Jump to content

Terrorismo in Europa


skettles
 Share

Recommended Posts

http://www.corriere.it/esteri/15_gennaio_07/francia-assalto-armato-sede-charlie-hebdo-0c28a1e6-965d-11e4-9ec2-c9b18eab1a93.shtml

 

oggi uno dei più gravi attacchi alla libertà di parola e all'occidente.

 

Credo che la guerra ormai sia più che altro fra due modi di vivere.

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

 

Credo che la guerra ormai sia più che altro fra due modi di vivere.

come poi è sempre stato.

d'altro canto, nel momento in cui viene meno l'idea che fare satira sia un crimine da punire con l'AK, viene meno anche l'idea che sia normale vivere in una casa di fango, senza alcuna prospettiva, mentro lo sceicco di turno tiene il cesso d'oro.

Link to comment
Share on other sites

come poi è sempre stato.

d'altro canto, nel momento in cui viene meno l'idea che fare satira sia un crimine da punire con l'AK, viene meno anche l'idea che sia normale vivere in una casa di fango, senza alcuna prospettiva, mentro lo sceicco di turno tiene il cesso d'oro.

 

questo non giustifica nessuno ad ammazzare 12 giornalisti

Link to comment
Share on other sites

come poi è sempre stato.

d'altro canto, nel momento in cui viene meno l'idea che fare satira sia un crimine da punire con l'AK, viene meno anche l'idea che sia normale vivere in una casa di fango, senza alcuna prospettiva, mentro lo sceicco di turno tiene il cesso d'oro.

Il problema maggiore e che quando a capo del governo francese c'é uno che pochi giorni fá si rammaricava di non aver aggredito il regime di Assad fa capire che la soluzione finale al problema del fondamentalismo islamico sará difficilissima da raggiungere.

 

Massimo rispetto per le vittime quoto in toto le parole di vorthex.

Link to comment
Share on other sites

 

questo non giustifica nessuno ad ammazzare 12 giornalisti

per noi sicuramente, per loro no. per questo parliamo di scontro culturale.

 

 

Il problema maggiore e che quando a capo del governo francese c'é uno che pochi giorni fá si rammaricava di non aver aggredito il regime di Assad fa capire che la soluzione finale al problema del fondamentalismo islamico sará difficilissima da raggiungere.

 

Massimo rispetto per le vittime quoto in toto le parole di vorthex.

come fai a quotare le mie parole ed a dire che il problema maggiore è Hollande? io ho detto l'esatto opposto...

Link to comment
Share on other sites

Questo è un salto di qualità per il terrorismo islamico.

Ho visto sempre fanatici integralisti organizzati come commandos, ma è la prima volta che li vedo scappare: di solito il suicido o l'essere uccisi è un punto fondamentale delle loro azioni: questi addirittura invece di raggiungere il paradiso di allah, fermano un'auto, sequestrano il guidatore e scappano via, come "comuni" rapinatori. Insomma l'epilogo dell'azione poteva sembrare un assalto a un portavalori andato male.

 

E poi vado a leggere che con tanta professionalità messa in campo, all'inizio avevano sbagliato anche citofono!!!!!!!!

Link to comment
Share on other sites

per noi sicuramente, per loro no. per questo parliamo di scontro culturale.

 

come fai a quotare le mie parole ed a dire che il problema maggiore è Hollande? io ho detto l'esatto opposto...

Mi riferivo al tuo discorso sul diritto di satira,resta il fatto che tutti questi morti sono tutti sulla coscienza del presidente francese che si è allevato un nido di serpi in seno nel vile tentativo dell'occidente di rovesciare Assad.

Link to comment
Share on other sites

il giornale è stato colpito perchè con la sua satira offendeva l'islam (e non è la prima volta che capita e non solo in Francia), Hollande c'entra davvero poco (al massimo, le posizioni francesi sono un "plus" aggiunto) ed è inutile tentare di cercare una giustificazione "politica"... è un mero scontro culturale.

Edited by vorthex
Link to comment
Share on other sites

il giornale è stato colpito perchè con la sua satira offendeva l'islam (e non è la prima volta che capita e non solo in Francia), Hollande c'entra davvero poco ed è inutile tentare di cercare una giustificazione "politica"... è un mero scontro culturale.

Appunto come si é concepito di armare e addestrare questi animali(non meritano nessun altro epiteto) per combattere una guerra di procura, ignorando compleatamente i chiari fini degli estremisti islamici.

 

Ora le conseguenze le vediamo tutti: dalla faccenda dell'ISIS ai folli che uccidono civili(e non si tratta di ciò in questo caso).

 

Solito commento a caldo del Financial Times(i soliti leccapiedi degli emiri):le vignette di Charlie Hebdo erano offensive.

 

Tutta la decadenza e il marciume occidentale espresso in poche righe.

Link to comment
Share on other sites

Questi criminali dell'ISIS sono finanziati dai quei buffoni dei sauditi e dei qatarioti, l'europa deve rompere immediatamente le relazioni diplomatiche con queste dittature criminali.

Purtroppo questi paesi sono grandi fornitori di petrolio(e importatori di armi occidentali),a quanto pare l'occidente preferisce tenere sotto embargo la russia.

Edited by davide9610
Link to comment
Share on other sites

temo che gli intenti dei terroristi fossero (come nella maggior parte dei casi) di fomentare l'estremismo occidentale, per trascinarci in uno scontro culturale in cui abbiamo solo da perdere. E temo anche che riusciranno nel loro intento, tutto a vantaggio della destra estrema francese e di chi vorrebbe smembrare l'europa e dividere l'occidente.

Link to comment
Share on other sites

Le diversità culturali si stanno acuendo, o meglio le stanno ampliando loro...i terroristi che combattono nel nome dell'islam...

Certo che le vignette possono essere offensive, ma se sono filtrate da una mente aperta e di ispirazione liberale che è fondata sul dialogo e sul confronto tutto finisce lì.

E' ovvio che se chi recepisce il messaggio non lo vede come uno spunto per critiche e riflessioni ma come negazione della "loro" libertà di culto il caso è diverso, per loro su corano e Maometto non si può discutere, punto.

Abbiamo criteri di giudizio discortanti, è come mettersi a misurare una lunghezza in metri o in yards e affermare che una è la vera misura rispetto all'altra.

Che ci siano degli islamisti propensi al dialogo è certo, ma non penso si siano possibilità con chi non vuole coesistere se non proprio integrarsi, per loro non è previsto il rispetto reciproco che il fondamento dell'occidente, o così dovrebbe essere.

Per quanto riguarda il filmato in diretta degli interventi delle forze di polizia, mi pare assurdo, oppure è fatto ad arte per distogliere i terroristi con false informazioni sui luoghi dove gli stiano cercando.

Link to comment
Share on other sites

temo che gli intenti dei terroristi fossero (come nella maggior parte dei casi) di fomentare l'estremismo occidentale, per trascinarci in uno scontro culturale in cui abbiamo solo da perdere. E temo anche che riusciranno nel loro intento, tutto a vantaggio della destra estrema francese e di chi vorrebbe smembrare l'europa e dividere l'occidente.

Come dici tu gli avvoltoi a caccia di voti si sono alzati subito in volo.

 

Però la forte volontá di spazzare via l'ISIS e il fondamentalismo islamico non credo possa essere messa sullo stesso piano.(non che ti accusi di farlo era per precisare)

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo questi paesi sono grandi fornitori di petrolio(e importatori di armi occidentali),a quanto pare l'occidente preferisce tenere sotto embargo la russia.

 

Diciamo pure che questi paesi hanno dei governi fantoccio filoUSA, e se si ribellano allo zio sam fanno la stessa fine dell'Iraq.

Link to comment
Share on other sites

Ci sono molti tasselli da ricostruire in questo puzzle che e' ancora contorto e lascia spazio a delle domande. Visto l'evolversi della situazione non mancheranno i complottisti... comunque la Le Pen con un Tweet parlava di offrire ai francesi la possibilita' di un referendum sull'introduzione della pena di morte.. noto molto sciacallaggio politico/mediatico anche in Italia. Comunque, la De Gaulle partira' presto per il Golfo persico (lo avevano detto il giorno prima dell'attentato). Stamattina una sparatoria a sud di Parigi. Muore una poliziotta.. ma restiamo in attesa di capire se i fatti sono connessi..

Link to comment
Share on other sites

Effettivamente è difficile comprendere come mai due terroristi portino con se i documenti durante un'azione del genere, ma soprattutto è pazzesco come possano averli persi e dimenticati in auto.

 

Lo sciacallaggio politico c'è e potrebbe anche avere terreno fertile. Da ieri sono stati numerosi gli atti di rappresaglia contro moschee. Pare che sia esplosa anche una bomba nei pressi di un kebab... non se ne parla molto, forse per evitare di gettare ulteriore benzina sul fuoco.

Link to comment
Share on other sites

Effettivamente è difficile comprendere come mai due terroristi portino con se i documenti durante un'azione del genere, ma soprattutto è pazzesco come possano averli persi e dimenticati in auto.

 

Lo sciacallaggio politico c'è e potrebbe anche avere terreno fertile. Da ieri sono stati numerosi gli atti di rappresaglia contro moschee. Pare che sia esplosa anche una bomba nei pressi di un kebab... non se ne parla molto, forse per evitare di gettare ulteriore benzina sul fuoco.

Tra l'altro pare che questi tizi avessero AK-103, a detta del TG3. Non proprio qualcosa che si trova facilmente, almeno credo.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...