Jump to content

F-35 Lightning II - Discussione Ufficiale


Recommended Posts

  • Replies 8.4k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Tra le altre cose uno degli step del Block 4 introduce le SDB II battezzate GBU 53/B StormBreaker https://www.janes.com/article/81956/stormbreaker-enters-operational-test-phase Poco interess

Forse può essere interessante soffermarsi su qualche aspetto della struttura dell’F-35 e sulla sua evoluzione a partire dal primo prototipo, per arrivare ai velivoli di serie, che hanno recepito quant

In realtà, anche se a prima vista non sembra, il tettuccio dell’F-35 è in un pezzo singolo... Il montante è un supporto che fa da appoggio all’interno, ma non divide il plexiglass in due, pe

Posted Images

I sogni son desideri ... secondo il CSM dell'USAF ... :whistling:

The Air Force is not backing off from its requirement of 1,763 F-35As, but it wants the jet to be no more costly to operate than the F-16 it’s replacing, Chief of Staff Gen. David Goldfein said Thursday.
Link to post
Share on other sites
Dal sito dell'AFA ... in data odierna ...
F-35s to make first Latin America appearance this week ...
The F-35 fighter will be on display for the first time in Latin America this week at the International Air and Space Fair, FIDAE 2018, April 3-8 in Santiago, Chile, according to the US Embassy there (*).
In addition, the Air Force F-22 Raptor Demonstration Team will demonstrate maneuvers.
Also present will be a B-52 bomber, a C-130 Hercules, a C-17 transport, and KC-10 and KC-135 refueling aircraft.
The US presentations will also include one by the Wings of Blue parachute team from the Air Force Academy and an Air Force medical team, which will display a portable and air-transportable intensive care medical unit, part of which will be used by Chile’s air force as it prepares for a joint disaster-relief training exercise set for next year.
- Steve Hirsch

 

Link to post
Share on other sites
F-35C ... la strada è ancora lunga ...

The U.S. Navy’s USS Carl Vinson aircraft carrier will be headed to sea loaded with war-ready F-35Cs for the first time in 2021, if all goes according to plan.
But the F-35C carrier variant has a long road ahead before it can kick off its first operational deployment.
The Navy version of Lockheed Martin’s new fighter has made major progress over the last year.
The “Rough Raiders” of VFA-125, the “Grim Reapers” of VFA-101 as well as VX-9 recently completed carrier qualifications on the USS Abraham Lincoln, greenlighting the first nine F-35C pilots to take off and land.
At NAS Lemoore, California, the “Argonauts” of VFA-147, which will support the 2021 deployment, in February began their transition to the F-35C.
Fonte: aviationweek.com ... Will U.S. Navy’s F-35 Be Ready On Time? ...
E' necessario il login ...
Link to post
Share on other sites
Altre recenti notizie ... dal sito dell'AFA ...

F-35 Prepares for First Combat Deployment .....
An F-35B from MCAS Yuma, Ariz., visited US Central Command headquarters at MacDill AFB, Fla., on April 4 to “inform CENTCOM senior leadership” about the strike fighter before the US Marine Corps variant heads to the Middle East, according to a USMC release (*).
The Marine variant, which will be the first F-35 to deploy to a combat environment, will be based aboard the amphibious assault ship USS Essex as part of the 13th Marine Expeditionary Unit.
The deployment, originally announced in 2016, is expected in the near future though no specific date has been announced.
In other F-35 news (**), on April 2 the Pentagon awarded Lockheed Martin another $211.3 million contract for Block 4.1 common capabilities pre-modernization efforts in support of preliminary design review for the USAF and international partners, which is slated for July 2019.
Block 3F, the version now being delivered, is the baseline version Lockheed was required to deliver under the development contract.
All previous jets are expected to be upgraded to 3F configuration.
Block 4 will be the “improved” version with more weapons, sensors, connectivity, etc.
- Brian Everstine
Link to post
Share on other sites

Molto interessanti, nello stesso articolo, anche questi altri due passaggi:

 

"...‘The initial scenario was that our two F-35s would escort a four-ship of F-16s across a notional border and protect them against another eight-ship of F-16s simulating a modern adversary. A relatively inexperienced flight leader was in charge of the F-16s on our side and Lt Col Joost ‘Niki’ Luijsterburg, the Tucson detachment commander, was responsible for the adversaries. Up to this point we had only practised these scenarios in the simulators and while we had a decent game-plan, we were all anxious to see how the F-35 would perform in real life. We figured that the F-35’s stealth would keep us out of harm’s way for most of the fight, but that we also need to protect the friendly F-16s, maximize the lethality of their missiles and get them to the target.

To make this happen, we planned to initially use electronic attack against the adversary F-16s, see if we could avoid having them detect friendly fighters and datalink the location of the hostile aircraft to our F-16s. This way we could use the F-16s on our side to shoot down the initial wave of enemy fighters and keep our own missiles available once the ‘Blue Air’ F-16s had to focus on their target attack. The plan worked flawlessly...."

 

"...'In CAS’, he says, ‘VMF gives us options for supporting ground forces in a way we never had in the F-16. Instead of using voice radios and getting eyes on the target using a targeting pod close-in, we’re able to use the SAR to make images of the target area and generate very accurate target co-ordinates. We pass these to the ground forces and confirm a target location using VMF from beyond visual range, assuring that enemy forces are not alerted to our air presence. All the while we can be flying in pretty bad weather with long on-station times. This would have been impossible to do with our F-16s'..."

 

 

 

Insomma, niente niente, il ragazzo sa fare CAS meglio delle piattaforme esistenti (No, non ho problemi con l'A-10. Anzi, è uno dei miei velivoli preferiti. Mi sta un po' sulle scatole il suo fan club...) e in attacco fa da moltiplicatore di forze, piattaforma EW ed AWACS permettendo a una forza piccola e relativamente poco addestrata di 'bucare' una difesa più numerosa e ben preparata e colpire il proprio bersaglio senza perdite.

 

E in più se serve sa menare in corpo a corpo senza neanche bisogno di sganciare le bombe per alleggerirsi.

 

Non male, per un "Tacchino", "Maiale" e "Ferro da Stiro". Sarebbe da far affiggere questo articolo in formato 20x30 m davanti alla finestra della sala da pranzo di Sprey... :asd:

 

Link to post
Share on other sites

Ce ne vorrebbe uno anche sulla finestra del direttore di Aeronautica & Difesa, che sull’ultimo numero ha pubblicato una tirata d’orecchie dell’AMI, che finalmente si è svegliata dal torpore è ha fatto notare che la posizione della rivista era un tantino faziosa, non sottolineando gli enormi vantaggi rispetto ai velivoli di quarta generazione (tanto cari ad A&D che di fatto non ha mai capito gli stealth in particolare) e i tanti passi avanti nella soluzione dei problemi che ormai sono più la regola che l’eccezione nei programmi complessi.

La replica piccata del direttore, che negava il fatto che la rivista fosse contro il velivolo, in realtà non conteneva risposte punto su punto alle critiche e anzi trasudava di astio nei confronti del velivolo, colpevole di aver danneggiato gravemente l’industria europea.

Edited by Flaggy
Link to post
Share on other sites
Ennesima lite ... :incazz:
... e relative conseguenze ...

The U.S. Department of Defense has stopped accepting most deliveries of F-35 jets from Lockheed Martin Corp because of a dispute over who will cover costs for fixing a production error, three people familiar with the matter said.
Lockheed confirmed on Wednesday that the Pentagon had halted deliveries of the jet over a contractual issue, but did not give further details.
Altre fonti ...
Link to post
Share on other sites

Intanto ... si va verso lo scioglimento del Joint Programme Office (JPO) ...


The US Department of Defense plans to eventually divide management of the Lockheed Martin F-35 Lightning II programme between two offices: one managed by the US Navy and Marine Corps, and another led by the US Air Force.
The Joint Programme Office, which currently handles the fighter programme, will ultimately be disbanded.
The plan was outlined in a letter sent to Congress in March from Ellen Lord, undersecretary of defence for acquisition and sustainment.
The letter was first reported by Inside Defense.
The DOD confirmed the letter and said it plans to develop a detailed implementation plan later this year.
Fonte: flightglobal.com ... JPO to hand F-35 management to services ...
Link to post
Share on other sites
Altre dichiarazioni del Vice Ammiraglio Winter ...

The F-35 program expects to hit a major milestone in its development this week, conducting the final flight in its system development demonstration test - wrapping up flights in a test program that included 70,000 test points and 9,000 flight hours.
Joint Program Office Executive Vice Adm. Mat Winter, speaking at the Navy League’s Sea Air Space expo in National Harbor, Md., said the milestone comes at a time when the program is moving forward on negotiations for the next production lot contracts and as the contractors on the program are working to dramatically reduce production and sustainment costs.
​“This is real, folks,” Winter said.
“There are 280 aircraft out there operational, and ready to go to war. We own the fight.”
Link to post
Share on other sites
USMC al lavoro per la condivisione delle informazioni raccolte dagli F-35B ...

The US Marine Corps is experimenting with several ways to provide soldiers on the ground a link to sensor data gathered by the Lockheed Martin F-35 Lightning II and other unmanned aircraft on a tablet computer.
The effort was disclosed by Lt Gen Steven Rudder, deputy commandant of the Marine Corps for aviation, during testimony before a US House Armed Services Committee hearing on fiscal 2019 budget requests for combat aviation programmes.
In response to a question by Rep Jim Langevin about the service’s investment in “game-changing technologies,” Rudder pointed to the programme as what he called a simpler but impactful effort.
“We’re doing some experimentation right now out at our weapons tactics squadron with tablets,” said Rudder.
“The goal would be, if you look out into the future, that corporal, that squad leader that’s going into the objective area on his tablet he’s got the same information that the F-35 is seeing or any unmanned system in the area is providing.”
Nel frattempo ... il 'Corpo' piange il mitico Sergente Hartman ... :pianto::bye:
110ipnr.jpg
Link to post
Share on other sites
Avvertimento alla Turchia ... :incazz:

A senior US diplomat has threatened to use the Lockheed Martin F-35 programme as a retaliatory tool against Turkey for acquiring a sophisticated air defence system from Russia.
Assistant secretary of state for European and Eurasian Affairs Wess Mitchell’s remarks during 18 April hearing in Congress escalated a simmering confrontation with a NATO ally and combat partner against ISIS, which agreed to acquire the Almaz-Antey S-400 Triumf system even as it plans to take delivery of its first F-35A later this year.
Breaking from a string of ambiguous statements by the Trump Administration, Mitchell’s testimony made specific threats of potential retaliation if the Turkish government follows through on the acquisition of the S-400 system.
“Ankara claims to have agreed to purchase the Russian S-400 missile system, which could potentially lead to sanctions under section 231 of [countering America’s adversaries through sanctions act] and adversely impact Turkey’s participation in the F-35 programme,” Mitchell says.
Link to post
Share on other sites
LM propone al Giappone un ... 'Frankenfighter' ... :woot:

Secondo fonti della Difesa giapponese citate dal quotidiano Asahi (*), Lockheed Martin vorrebbe sviluppare assieme al Giappone un caccia da combattimento derivato dall' F-22 e dall' F-35 per concorrere a soddisfare il requisito nipponico per la realizzazione di un caccia nazionale, programma F-3, da affiancare all' F-35.
Fonte: portaledifesa.it ... Un ibrido tra F-22 ed F-35 per il Giappone ...
Link to post
Share on other sites
Sud Corea ... l'acquisto degli F-35 sotto indagine ...

Despite the celebrated rollout of the first F-35 Lightning II fighter jet for the South Korean Air Force last month, the fifth-generation stealth aircraft is not widely welcomed by the Seoul government.
The contract of procuring 40 F-35As signed under the former Park Geun-hye administration has been under intensive investigation with regard to possible influence-peddling over the Lockheed Martin-built multirole fighter’s selection process and price lobbying.
The Board of Audit and Inspection of Korea, or BAI, has widened its probe against the F-35 selection from Seoul’s 2014 F-X III competition, according to defense sources.
Fonte: defensenews.com ... South Korea’s F-35 purchase under probe ...
Link to post
Share on other sites

 

LM propone al Giappone un ... 'Frankenfighter' ... :woot:
Fonte: portaledifesa.it ... Un ibrido tra F-22 ed F-35 per il Giappone ...

 

Mi piacerebbe sapere come si faccia a derivare un velivolo da due aerei piuttosto diversi per impostazione (monomotore e bimotore) e stazza (medio e pesante) se non rifacendolo praticamente da zero e prendendo qualche sistema dall’uno e dall’altro…Cosa poi?

 

Ci vedrei forse una versione più spinta dell’F-35 (sempre monomotore a meno di non ricorrere all’ennesima versione del sempiterno F404-414), tanto per far concorrenza sul mercato dell’esportazione ai tentativi, coreani, turchi e magari cinesi di fare un caccia di quinta generazione e ovviamente attingere copiosamente al made in USA invece che scegliere l’F-3 indigeno.

 

Magari la situazione strategica nell’area del Pacifico è un po’ più calda e tale da giustificare uno sforzo maggiore di quello che ha portato a sviluppare l’F-2 dall’F-16, ma non so quanto il Giappone possa permettersi di sviluppare da zero un velivolo, fosse anche con l’aiuto esterno. Comunque i soldi dovrebbe metterceli, le esigenze sono abbastanza impellenti e il tempo è quello che è.

Di sicuro, se non ci si da una mossa (in Giappone ma anche negli USA), a parte un F-35 con un po’ più di pepe sotto il cofano all’orizzonte non si vede.

Link to post
Share on other sites

Dall'articolo dell'Asahi Shimbun ...

 

The proposed aircraft "would combine the F-22 and F-35 and could be superior to both of them," said one of the sources.

 

Potrebbe trattarsi di un qualche studio effettuato da LM all'interno di quell'inesauribile fonte di sorprese che sono gli Skunk Works ...

Porlo in atto mediante l'utilizzazione delle tecnologie già messe a punto per Raptor e Lightning II potrebbe venire a costare meno di quanto si possa a pensare.

O no ?

Link to post
Share on other sites

Il "could be superior" vuol dir tutto e non vuol dir niente e il condizionale è tutto un programma.
L’F-22 è un velivolo pensato 30 anni fa e non è che ci voglia una gran fantasia per far qualcosa di meglio in termini di materiali, propulsione e volendo proprio concezione, che consenta di ottenere prestazioni analoghe con un velivolo più piccolo e meno impegnativo sotto il profilo delle spese di sviluppo e di quelle di gestione: basta usare quanto appreso con l’F-35.

 

Nello stesso tempo l’F-35 è un velivolo ben più che velatamente orientato all’aria-suolo e quindi anche qui non ci vorrebbe molta fantasia per realizzare una cellula che sia più orientata all’aria-aria: non è una questione di tecnologie, ma di impostazione generale.

 

Si protrebbero però fare due considerazioni.

 

Anche perchè il velivolo formalmente sarebbe giapponese, magari si potrebbe evitare di incappare in un ban del Congresso, che comunque era nato in un contesto diverso ormai diversi anni e amministrazioni fa e così realizzare qualcosa di genericamente superiore. Resta il fatto che non so quanto agli americani vada che l’industria giapponese faccia un prodotto che la nuova costituzione consentirebbe di esportare.

Anche se il prezzo non so quanto sarebbe concorrenziale, mi vien più facile pensare che si spinga per fargli comprare quello che l’industria americana già produce per le forze armate statunitensi o comunque qualcosa di non troppo diverso da quanto disponibile (l’F-2 in un’ottica di esportazione non è che sarebbe stato così appetibile da far rinunciare all’F-16).

 

Secondariamente direi che, sebbene sia scontata la difficoltà di sviluppare un velivolo da zero, anche solo ricavare un derivato oggi appare un’impresa densa di insidie e di spiacevoli sorprese che spesso e volentieri fa buttare nel cesso i buoni propositi in termini di costi e di tempi di sviluppo (esempi non mancano).

Se poi questi buoni propositi sono una boutade di un costruttore (in questo caso LM), allora stiamo certi che si fa finta di non vedere i (probabili) problemi e si enfatizzano i (potenziali) risultati. Della serie cambiamo qualche pezzo qua e là e in men che non si dica trasformiamo un F-35 in un F-22. Si, nel mondo dei sogni.

 

Per questo ho un atteggiamento un po’ da San Tommaso nei confronti di questa iniziativa LM (al momento unilaterale) e per questo, a fronte dei problemi dell’ATD-X / F-3, ho pensato al normale sviluppo dell’F-35, piuttosto che a un velivolo completamente nuovo che pur attingesse alle tecnologie di due velivoli che per dimensioni e caratteristiche sono però molto diversi.

 

E comunque, per quanto l’ATD-X sia solo un dimostratore in scala ridotta di un futuribile e a questo punto nebuloso F-3 tutto giapponese, non pare che quest’ultimo fosse pensato per avere la stazza di un F-22 che è veramente tanto pesante. D’altro canto lo sviluppo di aerei come il T-50 e il J-20 rende maggiormente pressante la richiesta di velivoli da caccia moderni in occidente.

 

Rafale e Typhoon, spiace dirlo, non lo sono, l’F-22 è fuori mercato, mentre l’F-35 è un cacciabombardiere che va benissimo per sostituire una marea di F-16, F-18, Harrier, Tornado e compagnia cantante, ma l’F-15 invecchia senza un vero sostituto che non sia se stesso. A mio avviso sono gli americani stessi, prima ancora dei giapponesi, che si devono dare una smossa per creare un più sereno passaggio al caccia di sesta generazione, magari facendo con l’F-35 esattamente l’opposto di quanto fatto per l’F-16.
Motore ed armamento sono la strada più veloce per farlo: il resto richiede uno sforzo superiore che al momento non sembrerebbe si voglia fare.

Edited by Flaggy
Link to post
Share on other sites

I nippo avrebbero dovuto rivolgersi a Boeing , fornitrice per la marina USA , dato che questa non ha più un vero caccia sulle sue navi , dopo il pensionamento del Tomcat .

Potrebbe essere quella l'occasione per una joint-vencture per un post-F 15 .

Edited by engine
Link to post
Share on other sites

La Marina USA ha da tempo rimpiazzato gli F-14 con gli F-18E, sta ritirando gli Hornet di prima generazione, ha avviato un programma di upgrade degli F-18E e sta acquisendo gli F-35C.

Tanta, troppa carne al fuoco. Non a caso il futuro è già tracciato e ormai Boeing pensa al (o meglio ai) caccia di sesta generazione con cui sostituire i Super Hornet e gli F-22. Alla Navy serve un caccia imbarcato, all'USAF e al Giappone un caccia terrestre.

Siamo però sul lungo periodo e per rimpiazzare gli F-15 nipponici in tempi decenti temo non ci siamo. Non è un caso se Boeing in realtà propone solo di tirare avanti all’impossibile con l’F-15 2040C e quel 2040 dice tutto.

Il problema è che nel frattempo il Giappone gli F-22 non li ha e a trasformare un F-15 in un incrociatore lanciamissili non so cosa ci guadagni se ai confini si trova un bel po' di J-20.

Link to post
Share on other sites

Secondariamente direi che, sebbene sia scontata la difficoltà di sviluppare un velivolo da zero, anche solo ricavare un derivato oggi appare un’impresa densa di insidie e di spiacevoli sorprese che spesso e volentieri fa buttare nel cesso i buoni propositi in termini di costi e di tempi di sviluppo (esempi non mancano).

Se poi questi buoni propositi sono una boutade di un costruttore (in questo caso LM), allora stiamo certi che si fa finta di non vedere i (probabili) problemi e si enfatizzano i (potenziali) risultati.

E infatti non son l'unico a fare questo genere di considerazioni...

 

 

Developing an aircraft based on a US fighter not entirely without precedent, as the locally made F-2 is largely based on the F-16. Designed to carry a larger payload especially in an anti-shipping configuration, the F-2 has a 25% greater wing area than the F-16, and other modifications such as greater use of composites.

Unfortunately, the F-2 was so expensive that Tokyo only obtained 94 examples of planned acquisition of 144. An aircraft that blended the attributes of the F-35 with those of the F-22 would effectively be a new aircraft, with great potential for cost overruns.

 

https://www.flightglobal.com/news/articles/tokyo-eyes-multiple-routes-for-new-fighter-jet-447911/

Link to post
Share on other sites

Credo che nessuno metta in dubbio le difficoltà, ma le alternative sono uno sviluppo completamente nuovo, in proprio o con partner, non meno rischioso. Qualcuno ha azzardato "evoluzioni" di Typhoon o Super Hornet, ma entrambe le opzioni mi paiono nascere drammaticamente vecchie, e se penso che le news release per il captor aesa sono le stesse oggi di fine 2015, o che il Super Hornet è aereo con una percentuale di incidenti gravi quanto meno allarmante...

Viste le alternative, la trovo una proposta allettante sotto tanti punti di vista.

Link to post
Share on other sites

Visto che il Giappone sta seriamente valutando l'ipotesi di basare il suo futuro caccia su un velivolo esistente per abbreviare i tempi di sviluppo, crederei di più a un buon esito della proposta se avessero parlato di un derivato dell'uno o dell'altro velivolo.

L'utilizzo del termine "ibrido" mi fa nascere più di qualche dubbio: temo che un ibrido tra F-35 ef F-22, proprio per la diversità fra le due macchine, sarebbe in gran parte nuovo (ancor più se come si vocifera con motori, avionica e alti componenti made in Japan), con tempi e costi non così concorrenziali rispetto a un velivolo nuovo sviluppato con un partner e che presenti, come spesso succede in aviazione, componentistica off the shelf sviluppata per altri velivoli o comunque da essa derivata.

Se invece si trattasse di un F-22 con qualche iniezione di sistemi e materiali dell'F-35 (vedi articolo sotto), quanto meno costerebbe un tuono (che sarebbe meglio condividere con l'USAF...).

Certo, di peggio in termini di tempi e costi ci sarebbe solo portare avanti il lavoro iniziato con l'ATD-X, oppure imbarcarsi con USA o Europa in un programma a lungo termine per il rimpiazzo di F-22 e Typhoon, ma stante le incognite del primo e i tempi presumibilmente biblici del secondo, credo sia più credibile che il Giappone si orienti verso un derivato più o meno rimaneggiato, con l'ibrido (che io immagino proprio tanto rimaneggiato) magari meno probabile, anche se decisamente più intrigante per i possibili risvolti di mercato.

 

http://www.thedrive.com/the-war-zone/20288/japans-interest-in-an-f-22-f-35-hybrid-could-mean-a-restart-for-f-22-production-line

Edited by Flaggy
Link to post
Share on other sites
  • fabio-22raptor featured, unfeatured, pinned, unpinned, featured and unfeatured this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...