Jump to content
Sign in to follow this  
Wolfman

Blackburn S2B

Recommended Posts

0996937.jpg

 

Ho notato che non ci sono discussioni su questo fantastico aereo da attacco al suolo. :(

 

Nato nel 1958 come aereo d'attacco a bassa quota basato su portaerei, ha servito onorevolmente per trent'anni la Royal Navy, fino ad essere utilizzato attivamente come designatore di bersagli durante la Guerra del Golfo.

 

Le sue prestazioni erano sensazionali, oltre 1000kmh a poche decine di metri dal suolo, capacità di portare armi nucleari nella stiva interna, più missili anti radar o anti nave, bombe e pod sotto le ali...

 

Ora purtroppo è stato dismesso dalle portaerei, ma svolge egregiamente il ruolo di pattuglia marittima da basi a terra.

Share this post


Link to post
Share on other sites

puoi postare una qualche foto?

anche il bronco era una leggenda e anche lui è una leggenda dismessa...

è il ciclo della vita...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qui ne trovi molte ad alta risoluzione, a pagina 2 ce n'è una dove vola si e no a 6 metri dalla pista...

 

S2B

 

Questa la visuale "a raggi x"...

 

Buccaneer%20500w.jpg

 

...e qualche schema

Buccaneer%20S%20Mk%202A%20and%202B%20-%20side%20view%20500w.jpg

Buccaneer%20S%20Mk%202A%20and%202B%20-%20top%20view%20500w.jpg

Buccaneer%20S%20Mk%202A%20and%202B%20-%20back%20view%20500w.jpg

 

Un paio di video

 

S2B desert

 

S2B

 

;);)

Edited by Wolfman

Share this post


Link to post
Share on other sites

aereo carino e con caratteristiche particolari conosciuto ma non divulgato era d'attacco ma è stato usato anke cm antinave io o questo:

 

BLACKBURN (HS) BUCCANEER (aereo d'attacco imbarcato biposto- regno unito 1958)

 

-miglior aereo imbarcato negli anni sessanta x l'attacco a bassa quota (poteva raggiungere i 1000km/h a 50m di altezza mica male)

-struttura robusta tanto ke sembra intagliato da un blocco di metallo

-i motori spey gli conferiscono buona autonomia

-principale aereo d'attacco della royal navy e della RAF

-in combattimento anke da forze aeree sudafricane

ultime missioni durante la desert storm

-la coda (secndo me è un aerofreno nei video all'atterraggio si apre all'atterraggio si apre)

 

tecnica

-propulsione: 2 turboreattori rolls-royce RB.168-1A mk 101 spey senza postbruciatore ciascuno eroganti 49,37kN d spinta

-prestazioni: vel max a 61m di quota 1038km/h, tangenza operativa 12190m,autonomia 3700km, autonomia in combattimento 9 ore con 2 rifornimenti in volo

-pesi: a vuoto 11800kg, a carico normale da 20866 a 25402kg, max al decollo 28132kg

-dimensioni: apertura alare 13,41m, lunghezza 19,33m, altezza 4,95m, sup. alare 47,82m quadri

-armamento: 4 bombe da 454kg o 1 bomba tattica nucleare WE177 da 20kT alloggiate in una stiva armi rotante.

Per la versione imbarcata 2 missili antiradar aria-terra Martel o antinave Sea Eagle, bombe a guida laser CPU-123/B e contenitori x razzi SNEB da 68mm. oppure una bomba nucleare tattica S:mk 50 o 4 missili aria terra AS30

(delle armi conosco sl il sea eagle e non l'ho mai vista la cassa rotante x le bombe sarei curioso, finora o visto sl la versione navale)

 

chiamato buccaneer detto il pirata dal buon carattere era un ottimo aereo x attacchi a bassa quota..concepito x affrontare gli incrociatori sovietici classe sverdloc, entro in servizio con la Fleet Air Arm nel 1961 ed equipaggiò poi i reparti d'attacco della RAF basati in germani Ovest armati con bombe nucleari. Questi reparti costituivano l'ossatura QRA(Quick Reaction Alert), una forza d reazione rapida ke nel 1983 era costituita da 6 aerei della RAF nella forza di pace britannica in Libano. I soli interventi del buccaneer avvennero in Angola, quando i buccaneer sudafricani attaccarono le basi dei gueriglieri in Angola e Namibia. Sembra ke 5 d questi avessero armi nucleari ma la notizia non è mai stata confermata (il sudafrica col nucleare??).Vennero ritirati nel 1991.

I veterani buccaneer della RAF , invece, entrarono x la prima volta in guerra nel 1991 nella guerra del golfo ed effettuarono missioni di designazione dei bersagli per i tornado, prima di sganciare loro stessi 48 bombe a guida laser.

 

 

spero basti non saprei dirti altro visto ke c sn poche notizie di questo aereo

 

buccaneer

 

ps: x partire dalle portaerei aveva gia il muso sollevato (maledizione non trovo la foto)

Edited by Gabu86

Share this post


Link to post
Share on other sites

si il sud-africa aveva la bomba,poi mi pare che se la siano tolta.per quanto riguarda la questione del muso,penso che lo alzasse (tramite il carello anteriore,dotato di un lungo pistone come tutti i vecchi aerei imbarcati) solo nella fase di decollo.

 

p.s. il pirata poteva portare anche degli aim-9 per autodifesa....la mia domanda è la seguente....come fanno aerei come il nimrob,l'orion,l'intruder ed il pirata a servirsi di tale missile visto che non penso abbiano la possibilità di mettersi in una posizione di lancio favorevole contro un caccia?????

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites

si e veniva trainato dalla catapulta mediante cavi (avendo il carrello anteriore sollevato) ke poi cadevano in mare

Share this post


Link to post
Share on other sites
p.s. il pirata poteva portare anche degli aim-9 per autodifesa....la mia domanda è la seguente....come fanno aerei come il nimrob,l'orion,l'intruder ed il pirata a servirsi di tale missile visto che non penso abbiano la possibilità di mettersi in una posizione di lancio favorevole contro un caccia?????

Anche io penso che quell'opzione sia più teorica che reale, ma anche che l'integrazione con un missile per autodifesa così presente negli arsenali occidentali ci debba essere per forza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

p.s. il pirata poteva portare anche degli aim-9 per autodifesa....la mia domanda è la seguente....come fanno aerei come il nimrob,l'orion,l'intruder ed il pirata a servirsi di tale missile visto che non penso abbiano la possibilità di mettersi in una posizione di lancio favorevole contro un caccia?????

Certamente un aereo del genere non può mettersi a ingaggiare un caccia in un dogfight, purtuttavia esistono situazioni in cui può dire la sua.

 

Ad esempio, può essere che si ritrovi a contatto con un altro aereo che non sia un caccia (evenienza più teorica che pratica) o può essere che venga attaccato frontalmente da un caccia e possa ottenere un "aggancio" sul Sidewinder (evenienza possibile).

 

Ma possono anche capitare cose strane.

 

Ad esempio, il Tornado IDS è un aereo più prestante di un Nimrod o di un Intruder, non ci piove, però quando è caricato di bombe e serbatoi e sta volando a 60 metri da terra, di fatto le sue capacità di manovra sono pari a zero, a meno di non sganciare il carico e rinunciare alla missione.

 

Ebbene, è successo, durante le RED FLAG, che una sezione di Tornado IDS in fase di penetrazione a bassa quota sia stata ingaggiata da caccia F-16 (parliamo di alcuni anni fa ed i Falcon non avevano l'AMRAAM e anche il loro radar non era gran che).

 

Il pilota del Falcon ha visto un Tornado che filava sul deserto e ha pensato bene di accodarsi per ottenere un bel "kill" con il Sidewinder o il cannone, senza accorgersi che c'era un secondo Tornado che veniva dietro al primo, un po' distanziato.

 

Quindi il pilota del Falcon si è allineato perfettamente.... davanti al muso del secondo Tornado, che lo ha abbattuto (virtualmente) con un bel shot di Sidewinder.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco, questi resoconti sono delle perle, e pultroppo proprio come le perle sono rari.

 

Comunque fa luce su una situazione tipo che l'IDS era stato preparato ad affrontare, un profilo di volo basso, un nemico senza avionica sofisticata, un kill assicurato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A suo tempo avevo aperto io una discussione sul Bucaneer comunque :D

Riguardo al Sudafrica che avesse la bomba è un dato di fatto, la sviluppò insieme ad Israele, però mi pare fosse utilizzata dai Cheetah

Share this post


Link to post
Share on other sites

La specifica per il Buccaneer nasce dal contesto storico dei primi anni ’50, quando la Royal Navy si trovò a dover affrontare il problema dell’ingresso in servizio degli incrociatori pesanti classe “Sverdlov” (17,000 tons).

Il primo requisito richiesto dalla RN (Naval Requirement NA.39), nel giugno 1952, fu quello per un aereo biposto imbarcato da attacco in grado di: portare ordigni convenzionali o nucleari, volare al di sotto di 200 ft (60 m) per evitare i radar nemici (idea innovativa per l’epoca), velocità di 550 nodi (mach 0.85), raggio di azione di 460 miglia (740 km), carico utile di 4000 lbs (1.8 t) e capacità di individuare e distruggere le navi nemiche. L’armamento primario doveva consistere in una bomba nucleare guidata per l’attacco di obiettivi navali, la “Big Cheese (http://www.skomer.u-net.com/projects/nukes.htm), ed una bomba nucleare a caduta libera, la Red Beard (http://en.wikipedia.org/wiki/Red_Beard_(nuclear_weapon)) in via di sviluppo per la RAF. Per quanto riguarda le dimensioni, per poter essere ospitato dagli elevatori delle portaerei, non dovevano essere superate una lunghezza di 15.5 m (51 ft), una larghezza (ad ali ripiegate) di 20 ft ed un peso massimo di 20.4 t. L’aereo doveva inoltre essere in grado di fungere da aviocisterna.

Nell’agosto del 1952 il Ministero dell’Aviazione, sulla base di tale specifica, formulò la richiesta di progetto M148T. Il febbraio del 1953 iniziarono ad arrivare le prime proposte; nel giugno 1955 il contratto per la realizzazione del progetto fu assegnato, inaspettatamente, alla Blackburn Aviation, che in precedenza aveva realizzato solo aerei cargo e da trasporto. Il progetto fu inizialmente classificato come Project B103; i progetti perdenti furono invece l’AW.168 della Armstrong-Whitworth e il PD.13 della Shorts.

Il progetto della Blackburn prevedeva l’uso di ali relativamente piccole per il volo a bassa quota; per compensare il problema di velocità di atterraggio che ne derivava, fu adottato l’accorgimento di direzionare il 10% dei flussi di scarico non solo sotto i flap, ma anche sotto la coda a “T” (sistema boundary layer control - BLC). Dal punto di vista aereodinamico il progetto incorporava l’innovativa “regola delle aree”, per la quale vennero evitati bruschi cambi di sezione trasversale, al fine di migliorare la manovrabilità ad alta velocità; la sezione della fusoliera, pertanto, si restringeva in prossimità dell’attacco delle ali, per poi tornare ad allargarsi.

Per restare nei limiti dimensionali previsti per l’imbarco, gli accorgimenti usati consistettero in un muso ripiegabile all’indietro, nel cono di coda che poteva aprirsi in due ai lati (anche come aerofreno) e in ali ripiegabili a metà, con un angolo di 120°. Per la motorizzazione, la scelta definitiva cadde sul PS.43 Gyron Junior, dopo che l’Armstrong Siddeley Sapphire Sa.7 inizialmente selezionato si rivelò troppo pesante e ingombrante. Il Bristol Siddeley Gyron Junior era un motore senza postcombustione con una spinta di 3630 kilograms (8,000 pounds).

Il progetto B.103 prevedeva due piloni per ogni ala e una stiva interna in grado di ospitare 4 bombe da 450 kg o una bomba nucleare; per ottimizzare il ruolo di attacco a bassa quota e ad alta velocità, la stiva bombe fu equipaggiata con una porta rotante alla quale erano agganciate le bombe. Questo consentiva di ridurre le interferenze aereodinamiche, di semplificare lo sgancio delle bombe e anche il loro caricamento. La stiva poteva ospitare anche altri equipaggiamenti, come p.e. un set per la ricognizione fotografica, un serbatoio da 2000 l, un container da trasporto (p.e. per l’equipaggiamento per giocare a golf…) o un set con due cannoni Aden da 30 mm (mai realizzato).

La capacità interna di carburante era di 7092 l, incrementata da serbatoi subalari montati sui piloni interni, con una capacità di 1136 l, oltre che dall’eventuale serbatoio nella stiva.

Per quanto riguarda la sonda per il rifornimento in volo, dopo diversi approcci, la scelta finale ricadde per una semplice asta rigida fissa, eventualmente rimovibile.

Un ulteriore elemento innovativo del progetto fu l’impiego di un cordino detonante nel tettuccio (miniature detonating cord or M.D.C), per liberarsi facilmente di quest’ultimo anche in caso di affondamento; questo accorgimento, insieme al seggiolino Martin Baker 'Zero Zero', diede al Buccaneer un insuperabile sistema di sopravvivenza; l’M.D.C successivamente fu incorporato da Harrier, Jaguar, Hawk e Tornado.

Il contratto iniziale prevedeva un ordine per 20 unità di pre-produzione, un numero insolitamente elevato, al fine di evitare rallentamenti del programma in caso di perdita di un prototipo e per procedere in parallelo allo sviluppo dei diversi sottosistemi. Lo sviluppo procedette in gran segreto, e il primo prototipo volò il 30 aprile 1958, come da richiesta dell’Ammiragliato. Le prove dalle portaerei iniziarono all’inizio del 1960, con alcuni mesi di ritardo, per via di un incidente mortale ad uno dei prototipi.

Il 20 agosto 1960 il nuovo aereo ebbe il suo nome ufficiale: "Buccaneer".

 

1st.productionBuccaneers.jpg

 

Siti consultati (per ora):

http://www.blackburn-buccaneer.co.uk/0_Contents.html

http://www.gatwick-aviation-museum.co.uk/Buccaneer/bucc.html

http://www.spyflight.co.uk/buccaneer.htm

http://buccsociety.conforums.com/index.cgi...;num=1139322785

http://www.wingweb.co.uk/aircraft/The_Blac..._Buccaneer.html

http://www.faqs.org/docs/air/avbucc.html

 

FINE PRIMA PUNTATA...

 

Edit: corretta data sbagliata

Edited by lender

Share this post


Link to post
Share on other sites
degli avversari son riuscito a trovare solo questo:

 

Armstrong Whitworth AW-168

 

Shorts PD.13

 

Per ora posso aggiungere velocemente, da quello che ho letto, che il primo fu scartato perché troppo antiquato, il secondo perché troppo ardito per l'epoca, mentre il progetto Blackburn era considerato la giusta via di mezzo.

Ogni ulteriore contributo è apprezzato, anche per la correzioni di refusi nella traduzione relativa alle parti più tecniche; non ho trovato dettagli maggiori e foto della stiva bombe, che mi pare piuttosto interessante.

Appena riesco proseguirò con le versioni sviluppate e gli impieghi operativi.

Edited by lender

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Andrea29

ciao lender complimenti avrei una segnalazione da farti,

c'è un piccolo errore cioè 1995 il progetto fu cosegnato

alla blackburn aviation mi sa che hai sbagliato a scrivere

13° rigo

 

andrea

Share this post


Link to post
Share on other sites
ciao lender complimenti avrei una segnalazione da farti,

c'è un piccolo errore cioè 1995 il progetto fu cosegnato

alla blackburn aviation mi sa che hai sbagliato a scrivere

13° rigo

 

andrea

 

:oops: 1955...

 

 

c sono gia 2 topic aperti sul buccaner

 

topic 1

topic 2

 

:rolleyes: avevo cercato con "buccaneer", vedrò se i mod accorpano la discussione, grazie!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Davvero interessante il Buccaneer....Vorrei sapere se secondo voi era migliore o peggiore del l'F111(amesso sia possibile fare un confronto),perchè se ho ben capito avevano caratterstiche simili.

Edited by Mone

Share this post


Link to post
Share on other sites
Davvero interessante il Buccaneer....Vorrei sapere se secondo voi era migliore o peggiore del l'F111(amesso sia possibile fare un confronto),perchè se ho ben capito avevano caratterstiche simili.

 

Tra i due c'è quasi un decennio di età, che rende difficile un paragone, l'F-111 credo sia superiore in tutto (velocità, carico, capacità di volo con sistema TFR...); certo però il Buccaneer, nato per una specifica ben definita, è stato un aereo parecchio innovativo per la sua epoca e, guarda caso, hanno concluso entrambi la loro vita operativa in Desert Storm, se non erro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Buccaneer in azione con la RAF

Nel 1983 sei Buccaneer furono inviati a Cipro in supporto alle truppe britanniche impegnate in Libano nelle operazioni di peacekeeping.

Nel gennaio 1991, in occasione della prima guerra del Golfo (nell’ambito di “Operation Granby”, il contributo inglese alle forze della coalizione), 12 Buccaneer S.Mk.2B furono inviati alla Muharraq Air Base in Bahrain, aggiornati con radio criptate Have Quick II, trasponder IFF Mk.XII Mode 4, AN/ALE-40 'Chaff/Flare' Dispensers e livrea color sabbia. Il loro compito era quello di designare i bersagli per altri aerei – Tornado GR1 - utilizzando, l’illuminatore laser “AN/AVQ 23E 'Pave Spike'” (era l’unico velivolo della RAF in grado di ricoprire tale ruolo, all’epoca). Una missione tipo prevedeva l’impiego di una coppia di Buccaneer (uno era di scorta in caso di malfunzionamenti dell’altro) che fungevano da designatori bersagli per 4 Tornado. Le regole di impiego obbligarono i Buccaner a operare da 28.000-29.000 piedi, a dispetto che l’aereo fosse stato progettato per un uso a quote intorno ai 100 piedi.

Raggiunta la superiorità aerea, non essendo più necessario portare gli AIM9-L per autodifesa, i Buccaneer furono in grado di trasportare ciascuno una bomba a guida laser CPU-123/B 'Paveway 2', autodesignandosi gli obiettivi. Le loro missioni, inizialmente di interdizione, dal 12 febbraio 1991 furono dedicate alla “contro-aviazione”, sotto forma di attacchi a aeroporti, shelter, piste e ricoveri per i piloti. Dal 20 febbraio, grazie all’adozione da parte dei Tornado del TIALD (Thermal Imaging Airborne Laser Designators), i Buccaneer furono svincolati dal loro ruolo di accompagnatori; ciò permise di portate a 2 il carico di CPU-123/B 'Paveway 2', lasciando a terra un serbatoio supplementare.

Tutti i 12 aerei inviati rientrarono incolumi in Gran Bretagna nel marzo 1991, dopo aver volato 250 sortite, sganciando 48 LGB e illuminando bersagli ad altri aerei in altri 169 casi.

Al rientro la colorazione desertica fu rimpiazzata da una livrea grigio-chiara e le nose-art pitturate per l’occasione furono rimosse perché ritenute politicamente scorrette…

 

In http://www.blackburn-buccaneer.co.uk/Pages...f-missions.html (da cui arrivano le informazioni qui postate) trovate l’elenco delle singole missioni e il link ad un filmato in cui si vede la distruzione di un AN-124 da parte di un Buccaneer.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder
I soli interventi del buccaneer avvennero in Angola, quando i buccaneer sudafricani attaccarono le basi dei gueriglieri in Angola e Namibia. Sembra ke 5 d questi avessero armi nucleari ma la notizia non è mai stata confermata (il sudafrica col nucleare??).Vennero ritirati nel 1991.

 

Apro e chiudo OT: il Sudafrica costruì, probabilmente con l'assistenza israeliana, 5 (secondo altre fonti 7 o addirittura 11) bombe nucleari di tipo imprecisato, che furono smantellate poco prima del passaggio dei poteri (nessuna motivazione etica, semplicemente non si voleva che i negri comunisti dell'ANC disponessero di quei simpatici gingilli). Secondo alcuni il Vela Incident fu un test nucleare sudafricano, ma i più ritengono che se qualche test vi fu, avvenne nel deserto del Kalahari.

Edited by intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

Ho sentito parlare di un Super Buccaneer, supersonico o addirittura bisonico, progetto ventilato dopo il fallimento del TSR2... qualcuno ne sa qualcosa di più?

Edited by intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho sentito parlare di un Super Buccaneer, supersonico o addirittura bisonico, progetto ventilato dopo il fallimento del TSR2... qualcuno ne sa qualcosa di più?

 

Prova a dare un'occhiata quì:

 

p150x.jpg

 

Blackburn Super-Buccaneer and the TSR 2 Fiasco.

 

The Blackburn Buccaneer (Verso la fine del Link)

 

366-RAF_Buccaneer_S-2_and_P-150_Supersonic.jpg

A RAF Buccaneer S.2 fitted with Sea Eagles, and a supersonic version of the Buccaneer designated the "P.150"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...