Jump to content
Aggiornamento forum 2018 Read more... ×
Sign in to follow this  
Maverick1990

B-52 Stratofortress

Recommended Posts

Il B-52 è praticamente un coetaneo del F104 e quindi non credo che sia propriò il massimo della modernità, però vedendolo adoperato ancora in molte operazioni molitari mi chiedevo che tipo di bombe porta con se e che tipo di strumentazione ha nel suo interno per coplire con una buona precisone il bersaglio, ormai non esistono più i bombardamenti a tappeto ( ad alcuni farebbero solo bene....) quindi immagino che quando il bestione dei cieli apre lo sportellone le bombe vadano in un punto ben preciso......

 

Thanks for le spiegazioni

 

Ah ragazzi mav è tornato ;)

 

--------------

SCHEDA TECNICA SITO

 

 

Altre discussioni sul B-52 Stratofortress:

 

Fumo dai motori dei B-52

B-52 a mach 1?

Edited by fabiomania87

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mav, tutte quelle informazioni sul B-52 non te le so dare, ma sappi che è insostituibile anche dopo 50 anni!!!

 

Un mito B)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Restando alla versione H, che è quella rimasta in servizio (94 esemplari) diciamo subito che il B-52 è in grado di volare per 14.000 km (oltre al rifornimento in volo) di raggiungere una velocità di circa 1000 km/h e di trasportare oltre 31 tonnellate di carico bellico.

 

Il grosso vantaggio del B-52H è che in pratica è omologato per trasportare qualsiasi armamento dell'USAF, dalle bombe stupide ai più recenti missili intelligenti.

 

Nel bombardamento a "tappeto" il carico tipico è di 51 bombe Mk.82 (da 454 kg) oppure da 30 a 51 bombe cluster tipo CBU.

 

Nell'attacco in profondità può trasportare 20 missili cruise ALCM, oppure 18 bombe JDAM oppure 8 missili Have Nap.

 

Nell'attacco antinave può trasportare 8 missili Harpoon.

 

Nell'attacco nucleare può trasportare 8 armi nucleari di vario tipo.

 

Questi sono solo alcuni dei carichi bellici compatibili, distribuiti tra la stiva interna (in cui è sistemato un lanciatore rotante a 8 scomparti) e due piloni subalari ad altissima capacità.

 

Tenendo conto che un aereo classe F-16 al massimo trasporta un paio di armi aria-terra (parliamo di condizioni operative) è chiaro il motivo per cui l'USAF è restia a separarsi da questi bestioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

che alla fine è un tubo con otto motori vero?

 

Certo l'Usaf si ieje stretto il B-52 perchè è un grosso bombardiere pesante comunque ancora utile dato che si adatta con tutte o quasi tutte le bombe e missili che ha a disposizione l'usaf ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah infatti........cmq si il B-52 è un bestione con otto motori.....qualcuno sa longhezza e apertura alare? :helpsmile::okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites

La verita è che i tagli al budget della difesa, non hanno permesso la sostituzione del B52 con il B2.

 

 

Cmq. anche il B2 e il B1 negli ultimi anni sono stati aggiornati per poter impiegare la maggior parte degli armamenti aria-suolo in dotazione al USAF.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fatto sta che è un progetto particolarmente indovinato :okok:

Un po' come il C-130,che ancora non ha un valido sostituto... :okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per Gianni79.

 

Anche se B-1 e B-2 sono stati pian piano "omologati" per vari armamenti, il B-52H è ancora l'unico a poterne impiegare svariati tipi.

 

Ad esempio, B-1 e B-2 non sono omologati per i missili Harpoon, nè per gli Have Nap, nè per gli ALCM (il B-1B aveva questa capacità ma l'ha persa), nè per i vari modelli di mine navali, nè per le vecchie (ma ancora diffusissime e quindi da "consumare" bombe M117).

 

I B-52 possono impiegare oltre 30 diversi modelli di armi di caduta, contro la dozzina dei suoi "colleghi".

 

Certamente non ci vuole poi molto a integrare le armi sul B-1 (sul B-2 le cose sono più difficili) ma sarebbe comunque estremamente costoso.

 

Tra l'altro, il B-52 non soffre dei problemi di funzionamento della suite elettronica che hanno afflitto (e forse ancora affliggono) il B-1B e non è così delicato e costoso come il B-2.

 

Non mi meraviglierei se il B-52 sopravvivesse a entrambi i modelli.... !

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per Maverick.

 

Per quanto riguarda la strumentazione del B-52H, essa è estremamente complessa.

 

Ci sono oltre una ventina di sistemi avionici e di combattimento principali.

 

Quando è nato, la suite principale del B-52H era un sistema di navigazione e attacco denominato OAS che comprendeva un apparato TERCOM (lo stesso tipo usato dai missili Tomahawk e ALCM prima dell'avvento del GPS) interfacciato con un sofisticato sistema INS e un radar d'attacco APQ-156.

Questa suite era integrata dal sistema di penetrazione a bassa quota AAQ-6/AVQ-22 comprendente FLIR e TVLL.

 

Questa suite, che è stata ulteriormente e costantemente aggiornata, era stata concepita per garantire al B-52H di compiere la sua missione principale: l'attacco di precisione nucleare.

 

Oggi che le esigenze sono mutate, queste apparecchiature restano comunque perfettamente utilizzabili anche per l'attacco convenzionale, specialmente dopo i più recenti aggiornamenti (1994, programma Rapid Eight e programma CEM; 1999 programma AMI; 2000 programma SADI).

Share this post


Link to post
Share on other sites
:helpsmile: non mi ricordo quele sia dei due....ma mi pare di avere letto che o il b 52 o il b2 può portare un bel pò di testate nucleari......credo che sia il b 2.......però non so...... :helpsmile:

Share this post


Link to post
Share on other sites

sono entrambi bombardieri strategici ma il B52 porta più carico

Share this post


Link to post
Share on other sites

a parità di peso non mi pare che ci sia differenza tra una nucleare e una convenzionale

quindi io penso che avendo più carico non fa differenza tra le due tipologie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Siccome le testate nucleare non sono noccioline e non si usano a iosa come le bombe normali, tutti i bombardieri americani strategici hanno un armamento tipico nucleare di 8 bombe alloggiate in un lanciatore rotante nella stiva (il B-1B ha ben tre lanciatori interni, ma in missione nucleare ne verrebbe utilizzato solo uno).

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma perchè 8 bombe e addirittura il b1 24 .

 

Una dovrebbe bastare e avanzare per fare un gran casino :ph34r:

Share this post


Link to post
Share on other sites

No non bastano.

Il casino da fare e direttamente proporzionale a quanto pericoloso è il tuo nemico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti si tratta di capacità massime, che hanno poco senso in operazioni nucleari reali: di solito a un bombardiere viene assegnato un obiettivo e basta, quindi una sola bomba è sufficiente.

 

Però il lanciatore comune a otto celle è un sistema standard, (chiamato CSRL) contenuto in stiva, che dispone di 8 celle (appunto), ognuna delle quali può imbarcare un'arma nucleare o una o più armi convenzionali.

 

Ad esempio, può imbarcare varie combinazioni di missili SRAM, bombe nucleari, missili ALCM, bombe convenzionali, cluster ecc...

 

E' un lanciatore multistandard, potremmo definirlo così.

 

La stiva del B-52 è predisposta per accoglierne uno, così come il B-2.

 

La stiva del B-52 è grande, ma non è stata progettata dall'inizio per il CSRL, per cui ne può imbarcare solo uno.

 

La stiva del B-2 è invece più piccola, e per questo anche il B-2 può imbarcare un solo CSRL.

 

Invece il B-1 è stato progettato sin dall'inizio per avere tre stive esattamente sagomate per accogliere ciascuna un CSRL.

 

Di fatto, la stiva posteriore non viene quasi mai usata e si preferisce utilizzarla per alloggiarvi un serbatoio extra, mentre le due stive centrali sono quelle normalmente adoperate.

 

Ora, nella logica della missione nucleare per cui i B-1 erano stati progettati inizialmente, occorre ricordare che gli americani hanno basato la loro filosofia di guerra strategica nucleare (da non confondere con quella tattica) su due concetti:

 

1) il concetto di triade, per cui ogni componente (ICBM, bombardieri, SSBN) dev'essere in grado DA SOLA di distruggere il nemico;

 

2) le armi strategiche vanno utilizzate solo DOPO che il nemico ha già sferrato il suo attacco e le sue testate nucleare hanno cominciato a colpire il territorio americano (questo per evitare lo scoppio di una guerra nucleare per errore).

 

Pertanto, era probabile che il primo attacco sovietico avrebbe distrutto la forza ICBM basata a terra, nonchè le basi dei bombardieri. Per cui la ritorsione andava affidata alle forze rimaste: i sottomarini SSBN e i bombardieri che erano in volo (gli USA tenevano sempre almeno due squadriglie di bombardieri costantemente in volo).

 

Sui sottomarini SSBN non si poteva contare al 100 %: le comunicazioni potevano essere interrotte, i missili SLBM non sono molto precisi, i sottomarini potevano trovarsi lontani dalle zone di lancio. Inoltre i missili SLBM non possono essere riprogrammati in mare in poco tempo, e dopo il lancio non possono essere fermati nè la loro rotta può essere modificata.

 

Invece i bombardieri potevano ricevere il comando di attacco, e poteva loro essere ordinato di colpire obiettivi diversi da quelli inizialmente pianificati, anche durante la missione.

Evenienza probabile, ove si consideri che un bombardiere diretto contro un obiettivo poteva essere intercettato e distrutto dai caccia nemici, per cui occorreva che un altro bombardiere provvedesse a distruggere anche quell'obiettivo, oltre al proprio.

 

E siccome di bombardieri in volo ce ne potevano essere al massimo una ventina, ecco che la capacità di trasportare un certo numero di ordigni nucleari (8-16) diventava fondamentale: con 8 bombe ciascuno si potevano colpire fino a 160 bersagli, abbastanza per una ritorsione distruttiva.

 

La missione del B-1, poi, prevedeva che una stiva fosse caricata con 8 bombe nucleari e l'altra con 8 missili SRAM.

I missili SRAM erano missili nucleari supersonici.

Il B-1 li avrebbe impiegati per "spazzare via" le difese antiaeree del nemico, in maniera da aprirsi la strada verso l'obiettivo o gli obiettivi, da colpire con le bombe.

 

Ecco spiegato il motivo della maggiore capacità nucleare del B-1.

Share this post


Link to post
Share on other sites

a conti fatti le bombe di hiroshima e nagasaki hanno risparmiato vite: sai quanti morti ci sarebbero stati se gli USA avessero invaso il giappone in maniera convenzionale?

 

e poi bisogna anche dire che la guerra fredda non è diventata calda anche perchè le nazioni avevano già visto al potenza delle bombe

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se sganci una sola bomba il nemico può pensare che è l'unica che hai.

 

Se ne sganci due entra in gioco il detto "non c'è due senza tre" e il nemico si arrende.

 

Questa, molto semplicemente, la logica di Hiroshima e Nagasaki.

 

Quanto all'importanza di averle usate, sia per porre fine alla guerra sia per evitarne altre, vale la logica: solo quando il fuoco ti brucia, impari a non toccarlo.

 

Aver visto gli effetti reali di quelle bombe sui corpi umani, è servito ad evitare un olocausto peggiore.

 

Nel gergo dei militari si usa dire che quando i generali hanno a disposizione molti gingilli nuovi, prima o poi prude la voglia di vedere come funzionano.

Con le armi atomiche non c'erano più pruriti di questo genere.

 

Skettles, hai le idee un po' confuse.

 

I missili nucleari sono armi stupide. I bombardieri sono armi intelligenti: c'è un equipaggio a bordo. Questo fa tutta la differenza.

 

Sai che facevano i piloti dei B-52 destinati a scatenare l'olocausto nucleare?

Quando erano in volo, ascoltavano le stazioni radio di musica di New York.

Perchè così si rendevano conto se un eventuale ordine di ritorsione era reale oppure era un errore. Se New York era ancora in piedi, probabilmente era un ordine sbagliato e conveniva approfondire la questione.

Vaglielo a dire a un missile...

 

E a proposito: le bombe a guida laser, per quanto compatibili con il B-52, non ne costituiscono l'armamento tipico di missione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per non aprire l'ennesima discussione sul B-52, chiedo se ha qualche missile aria-aria per difendersi :helpsmile:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bravo, è così che si fa. Aprire nuove discussioni rende il forum un guazzabuglio incomprensibile.

 

No, il B-52 non trasporta missili aria-aria.

 

Teoricamente non ci vuole niente a montargli qualche rotaia di lancio per missili tipo Sidewinder, ma l'utilità sarebbe praticamente zero.

 

Una cosa curiosa, però, è che c'è stato uno studio per modificare i missili AGM-69 SRAM (a testata nucleare, ormai radiati) per renderli compatibili al ruolo aria-aria.

 

Gli SRAM erano missili che dovevano servire al B-52 per "aprirsi la strada", a colpi di esplosioni nucleari, attraverso le difese aeree nemiche.

In caso di attacchi da parte di formazioni di caccia, uno SRAM aria-aria avrebbe potuto spazzarle via.

 

Lo SRAM era una bestiolina armata con una testata nucleare da 300 kt, una gittata di 160 km e una velocità di oltre Mach 3.

Share this post


Link to post
Share on other sites

adesso si volevano abbattere i caccia con le testate nucleari.....forte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×