Jump to content
Sign in to follow this  
Shark

TR-3B

Recommended Posts

Credo sia un qualche scherzo di qualche buontempone,infatti sono tratti da siti sugli ufo,quella è un astronave aliena:lunga 180 m :huh::osama: ,alimentazione nucleare,tecnologia antigravitazionale,mimetica ottica e radar...

 

Solo Star Trek ha tecnologia simile,non gli americani...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bhè, dopo l' Aurora, avevo intenzioni di interessarmi di quest' altro velivolo.

Non sò propio nulla, ma secondo me esiste.

Comunque, asptto la conferma di Gianni.

 

 

 

CIAO!!! :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

mahh....aspetto giannni ank'io...kmq sembra una solita stupidata...(...???)....

Share this post


Link to post
Share on other sites
mahh....aspetto giannni ank'io...kmq sembra una solita stupidata...(...???)....

Dire che è una stupidata senza aver sentito l' esperto (in questo caso Gianni) mi sembra troppo frettoloso...comunque dicono che è frutto di U.F.O precipitati...

 

 

 

CIAO!!! :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

io resto della mia opinione....finke non sento gianni -_-

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non hai la certezza che non esiste. Lo ripeto: aspettiamo Gianni!

 

 

 

CIAO!!! :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

TR-3A Black Manta e altri progetti dai nomi molto attraenti sono quei classici disegni con i quali si divertono i progettisti per dar sfogo alle loro idee (e desideri).

 

Tutte queste idee, compresi anche alcuni UAV di forma triangolare, furono riuniti sotto il programma COMPASS COPE della seconda metà degli anni '70, e furono anche realizzati alcuni prototipi in scala.

 

Fu da questo programma che nacque la teclogia stealth.

 

Il programma Compass Cope fu chiuso, ma da esso nacquero due filoni: uno portò all'F-117 (che è di forma triangolare), ed è stealth, l'altro portò ai ricognitori rpv delle serie TIER (cui appartengono i Predator ed i Global Hawk).

 

Noterete che TR si legge TIER.

 

Non è una coincidenza.

 

Sta a significare che i TIER di oggi nascono dai progetti TR di quegli anni.

 

Questo è tutto.

 

La leggenda ha poi fatto il resto, scatenando la fantasia di ufologi e cercatori di misteri.

 

Ma anche in questo caso, la verità è ancor più affascinante della leggenda.

Share this post


Link to post
Share on other sites

IL TR-3A lo conoscevo già da millenni! Il TR-3B quindi e solo una leggenda. Ok.

 

 

 

CIAO!!! :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest batterfield

Avevo visto un video di un disco creato da un ingegnere areonautico ma anche se volava riusciva a staccarsi solo 1 metro da terra e ha toccato solo la ridicola velocita' di 36 km/h se non mi sbaglio........aveva una ventola al centro che lo faceva sollevare ma se posso volevo chiedere da dove e' nata la figura del DISCO volante........cioe' perche' proprio quella forma?

Share this post


Link to post
Share on other sites

A dire il vero il termine nasce nel 1947 in USA, quando un certo Kenneth, un pilota privato, avvistò una formazione di quelle che definì "Flying Saucers" ossia salsicce volanti.

 

In Europa il termine "salsicce volanti" non piaceva molto, e fu convertito in quello di "dischi volanti".

 

E' chiaro che se un disco lo vedi di profilo, sembra una salsiccia.

 

Una cosa simpatica da considerare, però, è che quando era in voga il termine "salsicce volanti", gli avvistamenti facevano quasi sempre riferimento a palle o sigari, insomma oggetti sferici o fusiformi.

 

Quando iniziò a circolare il termine "dischi volanti", che come abbiamo visto fu dovuto solo a una traduzione inesatta del termine americano, la gente cominciò ad avvistare oggetti a forma di disco, quindi tondi e piatti.

 

Il che dimostra come la gente si lasci influenzare molto da quello che si dice... e molto poco da quello che vede veramente.

 

========

 

Per inciso: alcuni giorni fa mi trovavo nella mia abitazione, e per uno strano gioco di luci ho visto in cielo quello che era un disco volante o una salsiccia volante.

Io so perfettamente come si è prodotto il fenomeno.

Ne ho approfittato, e ho scattato una foto con la telecamera del telefonino.

Poi l'ho mostrata a un po' di amici e colleghi, alcuni anche molto esperti di materie aeronautiche, e tutti sono rimasti a bocca aperta, chiedendomi maggiori informazioni.

Quando gli ho spiegato come si era prodotto il "fenomeno", tutti sono scoppiati a ridere.

Ma è stata una dimostrazione evidente di quanto sia facile ingannare la gente con mezzi semplicissimi.

 

Quando avrò tempo scaricherò la foto sull'hard disk e ve la mostrerò.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Veramente "saucer" significa "piattino", di quelli che di solito stanno sotto la tazzina da te' o caffe'... "salciccia" si dice "sausage".

 

Quasi tutto il resto del messaggio qui sotto va di conseguenza che e' inficiato da questa svista iniziale.

 

Per farsi due risate sull'argomento invece un link veloce (ma ce ne sono decine di altri)

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.2010.5

 

Grazie e cordiali saluti

 

Deru Kui

 

 

 

A dire il vero il termine nasce nel 1947 in USA, quando un certo Kenneth, un pilota privato, avvistò una formazione di quelle che definì "Flying Saucers" ossia salsicce volanti.

 

In Europa il termine "salsicce volanti" non piaceva molto, e fu convertito in quello di "dischi volanti".

 

E' chiaro che se un disco lo vedi di profilo, sembra una salsiccia.

 

Una cosa simpatica da considerare, però, è che quando era in voga il termine "salsicce volanti", gli avvistamenti facevano quasi sempre riferimento a palle o sigari, insomma oggetti sferici o fusiformi.

 

Quando iniziò a circolare il termine "dischi volanti", che come abbiamo visto fu dovuto solo a una traduzione inesatta del termine americano, la gente cominciò ad avvistare oggetti a forma di disco, quindi tondi e piatti.

 

Il che dimostra come la gente si lasci influenzare molto da quello che si dice... e molto poco da quello che vede veramente.

 

========

 

Per inciso: alcuni giorni fa mi trovavo nella mia abitazione, e per uno strano gioco di luci ho visto in cielo quello che era un disco volante o una salsiccia volante.

Io so perfettamente come si è prodotto il fenomeno.

Ne ho approfittato, e ho scattato una foto con la telecamera del telefonino.

Poi l'ho mostrata a un po' di amici e colleghi, alcuni anche molto esperti di materie aeronautiche, e tutti sono rimasti a bocca aperta, chiedendomi maggiori informazioni.

Quando gli ho spiegato come si era prodotto il "fenomeno", tutti sono scoppiati a ridere.

Ma è stata una dimostrazione evidente di quanto sia facile ingannare la gente con mezzi semplicissimi.

 

Quando avrò tempo scaricherò la foto sull'hard disk e ve la mostrerò.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Saucer letteralmente è salsiera, negli USA come un po' dappertutto fuori d'Italia si usa condire i cibi con salse più o meno della consistenza del ketchup o della maionese, e vengono depositate a tavola su una specie di coppetta, detta, appunto, saucer (da sauce, salsa). In seguito il lemma è stato esteso anche ai piattini del caffè o del tè, ma il termine ha origine nella salsa... Giusto per mettere i puntini sulle "i".

Edited by Valerio Viaggi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per la precisazione, non avendo mai vissuto negli USA non sapevo di questa traduzione. Infatti nei dizionari da me consultati ed in particolare

 

http://dizionari.corriere.it/dizionario_in.../salsiera.shtml

 

trovo:

 

salsiera

s.f.

sauce boat, (spec. per ragù) gravy boat.

 

e

 

http://dizionari.corriere.it/dizionario_in.../S/saucer.shtml

 

saucer

n.

1 sottocoppa m.; (for cups, etc.) piattino m.

2 (Geog) conca f., bacino m

 

Saluti

 

Deru

 

 

 

Saucer letteralmente è salsiera, negli USA come un po' dappertutto fuori d'Italia si usa condire i cibi con salse più o meno della consistenza del ketchup o della maionese, e vengono depositate a tavola su una specie di coppetta, detta, appunto, saucer (da sauce, salsa). In seguito il lemma è stato esteso anche ai piattini del caffè o del tè, ma il termine ha origine nella salsa... Giusto per mettere i puntini sulle "i".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mea culpa, l'errore è tutto mio e me ne scuso.

 

Effettivamente saucer indica un piattino sagomato per appoggiarvi la tazza oppure una coppetta per salse.

 

invasion_of_saucer_men_poster_01.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
A dire il vero il termine nasce nel 1947 in USA, quando un certo Kenneth, un pilota privato, avvistò una formazione di quelle che definì "Flying Saucers" ossia salsicce volanti.

 

In Europa il termine "salsicce volanti" non piaceva molto, e fu convertito in quello di "dischi volanti".

 

E' chiaro che se un disco lo vedi di profilo, sembra una salsiccia.

 

Una cosa simpatica da considerare, però, è che quando era in voga il termine "salsicce volanti", gli avvistamenti facevano quasi sempre riferimento a palle o sigari, insomma oggetti sferici o fusiformi.

 

Quando iniziò a circolare il termine "dischi volanti", che come abbiamo visto fu dovuto solo a una traduzione inesatta del termine americano, la gente cominciò ad avvistare oggetti a forma di disco, quindi tondi e piatti.

 

Il che dimostra come la gente si lasci influenzare molto da quello che si dice... e molto poco da quello che vede veramente.

 

Scusa Gianni ma "flying saucer" significa "piatto volante" non "salsiccia volante", in francese "soucoupe volante", in tedesco "fliegende untertasse", in spagnolo "platillo volador", in olandese "vliegende schotel", in portoghese "disco voador", in svedese "flygande tefat", in russo "блюдце"... ma sempre "piatto volante" è.

Per inciso "salsiccia" in inglese si pronuncia "sausage".

 

Il 24 giugno 1947 Kenneth Arnold un pilota civile impegnato nella ricerca di un velivolo militare scomparso alcuni giorni prima, affermò di avere avvistato una formazione di nove aeromobili che si spostavano velocissimi in foemazione a "bastone inverso" sfiorando i picchi innevati del Cascade Range nello stato di Washington.

 

Secondo le sue stime quei misteriosi velivolisi muovevano ad una velocità doppia rispetto a quella del suono (ricorso che la barriera sonica venne infranta per la prima volta da Chuck Yeager a bordo dell'aerorazzo Bell X-1 nell'ottobre del 1947, ossia 4 mesi dopo l'avvistamento di Arnold).

All'atterraggio Arnold dichiarò che quelle macchine volavano in modo strano, sembravano "piattini che rimbalzano sull'acqua". tra coloro che lo ascoltavano c'era Bill Bequette, reporter di un giornale locale, che non perse l'occasione di scrivere un articolo a sensazione sulla storia raccontata dal pilota dell'Idaho e per rendere più conciso ed efficace il concetto espresso da Arnold si inventò il termine "flying saucer": PIATTO VOLANTE.

 

In quanto al fatto che "la gente si lasci influenzare molto da quello che si dice... e molto poco da quello che vede veramente", direi che forse sarebbe il caso di approfondire un tantino il discorso, anche perchè, guarda caso, tra quella "gente" ci sono moltissimi piloti militari e civili. :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Benvenuto.

 

Penso che questo topic possa darVi una risposta più che esaudiente.

 

TR-3A Black Manta e altri progetti dai nomi molto attraenti sono quei classici disegni con i quali si divertono i progettisti per dar sfogo alle loro idee (e desideri).

 

Tutte queste idee, compresi anche alcuni UAV di forma triangolare, furono riuniti sotto il programma COMPASS COPE della seconda metà degli anni '70, e furono anche realizzati alcuni prototipi in scala.

 

Fu da questo programma che nacque la teclogia stealth.

 

Il programma Compass Cope fu chiuso, ma da esso nacquero due filoni: uno portò all'F-117 (che è di forma triangolare), ed è stealth, l'altro portò ai ricognitori rpv delle serie TIER (cui appartengono i Predator ed i Global Hawk).

 

Noterete che TR si legge TIER.

 

Non è una coincidenza.

 

Sta a significare che i TIER di oggi nascono dai progetti TR di quegli anni.

 

Questo è tutto.

 

La leggenda ha poi fatto il resto, scatenando la fantasia di ufologi e cercatori di misteri.

 

Ma anche in questo caso, la verità è ancor più affascinante della leggenda.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mea culpa, l'errore è tutto mio e me ne scuso.

 

Effettivamente saucer indica un piattino sagomato per appoggiarvi la tazza oppure una coppetta per salse.

 

invasion_of_saucer_men_poster_01.jpg

Quindi se ho ben capito esiste realmente un velivolo simile, con questa forma triangolare diorigine terrestre?

Share this post


Link to post
Share on other sites

È anche possibile che in tutti questi anni abbiano pensato di ripescare i vecchi prototipi per usarli ai giorni d'oggi e quindi attualmente questi protipi o ex-prototipi possano realmente volare sulle nostre teste in segretezza come appunto il TR-3A o TR-3B e come testimoniato dallo specialista in elettronica avionica Edgar A. Fouche, in questo video:

http://www.youtube.com/watch?v=CkPIf_OiOpo

[il video è stato caricato da me su youtube, quindi non ci sono ne spam e ne trolling]

Edited by Timetraveler_1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...