Jump to content
Nimitz

Alenia Aermacchi M345 (ex M311)

Recommended Posts

ssssalve a tutti ragazzi.....dunque premetto che non sapendo dove trovare una sezione dedicata agli addestratori ho deciso di postare questo topic qui perchè a quanto ne so io non ne sono ancora stati venduti degli esemplari (anche se sono in gara in paesi come emirati arabi uniti, UK ecc ecc)......

ho letto che è un addestratore che svolge sia i compiti di addestramento primari che compiti di inizio di addestramento al combattimento.....e che fa concorrenza ai turbo-elica attualmente in servizio.....che ne pensate???

ho letto anche che ha una strumentazione molto sofisticata che simula il lancio di armi e anche l'eventuale caso di un ingaggio da parte di armi nemiche....non male no???

 

ecco una foto:

Alenia_Aerm_M311_2_m.jpg

 

 

buon forum

 

Nimitz

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sapevo del del esistenza di quest addestratore :o non e che puoi fornire informazioni, piu precise circa quest ultimo?

grazie vincenzo

Share this post


Link to post
Share on other sites

molto volentieri....dunque è un addestratore basico/avanzato in grado di portare i piloti inesperti ad un livello di addestramento che arriva fino agli inizi dell'addestramento da combattimento.

L'aereomobile è derivato dal Siai Marchetti S211A rispetto alla quale presenta delle migliorie principalmente nel sistema di avionica.

 

Infatti esteticamente i 2 velivoli sono molto simili.

La cabina di pilotaggio dell' M-311 è stata modificata guadagnando 2,5 cm in altezza e 70 cm in lunghezza.

 

Il motore dell' M-311 è il P&WC JT15D5C che è in grado di erogare 1.447 kg di spinta.

 

Le altre maggiori modifiche a livello strutturale rispetto all' S211A sono dei rinforzi all'ala, dettati dalla necessità di permettere all'aereo di avere maggiori carichi di volo.

La struttura portante è realizzata il lega leggera mentre le carenature e le prese d'aria sono in materiali compositi.

 

Il musetto è stato ridisegnato per ricavarvi maggiore spazio all'interno dove alloggiare parte della dotazione avionica di bordo.

 

Piccolo particolare: sull'ogiva è stato inserito un faro che dovrebbe consentire di ridurre il rischio di impatti con volatili vari.

 

Altra cosa strutturalmente molto importante è la riprogettazione del carrello pensato per resistere anche ad atterraggi pesanti in quanto questo velivolo deve essere pilotato anche da piloti alle "prime armi" ed è stato progettato per resistere ad impatti ad una velocità verticale (VS= vertical speed) di 4 m/sec.

 

Il peso massimo al decollo (MTOW se non sbaglio) è di 4.100 kg (S211 3.150 kg) con carichi esterni e di 3.200 kg (S211 2.750 kg) a vuoto mentre il peso dell'aereomobile è di 2.300 kg (S211 1.850 kg).

 

è stata prestata particolare attenzione in fase di progettazione alla facilità di arrivo al vano motore, ottenuta grazie a numerosi portelli installati lungo la carlinga.

Inoltre il sistema per smontare il motore è stato completamente privato di avvitamenti vari e per il quale la procedura di smontaggio/montaggio richiede solo un'ora e mezza.

 

L'avionica di bordo è composta da 3 MFD (Multi Function Display) da 5x7 pollici a matrice attiva a colori.

Tutti gli schermi sono compatibili con visori notturni in modo da non dare problemi di lettura a piloti che ne indossano.

 

Ciascuno degli MFD possono essere impostati secondo le esigenze del pilota per mostrare diverse tipologie di dati (strumentazione di volo, strumentazione motore, mappe digitali ecc ecc).

 

Sul velivolo vi sono sistemi per i quali anche con un'avaria completa dell'elettronica di bordo i principali indicatori continuino a funzionare.

 

Vi è anche installato un sofisticatissimo sistema in grado di simulare il lancio di missili, contromisure e simulare l'arrivo di missili nemici.

 

Tra le altre caratteristiche da citare credo sicuramente che vada detto dei comandi HOTAS, dei sedili ejettabili Martin Baker MKIT-10LK e del sistema di ossigenazione OBOGS.

 

per la precisione: al momento il velivolo partecipa (almeno a quanto ho letto io) ufficialmente alle gare di Emirati Arabi Uniti e Regno Unito registrando l'interesse di Australia, Giordania, Tunisia, Libia e Cile.

 

GRAZIE ALLA MIA FORMULA O SEI SODDISFATTO.....O NON TI RIMBORSO COMUNQUE :rotfl::rotfl: .

 

Alenia_Aerm_M311_3_m.jpg

 

300px-Aermacchi_M-311.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie sono super soddisfatto, un altra domanda ma lo utilizzeranno anche per attachi al suolo e altro?

Share this post


Link to post
Share on other sites

da quanto ne so io....dispone di 4 piloni subalari per carico bellico.....probabilmente in eventuale caso si....ma credo che solo in caso di assoluta disperazione lo si converta il aereo da attacco al suolo!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

sembra che sia stato già designato come addestratore basico dall'aeronautica saudita, in coppia con l'M-346 nel ruolo di addestratore avanzato.

qualche mese fà avevo chiesto se l'M311 potesse andar bene come sostituto della Pan, piccolo, (a quanto pare agile) e sempre di ottima fattura. Per me sarebbe una buona idea anche perchè visivamente non è malvagio, ma mi ahanno silurato riguardo alla pessima avionica in confronto all'M 346.. :pianto:

Edited by wingrove

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate se mi intrometto con la mia ignoranza...premetto il fatto che non ero assolutamente a conoscenza di questo addestratore italiano,ho alcune domande.

1)Come mai l'italia ha due addestratori avanzati?non era maglio concetrare gli sforzi solo sul 346?

2)L'm311 è più recente del m346?

3)Quali sono le industrie costruttrici dei 2 velivoli in questione? :unsure:

grazie raga :adorazione:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest iscandar
Scusate se mi intrometto con la mia ignoranza...premetto il fatto che non ero assolutamente a conoscenza di questo addestratore italiano,ho alcune domande.

1)Come mai l'italia ha due addestratori avanzati?non era maglio concetrare gli sforzi solo sul 346?

2)L'm311 è più recente del m346?

3)Quali sono le industrie costruttrici dei 2 velivoli in questione? :unsure:

grazie raga :adorazione:

1) M311=addestratore Basico M346=Avanzato

2) credo che siano nati nello stesso periodo M-311 primo volo 1 June 2005 M-346 primo volo 15 July 2004

3) la "M" davanti non ti fa venire niente in mente M=Macchi cioè Alenia Aermacchi

Edited by iscandar

Share this post


Link to post
Share on other sites
1) M311=addestratore Basico M346=Avanzato

2) credo che siano nati nello stesso periodo M-311 primo volo 1 June 2005 M-346 primo volo 15 July 2004

3) la "M" davanti non ti fa venire niente in mente M=Macchi cioè Alenia Aermacchi

Grazie Iscandar;ma l'm311 può considerarsi l'evoluzione del Siai Marchetti s 211 o non centra niente?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest iscandar
Grazie Iscandar;ma l'm311 può considerarsi l'evoluzione del Siai Marchetti s 211 o non centra niente?

tratto dalla scheda che si trova ne link del mio post

 

The M-311 avionics demonstrator made its first flight on 1 June 2005 as a completely redesigned evolution of the previous SIAI S-211

 

trad.

Il dimostratore di avionica M-311 ha fatto il suo primo volo il 1° giugno 2005 come evoluzione, completamente riprogettata, del SIAI precedente S-211

 

e poi l'aveva già detto nimitz prima

Edited by iscandar

Share this post


Link to post
Share on other sites
tratto dalla scheda che si trova ne link del mio post

trad.

Il dimostratore di avionica M-311 ha fatto il suo primo volo il 1° giugno 2005 come evoluzione, completamente riprogettata, del SIAI precedente S-211

 

e poi l'aveva già detto nimitz prima

Sono il solito distratto :pianto: .Grazie per la pazienza.Passo e chiudo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh proprio basico non è.....diciamo che è basico/avanzato ma di certo non centra niente con l' M-346.

bravo iscandar!!! fabri leggi i vari post prima di scrivere post con domande alla quale vi sono già risposte!!!!

senza rancore nè!!!! :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
beh proprio basico non è.....diciamo che è basico/avanzato ma di certo non centra niente con l' M-346.

bravo iscandar!!! fabri leggi i vari post prima di scrivere post con domande alla quale vi sono già risposte!!!!

senza rancore nè!!!! :D

Hai troppo ragione Nimitz! :pianto: Cmq mi è piaciuto quel "né" a fine frase: :ph34r: .I casi sono due:o sei piemontese o mi pigli per il sedere dato che io sono proprio un barotto piemontese/astigiano... :rotfl::rotfl: Ciau né

Share this post


Link to post
Share on other sites

no no non sono piemontese!!! son di monza!!!! mi è venuto fuori così....anche qui ogni tanto si dice.....nè!!!! :rotfl::rotfl: vah beh appena ho nuove notizie cerco di darvele!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da A&D di questo mese:

 

Ai primi di dicembre il MoD britannico ha reso noto di aver varato un concorso per l'acquisto di un nuovo addestratore basico con cui sostituire l'ormai obsoleta flotta di monoturbina Shorts "Tucano" T1.

L'ipotesi prevista dal bando è quella di acquistare dai 40 ai 50 aeroplani, per i quali non è indicata una data di immessa in servizio. Tra i concorrenti suscita grande interesse l'M-311, addestratore basico AleniaAermacchi. A contendere all'aereo italiano questo allettante contratto con la RAF sono il Beechcraft T-6, il Pilatus PC-21 ed un programma di "upgrade" concepito dalla Marshall Aerospace in collaborazione con la Shorts per aggiornare la dotazione avionica e, allo stesso tempo, allungare la vita operativa delle cellule dei "Tucano" T1 pre-esistenti. A proposito dell'impianto propulsivo dal MoD è stato dichiarato: "...che si tratti di turboelic o turboreattore, noi non abbiamo alcun tipo di preferenza in merito". Tutte le proposte prevedono una turboelica tranne l'AleniaAermacchi M-311 che onta un turboreattore a doppio flusso.

 

Un'altra bella occasione per il finora sfortunato progetto della SIAI-Marchetti, in attesa di conoscere l'esito della gara negli EAU.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Da A&D di questo mese:

Un'altra bella occasione per il finora sfortunato progetto della SIAI-Marchetti, in attesa di conoscere l'esito della gara negli EAU.

 

In EAU l'M311 è stato portato più che altro per dare manforte all'M346, che è il vero prodotto che Alenia vuole piazzare sul mercato estero.

 

In UK vedo favorito il T-6 che da quando è stato scelto dall'USAF come addestratore basico viene reputato il miglior addestratore della categoria.

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites
In EAU l'M311 è stato portato più che altro per dare manforte all'M346, che è il vero prodotto che Alenia vuole piazzare sul mercato estero.

Io credo che lì ormai sia fatta per Pilatus e AleniaAermacchi, dato che è stato addirittura dichiarato ufficiosamente una specie di accordo tra le case per spartirsi quel succulento contratto.

 

In UK vedo favorito il T-6 che da quando è stato scelto dall'USAF come addestratore basico viene reputato il miglior addestratore della categoria.

Ma lo è davvero? Scegliere l'M-311 o l'erede del Texan è una scelta di campo, o turboelica o turbofan. Contando le ore di addestramento avanzato che ti farebbe risparmiare il fatto di volare sin dalla fase iniziale dell'addestramento con un turbofan, può darsi che gli inglesi optino per il progetto nostrano.

 

Riporto una significativa frase presa dalla "scheda" del sito di Finmeccanica:

L' M-311 offre costi di acquisizione ed esercizio paragonabili a quelli dei più complessi velivoli a turboelica, ma con qualità di volo e prestazioni tipiche di un jet.

Staremo a vedere, molto dipende anche dai riscontri politici, dato che il contratto non è del tutto insignificante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Teoricamente l' addestramento si dovrebbe fare su SF260, M311, MB339CD e M346.....ma la vedo dura :blink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Teoricamente l' addestramento si dovrebbe fare su SF260, M311, MB339CD e M346.....ma la vedo dura :blink:

Non è proprio così...

 

La gamma di Aermacchi è sempre stata "calibrata" per offrire al cliente un sistema addestrativo completo, spesso su misura dell'AMI che rimane il principale partner per la ditta di Varese. Negli anni in cui i piloti venivano addestrati per aerei come F-104, Tornado ed AMX bastava insegnargli a pilotare un aereo con l'SF-260, per poi introdurli al jet con l'MB-339, concludendo l'addestramento finale nelle OCU, dove in pratica veniva svolto contemporaneamente al passaggio macchina anche l'addestramento al combattimento vero e proprio.

 

Attualmente, e verosimilmente nel prossimo futuro, i piloti dovranno essere addestrati per macchine molto più complesse degli attuali cacciabombardieri, con un occhio alla riduzione dei costi. Per questo si pensa di offrire al cliente un sistema addestrativo incentrato su una gamma di tre macchine (e relativi accessori) che consentano, al prezzo di una linea logistica in più rispetto al precedente e costi d'acquisto unitari superiori, enormi vantaggi dal punto di vista qualitativo e risparmi nella fase finale dell'addestramento poichè parte di quello che prima veniva svolto nelle OCU, coi costi di macchine come il Tornado, verrebbe svolto con i LIFT (Lead In Fight Trainers). Praticamente nell'attuale concezione di Aermacchi si impara a pilotare un aereo con l'SF-260, si passa poi al pilotare un aereo di prestazioni superiori con l'M-311 e si finisce sull'M-346 per apprendere la maggior parte delle tecniche di combattimento, giungendo al LIFT già abilitati al getto e lasciando alle OCU solo il compito del "passaggio macchina".

 

Un iter addestrativo di questo tipo è, alla lunga, pagante, ma l'insuccesso di macchine come l'M-311 è sintomo che le varie forze aeree non credano fino in fondo a questa tesi. Nelle gare internazionali all'S.211 prima ed all'M-311 poi è stato sempre preferito un addestratore turboelica avanzato come il Pilatus PC-7 svizzero, nonostante le grane legate all'utilizzo di turboelica in addestramento, grazie a costi d'acquisto ed impiego inferiori, anche se di poco.

 

L'AMI attualmente ha una linea da addestramento incentrata sull'SF-260 e sull'MB-339CD. In futuro, teoricamente, quest'ultimo dovrebbe essere sostituito in toto dall'M-346, ma considerando i tempi attuali ed i numeri con cui l'M-346 è stato acquisito è ipotizzabile che in futuro verrà mantenuta la configurazione attuale, lasciando ai LIFT il compito di addestrare parte dei piloti destinati alle linee da combattimento più avanzate. D'altronde il 339 nella sua ultima versione è una macchina più che valida ed il 346 più che per una reale necessità è stato acquistato per un discorso industriale legato all'esportazione, pur offrendo effettivamente all'AMI la possibilità di simulare sin dalla fase dell'addestramento scenari molto realistici, in una maniera impensabile per gli addestratori di vecchia generazione. In tutto questo il 311 esce con le ossa rotte: ottimisticamente, ossia disponendo di una consistente linea LIFT, le sue funzioni in AMI verranno svolte da un aereo più difficile e costoso ma più prestante quale il 339, precludendogli ogni possibilità di acquisto in un mercato domestico.

 

Una linea da adestramento incentrata addirittura su quattro modelli è esagerata ad ogni modo. Forse in futuro, quando i cacciabombardieri saranno ancora più avanzati, potrebbe avere un senso, ma dubito che si possa far evolvere ancora di più il concetto di cacciabombardiere senza sconfinare nell'intelligenza artificiale e quindi nell'unmanned, per lo meno non in tempi brevi.

Edited by Tuccio14

Share this post


Link to post
Share on other sites

Interessante quanto scritto sopra. Un piccolo errore però: non PC-7 ma PC-21 come "addestratore avanzato" al posto dei jet.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nemmeno quello considerato che è in produzione da pochissimo tempo e non ha certo potuto contribuire alla tendenza degli ultimi anni cui faceva riferimento Tuccio.

Ad essere preferiti ai jet sono stati aerei come T-6 Texan II (derivato dal PC-9) che ha sostituito il T-37B a reazione nell'USAF, o l'EMB 312F Tucano che ha rimpiazzato i Fouga Magister presso l'Armée de l'Air Francese, ma più che altro siamo nella fase basica e intermedia dell'addestramento.

D'altra parte il T-6 ha vinto in concorso JPATS (Joint Primary Aircraft Training System) e per le fasi avanzate dell'addestramento dei piloti destinati ai cacciabombardieri restano i T-38.

 

Con il PC-21 si può ulteriormente estendere verso l'alto l'addestramento a turboelica e rosicchiare altro spazio ai jet (volendo anche tutto), ma comunque, a rigore, gli addestratori avanzati dovrebbero essere macchine più prestanti e a reazione come T-50 e soprattutto l'M-346 che sono in corsa per rimpiazzare anche il T-38.

E infatti forze aeree come quella di Singapore hanno acquistato sia il PC-21 che l'M-346 e altrettanto dovrebbero fare gli Emirati Arabi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nemmeno quello considerato che è in produzione da pochissimo tempo e non ha certo potuto contribuire alla tendenza degli ultimi anni cui faceva riferimento Tuccio.

Ad essere preferiti ai jet sono stati aerei come T-6 Texan II (derivato dal PC-9) che ha sostituito il T-37B a reazione nell'USAF, o l'EMB 312F Tucano che ha rimpiazzato i Fouga Magister presso l'Armée de l'Air Francese, ma più che altro siamo nella fase basica e intermedia dell'addestramento.

D'altra parte il T-6 ha vinto in concorso JPATS (Joint Primary Aircraft Training System) e per le fasi avanzate dell'addestramento dei piloti destinati ai cacciabombardieri restano i T-38.

 

Con il PC-21 si può ulteriormente estendere verso l'alto l'addestramento a turboelica e rosicchiare altro spazio ai jet (volendo anche tutto), ma comunque, a rigore, gli addestratori avanzati dovrebbero essere macchine più prestanti e a reazione come T-50 e soprattutto l'M-346 che sono in corsa per rimpiazzare anche il T-38.

E infatti forze aeree come quella di Singapore hanno acquistato sia il PC-21 che l'M-346 e altrettanto dovrebbero fare gli Emirati Arabi.

 

Per essere precisi: il PC-21 è stato sviluppato in seguito a richieste delle Forze aeree svizzere. Si trattava di valutare la possibilità di creare un nuovo aereo, poco rumoroso, per potere continuare a formare i piloti on CH. Pilatus con un ingente investimento ha proposto il PC-21 che come "flying simulator" che consente di evitare i jet per l'addestramento avanzato. In Svizzera si passa dunque dal PC-21 direttamente all' F-18. Prima si usavano gli Hawk, poi dismessi per gli F-5 F (biposto).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Converrai con me che la Svizzera, con le sue specifiche esigenze, non è il mondo e il fatto stesso che i clienti del PC-21 non ne abbiano seguito la strada non fa che sottolineare pro e contro di scelte così radicali...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×