Jump to content

Finmeccanica, Eurofighter per l'Arabia Saudita


Recommended Posts

Commessa da 15 miliardi per i caccia Eurofighter

 

Il governo dell'Arabia Saudita sceglie gli aerei ad alta tecnologia europei Eurofighter Typhoon per rinforzare la propria flotta militare.

 

A dare l'annuncio ufficiale è stato il ministro della Difesa saudita, Sultan bin Abdul-Aziz, che però non ha riferito i dettagli dell'operazione. Secondo fonti di stampa, riprese dal Financial Times, le autorità di Riad avrebbero ordinato 48 velivoli - con un opzione per acquistarne altri 24 - per rimpiazzare l'attuale flotta di vecchi Tornado. La commessa rappresenterebbe, tra l'altro, la prima fornitura del caccia europeo al di fuori del Vecchio continente. Secondo gli analisti inglesi, il valore dell'operazione sarebbe compreso tra i 15 e i 17 miliardi di dollari. La notizia ha avuto subito ripercussioni positive sui listini europei: in particolare l'indice Ftse-100 di Londra ha toccato il massimo degli ultimi 52 mesi. L'Eurofighter è il più avanzato aereo da combattimento europeo concepito per rispondere alle esigenze comuni delle aeronautiche militari di Italia, Gran Bretagna, Germania e Spagna, ed è sviluppato da un consorzio che comprende la britannica Bae Systems, la franco-tedesco-spagnola Eads e, per l'Italia, Alenia Aeronautica (controllata di Finmeccanica). L'Eurofighter Typhoon rappresenta oggi il velivolo di nuova generazione di maggior successo al mondo, con 620 esemplari prenotati dai quattro paesi membri del consorzio (Italia, Regno Unito, Germania e Spagna) e 18 già ordinati dall'Austria. Il nuovo caccia europeo è anche il principale candidato alla sostituzione della flotta di circa 100 velivoli multiruolo della Turchia, che nel gennaio prossimo riceverà le offerte, oltre che dal consorzio europeo, anche dalla Boeing con l'F15 e dalla Lockheed Martin con l'F16. Nel 2006 Eurofighter parteciperà anche in Grecia ad una gara per il rinnovo parziale della flotta (si parla di 40-50 aerei) di velivoli militari ad alte prestazioni.

:rotfl::rotfl::okok:

Link to post
Share on other sites

L'Eurofighter dispone di una finestra eccezionale, visto che l'F-22 non sarà facilmente disponibile sul mercato mentre l'F-35 ci metterà ancora parecchio prima di essere disponibile.

 

L'unica alternativa occidentale è il Rafale, che però ha dei limiti (non tutti amano i caccia Dassault, e non tutti sono convinti sulle armi aria-aria francesi).

 

L'importante è non perdere altro tempo a integrare almeno i principali armamenti aria-aria e aria-terra.

Link to post
Share on other sites

Però 15 miliardi di Euro per 100 aerei sono 150 milioni ad aereo :blink:, mi sembrano tanti, è perchè è compreso l'addestramento di piloti, specialisti, ricambi ecc.. ?, i guadagni verranno ripartiti tra i quattro partner in base alla loro quota di partecipazione ?

Link to post
Share on other sites

Sì, i guadagni sono sostanzialmente ripartiti così, con una percentuale maggiorata per la BAe che ha firmato il contratto.

 

Sulle cifre non ci sono ancora molti dettagli, l'accordo è ancora riservato.

 

In ogni caso, il prezzo di 150 milioni di euro a pezzo è abbastanza normale, si tratta di un aereo di ultima generazione e chi lo compra si fa carico anche di una parte delle spese di sviluppo.

Link to post
Share on other sites
si, come addestratori :rotfl:

 

scherzi a parte, gli stati uniti non hanoo bisogno del nostro aereo, in quanto penso che vogliano affidare la loro difesa aerea all' f-18Super Horenet, all' F-35 e all' F-22

Ha ha ha ha! Però io un Typhoon con il simbolo del USAF ce lo vedo!

 

 

 

CIAO!!! :)

Link to post
Share on other sites

Nemmeno Israele, puoi scommetterci.

 

L'acquisto dell'Arabia apre le porte a mercati interessanti (Egitto, Giordania, Emirati Arabi, Kuwait).

 

Altre prospettive interessanti sono i paesi dell'America Latina, i paesi dell'ex Europa Orientale, forse qualche paese africano, ed il sud-est asiatico in generale.

 

Ma è primariamente in Europa che l'Eurofighter deve giocare bene tutte le sue carte.

Link to post
Share on other sites
il brasile? se non sbaglio eravamo già in rapporti per qualcos'altro

AMX se non sbaglio.....

 

 

se arrivasse un ordinedalla cina  per quanto improbabile, dite che si deve accettare?per me no

 

 

quoto...

Link to post
Share on other sites
Non penso sia possibile, perchè tutto l'apparato bellico cinese non sarebbe compatibile con un caccia occidentale... almano credo.. :ph34r:

lo so, ma io mi ero fatto questa domanda per vedere cosa ne pensavate di eventuali scopiazzamenti e di fornire materiale ad un potenziale nemico

Link to post
Share on other sites

non credo che cambierebbe molto, se non gli forniamo noi un buon aereo, se lo producono loro con la russia, quindi tatnto vale ricavare un po' di soldini e fornirgli il nostro aereo che ben conosciamo e di cui possiamo sfruttare i punti deboli in una eventuale battaglia, anche se la cina non ce lo chiederà mai il nostro efa.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...