Jump to content

McDonnell Douglas/Boeing F-15 Eagle/Strike Eagle/Silent Eagle - discussione ufficiale


Guest intruder
 Share

Recommended Posts

Scramble:

 


IAF fighter jets scramble over northern Israel Suspicion that unmanned drones penetrated Israeli airspace not confirmed; second such incident in a week.

 

 

Three Israel Air Force jets were scrambled Saturday to intercept unidentified aerial objects amid suspicion these were unmanned drones that penetrated Israeli airspace.Two of the jets were called to the northern region of the country while a third made its sortie from the Tel Nof Air Force base to the Haifa region, Channel 2 reported.The channel’s website published a short video of the sortie.

The IDF Spokesperson’s office refused to elaborate on the incident.

Last Saturday, residents of Tel Aviv and surrounding towns witnessed loud, low-flying maneuvers by Israel Air Force jets in the morning when planes also scrambled to intercept what was initially believed to be an intrusion by enemy aircraft into Israel’s airspace.

The intruder turned out to be a flock of birds. The surprise intrusion triggered alarms in Israel’s aerial detection systems, leading the Air Force to scramble fighters to intercept.

The slow-moving, weak radar signal given off by the birds led to concern among defense officials that the object might be a small unmanned drone.

The IDF has intercepted such drones twice in the past 12 months, including in October 2012 and last April, when the IDF shot down a drone five miles off the coast of Haifa that the army said was collecting intelligence for the Lebanese terror group Hezbollah.

The IDF rarely conducts training exercises on the Sabbath, so a Saturday deployment is usually thought to be a sign of some kind of imminent military action.

Fonte: The Times of Israel

Anche su The Aviationist

Edited by fabio-22raptor
Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Sopra le nubi .... sotto il sole ....

 

148maeh.jpg

 

Two F-15C Eagles from the 48th Fighter Wing at RAF Lakenheath, Britain, prepare to return to the simulated air combat portion of the Arctic Challenge exercise over Norway, Sept. 20, 2013.

The exercise brought together aircraft from the United States, Britain, Finland, Norway, and Sweden, along with NATO assets, to boost their interoperability.

(Air Force photo by 1st Lt. Christopher Mesnard).

 

Fonte .... il "Daily Report" dell'AFA .... 2mpl6b5.jpg

Link to comment
Share on other sites

Diciamo che il risparmio di stazioni sarebbe più che altro teorico visto che l'Eagle non prevede di aggancare missili aria-aria laddove si mettono i serbatoi subalari (dove c'è già una rotaia doppia) e quello ventrale.

Secondariamente va detto che l'aereo ha già un'autonomia più che buona visto che i missili aria-aria sono leggeri e con una bassa resistenza e quindi non è indispensabile fare come per la variante E che vola spesso anche con serbatoi sganciabili mentre i CFT sono a tutti gli effetti la base per i piloni del carico di caduta.

Se però la richiesta di autonomia si fa maggiormente pressante e magari non si accetta il significativo incremento della RCS prodotta dai normali serbatoi (è il caso del Silent Eagle) ecco che tali serbatoi possono essere impiegati anche dal C a prezzo di una penalizzazione aerodinamica relativamente bassa (ma sia chiaro sempre presente perchè non possono essere sganciati).

 

Ehm scusate la riesumazione di questo vecchio post, volevo dire che c’è qualcuno che fa a modo suo, montando CFT indifferentemente sulle versioni A/B/C e D e impiegandoli con nonchalance per missioni molto diverse dalla superiorità aerea, utilizzando qualsiasi pilone per metterci quello che ritiene più opportuno. Dare un’occhiata quì per esempio:

 

F121119EI56.jpg

 

Questo è un F-15A israeliano del 133rd squadron potete controllare sul database militare di http://www.scramblemagazine.nl/ inserendo il numero di matricola. Gli "A" manco avrebbero potuti montarli i CFT a quanto si sapeva, vero però che questi aerei sono stati sottoposti a un massiccio update:

 

From about 1988, the unit's (mia nota: l’unità è il 133 sqn) F-15A/Bs are thought to have been subjected to the USAF Multi-Stage Improvement Program (MSIP). This involves replacing the APG-63 radar with the APG-70, fitting improved digital central computers and CRT cockpit displays, and installation of the -220 engine used on the F-15C/D.

 

 

Meno spettacolari, in quanto in mostra statica, ma altrettanto interesanti queste altre foto per il carico bellico, un "C":

 

http://www.jetphotos.net/viewphoto.php?id=7370205&nseq=18

e un "D":

http://www.jetphotos.net/viewphoto.php?id=6558653&nseq=39

 

Lo so, gli aerei in mostra statica possono non significare molto sul carico effettivamente impiegabile, ma la foto sopra è inequivocabile, e comunque facendo una ricerca immagini su google per "F-15 Baz" ne trovate a bizzeffe di foto di A/B/C e D israeliani in volo con i CFT, per tornare alla domanda originale di Fabio nell'altra pagina.

 

Scusate ancora per aver riesumato un vecchio post, l'ho fatto solo per completezza per chi cercasse in seguito sull'argomento. :)

Link to comment
Share on other sites

I conformal fuel tanks delle versioni aria-aria sono diversi da quelli dell'F-15E. Come si vede, quelli aria-aria non hanno tutti i punti di attacco di quelli di un F-15E, ma ne hanno un terzo, cioè solo due per lato. Mantenuti per attaccarci due AIM-7 o AIM-120.

 

Gli israeliani che bisogno hanno di così tanto carburante dato che Israele è piccolo e le missioni a lungo raggio penso che siano rare? Non lo so, però nella foto sopra si vede che ai piloni subalari e a quello ventrale sono agganciate JDAM (Mk-84?). Cioè, alle stesse stazioni normalmente usate per i tre drop tanks hanno messo delle bombe a caduta libera, così è possibile che il carburante "perso" alle stazioni subalari dove hanno messo le bombe lo hanno messo nei conformal fuel tanks. In questo modo recuperano il carburante perso ai punti di attacco dove hanno agganciato le bombe. Riassumendo: il carburante dei tre drop tanks l'hanno messo nei CFT, mantenendo tre stazioni libere per le bombe. Un modo per avere davvero la botte piena e la moglie ubriaca.

Edited by Vultur
Link to comment
Share on other sites

Gli Eagle dell'a HHA sono sempre stati concepiti come macchine polivalenti e la grande autonomia unita alle capacità AG(solo teoriche nell'USAF e sfociate in una versione ad hoc la E)sono fattori che hanno contribuito a convincere la leadership politica israeliana a investire in una macchina così costosa per l'epoca.Di fatto Israele è stato anche il primo paese ad impiegare l'F15 in missioni AG;l'1 Ottobre 1985, 6 F15B/D dello Sperhead Squadron attaccarono con le GBU-15 il quartier generale dell'OLP a Tunisi(operazione Wooden Leg).

Link to comment
Share on other sites

 

I conformal fuel tanks delle versioni aria-aria sono diversi da quelli dell'F-15E. Come si vede, quelli aria-aria non hanno tutti i punti di attacco di quelli di un F-15E, ma ne hanno un terzo, cioè solo due per lato. Mantenuti per attaccarci due AIM-7 o AIM-120.

onestamente, non saprei se sono di versioni differenti (esistono delle differenze nei vari lotti di CFT e tra quelli americani e quelli israeliani) o se, semplicemente, i piloni si agganciano a seconda della missione. inoltre, all'epoca, si pensavano numerosi utilizzi per i fast-pack.

f0082824_4eb7800fb075b.jpg

 

 

Gli israeliani che bisogno hanno di così tanto carburante dato che Israele è piccolo e le missioni a lungo raggio penso che siano rare?

eh insomma... ogni tanto fanno delle scampagnate in Sudan :whistling:

Edited by vorthex
Link to comment
Share on other sites

Credo in effetti i CFT delle varianti da caccia e della E siano differenti (non ci metto la mano sul fuoco...).

I CFT della E sono polivalenti (denominati Type 4) perché sotto hanno 3 attacchi per armi di caduta e due per missili che possono scambiarsi di posizione a seconda della configurazione (AA o AG) trovando alloggiamento in una lunga carenatura-pilone che contiene le sedi sia degli eiettori dei missili che degli attacchi aria-suolo.

In più al di sopra di questa “sede per punti di attacco” e sul fianco dei CFT vi sono tre attacchi per armamento aria suolo.

 

http://www.f-15e.info/weapons/lau106/lau106.htm

 

Mottys-ROKAF-F-15K-Details-03_2007_10_06

 

I tre attacchi laterali erano tra l’altro assenti nel prototipo dell’F-15E e probabilmente i CFT erano più simili ai primissimi testati su un F-15B ancora nel 1974.

 

Nei CFT per la variante da caccia dovrebbero invece mancare sia questi 3 attacchi laterali che la lunga carenatura polivalente e i 4 missili aria-aria vengono così agganciati molto più “aderenti” al serbatoio stesso usando piloni appena accennati, migliorando così la pulizia aerodinamica.

 

f15ccft.jpg

 

Quelli nelle foto degli aerei israeliani sopra sembrano di questo tipo e questa è la ragione principale per cui il carico di caduta sugli aerei finisce necessariamente sotto i piloni normalmente usati per serbatoi sganciabili.

In tal modo l’aerodinamica viene un po’ penalizzata (visto che attaccare le armi in fusoliera e magari in tandem migliorerebbe la pulizia aerodinamica),come la precisione nello sgancio di eventuali bombe “stupide” (causa flessibilità dell’ala è sempre preferibile la maggior rigidità degli attacchi sotto la fusoliera), ma almeno si consente all’aereo di portare armamento aria-suolo senza penalizzare il carico di carburante.

 

In ogni caso quell’aereo è polivalente fino a un certo punto.

La struttura delle varianti A e C è priva degli irrobustimenti strutturali che hanno portato alla completa riprogettazione (e conseguente appesantimento) della variante E (solo esteticamente uguale a un D) e quindi non è che si possa riempirli di bombe senza affaticare prematuramente le strutture e ridurne la vita utile.

 

Comunque i CFT consentono di aumentare la flessibilità del velivolo e la sua autonomia, ma non sono utili ad aumentare il carico bellico in missioni aria-aria, perché di fatto ripropongono la stessa sistemazione dei missili in 8 stazioni complessive.

 

 

PS: Ma questa è la discussione ufficiale sull'F-15 (tutte le versioni) o solo sull'F-15 Silent Eagle? :scratch:

Edited by Flaggy
Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Il Giappone prevede di modernizzare una parte dei suoi F-15J ....

 

Tokyo veut moderniser ses F-15J ....

Décision attendue dans les prochains mois: selon le colonel Koji Imaki, responsable du programme F-35 au sein de la force aérienne japonaise (JASDF), Tokyo devrait prochainement décider de lancer la modernisation d'une partie de ses F-15J de supériorité aérienne afin de les maintenir en service au-delà de 2020.

 

Fonte .... http://www.air-cosmos.com/defense/tokyo-veut-moderniser-ses-f-15j.html

Link to comment
Share on other sites

In passato si è sempre proposto il vecchio sotto forma di riprogettazione e oggi anche upgrade delle vecchie cellule.

Spessissimo simili proposte sono state bocciate, rappresentando anche la fine del costruttore che non aveva saputo o potuto competere con qualcosa di più innovativo alla sostituzione del mezzo che produceva.

 

Oggi le alternative non sono affatto numerose, anzi, nel caso dell'F-15CJ, il vero sostituto pariclasse manca proprio. Questo fornisce maggiore vigore a certe soluzioni "tampone" che, a guardare il calendario, mettono in evidenza una grave carenza di idee e di pianificazione, prima ancora che di denaro.

 

Presumibilmente l'aggiornamento degli attuali F-15 da caccia è anche una mossa per guadagnare tempo e valutare le possibilità di sviluppo del caccia indigeno, visto e considerato che il Giappone non ha mai nascosto di puntare a qualcosa di più dell'F-35, che è nato per sostituire velivoli multiruolo di classe inferiore a quella dell'F-15.

La specifica richiesta che questo sostituto sia stealth e il divieto di esportazione dell'F-22, non danno alternative se non la via nazionale, ammesso si vorrà ancora seguirla una volta che l'F-35 avrà sviluppato a pieno il suo potenziale AA.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Missili Taurus per gli F15-K sud-coreani ....

 

Séoul va signer pour ses missiles Taurus ....

C'est la presse sud-coréenne qui le rapporte: Séoul serait sur le point de passer commande d'un nombre indéterminé de missiles de croisière Taurus pour équiper ses chasseurs-bombardiers à long rayon d'action F-15K.
La solution européenne avait déjà été annoncée en avril dernier comme tenant la corde face au missile américain AGM-158 JASSM.

 

Fonte .... http://www.air-cosmos.com/defense/seoul-va-signer-pour-ses-missiles-taurus.html

Link to comment
Share on other sites

Ma attualmente non e' integrato nei sistemi dell' F-15K vero?

 

Si direbbe di no .... però ....

 

For integration into the F-15K, Taurus Systems and the U.S. defense giant Boeing, the manufacture of the F-15K, developed a detailed integration platform.

 

Fonte .... http://www.koreatimes.co.kr/www/news/nation/2013/11/116_145207.html

Edited by TT-1 Pinto
Link to comment
Share on other sites

Dopo la nota sconfitta per la gara coreana, Boeing si prepara a concorrere per il possibile sub-lotto "urgente" di 20 aerei nello stesso Paese. Ma per tale numero non presenterà il Silent Eagle, il cui concetto sembra andare in naftalina, ma un "Advanced eagle", verosimilmente un ulteriroe sviluppo del K, più facilmente e rapidamente realizzabile: http://www.flightglobal.com/news/articles/for-boeing-defense-its-fight-where-you-can-393730/

 

Believed to be in the frame for this non-stealth part of the package are the F-X III contenders Eurofighter and F-15 – and Boeing’s evident price advantage may well swing the deal. The “Advanced F-15” lacks the canted tails and conformal weapon bays of the Silent Eagle, which was already the only F-XIII bid to come in under Seoul’s original budget.

 

Link to comment
Share on other sites

Mmm quindi su questo Eagle avremo semplicemente un avionica migliorata. E' un peccato che questa versione "silent" non sia riuscita a decollare. Per un paese gia' affine all'F-15, alla sua gestione e alla sua integrazione nello strumento aeronautico, sarebbe potuto essere un buon compromesso fra prezzi "onesti" e una bassa osservabilita'...

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo se i numeri sono quelli non si giustifica assolutamente, dal punto di vista dei costi e delle comunanze logistiche, una macchina così differente come il Silent Eagle.

Le derive divergenti d'altra parte vanno in abbinata ad una configurazione aerodinamica molto più evoluta e che richiede un sistema di comandi di volo completamente differente.

Con essa anche i nuovi fast pack con stive integrate verrebbero a perdere un po'di valore in quanto la configurazione aerodinamica nuova si proponeva di compensare la perdita di carburante (legata all'introduzione stive) con una maggiore efficienza aerodinamica.

Alla fine è meglio proporre un upgrade del K.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...