Jump to content

Aerei Italiani in Afghanistan


Recommended Posts

  • Replies 158
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Mi pare che quelli dell'Aufklarunggeschwader 51 (se ho scritto un altra cosa correggetemi perchè il mio crucco è abbastanza arrugginito) non siano proprio addestrati a sganciare qualcosa, sono storica

dal TG1 delle 20.00 di lunedi 5 gennaio 2009

 

tornado afghanistan

 

il minuto è il 21.54, non è molto, ma ci si fa un'idea di quello che fanno

 

Notate che si parla di solo 2 tornado rischierati momentaneamente, gli altri 2 arriveranno direttamente ad Herat come dice il comandante del 154° gruppo...

Vorrei sottolineare l'ultimo passaggio del comandante.E' infatti la prima volta che si parla di un uso offensivo dei Tornado,sebbene limitato a casi estremi di protezione del contingente e sebbene tale capacità non sia ancora implementata nell'ambito del reparto rischierato(cioè non si sono portati ne bombe ne CLDP).

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Eccovi, dal sito ufficiale dell'Aeronautica Militare Italiana, il link ad un articolo sull'insieme delle attività della "Joint Air Task Force" (JATF) in Afghanistan, con sublink a 2 filmati e ad 1 fotogallery, nonché ad altri articoli sul medesimo argomento:

 

http://www.aeronautica.difesa.it/SitoAM/De...amp;idente=1398

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Posto qui il link alla notizia che riguarda, come quella del messaggio precedente, l'attività della "Joint Air Task Force" (JATF) italiana in Afghanistan.

 

Si tratta di una COMAO (Combined Air Operation), cioé di una complessa operazione aerea che ha visto, per la prima volta, contemporaneamente coinvolte tutte le Forze della componente aerea italiana.

 

Eccovi il link:

 

http://www.difesa.it/Operazioni+Militari/o...m?DetailID=9756

Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...

altre info sull'operato dei tornado da pagine di difesa

 

Il 21 gennaio sul cielo di Sheberghan, a circa 150 chilometri a ovest di Mazar-e Sharif, i Tornado italiani hanno effettuato la centesima ora di volo in Afghanistan per assicurare alle Forze ISAF (International Security Assistance Force) il supporto alle operazioni terrestri attraverso la ricognizione e la sorveglianza aerea.

 

I Tornado italiani forniscono oggi più di un terzo del materiale fotografico in formato digitale indispensabile per l’attività di Intelligence, Surveillance and Reconnaissance (ISR), divenendo così il primo assetto tra quelli di “Ricognizione” per quantità e qualità di materiale fornito. Nel prossimo futuro, grazie all’aggiornamento del software del sistema di ricognizione, denominato POD Reccelite, sarà possibile trasmettere le informazioni ISR in tempo reale a terra via data link.

 

Quella dei Tornado è stata la 45^ sortita dal 28 novembre scorso, data del loro arrivo in Teatro Operativo, e il traguardo delle 100 ore di volo viene tagliato in meno di un mese dal raggiungimento della Final Operational Capability ( Foc).

 

Fonte: Italfor Herat

Edited by IamMarco
Link to post
Share on other sites

Sull'articolo de "Il Mattino" di oggi

Se il pod dovesse far spazio all'armamento a guida laser ... la stagionde del cambiamento delle regole di ingaggio imporrebbe tempi tecnici di una certa durata. "Quando abbiamo dato avvio alla nostra missione l'evenienza non è stata presa in considerazione, nemmeno disponiamo del materiale per una diversa configurazione" taglia ancora corto il comandante Fedeli...
:ph34r:
Link to post
Share on other sites

tratto dal sito analisi difesa, è una parte dell'articolo di Gianandrea Gaiani:

 

E già che siamo in Afghanistan torniamo a occuparci di impiego “serio” dei militari cercando di capire se i quattro bombardieri italiani Tornado inviati a Mazar-i-Sharif e presto trasferiti a Herat possono svolgere solo missioni di ricognizione o sono autorizzati anche a usare le armi. La questione sembra infatti ancora tutta da chiarire benché il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, abbia annunciato il 17 dicembre la piena operatività dei primi due velivoli con esclusivi compiti di “ricognizione”. Una conferma di quanto anticipato il 9 ottobre dallo stesso ministro quando, illustrando la missione dei jet del 6° Stormo aveva precisato che avrebbero avuto “funzioni solo di monitoraggio del territorio”. I jet sono partiti per la base di Mazar-i-Sharif senza bombe ma a far trapelare un possibile impiego in azioni di attacco al suolo contro i talebani hanno contribuito alcune indiscrezioni e un’intervista rilasciata al TG1 del 5 gennaio dal colonnello Francesco Vestito che guida la Task Force aerea del contingente italiano a Herat, nella quale dichiara che in caso di emergenza i Tornado potranno intervenire a difesa di truppe terrestri. Il 22 gennaio un articolo pubblicato dal settimanale Panorama (finora non smentito) ha aggiunto, citando fonti della Difesa, che in caso di necessità le bombe saranno chieste agli alleati. Come abbiamo già scritto, impiegare i bombardieri Tornado solo per compiti di ricognizione significa limitarne il ruolo anche perché in Afghanistan le missioni a supporto delle truppe non costituiscono un’emergenza ma una routine quotidiana. Gli italiani trasferiranno in primavera i Tornado a Herat dove non vi sono aerei da guerra alleati e le bombe, per essere pronte all’occorrenza, dovranno essere già disponibili nella base aerea italiana. Il Tornado dispone anche di due cannoncini da 27 millimetri Mauser, di efficacia limitata rispetto agli ordigni di precisione che è in grado di imbarcare e che sarebbero preziosi per le truppe italiane e alleate di fronte alla recrudescenza degli attacchi talebani. Inoltre i raids dei Tornado in soccorso alle truppe sotto attacco non violerebbero il mandato “difensivo” assegnato al contingente italiano. E poi, per “par condicio” interforze, sarebbe ingiusto impedire ai jet dell’Aeronautica di lanciare bombe dopo aver schierato a Herat gli elicotteri da attacco Mangusta dell’Esercito che, armati con cannoncini e missili, hanno già eliminato un numero considerevole di talebani.

Link to post
Share on other sites

Sarebbe interessante avere qualche foto dal fronte.

Basterebbe dare un'occhiata ai nostri IDS per capire immediatamente quali sono i limiti della missione...

 

Se l'aereo decolla munito di qualche ordigno state certi che in caso di necessità verrà utilizzato senza tanto riguardo ai comunicati ufficiali, se invece l'aereo decolla solo con il Pod Reccelite e i Sidewinder sicuramente i nostri Tornado non svolgeranno attività offensiva, perchè anche nell'ipotesi che un contingente NATO dovesse trovarsi in difficoltà interverebbero rapidamente gli F-15 o F-16 in costante pattugliamento sui cieli afghani.

Link to post
Share on other sites

Però non capisco perchè si reputano inefficaci i cannoncini Mauser. Non sono ordigni di precisione, ma il loro sporco lavoro lo fanno e anche bene, ed i nostri piloti si esercitano a farlo.

 

Tenendo conto che spesso per far scappare i talebani basta una passata a bassa quota full AB, credo che l'armamento fisso sia effettiamente più spendibile, politically correct e meno appariscente. Ovvio che preferirei vedere delle GBU appese ale ali dei tornadozzi nostrani, ma non sottovalutiamo il resto!

Link to post
Share on other sites
Però non capisco perchè si reputano inefficaci i cannoncini Mauser. Non sono ordigni di precisione, ma il loro sporco lavoro lo fanno e anche bene, ed i nostri piloti si esercitano a farlo.

 

Tenendo conto che spesso per far scappare i talebani basta una passata a bassa quota full AB, credo che l'armamento fisso sia effettiamente più spendibile, politically correct e meno appariscente. Ovvio che preferirei vedere delle GBU appese ale ali dei tornadozzi nostrani, ma non sottovalutiamo il resto!

Tuccio non credo che si reputino inefficaci i Mauser in se(anzi il loro 27mm è decisamente meglio per lo strafing del vulcan);più che altro la limitazione di dover usare solo quelli,utili in molte situazioni (quando i nemici sono pochi e magari a pochi metri dai nostri)ma non in tutte;se i nemici si trincerano in qualche posizione protetta bisognerà comunque affidarsi ad un cacciabombardiere armato di bombe.In tal senso non chiamerebbero mai un nostro Tornado; e poi sinceramente usare un bombardiere bimotore biposto per effettuare solo strafing mi sembra poco costo efficace e per quanto mi riguarda lo è già questa pagliacciata di usare un fast jet come piattaforma ISR quando nell'ambiente Afghano lo possono fare tranquillamente i Predator;a meno che ovviamente non si configuri come una mossa per schierare comunque i Tornado e poi in seguito usarli pure per il CAS e magari diciamo in giro che ce l'ha chiesto Obama così sono contenti tutti.

Edited by super64des
Link to post
Share on other sites
Ecco un altro buon motivo per prendere gli F-35 al posto dei Tornado: hanno le stive interne :asd:

Me l'hai rubato di bocca! :asd:

 

Tuccio non credo che si reputino inefficaci i Mauser in se(anzi il loro 27mm è decisamente meglio per lo strafing del vulcan);più che altro la limitazione di dover usare solo quelli,utili in molte situazioni (quando i nemici sono pochi e magari a pochi metri dai nostri)ma non in tutte;se i nemici si trincerano in qualche posizione protetta bisognerà comunque affidarsi ad un cacciabombardiere armato di bombe.In tal senso non chiamerebbero mai un nostro Tornado; e poi sinceramente usare un bombardiere bimotore biposto per effettuare solo strafing mi sembra poco costo efficacia e per quanto mi riguarda lo è già questa pagliacciata di usare un fast jet come piattaforma ISR quando nell'ambiente Afghano lo possono fare tranquillamente i Predator;a meno che ovviamente non si configuri come una mossa per schierare comunque i Tornado e poi in seguito usarli pure per il CAS e magari diciamo in giro che ce l'ha chiesto Obama così sono contenti tutti.

Sì con me sfondi una porta aperta, stai tranquillo! ;)

Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...

da pagine di difesa.

 

Gli aerei Tornado italiani rischierati nella base di Mazar-e Sharif hanno superato le 200 ore di volo, 100 della quali effettuate nel solo mese di febbraio.

 

“Il mese di febbraio è stato particolarmente prolifico per l’attività di volo dei Tornado che hanno volato cento ore in poco più di un mese”, ha affermato il colonnello Francesco Vestito, comandante della Joint Air Task Force (JATF) del Regional Command West (RC-W) “e questo traguardo è chiaro indice del sostenuto ritmo di attività al quale la componente Tornado è sottoposta nella missione ISAF.

 

Con circa 200 obiettivi fotografici battuti su tutto il territorio afgano, la capacità Intelligence, Surveillance and Reconnaissance (ISR) del Task Group Devil si pone tra le più evolute tecnologicamente fra quelle delle Forze aeree della Coalizione. Questo significativo risultato è frutto dell’affiatamento tra la componente naviganti e quella tecnica del 6° stormo di Ghedi (Brescia), che sta esprimendo un elevato apporto in termini di efficienza tecnica di particolare valore, per la quale i vertici militari Nato in Afghanistan hanno espresso il loro apprezzamento”.

 

“L’eccezionale risultato dei Tornado rappresenta le elevate performance che le Forze italiane possono esprimere nell’ambito della missione ISAF grazie soprattutto al valore e alla determinazione del nostro personale” ha commentato il generale Paolo Serra, comandante di RC-W.

 

Fonte: Italfor Herat

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

Un aggiornamento sull'attività dei nostri "Tornado" in Afghanistan.

 

Dal link http://www.dedalonews.it/it/index.php/04/2...mando-tg-devil/

 

riporto:

 

Afghanistan: cambio comando TG Devil

 

Il capitano navigatore Paolo Rubino è il nuovo comandante del Task Group "Devil", l’unità della Joint Air Task Force (JATF) che opera con Tornado dalla base di Mezar-e Sharif. Sostituisce il ten. col. pil. Federico Fedele, rientrato in Italia con il 156° Gruppo dopo una permanenza in Afghanistan di circa due mesi. Nel teatro operativo tornano gli uomini del 154° Gruppo, insieme a quelli del 102°, entrambi del 6° Stormo che da novembre ad oggi hanno totalizzato circa 300 ore di volo. Ciò equivale a quasi 200 obiettivi di ricognizione fotografica, pari a circa un terzo degli obiettivi totali assegnati agli assetti Intelligence Surveillance e Reconnaissance (ISR) di ISAF. La JATF dipende dal Regional Command West di ISAF, oggi comandato dal gen. b. Rosario Castellano.

Link to post
Share on other sites
  • 3 months later...

Afghanistan, La Russa: Tornado usino cannoncino in caso attacco

Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa intende proporre in Parlamento che i Tornado impegnati in Afghanistan possano utilizzare il cannoncino che hanno a disposizione in caso di attacco delle truppe da terra. "Proporrò al Parlamento che i Tornado utilizzino il cannoncino quando le truppe vengono attaccate da terra - ha detto - fermo restando il loro compito di monitoraggio e il divieto di bombardare". A margine di una conferenza stampa, La Russa ha riferito che il Parlamento "ha già autorizzato l'invio di quattro Tornado, due dei quali sono già pronti. I Tornado hanno un cannoncino che è come quello degli elicotteri ed è stupido che non possano intervenire". Quanto invece alle misure di sicurezza per i nostri uomini impegnati nell'area afgana, La Russa ha garantito che "il Governo italiano non lascia nulla di intentato per la sicurezza dei propri uomini". "Al momento non esiste un mezzo più sicuro del Lince a disposizione del nostro contingente il che non vuol dire che non possa essere messo in campo qualcosa di più sicuro come ad esempio il Freccia".Virgilio Notizie Aggiunto da 14 Min (13.20).

 

 

Ignorate le imprecisioni tecniche e concentratevi solo sulla notizia! :whistling:

Edited by Blue Sky
Link to post
Share on other sites

bhe non ha tutti i torti.

dal mio punto di vista, vedendo i recenti attacchi alle forze italiane penso sia giusto sfruttare tutto il potenziale bellico a disposizione sul campo per salvare difendere delle truppe che sono per giunta in missione di pace

Link to post
Share on other sites

ma la russa sa che cosa è un tornado? come è possibile fornire copertura aerea con un bombardiere da interdizione che può usare solo i cannoncini :ph34r: e poi dire che i cannoncini FISSI sulla fusoliera del torando posso svolgere la stessa funzione del cannoncino sulla torretta del mangusta è davvero obbrobrioso!

"I Tornado hanno un cannoncino che è come quello degli elicotteri ed è stupido che non possano intervenire" l'unico stupido è la russa che poteva risparmiarsi di dire queste cose per far vedere che vuole aumentare la sicurezza!!!! l'unico modo che i tornado possono essere utili sono con le bombe e basta!!! non sono mica a10 che anche se hanno un cannone enorme ,volano sempre con armamento di caduta perchè il cannone può essere utile solo in casi moooolto particolari. sentite cosa ne pensa nativi dei mitragliamenti P. s non hanno buon senso :thumbdown:

Link to post
Share on other sites

Non so quanto ne capisca La Russa, ma penso che per scucire il voto vada bene anche quella frase, magari approssimativa ma il senso non cambia.

 

E' scandaloso che un pilota non possa eseguire uno strafe dal Tornado se fosse necessario, mentre il pilota di un Mangusta può, allora azzeriamo sta differenza, poi sul campo si vedrà cosa usare.

Link to post
Share on other sites
  • 6 months later...
Conosci info più dettagliate sull' impiego degli harrier della M.M in afghanistan nel 2001...??? sono stati utilizzato in missioni d' attacco???

 

 

Beh partivano armati e tornavano senza, se non hanno buttato qualche tonnellata di smart bombs in mare direi proprio di si...

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...