Jump to content
Sign in to follow this  
enrr

C-17A Globemaster III - discussione ufficiale

Recommended Posts

Il Quatar acquista il C-17 in modo separato, i mezzi direttamente da Boeing per un cifra imprecisata (suppongono circa 400-450 milioni), il supporto via FMS per 400 milioni di $, prima consegna in 1 anno

 

On July 11/08, the US Defense Security Cooperation Agency announced [PDF format] Qatar’s official request for logistics support, training, and associated equipment and services. The total value of the support arrangements could be as high as $400 million.

 

Services will include logistics support and training, spare and repair parts, support equipment, flight engineer training, communications equipment, maintenance, personnel training and training equipment, publications and technical data, U.S. Government and contractor engineering and logistics support services, preparation of aircraft for shipment, etc. C-17 maker Boeing will be the contractor. The proposed services will require 10 U.S. Government and contractor representatives to participate in training, and be present for technical reviews twice per year.

 

The C-17 aircraft and engines will be sold via direct commercial sale (Boeing release), rather than a Foreign Military Sale that must be announced by the DSCA. Based on past C-17 purchases, the 2 planes are likely to cost another $400-450 million.

 

-----

 

The company did not give the value of the order but said it would begin deliveries from its Long Beach, California-based C-17 factory in summer 2009.

Strada che presumo potrebbe essere interessante anche per noi e che potrebbe essere alla base della volontà di AM (abituati a fare pazzie) di uscire dal programma NATO del trasporto strategico SAC.

Al cambio attuale 850 milioni di $ sono circa 550 milioni di €, oltre 50 sono già in bilancio per il SAC, uno sconto da Boeing si può ottenere in cambio del mancato lavoro e dei ritorni industiali sui KC-767A. Tutto sommato un pensierino ce lo farei...

Share this post


Link to post
Share on other sites

una domanda ma sul C-17 non si puo installare un kit per trasformarlo alla bisogna in tanker come sul C-130? rinunciando a un 767 potremmo scambiarlo con un C-17 per avere un ulteriore sconto .

 

secondo me un C-17 tanker dovrebbe avere la priorità visto le le sue linee di produzione stanno per chiudere mentre di 767 da riconvertire lo si troverà sempre.

 

questo se si ritiene che il C-17 ci sia Davvero necessario

e Tremonti permettendo

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti, con questa storia (assurda, secondo me) di uscire dal progetto NATO, non sarebbe male l'ipotesi formulata da enrr. I 767 sono indispensabili, quindi scambiarli con un cargo non credo sia proponibile.

 

Poi non sono a conoscenza dell'esistenza di kit per trasformare i C-17 in tanker (bisognerebbe chiedere a chi si occupa di chemtrails :rotfl: ), se così fosse si potrebbe anche farci un pensierino, pensandoci bene l'unico aereo in AMI a necessitare del rifornimento con asta rigida sarà il Lightning (e il suddetto C-17, se si farà).

 

Il tutto, vista la prospettiva delle tanto-auspicate-da-Sarkozy FFAA UE, potrebbe anche risultare utile per dotare l'aeronautica del vecchio continente di una sufficiente flotta da trasporto strategico indipendente dalla NATO...

Share this post


Link to post
Share on other sites

vero io però preferirei spenderli quei soldi in AWA & Cs piuttosto che in trasporti

Share this post


Link to post
Share on other sites
vero io però preferirei spenderli quei soldi in AWA & Cs piuttosto che in trasporti

Pure io, ma bisogna anche stare attenti ai "saldi di stagione" che fanno i produttori, ora il C-17 poi in futuro...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gente alle FFAA italiane fanno più comodo i trasporti che gli AEW&C. Per chi non lo avesse notato abbiamo migliaia di uomini in missione in paesi molto distanti dalla Madrepatria e dei C17 (anche 3) farebbero davvero comdo. Non mi venite a dire che i C130J bastano e avanzano perchè l'Italia acquista centinaia di fh di voli di An124 e C17 per supportare la missione in Afghanistan (e non solo quella).

 

2-3 C17 servono ed anche più e prima degli AEW&C.

 

Se proprio si vuole risparmiare allora si comprino i C17 delle prime serie dell'USAF (quelli dal 1994 al 1998) che tanto a noi andrebbero più che bene e ci durerebbero per almeno una trentina di anni ancora.

 

No, non esistono kit tanker per i C17. Poi il cambio KC767 per un ipotetico KC17 non sarebbe conveniente. Meglio avere tutti e quattro i tankers che sono pure pochi.

Edited by Marvin

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gente alle FFAA italiane fanno più comodo i trasporti che gli AEW&C. Per chi non lo avesse notato abbiamo migliaia di uomini in missione in paesi molto distanti dalla Madrepatria e dei C17 (anche 3) farebbero davvero comdo. Non mi venite a dire che i C130J bastano e avanzano perchè l'Italia acquista centinaia di fh di voli di An124 e C17 per supportare la missione in Afghanistan (e non solo quella).

------------

Appunto: il trasporto logistico lo puoi affittare o lo puoi gestire in sharing con altri Paesi... le capacità di un AWACS no.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Appunto: il trasporto logistico lo puoi affittare o lo puoi gestire in sharing con altri Paesi... le capacità di un AWACS no.

 

Non è tanto conveniente affittarlo, dato che è successo di vedersi sequestrato il carico perchè la compagnia non aveva pagato le royaltees di transito nel tale paese oppure perchè il paese con sede di armamento della flotta era indebitato fino all'osso del collo.

 

Poi non è che sia così economico (alle stesse FFAA italiane non piace tanto) affittare An124 o chiedere passaggi (dietro adeguata compensa) all'USAF, che ti da gli aerei solo se può e se gli va. E noi italiani siamo stati fortunati, visti i recenti buoni rapporti con Washington, ad avere QUANDO CAPITAVA i C17 USAF. Ma se così non fosse stato?

 

Considera inoltre che su certi aereoporti... CI ATTERRI SOLO COL TUO C17!!! Nel 2004 una qualsiasi compagnia aerea ti avrebbe detto cosa farci della tua richiesta se gli avessi chiesto di scendere sul Kandahar International con un paio di A129 sopra... ;) Se si spara o le piste sono disastrate ci puoi mandare solo aeromobili militari DI TUA PROPRIETA'!

 

Inoltre, in caso di emergenza... come fai? Chiedi al nemico una tregua finchè non trovi qualcuno disposto a darti un passaggio? Non credo proprio... ;)

 

EDIT

 

L'AEW è perfettamente inutile se l'Italia non entra in un contesto politico più interventista. Mandi aerei a bombardare l'Iraq di Saddam? Allora ti servono gli AEW. Ti limiti a sorvolare Torino per le Olimpiadi o il Vaticano per la messa di Pasqua? Allora bastano gli AWACS NATO.

 

NOTA

 

Dipendesse da me avremmo in linea/acquisizione 6 G550 AEW, 6/8 KC767 e 6 C17 ;)

Edited by Marvin

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dipendesse da me avremmo in linea/acquisizione 6 G550 AEW, 6/8 KC767 e 6 C17 ;)

Per i G550 si dovrebbero aggiungere anche i SIGINT.

 

Per i KC767 si parla di 2 opzioni (non ricordo da che fonte) ma temo non verranno mai esercitate

 

6 C17 sono troppi tenendo che abbiamo 12+10 C-130J appena comprati.

Già 2/3 sarebbero sufficienti a darci una certa indipendenza magari non totale ma almeno sul trasporto di materiali urgenti e/o vitali, poi per merci non troppo voluminose o pesanti (aka Centauro/Ariete/Pzh2000 o elicotteri) abbiamo anche i 767 per il trasporto strategico che dovrebbero garantire circa 80 tonn su 19 pallet NATO (il C17 ne porta 18)

Edited by enrr

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se ne parla da secoli ma secondo me rimarrà tutto sulla carta, infatti una visione obbiettiva e a lungo termine delle necessità delle FFAA italiane e gli acquisti vengono, quindi, fatti a seconda di come tira il vento.

In realtà la componente di trasporto in questo momento è più utile ed urgente della componente da combattimento che, per quanto bella e appariscente, poco ci serve nei numeri programmati (120 EFA e 131 F-35 sono il doppio di quanto abbiamo realmente bisongno).

Riguardo agli AEW sono senz'altro asset utili ma attualmente non abbiamo problemi nella difesa aerea e nel caso dovessimo intervenire in qualche missione "vera" non lo faremmo mai da soli e il supporto AEW&C sarebbe garantito dai nostri alleati.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per i G550 si dovrebbero aggiungere anche i SIGINT.

 

Per i KC767 si parla di 2 opzioni (non ricordo da che fonte) ma temo non verranno mai esercitate

 

6 C17 sono troppi tenendo che abbiamo 12+10 C-130J appena comprati.

Già 2/3 sarebbero sufficienti a darci una certa indipendenza magari non totale ma almeno sul trasporto di materiali urgenti e/o vitali, poi per merci non troppo voluminose o pesanti (aka Centauro/Ariete/Pzh2000 o elicotteri) abbiamo anche i 767 per il trasporto strategico che dovrebbero garantire circa 80 tonn su 19 pallet NATO (il C17 ne porta 18)

 

Sto parlando di quello che farei io, non di cio che serve alla difesa... e comunque 4-6 C17 sarebbero preferibili.

Share this post


Link to post
Share on other sites
e comunque 4-6 C17 sarebbero preferibili.

su questo non ci piove.

 

2 C-17 sarebbe una soluzione di estremo ripiego ma che potrebbe alleviare sufficientemente gli attuali problemi ma che non dissanguerebbe le nostre tasche.

 

Se via FMS gli USA fanno pagare al Marocco 10 milioni di $ per ogni F-16, uno sconto potrebbero farlo anche all'alleato italiano, contenti loro e contenta boeing

 

PS: Il leasing da 700+ milioni degli F-16 ADF prevedeva l'eventuale riscatto dei mezzi perchè quasi conveniva comprarli ma ciò avrebbe rotto ad AM che non poteva più prendersi i giocattoli nuovi dopo appena 10 anni

Share this post


Link to post
Share on other sites

Coi soldi spesi per anni ed anni di cargo strategici in affitto ci compravamo una flotta di 10 Globemaster... :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites
USAF ha ordinato 15 pezzi per 2,9 miliardi di $

Certo che sfruttare il periodo di saldi proprio non va giù al governo... E va bene che siamo alla frutta coi bilanci, ma un po' di programmazione e lungimiranza... Por*a vacca quanto ci costa affittare AN124 e cargo USAF? E se non entreremo nel SAC saremo gli zimbelli della NATO (si fa per dire, ma ci si avvicinerà molto). Botte vuota e moglie sobria.

Edited by Tuccio14

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ora non ricordo quanto costa l'affitto degli Antonov russi, tempo fa circolavano i costi (En magari se li ricorda), ed erano abbastanza alti.

 

Senza contare che, proprio negli UK, si sono accorti che i 4 C-17 presi inizialmente in leasing gli sono venuti a costare di più di un ipotetico acquisto diretto, e quando sono corsi ai ripari acquistando i suddetti velivoli è scoppiato uno scandalo sulla stampa inglese per questo spreco di denaro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ora non ricordo quanto costa l'affitto degli Antonov russi, tempo fa circolavano i costi (En magari se li ricorda), ed erano abbastanza alti.

 

Senza contare che, proprio negli UK, si sono accorti che i 4 C-17 presi inizialmente in leasing gli sono venuti a costare di più di un ipotetico acquisto diretto, e quando sono corsi ai ripari acquistando i suddetti velivoli è scoppiato uno scandalo sulla stampa inglese per questo spreco di denaro.

InItalia lo scandalo riguarderebbe la spesa per aerei da guerra importati dagli USA, la stampa italiana credo che si concentrerebbe più sul fatto in sè. Sia mai che li scambino per bombardieri nucleari...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest GIULIA

posso garantire l'assoluta utilita' di aereomobili,come i c-17 in questione,avendo avuto a che fare con tali aerei (ed i loro equipaggi)per diversi anni presso la base NATO(che gli americani non chiamano cosi')di sigonella......

personalmente,avendo accesso anche al settore italiano della base,e rendendomi conto della assoluta differenza di mezzi fra le due realta',non faccio fatica a comprendere quanto l'ausilio di mezzi come gli c-17 potrebbe essere importante per la nostra aviazione ed i suoi impieghi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder
non faccio fatica a comprendere quanto l'ausilio di mezzi come gli c-17 potrebbe essere importante per la nostra aviazione ed i suoi impieghi.

 

 

Purtroppo quello che sarebbe utile o necessario, non sempre è recepito come tale dall'opinione pubblica. In un Paese in crisi economica, è un po' difficile far comprendere la necessità di spendere un miliardo per l'acquisto di quattro aerei da trasporto, anche perché i nostri politici non si sforzano in nessuna maniera di farlo capire (sprechi e malgestioni fanno il resto).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Estratto di un comunicato Boeing sul SAC

 

The SAC1 C-17's first flight is set for June, with delivery tentatively scheduled for early July. SAC includes 10 NATO nations -- Bulgaria, Estonia, Hungary, Lithuania, the Netherlands, Norway, Poland, Romania, Slovenia, United States -- and Partnership for Peace members Sweden and Finland. They will share acquisition and operating costs for three C-17s over the nearly 30-year course of the agreement.

 

Siamo spariti, cosa ovvia visto che il nostro MoD ha glissato sull'argomento -_-

 

Io spero ancora nel C-17 omaggio per i ritardi e mancati ritorni sul KC-767A :P

Share this post


Link to post
Share on other sites
Estratto di un comunicato Boeing sul SAC

Siamo spariti, cosa ovvia visto che il nostro MoD ha glissato sull'argomento -_-

 

Io spero ancora nel C-17 omaggio per i ritardi e mancati ritorni sul KC-767A :P

Io invece no, al massimo ci rifilano il 767 green sul quale già volano i nostri piloti. E sarebbe meglio di niente.

 

Sulla Rivista Aeronautica ho letto l'articolo, veramente appassionante devo dire, del comandante del Task Group Devil in Afghanistan. Quando si mettevano d'accordo sulle tempistiche per raggiungere la IOC (tra l'altro raggiunta con 2 giorni d'anticipo sui già impossibili tempi comunicati ai tedeschi), la frase pronunciata era sempre "tot giorni, se arrivano i pezzi". Volete sapere come li chiamano i cargo russi che affittano per portare le attrezzature in teatro? Illusions, che deriva da Iliushin, perchè sono sempre, costantemente in ritardo, tanto che il loro arrivo in tempo è solo un'illusione. Senza contare che per i primi tempi hanno operato senza pezzi di ricambio per i velivoli, perchè il container che li conteneva è rimasto bloccato su una nave in Arabia dato che era festa e per tutta la durata della festa (una settimana, per la cronaca) non si sarebbero smossi, essendo tra l'altro in coda alla priorità dei rifornimenti per dare precedenza alle attrezzature per decifrare le foto dei pod RecceLite, tra l'altro ormai famose tra gli alleati per la loro altissima definizione. Solo un'incazzatura degli alti vertici dell'AMI ha sbloccato la situazione.

 

Ma io mi chiedo: si possono ascoltare storie del genere? Appaltiamo il trasporto di materiali e rifornimenti ad aerei che non arrivano e navi che rimangono bloccate in porto, e paghiamo anche fior fior di quattrini. Un quattrino in più e

  1. ci terremmo amica Boeing,
  2. daremmo altro lavoro a nuovi piloti e specialisti italiani,
  3. risparmieremo enormemente in futuro,
  4. acquisiremo una capacità fondamentale se mai le cose dovessero mettersi male,
  5. i carichi arriverebbero incolumi e puntuali.

Ma perchè por*a tro*a manca un minimo di lungimiranza ai nostri politici? E scusate lo sfogo.

Edited by Tuccio14

Share this post


Link to post
Share on other sites

Notizie che a maggior ragione avvalorano quello che penso, cioè che per l'Italia sono NECESSARI cargo strategici PROPRI, niente di affittato, niente preso in leasing.

 

Questa è l'ennesima dimostrazione che alcune alte sfere non sanno ancora bene cosa dover comprare e cosa no.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

Senators Push Panel For 15 More C-17s

 

By John M. Doyle aviationweek.com

 

C17austeretakeoffBOEING.jpg

 

Nineteen U.S. senators are urging the Senate Appropriations Committee to include money for more C-17 cargo lifters when it considers the emergency wartime supplemental spending bill for fiscal 2009.

 

The 30-member committee is slated to take up the $85.3 billion measure to pay for the wars in Iraq and Afghanistan and the swine flu outbreak on May 14.

 

A letter, written by Sens. Barbara Boxer (D-Calif.) and Christopher “Kit” Bond (R-Mo.), calls on Senate appropriators to include enough money to procure an additional 15 C-17s. Defense Secretary Robert Gates has said he wants to halt C-17 acquisitions at 205 aircraft, either in production or currently flying. Gates also included money for an orderly shutdown of the C-17 line in the fiscal 2010 defense budget request.

 

The C-17 is assembled at a Boeing plant in Long Beach, Calif., in Boxer’s home state. Bond, a member of the appropriations panel, represents another state with a large Boeing presence.

 

Boeing advocates in Congress, who have managed to stave off previous attempts to halt production, note that plants in 43 states employing 30,000 people have a part in C-17 production.

 

Last week the House Appropriations Committee included $3.1 billion for eight C-17s and 11 C-130 cargo aircraft in its $94.3 billion version of the supplemental war spending bill.

 

In their letter, the senators note that there will be greater need for cargo and transport as the military increases operations in Afghanistan, the Army and Marine Corps increase their end strength and the new Germany-based Africa Command increases its activities.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

La telenovela del Moose continua: ma insomma serve o non serve?

 

Da aviatonweek.com

 

Early indications from the Pentagon’s Mobility Capabilities Requirements Study suggest no need for additional strategic airlift beyond the funded procurements of re-engined C-5s and 205 C-17s already planned, says U.S. Air Force Chief of Staff Gen. Norton Schwartz.

 

The 2005 Mobility Capabilities Study had suggested a requirement of roughly 300 strategic airlifters, and Schwartz says he sees “no major shift in the demand signal.” The 2005 study, however, was discredited in much of Washington as a budget-driven formality under former Defense Secretary Donald Rumsfeld, and a new study has been eagerly awaited.

 

The new study is now under way, although official results are not expected until the fall. Unlike previous reviews, this study will take into account the requirements associated with increases in Army and Marine Corps end-strength, as well as the new U.S. Africa Command.

 

Even if more strategic airlift is ultimately needed, Air Force Secretary Michael Donley says an independent study presents several options before considering a buy of additional C-17s, the only aircraft made at Boeing’s Long Beach, Calif., plant.

 

These include leasing additional Civil Reserve Air Fleet capacity, as well as re-engining all 111 C-5s. Now, the C-5 Reliability Enhancement and Re-engining Program (RERP) calls for modifying only 49 C-5Bs, two C-5Cs and one A model for test purposes.

 

Boeing’s C-17 program has survived in recent years on congressional earmarks and international orders. The USAF also has nonetheless wished to retire its worst C-5s.

 

Meanwhile, the first C-5 of the 46 to be inducted into the M-model upgrade production line is slated to arrive at Lockheed Martin’s Marietta, Ga., facility in August with delivery following a year later.

 

This single C-5 will make up the low-rate-initial-production phase of the C-5M RERP upgrade program. The M upgrade includes a new propulsion system as well as improvements to several bad actors on the aircraft, including hydraulics and landing gear, says Lorraine Martin, vice president of the C-5 Reliability Enhancement and Re-Engining Program for prime contractor Lockheed Martin.

 

Three C-5s were modified with the M upgrade during the development phase of the program; two were C-5Bs and one was a C-5A.

 

Operational test and evaluation for the C-5M is slated to begin in September, lasting at least three months. The C-5M includes the General Electric CF6-80C2 engine, which Martin says provides 22 percent more thrust per aircraft. The C-5M can climb to 31,000-feet altitude in 19 minutes carrying 120,000 pounds of cargo compared to the C-5A/B’s 33 minutes to climb to 24,000 feet, Martin says.

 

Aside from the performance, Lockheed Martin is making some predictions related to the cost of the program. Reduced maintenance of the newer propulsion systems and replacement of the bad parts on the C-5 will “save” $9 billion over the life of the aircraft in the cost of operations and sustainment, Martin says. This is after the $6 billion cost to procure and install the kits, she says.

 

It is unknown whether shutting down the F-22 line in Marietta, Ga., where the C-5 work is handled by Lockheed, will impact the cost of the RERP effort.

 

The operational test and evaluation is expected to begin in September and last up to four months.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

June 18, 2009: India wants to buy ten U.S. C-17 aircraft, to fill a need for strategic air transports. The main competition was the Russian Il-76, which mainly competed on price, at about $50 million each. The C-17, which costs at least three times as much, is also able to carry up to 86 tons. What the C-17 is best at is carrying about half that weight, half way around the world, non-stop. The C-17 is also easier to fly, and can also operate from short, primitive, air strips.

The C-17 is also easier to maintain, and more reliable. But a fuel-efficient Il-76, that can be refueled in the air, has a price that's tough to beat. The latest version, the Il-76MF, has a payload of 60 tons, and a cargo compartment that is 50 percent larger than earlier models. With a full load, the aircraft can fly 4,200 kilometers. Carrying 20 tons, it can go 8,500 kilometers.

 

The Indians have 41 Il-76s, and were apparently looking to step up. The C-17 has a good track record, several satisfied foreign customers, and is a follow on to the American contemporary of the Il-76, the C-141 (which is now retired.) The Indians are also getting tired of unreliable prices and maintenance policies typical of Russian equipment. As India buys more Western systems, they note that the total (lifecycle) cost of more expensive Western gear tends to be less, or nearly the same, as with comparable Russian models. Plus, the Western gear is more effective, which is very important for a weapons system.

 

 

 

http://www.strategypage.com/htmw/htairmo/a...s/20090618.aspx

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...