonomi".

Per il resto concordo con te sono anche io convinto che, se che se si vuole avere una forza di bombardieri credibile bisogna tenere in linea il B-1, ma in passato quando è stato comprato in così pochi esemplari si è fatta una scelta sbagliatissima!

Ora così bisognerà spendere ancora un mucchio di soldi per lanciare il programma per la sostituzione del B-52!

Edited by Starfighter

Share this post


Link to post
Share on other sites

il b1-b costa la bellezza di 200.000.000 di dollari sonanti..........quanti ne volevi comprare starfighter? :D:D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io non bado a spese B-) !!!!

A parte gli scherzi, se occorrevano si facevano saltare fuori i soldi!

Ma ora mi sono convinto di una cosa che ha detto Flaggy in un altra discussione "Non è che il B-52 è adeguato alle richieste attuali...sono le richieste attuali che si sono adeguate al B-52!!!Se si fosse sempre ragionato in questi termini, dall'aerocampo vicino a casa mia decollerebbero ancore i flyer dei fratelli Wright!!!"

Poi penso anche che si sarebbe risparmiato molto e non speso di più se si fossero acquistati subito abbastanza B-1 da sostituire tutti i B-52, perchè ora bisogna finanziare un nuovo programma per la loro sostituzione(dei b-52 intendo), e qui si che sono soldoni che volano a palate!

No?!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma per voi il B-1B no è un aereo abbastanza superfluo per le esigenze dell'Air Force?

Mi spiego meglio:

quale missione può fare il B-1 che non possa fare il B-52 o in casi particolari il B-2?

Il discorso è che oggi l'USAF può contare su una linea bombardieri che è data da una settantina di B-52H, una settantina di B-1B e 20 B-2.

 

Questo significa 160 bombardieri, e considerata una disponibilità media effettiva del 75 % significano 120 bombardieri.

 

E' chiaro che con questi numeri l'USAF non può permettersi di ritirare i B-52 nè i B-1: significherebbe ridurre la linea strategica a 60-70 aerei realmente disponibili, un numero davvero troppo basso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×