Vai al contenuto

Messaggi consigliati

salve a tutti! vorrei sapere qualcosa sul tu 95 Bear.Soprattutto: ma nel '52 un apparato propulsivo ad elica non era un po' "antiquato"?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh, se è un apparato propulsivo ad elica che ti porta a 925kmh...

 

Poi gli aerei ad elica non sono mai antiquati, dipende dall'utilizzo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

tu dici? e poi facevano molto rumore i controrotanti! rischi che svegli un' intero squadrone di piloti americani che stava dormendo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

una cosa buona è la bassa traccia IR, a differenza della RCS che aumenta vertiginosamente. ma nel '52 queste cose non le stava a vedere nessuno

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

l'aereo da trasporto che ha vinto da poco l'appalto in america è a elica per esempio.

Non sono antiquati

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

pure il c 27 J è ad elica ma non è antiquato!

 

il tu 95 BEAR F aveva 4 turboleiche Kuznetsov da 14.800 kg spingenti eliche controrotanti.

anzi l'adozione di questi robusti turboelica fu la caratteristica più impressionante per un bombardiere cui si richeidevano specifiche di 900km/h di velocità e un autonomia di 14.000/15.000 km con una bomba atomica.

 

mi sembra che una versione J sia ancora attiva nel ruolo dei collegamenti tra governo e sottomarini nucleari in situazioni di crisi!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

no, xniente

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
ok, mi ricredo, ma perchè quel TU 95 di sopra è vicino ad un F\A 18?

:hmm:

a parte il doppio post cmq

 

ha vicino un f-18 perchè durante la guerra fredda molte volte i caccia americani intercettavano i bombers sovietici che impauriti se ne tornavano a casa

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh la maggior parte delle volte non credo fossero proprio impauriti, in quanto parechie delle "scampagnate" in territorio NATO servivano appunto per saggiare la consistenza delle difese aeree e del tempo che impiegavano a intercettarli.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Silvio, nei link postati da Unholy c'è tutto quello che puoi sapere sul Bear.

 

Leggili magari eh? ;)

 

Carico massimo:20000kg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
la sua RCA secondo me è attorno ai 1500/1700 mq

che è l'RCA AUTO? :rotfl: ...forse RCS volevi dire.

 

riguardo la versione f sapevo due cannoncini da 23 mm e oltre 9.000 kg di armamento.

 

in questo video ci sonon dei primi piani delle eliche del tu 95 fantasticitu 95 bear

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

al contrario le eliche contro rotanti hanno dei vantaggi, anche se sono più costose.

praticamente annullano l'effetto di rollio generato dalle leiche che girano in un solo senso. o meglio, le eliche generano un effetto giroscopio sull'asse di rollio. se le eliche girano in senso orario,l'aereo tende a girare in senso antiorario e per ovviare a questo si usa il trimm, oppure le eliche controrotanti se le possiedi!

 

sui bimotori spesso si mette un elica che gira in un senso ed una che gira in ualtro senso. per esempio il P 180.

anche il Macchi 72 aveva le eliche controrotanti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il Bear, sviluppato nel 1952, volò per la prima volta nel 1954 ed entrò in linea con l’aviazione a lungo raggio sovietica l’anno successivo. Il Tu-95, con la sua enorme fusoliera e le sue lunghe ali a freccia, è tutt’oggi il più grosso bombardiere in servizio e ricorda da vicino uno Stratofortress B-52 americano con motori a elica. In questo ruolo è in grado di trasportare un carico bellico di 10000kg in una stiva bombe fusoliera. L’armamento difensivo è composto da sei torrette controllate a distanza, ciascuna dotata di due armi da 23mm. L’equipaggio di sette uomini, ovvero pilota, copilota, puntatore, navigatore, operatore radio, motorista e mitragliere di coda, è ospitato in due cabine pressurizzate, collegate tra loro da un condotto. Il carico bellico all’inizio comprendeva solo bombe termonucleari a caduta libera. La vetratura anteriore ospita il sistema di puntamento, mente, sempre a prua, sono presenti un radar di navigazione, racchiuso in una piccola carenatura, e un’asta rigida per il rifornimento in volo. Le ali, montate in posizione intermedia, hanno una freccia di 35° e presentano sul bordo d’uscita alettoni verso l’esterno ed enormi ipersostentatori Fowler verso l’interno. Il carrello principale è alloggiato in carenature sporgenti dal bordo di uscita di ciascuna ala, con una configurazione tipica dei progetti Tupolev. I piani orizzontali di coda risultano anch’essi a freccia e alle loro estremità presentano carenature il ricevitore di allarme radar e le antenne dei sistemi di disturbo attivo da guerra elettronica. I motori, racchiusi in gondole sporgenti dal bordo d’attacco delle ali, spingono due eliche controrotanti del diametro di 5.6m. che garantiscono al Bear il primato di velivolo turboelica più veloce del mondo. La versione Adel

grosso bombardiere è la più numerosa, prodotta in oltre 300 esemplari,completati nel 1961, anche se soltanto pochi sono ancora in servizio nel ruolo originale. Il Bear B, osservato per la prima volta nel 1961, venne modificato per trasportare i missili nucleari da crociera AS-3 Kangaroo, con l’aggiunta di un radar di ricerca Crown Drum al posto della vetratura anteriore. Di questi Tu-95 ne restano ancora in servizio 110 nelle file dell’aviazione a lungo raggio, modificati però nella versione G. Il Tu-95 C, in servizio con l’aviazione navale sovietica, è simile al Bear B, ma con l’aggiunta di avionica supplementare, come dimostrano le numerose sporgenze lungo la fusoliera. La versione D è quella modificata per la guida dei missili oltre l’orizzonte, grazie a un radar Mushroom, operante in banda I contenuto in un grosso radome nella parte inferiore dell’aereo, sotto la cabina di pilotaggio, e di un secondo radome, di dimensioni ancora maggiori del precedente che racchiude un radar di ricerca Big Bulge. Da entrambi i lati della parte posteriore della fusoliera e dell’estradosso alare sporgono dielettrici dentro i quali si nascondono le antenne del sistema di monitorizzazione dei segnali (ESM); alcuni velivoli montano apparati di contromisure elettroniche, anche nella torretta di coda al posto dell’armamento e del mitragliere. La versione E del Bear, impiegata anch’essadall’aviazione navale, risulta dalla ricostruzione di esemplari della versione A, configurati per la ricognizione marittima a lungo raggio, con serbatoi supplementari di carburante e contenitori e fotocamere nella stiva delle bombe. La produzione del Bear è ripresa nel 1970 con l denominazione Tu-142 Bear F, osservato per la prima volta nel 1973, che risulta sostanzialmente diverso dai primi Tu-95. Progettato per la guerra antisommergibile a lungo raggio, il Bear F presenta una struttura rinforzata e ali irrobustite , non solo per sopportare un peso lordo complessivo maggiore, ma anche per resistere meglio alle sollecitazioni dovute alla turbolenza che il velivolo incontra durante i pattugliamenti a bassa quota. Il Tu-142 è dotato di un sistema di distribuzione di boe sonore, un rilevatore di anomalie magnetiche, un sistema di controllo tattico antisommergibile e un radar di ricerca operante in banda I/J, alloggiato nella stiva bombe anteriore. Questa nuova versione del bombardiere sovietico mantiene come armamento difensivo solo la torretta binata di coda. Dal 1972 al 1985 sono stati realizzati circa 70 Bear F. La versione Tu-95 G, ricostruzione delle precedenti B e C, è stata modificata per poter trasportare fino a tre missili supersonici AS-4 Kitchen e altri apparati elettronici. Il Bear H, ancora in produzione, è una variante specifica del Tu-142, armata con i nuovi missili da crociera AS-15 Kent, che a differenza di quelli precedenti si

presenta simile agli americani Tomahawk. Il bombardiere può trasportare due AS-15 agganciati alla sezione interna delle ali e altri otto probabilmente all’interno della fusoliera. Il Tu-142 H presenta anche un radar di sorveglianza di notevoli dimensioni, impiegato forse per la designazione dei bersagli. Nel 1989 oltre 150 Bear delle varie versioni erano ancora in servizio con l’aviazione a lungo raggio, mentre altri 95 circa operano con l’aviazione navale.

 

Il Tupolev 95 è uno degli aerei più rumorosi del mondo. Il rumore generato dai motori è talmente alto da essere rilevato dai sottomarini in immersione, i quali sono in grado di identificare la caratteristica firma acustica prodotta dalle otto eliche controrotanti. Ciò ha intralciato l'utilizzo del velivolo come pattugliatore marittimo. Durante la guerra fredda, i piloti da caccia occidentali inviati a intercettare e fotografare i Tu-95s in volo, li trovavano estremamente rumorosi, sebbene questi piloti operassero all'interno di cabine pressurizzate e indossassero cuffie. Gli equipaggi dei Bear stessi trovavano il livello di rumore scomodamente alto e tuttora in Russia si possono trovare ex componenti di equipaggio di Tu-95 che hanno subito danni permanenti all'udito.

 

 

Scheda Tecnica

Tupolev Tu-95MS "Bear-H"

 

Ruolo: Bombardiere strategico, ricognitore, ricognitore marittimo antisommergibili

Equipaggio: un pilota, un copilota, un navigatore, un mitragliere, tre addetti

Primo volo: 12 novembre 1952

Costruttore: Tupolev

Esemplari costruiti: oltre 300

 

Dimensioni

Lunghezza 49,13 m

Apertura alare 50,04 m

Altezza 13,30m

Superficie alare 289,90 m²

Peso Massimo al decollo 185.000 kg

 

Propulsione

Motore: 4 turboeliche Samara/Kuznetsov NK-12MP

Potenza: 14800 sHP

 

Prestazioni

Velocità massima: 830 km/h

Autonomia: 10500 km

Tangenza: 11000 m

 

Armamento

Artiglieria: due cannoni da 23 mm in coda

Missili: sei missili di crociera

Altro: fino a 15.000 kg di carico bellico che include i missili Kh-20, Kh-22, Kh-26, and Kh-55.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

tu952xa4.jpg

 

tu9502hz9.jpg

 

tu9510vx4.jpg

 

tu95032so0.jpg

 

tu95h4sf7.jpg

 

tu95h2hq9.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sto cercando la traccia radar del Tu 95 da molto tempo. Quella del B52 è solitamente indicata in 100 mq (alcune volte 40, altre 125, a seconda della frequenza) , non 1000. Penso che 1000mq siano un errore di traduzione, la traccia del B52 è indicata anche come 500-1100 piedi quadri (46-102 mq). Naturalmente non si può escludere una traccia di 1000 mq, magari da certe angolazioni o a frequenze diverse. L’utilizzo della banda S al posto della X provoca una riduzione variabile da 3 a 10 dbsm nella traccia radar e questo spiega certe incongruenze. Secondo uno schema che appare su “Aerei”, un F16A è in grado di rilevare un F4 a 40 miglia nautiche, un Mig25 a 50 ed un Tu95 ad 80. Supponiamo di dare 12mq alla traccia dell’F4 (Le valutazioni variano tra 6 e 100!mq). Il Mig25 allora avrebbe una rcs di 29 mq ed il Tu95 di 192 mq. Si dice che il C5 galaxy ed il B747 abbiano una traccia due volte e mezza quella del B52 e simile a quella del Tu95. Ma il Tu95 da certe angolazioni deve avere una traccia ben più elevata. Durante esperimenti condotti su di un B26 (lo schema si può reperire su internet) la traccia radar risultò estremamente variabile a seconda dell’angolo. Da un minimo di poche decine di mq fino a 3100mq! Anche per piccoli aerei come il T33 vale lo stesso discorso. In questo caso si passa da un minimo di 6mq frontalmente, a meno di 1mq a 30° fuori asse, a oltre 100mq lateralmente! Il vecchio B17 aveva una traccia radar di 75 mq. Una traccia frontale sui 200-250mq per il Tu 95 potrebbe essere realistica.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Scusate se cambio argomento.. si trovano le rotte dei Bear Sovietici durante la guerra fredda?

 

Anche se non sono solo Bear va comunque bene...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si, sono sicuro di averle viste da qualche parte, ma ho un archivio notevole, devo ricordarmi dove. Se le trovo, spedisco qualcosa. E' possibile reperire anche le aree di pattugliamento Sigint degli aerei occidentali.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

×